il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 174 ospiti - 3 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1022694
    Forchia Grande e Piccola da Faidona
    Prealpi Carniche
  • P1022699
    Forchia Grande e Piccola da Faidona
    Prealpi Carniche
  • P1022701
    Forchia Grande e Piccola da Faidona
    Prealpi Carniche
  • P1022707
    Forchia Grande e Piccola da Faidona
    Prealpi Carniche
  • P1022717
    Forchia Grande e Piccola da Faidona
    Prealpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNatura

Forchia Grande e Piccola da Faidona

Avvicinamento

Dalla strada statale n.464 che unisce Spilimbergo a Maniago, giunti all’altezza di Sequals, si imbocca la statale n.552 che risale verso nord in direzione della val Tramontina. Dopo avere attraversato Meduno si percorre il primo tratto della valle fino al ponte Racli in corrispondenza della diga sul lago di Redona dove si prende a sinistra in direzione di Chievolis. Raggiunto il borgo di Faidona si oltrepassa la scuola elementare lasciando l'auto alla successiva ansa (m 345, parcheggio limitato).

Descrizione

Dalla curva si imbocca a sinistra la pista cementata (Via Colle) che sale fiancheggiando un rio. Dopo pochi metri la si abbandona per attraversare il torrentello e quindi salire a sinistra trovando subito una freccia rossa che conferma la direzione corretta. Si inizia così a prendere quota velocemente sulle balze che sostengono una linea elettrica. Tra fioriture di borrana ed erica si esce temporaneamente dalla pineta per incontrare una conca erosa, segnata dal greto di un piccolo rio. Qui il sentiero si accosta alle pareti rocciose per poi uscire sulla destra riportandosi nella rada boscaglia. A svolte si rimonta in ambiente che richiama quote superiori con la vegetazione che di tanto in tanto lascia intravedere il lago di Redona da una prospettiva inusuale. La decisa salita si interrompe per poco in corrispondenza del costone che delimita la valletta del Rio Coppo. Qui, con il cambio di versante, muta anche la vegetazione che si trasforma in faggeta muschiosa con elleboro nero e pinguicola. In diagonale si arriva alla quota 538 che corrisponde alla spalla boscata che ospita un rudere. Da qui inizia il traverso che in leggera salita ci porterà ad accostarci al greto principale intersecando una quantità di piccoli impluvi. Nelle anse meno vegetate c'è anche l'occasione di osservare dall'alto l'impianto idroelettrico di Chievolis e la strada che risale la val Silisia. Il sentiero passa successivamente alla base di una parete stillicidiosa che ospita a inizio stagione le bellissime fioriture della orecchia d'orso. Nel bosco invece potremo osservare il profumato fior di stecco e la meno evidente mercorella canina. Con un tratto a maggiore pendenza si arriva così ad intersecare il greto del rio Coppo oltre il quale ha inizio la parte più faticosa dell'escursione. Anche il tracciato risulta meno evidente, ma vengono in aiuto bolli rossi e qualche ometto. Si sale ripidi nella faggeta facendo attenzione a raggiungere il bivio presso un affioramento roccioso. Vecchi segni indicano a destra Forchia Piccola e a sinistra Forchia Grande. Per ora ci teniamo verso Forchia Grande riservando l'altra direzione per la discesa. Da qui fino alla forcella non ci sono sconti, si tratta di salire direttamente la faggeta aiutandosi con i segni e con qualche ometto. Più in alto, la forcella e il tetto del ricovero indicano la direzione da tenere e con un'ultima fatica si rimonta sulla verde insellatura di Forchia Grande dove si trova anche un ricovero privato (m 932, bella visuale sul Rodolino). La prosecuzione sulla destra è del tutto evidente con la traccia che si tiene sul filo della dorsale. E' questo uno dei luoghi tipici per l'osservazione della preziosa dafne blagayana che qui fiorisce tra aprile e maggio. Raggiunto un pulpito panoramico, il sentiero cala a sinistra portandosi in breve alla vicina Forchia Piccola, immersa nella boscaglia (m 879). Dalla selletta, il nostro sentiero scende evidente sulla destra con alcune svolte. Oltrepassato un affioramento con balze aggettanti, probabile ricovero per la fauna, si rientra nella faggeta rocciosa riportandosi al bivio di cui si è già detto. Si utilizzerà poi il medesimo itinerario della salita.
Una volta ridiscesi a Faidona, non mancate la visita al borgo di Muinta che si trova su un terrazzo allungato sul lago di Redona ed è raggiungibile solo a piedi tramite una passerella.
Escursione
Mese consigliato
Aprile
Carta Tabacco
028
Dislivello
600
Lunghezza Km
6,3
Altitudine min
345
Altitudine max
932
Tempi
Dati aggiornati al
2018
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Poffabro monte Raut
  • Webcam Tramonti di Sopra
  • Webcam Barcis
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva