il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 186 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1300384
    Monte Testa Grande dalla valle Musi
    Prealpi Giulie
  • P1300341
    Monte Testa Grande dalla valle Musi
    Prealpi Giulie
  • P1300415
    Monte Testa Grande dalla valle Musi
    Prealpi Giulie
  • P1300352
    Monte Testa Grande dalla valle Musi
    Prealpi Giulie
  • P1300358
    Monte Testa Grande dalla valle Musi
    Prealpi Giulie
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNatura

Monte Testa Grande dalla valle Musi

Avvicinamento

Da Tarcento si risale la Val Torre oltrepassando Vedronza e Pradielis. Superato anche il Ristorante alle Sorgenti, si prosegue fino alla curva che precede il Pian dei Ciclamini parcheggiando all'imbocco della pista forestale che si stacca sulla destra (m 741).

Descrizione

L'escursione ha inizio lungo la pista stessa che piega subito a destra per traversare i boscosi fianchi della valle. Dopo un lungo tratto quasi rettilineo, la pista disegna una doppia curva presso le case Cripizza, ormai ridotte a pochi ruderi invasi dalla vegetazione. Poco dopo la strada tocca il suo punto più elevato prima di iniziare la discesa verso Chisalizza. In questo stesso punto, sulla sinistra, si stacca il segnavia CAI n.710 che utilizzeremo per arrivare in cresta. Il sentiero inizia a salire nel bosco di fondovalle che ben presto assume le connotazioni di una faggeta quasi pura. Con alcune strette svolte si oltrepassa la costa che delimita la valletta del rio Cripizza entrando nel solco che ci accompagnerà da qui in poi. Raggiunto il fondo, i segnavia sui tronchi ci guidano a rimontare con pendenza decisa tra grandi macigni quasi immersi nella lettiera autunnale. Il sentiero non concede pause e per rifiatare dobbiamo raggiungere l'orlo di un piccolo ripiano dove appaiono anche i primi mughi. Il sentiero piega leggermente a destra attraversando una zona di balze rocciose più umide per poi riprendere il cammino nella faggeta. Si guadagna così un secondo ripiano, più largo e ampio, dove si ritrovano evidenti resti di recinzioni in pietra. Siamo in località Fontana Tasacuzion (m 1260) dove la preziosa acqua veniva mantenuta in piccole pozze circolari, ora asciutte e abbandonate, ma ancora riconoscibili sul terreno esplorando i dintorni. La salita riprende decisa sul fianco sinistro della valle dove il sentiero si tiene al limite tra il bosco di faggio e la mugheta che ora ricopre il fondo. Giunti ai piedi della cresta sommitale si sfiora la base di una pietraia che discende dal fianco e si entra in una ultima macchia di bosco. Superata qualche rampa un poco più decisa e un breve tratto aperto tra i mughi si arriva finalmente sulla cresta erbosa, poco a ovest del punto in cui il segnavia 710 inizia la sua ripidissima discesa verso Monteaperta. La nostra meta si trova a destra e vi si giunge per tracce, senza particolari difficoltà, percorrendo il filo di cresta che ci separa dalla vetta del monte Testa Grande (m 1556, piccolo ometto). La visuale è simile a quella che si gode dalle altre elevazioni del Gran Monte: uno straordinario balcone che spazia dalla pianura ai monti della Val Resia fino ad arrivare alle Dolomiti e alle Giulie Orientali.
Il monte Testa Grande è il punto più elevato di questo settore del Gran Monte, ma ci possiamo spingere ancora più a occidente, fin dove la dorsale scende bruscamente verso la Val Torre. Si cala quindi lungo la cresta opposta seguendo un corridoio aperto tra i mughi e poi con maggiore attenzione sul filo del crinale erboso, fino ad una piccola insellatura. La dorsale ritorna ampia e comoda e consente di arrivare comodamente anche al cupolotto erboso del monte Contesa (m 1518), occupato da un piccolo impianto per telecomunicazioni. Per non farsi mancare nulla, l'escursione può continuare ancora verso l'ultima e meno evidente cima del monte Mali Varh (m 1466). Il ritorno avverrà lungo il medesimo itinerario.
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Ottobre
Carta Tabacco
026
Dislivello
900
Lunghezza Km
10,3
Altitudine min
741
Altitudine max
1556
Tempi
Dati aggiornati al
2015
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 20/12/2015 Salita oggi, sentiero 710 con qualche breve tratto neve/ghiaccio nella parte finale, bel panorama se pur verso la pianura permaneva una leggera foschia. Grande la Tentazione di compiere un anello scendendo verso l'osservatorio di animali ben visibile dal Mali Varh e poi per tracce scendere fino a casere Chisalizza chiudendo l'anello lungo la pista fino al parcheggio. Lì all'osservatorio incontrato un cacciatore che stava scendendo e mi sono accodata arrivando proprio fino a Chisalizza. A tratti qualche traccia e basta ma la guida era affidabile.
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • il bosco in salita
    20/12/2015 il bosco in salita
  • Un occhio verso il Cuarnan
    20/12/2015 Un occhio verso il Cuarnan
  • l'ometto in cima
    20/12/2015 l'ometto in cima
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Casera Canin
  • Webcam Prato di Resia
  • Webcam Piani Montasio 1
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva