il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 264 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_2747
    Truoi dai sclops (Sentiero delle Genziane)
    Prealpi Carniche
  • IMG_2861
    Truoi dai sclops (Sentiero delle Genziane)
    Prealpi Carniche
  • IMG_7679_SCHEDA1
    Truoi dai sclops (Sentiero delle Genziane)
    Prealpi Carniche
  • IMG_2786
    Truoi dai sclops (Sentiero delle Genziane)
    Prealpi Carniche
  • IMG_2981
    Truoi dai sclops (Sentiero delle Genziane)
    Prealpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaF19

Truoi dai sclops (Sentiero delle Genziane)

Avvicinamento

Da Tolmezzo si risale la valle del Tagliamento lungo la statale 52 fino a giungere a Forni di Sopra dove si attraversa tutto il paese proseguendo poi in direzione del passo della Mauria. Dopo circa due km dalle ultime case, all’altezza della frazione di Chiandarens, prendere la deviazione a sinistra (indicazioni per il rifugio Giaf) parcheggiando lungo la strada immediatamente dopo il ponte sul Tagliamento (m 951).

Descrizione

Si risale lungo il tratto asfaltato fino al parcheggio presso il ponte sul torrente Giaf poi, al primo tornante, si abbandona la pista per imboccare la deviazione diretta per il rifugio Giaf (cartello, segnavia CAI n.346). Il sentiero inizia a salire in un bosco misto di faggio e abete rosso ancora alto sulla forra del torrente. In seguito si oltrepassa il greto principale con l'ausilio di alcune passerelle in legno raggiungendo temporaneamente la sinistra orografica. Ripidi tornantini consentono di guadagnare quota in un ambiente che va arricchendosi di di larici e pino mugo. Dopo essere rientrati nuovamente nel bosco, il sentiero si fa più comodo raggiungendo ben presto una malga e, poco oltre, una chiesetta ed il rifugio Giaf (m 1400).
Dal Rifugio si prende il segnavia CAI n.361 per forcella Urtisiel e casera Val Binon (cartelli) salendo per una costa boscata dove una rada vegetazione di faggio, abete rosso e salice sfuma lentamente nella boscaglia di mugo, larice e sorbo degli uccellatori. Vista la discreta pendenza, il sentiero risulta in più punti adeguatamente rinforzato con gradini in legno. Al successivo bivio ci si mantiene ancora sul segnavia n.361, lasciando a destra la deviazione per l’ Anello di Bianchi e la forcella del Cason. Con pendenza minore si traversa ora in diagonale il grande pendio ghiaioso che scende dalla forcella dei Pecoli, completamente colonizzato dai baranci. La ricca flora che abita i macereti e le praterie discontinue è qui formata prevalentemente da rododendro irsuto, garofano di Montpellier, valeriana delle rupi e tofieldia. Appressandosi alla base delle pareti il sentiero prende a salire a svolte puntando ad una insellatura tra il corpo della montagna ed uno sperone roccioso. E’ in questo ambiente che possiamo osservare nelle fessure delle rocce la fioritura della arenaria di Huter, uno dei più interessanti endemismi delle Prealpi Carniche. Da qui il sentiero sale in diagonale andando infine ad innestarsi nel canale che scende direttamente da forcella Urtisiel. Lo si risale a svolte su terreno abbastanza consolidato guadagnando la forcella Urtisiel dove il panorama si apre sulla alta val Menon e sul bellissimo catino che scende nel versante opposto (m 1990).
Dalla forcella si cala nella conca sottostante fin dove essa scende bruscamente verso il fondovalle. Il sentiero allora piega a sinistra iniziando un bel traverso intagliato tra i mughi, andando ad intersecare alcuni piccoli impluvi stillicidiosi. In questo tratto non sarà difficile individuare le fioriture della genziana alata e della genziana di Clusius, fiori ai quali si ispira il nome friulano del percorso (sclops = genziane). Con una leggera discesa si attraversa una zona di pascolo innestandosi sul segnavia CAI n.369 (cartello) mentre a destra, in un minuto, si può raggiungere casera Val Binon, da poco gestita nel periodo estivo (m 1776, acqua, buona visuale sul tratto di sentiero appena percorso). Il Truoi dai Sclops prosegue lungo una specie di solco naturale risalendo poi il ghiaione che discende dal Crodon di Brica. Ci si affaccia così sull’orlo della grande prateria del Campuros, un singolare ripiano erboso solcato da un piccolo rio. Lasciata a sinistra la deviazione per il Cason di Campuros e la forcella del Lavinale si contorna questo straordinario ambiente punteggiato dalla fioritura di erioforo, statice montana e nigritella. La salita riprende lungo una amena valletta ricoperta di rododendri e camedri, poi il sentiero piega a destra rimontando nel rado lariceto che si sviluppa nella conca sottostante la forcella Val di Brica. Con alcune svolte si perviene al detritico intaglio (m 2088, ampio panorama), sorvegliato da un caratteristico monolite. Si scende nell’opposto versante in diagonale tagliando in alto la grande conca detritica che costituisce la testata della val di Brica. In breve si arriva al bivio con il segnavia CAI n.379 che scende a destra verso la confluenza con la val Meluzzo. Noi invece proseguiamo ancora diritti iniziando ad affrontare l’ultima significativa salita di questa lunga escursione. Ci si innalza nel pendio erboso che si sviluppa ai piedi del Mus di Brica, poi il sentiero prosegue su una costola detritica. Dove questa si esaurisce ci si tiene a sinistra e, con una serie di piccole svolte su terreno friabile, si tocca il punto più alto dell’escursione: la forcella dell'Inferno (m 2175). Sull’altro versante la vista può spaziare ora sull’alta val di Guerra e sulle vette che la racchiudono, con il monte Pramaggiore in secondo piano.
Dalla forcella si cala in diagonale su ghiaie raggiungendo in breve anche forcella Fantulina alta (m 2110, buona visuale verso le Cime Fantolina) dove si prospetta la possibilità di scendere direttamente a sinistra in Val di Suola, abbreviando leggermente l’escursione. Per compiere il percorso completo dovete invece proseguire lungo una piccola dorsale detritica e scendere poi sul versante destro intersecando una zona friabile dove occorre prestare qualche attenzione. Il sentiero perde quota per assecondare una fascia rocciosa, poi con una modesta contropendenza raggiunge anche il passo del Mus (m 2063), sovrastato dall'imponente parete del torrione Comici. Il canale che scende dal passo verso la val di Suola è inizialmente agevole ma poi la gola si rinserra tra alte pareti rocciose dove le ghiaie hanno il sopravvento. L’ aquilegia minore, la campanula dei ghiaioni ed il papavero giallo costituiscono l’ornamento floreale di questo ambiente, apparentemente così ostile verso la vita vegetale. Passata la strettoia il sentiero si orienta verso sinistra perdendo quota ancora lungamente su terreno ripido e faticoso. Finalmente la traccia entra in una fascia di mughi raccordandosi al sentiero che scende direttamente da forcella Fantulina Alta. Poco dopo si perviene al Flaiban-Pacherini (m 1587), completamente ricostruito nel corso dell’estate del 2007.
Non ci resta che scendere lungo le fasce ghiaiose che caratterizzano la val di Suola percorrendo lungamente una serie di gradoni colonizzati dai mughi. Più in basso il sentiero rientra nell’orizzonte del bosco rasentando il greto del torrente Dria che rimane sulla destra. Ad un bivio con panca e tavolo, a destra si può scendere direttamente ad Andrazza mentre il nostro itinerario si innesta sulla pista forestale che ci condurrà a Forni di Sopra presso il centro sportivo. Giunti nei pressi del ponte sul Tagliamento ci si tiene a sinistra imboccando la pista forestale che corre parallela al fiume lungo questo lato della valle (sbiaditi segnavia dell’Anello di Forni). Con qualche saliscendi si percorrono le pendici boscate della Cimacuta passando presso alcuni stavoli poi la pista si accosta nuovamente alle sponde del Tagliamento ed infine confluisce sul greto del torrente Giaf che va guadato per ritrovare l’auto proprio sulla riva opposta.

Avvertenze

Questa bellissima escursione rappresenta un compendio pressoché completo degli ambienti naturali che caratterizzano il Parco delle Dolomiti Friulane. Data la notevole lunghezza l’itinerario andrebbe idealmente diviso in due giornate pernottando al il rifugio Giaf o al Flaiban-Pacherini. Lo stesso grado di difficoltà riportato (EE) è dovuto in larga parte all’impegno fisico richiesto più che alle reali difficoltà tecniche, limitate a qualche breve tratto esposto.

Variante alla Cima Urtisiel Est

Raggiunta la forcella Urtisiel dal rifugio Giaf si discende nell’opposto versante per una cinquantina di metri cercando sulla sinistra il punto ove si stacca una traccia poco marcata (ometto). Seguendo la traccia si traversa pressoché in quota tra zolle erbose, ghiaie e mughi per una decina di minuti fino a raggiungere l’imbocco del ripido canale erboso che conduce in vetta. Lo si risale interamente sulla sinistra portandosi ad un intaglio panoramico posto tra la vetta ed uno sperone. Da qui, seguendo la marcata traccia aperta tra i mughi, si raggiunge la cresta e quindi la piccola vetta della Cima Urtisiel Est (m 2119) sulla quale è stata posta una grande croce metallica. Magnifica visuale a 360 gradi sulle dolomiti friulane a cavallo tra la valle del Tagliamento e la val Cimoliana.

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri dei Fiori
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Luglio
Carta Tabacco
02
Dislivello
1700
Lunghezza Km
19,8
Altitudine min
878
Altitudine max
2175
Tempi
Dati aggiornati al
2007
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 29/06/2015 Percorso ieri 28/06/15, aggiungendo la cima Urtisiel Est, raggiungibile da poco sotto forcella Urtisiel per tracce con bolli rossi e ometti. Itinerario stupendo e perfettamente percorribile, genziane in fiore, abbiamo incontrato alcuni stambecchi. Faticosa la discesa dal passo del Mus mentre è un pò monotona la chiusura dell'anello dalla località Davost a Chiandarens.
  • 22/07/2014 Percorso il 19-20 luglio con pernottamento al rifugio Giaf. Giro spettacolare, selvaggio. Richiede un buon allenamento per la sua lunghezza ed il dislivello, sentieri ben segnalati, bella ma da fare con attenzione la discesa dal pass del mus al rifugio Fl
  • 02/08/2011 Splendida traversata odierna, giornata ideale non troppo calda. Spettacolari le tutte le forcelle salite, ma in particolare la val di Brica e dell'Inferno; lungo il sentiero belle fioriture in particolare molti garofani di Montpellier, genziane alate e qualche genzianella delle Dolomiti. La piana di Campuros incredibilmente verde, rilassante; incrociati alcuni esemplari di tranquilli stambecchi. Effettivamente un po' faticosa la discesa dal passo del Mus, ma non difficile e i tempi di percorrenza ci stanno. Una gran bella escursione.Loredana
  • 11/07/2011 Fatto ieri, 10/07/11. Invece di passare per il passo del Muss sono sceso direttamente al Paccherini da forcella Fantulina Alta. Giro grandioso! Richiede un buon allenamento data la lunghezza ed il dislivello. Da evitare con il troppo caldo (come ieri...) dato che il percorso è tutto al sole! Selvaggia la salita a forcella dell'Inferno. Nella parte compresa tra la forcella di Brica ed il Paccherini ho incontrato solo 2 persone!
  • 29/06/2005 Bellissima traversata. L'ho fatta domenica 26/06/2005. Ma invece di salire al passo del Muss e poi al paccherini, dopo la forcella dell'inferno siamo scesi al Paccherini. dopo di che siamo tornati a Fornu di sopra. Posti stupendi e selvaggi. Da rifare con calma per le foto dormendo in uno dei rifugi. A proposito di rifugi: Il paccherini era aperto, ma non c'era niente da bere nè da mangiare. Ho parlato con il ragazzo presente e mi ha detto che deve essere ristrutturato. Spero che ciò avvenga prima possibile. Mi piaccerebbe dormire in quel rifugio!ciao Cristina
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • La bellissima conca prativa del Campuros da forcella Val di  ...
    11/07/2016 La bellissima conca prativa del Campuros da forcella Val di ...
  • Casera Valmenon. invernale. . michele.milani2009@libero.it
    05/01/2011 Casera Valmenon. invernale. . michele.milani2009@libero.it
  • Val di Suola. . . carlogiuseppin@yahoo.it
    24/11/2010 Val di Suola. . . carlogiuseppin@yahoo.it
  • Rifugio Flaiban- Pacherini. . . carlogiuseppin@yahoo.it
    21/10/2010 Rifugio Flaiban- Pacherini. . . carlogiuseppin@yahoo.it
  • Vipera a forcella dell'inferno. vipera a forcella dell'infer ...
    07/03/2010 Vipera a forcella dell'inferno. vipera a forcella dell'infer ...
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Davost
  • Webcam Varmost
  • Webcam Rifugio Pordenone
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva