il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 160 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_4596_VARIANTE
    Anello del monte Arvenis da Ovaro
    Alpi Carniche
  • IMG_4076
    Anello del monte Arvenis da Ovaro
    Alpi Carniche
  • IMG_4551
    Anello del monte Arvenis da Ovaro
    Alpi Carniche
  • IMG_4606
    Anello del monte Arvenis da Ovaro
    Alpi Carniche
  • IMG_4028
    Anello del monte Arvenis da Ovaro
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaR15

Anello del monte Arvenis da Ovaro

Avvicinamento

Da Ovaro, raggiungibile attraverso la strada statale n. 355, si seguono a destra le indicazioni per Lenzone - Monte Arvenis. Dopo le ultime case vi è la possibilità di proseguire sulla rotabile, ora asfaltata, che con una infinita serie di tornanti sale verso la malga Arvenutis (m 1516, possibilità di parcheggio presso la malga o 300 m prima dove l'asfalto termina).

Descrizione

Oltrepassata la malga Arvenutis (servizio di agriturismo nei mesi estivi) si prosegue lungo la pista sterrata che taglia in quota le pendici dei monti Tribil e Claupa, in un ambiente dominato da bassi arbusti e larici. In breve si giunge al bivio principale dove si lascia a destra la pista che sale alla malga di Claupa per proseguire invece verso la malga Arvenis Alta. Senza raggiungerla si seguono a destra le indicazioni del segnavia CAI n.157, all'inizio poco evidenti. Risalito il solco di una valletta ci si innesta sul percorso di una larga mulattiera militare che giunge direttamente da malga Arvenis. Si inizia così a salire in diagonale con moderata pendenza su un tracciato ancora largo e ben conservato. Giunti in prossimità di un ghiaione, la mulattiera entra nella fascia dei mughi disegnando due ampi tornanti in parte rovinati. Successivamente il sentiero riprende la sua traversata in direzione della evidente selletta compresa tra il monte Tamai ed il monte Arvenis. Si oltrepassa una prima estesa lingua di ghiaia che scende da una gola dirupata e, subito dopo, una seconda che ci porta ad assecondare in basso un caratteristico sperone roccioso. Il sentiero rimonta poi tra mughi e fazzoletti erbosi punteggiati di eriche e crochi ed infine tra gli ontani giunge alla piccola forcella Tamai (m 1847, panca). Qui si abbandona il segnavia CAI n.157 che scende nell'opposto versante e ci si innesta a destra sul CAI n.170 che proviene dalla vicina vetta del monte Tamai (vedi variante). Si riprende a salire in direzione della cresta sommitale del monte Arvenis, le cui elevazioni rocciose costituiscono una eccezione tra le vette circostanti, formate prevalentemente da cocuzzoli erbosi. Tenendosi inizialmente sul lato destro (ovest), il sentiero sale con andamento costante, tra mughi e sfasciumi, aggirando una prima elevazione. Toccato nuovamente il filo della cresta, si percorre un panoramico tratto quasi pianeggiante poi ci si sposta sul lato orientale. Dopo un'ultima breve rampa si continua pressoché in quota oltrepassando una serie di coste detritiche che formano in basso alcuni pinnacoli. Raggiunto il versante meridionale, si tralascia per il momento la prosecuzione verso il basso per imboccare a destra il sentierino che conduce in vetta (caverna di guerra). Con una piccola serie di svolte, sul ciglio del precipite versante ovest, si giunge così alla piccola e frequentata vetta del monte Arvenis (m 1968, croce, libro, panorama estesissimo). Dopo essere ritornati al bivio poco sotto la cima, si prosegue a scendere a svolte regolari (segnavia CAI n.166), intersecando più volte un ripido pendio detritico (attenzione alla possibile caduta di sassi). Esauriti i tornanti la mulattiera si orienta verso destra (ovest) ed inizia a perdere quota in diagonale, attraversando con andamento molto piacevole una prateria alpina punteggiata da conifere isolate. La discesa prosegue a mezza costa sulle pendici del monte Claupa che si contornano fino ad affacciarsi sulla ampia insellatura che ospita la malga di Claupa. Raggiunta la pista di servizio alla malga (m 1652, panca), la si imbocca a destra raccordandosi in breve con la sterrata di malga Arvenis Alta, già percorsa all'andata, con la quale rientreremo al punto di partenza.

Variante in salita da Sutrio (E)

Il punto di partenza del sentiero si trova sulla sinistra della strada che da Sutrio sale allo Zoncolan, circa un km dopo la baita Cocul (m 1477, cartello in legno con indicazioni sbiadite, segnavia CAI n.158, piccolo spiazzo erboso per parcheggiare). Iniziare sulla sinistra, attraversando la pista di discesa, fino ad incontrare ben presto una buona traccia segnalata che, dapprima in un rado bosco e poi con alcuni tornantini su ghiaia, guadagna un panoramico dosso erboso ricoperto da botton d'oro. Proseguire, ora in piano, aggirando il dosso e raggiungendo la vicina malga Tamai (m 1594). Da qui il percorso continua sulla carrareccia che traversa in leggera salita tutto il versante orientale del monte Tamai. Dopo aver aggirato uno spigolo a quota 1700 circa, si abbandona la carrareccia per seguire sulla destra le indicazioni verso il monte Arvenis. Ben presto ci si innesta sul sentiero CAI n. 157 che, con un paio di tornanti, raggiunge forcella Tamai (m 1847, fioritura di anemone alpino). Proseguire ora sulla sinistra in direzione sud, seguendo il sentiero CAI n. 170. L'ambiente muta radicalmente e dai pascoli sottostanti si passa alla fitta formazione a pino mugo che colonizza gli sfasciumi a ridosso del monte. Il sentiero, dapprima sul versante occidentale e poi su quello orientale, guadagna quota fino a portarsi, con un panoramico traverso, sotto la cima. Ancora una serie di stretti tornantini e si perviene alla piccola cima del monte Arvenis (m 1968, croce di vetta e ampio panorama).
Seguire a ritroso il percorso fino alla sella di quota 1847 e continuare in direzione nord lungo il sentiero CAI n. 170. In breve la traccia ci porta a raggiungere la cresta erbosa che scende verso il monte Zoncolan (fioritura di primula minima). Con una ulteriore deviazione sulla destra abbiamo l'opportunità di visitare anche la cima del monte Tamai (m 1970, buon panorama sul vicino Arvenis e cippo con indicazione a 360° delle cime circostanti). Dopo essere ritornati sui propri passi, proseguire lungo la cresta perdendo rapidamente quota in direzione degli impianti di risalita. Dopo un tratto piuttosto ripido in corrispondenza di una fitta ontaneta, il sentiero passa accanto al filo di cresta, aprendo la visuale sulle ampie aree franose che contraddistinguono il versante occidentale. In primavera non sarà difficile osservare in questi ambienti alcuni esemplari di vanessa dell'ortica. Subito dopo, senza percorso obbligato, abbandonare il sentiero e traversare verso destra, mirando alla stazione a monte di uno skilift (estese praterie di crochi allo sciogliersi delle nevi). Da qui, seguendo il tracciato della pista da sci, è possibile scendere a malga Tamai e rientrare al punto di partenza.

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri della Rupe
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Maggio
Carta Tabacco
09
Dislivello
400
Lunghezza Km
9,8
Altitudine min
1516
Altitudine max
1968
Tempi
Dati aggiornati al
2014
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 16/10/2016 Fatto questa mattina. Giro semplice e splendido. Panorama a 360 gradi a dir poco meraviglioso. Sentito anche il bramito di alcuni cervi. Unico problema dato dall'aver risalito la rotabile con l'auto che slittava sulle foglie e sul limo causato dalle piogge di questi giorni. Non essendo la rotabile proprio in ottime condizioni c'� da far attenzione.
  • 24/12/2015 Non molto da aggiungere,al commento precedente di Loredana....solo il ritorno dopo un paio di anni,nella zona del Zoncolan in una vigilia "speciale"pure per il meteo,unica variante la salita al Mt.Tamai suo dirimpettaio ....Bellissimo. Tanti Auguri di un Buon e Felice Natale a Tutti !!!!!!! Mandi
  • 09/12/2015 Salita oggi, le attuali condizioni ambientali consentono di arrivare in auto intorno a quota 1510, circa un chilometro prima di malga Arvenutis. Da lì e fino all'attacco del sentiero 157 qualche centimetro di neve dura e solo a tratti ghiacciata. La salita non presenta difficoltà, i ramponcini riposano in fondo allo zaino; dalla forcella il sole scalda e in vetta fa quasi caldo, panorama superlativo fino al mare. La discesa lungo il versante S-E è una passeggiata su comodo sentiero fino a malga Claupa, da lì e fino al parcheggio attenzione a quei pochi centimetri di neve dura o ghiacciata che in discesa può essere insidiosa. Nessun incontro a parte in vetta un paio di gracchi che controllavano la mia merenda.
  • 15/11/2015 effettuato l'anello in data 1/11/2015 con tempo splendido e vista libera fino al mare; la strada è stata risistemata di recente e non presenta problemi a essere percorsa anche con una macchina normale.
  • 06/07/2015 Saliti da Sutrio al Zoncolan giornata bellissima e decisamente calda. Segnalo che il sentiero che sale a forcella Tamai e invaso dalla vegetazione e sconsiglio di farlo in pantaloni corti vista l'abbondanza di ortiche. Siamo arrivati in cima prendendo il sentiero di dx al primo bivio e gli ultimi metri sono un po difficili a causa dell'erba che rende scivoloso il terreno. Più facile scendere e quindi salire dal versante opposto, a mio giudizio. Comunque una bellissima gita con panorama a 360°.
  • 19/05/2015 Anello percorso in data 17/05/2015Segnali da malga arvenis pressochè inesistenti e sentiero quasi scomparso. più in alto la traccia è più chiara.Da forcella tamai nessun problema. Tutta la segnaletica della discesa è stata ripassata da poco, quindi nessun problema.Da segnalare che la strada che da Lenzone porta a malga arvenutis è un'avventura di per se. Sconsigliato per chi ha un'auto bassa.
  • 14/12/2014 percorso fatto ieri,con partenza da m.ga Arvenutis quota 1516 con condizioni di tempo buono suolo innevato,ma non presentava insidie.segnaletica del sentiero dalla m.ga Arvenis inesistente(persi fra i mughi)ritrovato sentiero più in quota salendo in verticale,scesi dalla cima verso m.ga Claupa, anche qui negli incroci niente segnaletica,chiuso anello sull sedntiero del andata.ottimo intinerario non impegnativo
  • 04/09/2014 Escursione effettuata il 30 agosto 2014 salendo da Sutrio verso lo Zoncolan, parcheggiando dopo la baita Cocul in corrispondenza del cartello per malga Tamai. Superata la malga, si prosegue a sinistra e, seguendo le indicazioni per malga Melet, si continua su strada fino al segnavia CAI sul sentiero che sale a destra. Alcuni brevi tratti iniziali risultano malagevoli ma poi il percorso prosegue in ottimo stato; arrivati al bivio, siamo saliti prima sulla vetta dell'Arvenis per poi raggiungere la cima del Tamai. Da qui siamo andati alla ricerca del sentiero che scende allo Zoncolan: inizialmente la traccia sulla cresta non è visibile, poi continua immersa nella vegetazione molto alta e richiede attenzione. Seguendo poi una delle piste siamo tornati al punto di partenza.
  • 06/07/2014 Percorso effettuato oggi 6 luglio 2014.Primo avviso: la strada che sale da Lenzone perla malga Arvenutis è molto mal ridotta, alcuni tratti sono proprio distrutti con voragini che per auto normali possono essere pericolose.Secondo avviso: le malghe (Arvenutis, Arvenis alta e anche Claupa) risultano chiuse, e se lo sono adesso a luglio credo che lo saranno per tutta la stagione (e le condizioni della strada suddette testimoniano l'abbandono dei luoghi).Per quanto riguarda il percorso devo solo sottolineare che l'attacco del sentiero 157 e' veramente poco evidente soprattutto ora che all'altezza del tornante prima della malga Arvenis alta insiste ancora un piccolo nevaio.Ultimo avviso: l'ultima rampa per la vetta dell'Arvenis è quella proprio dove c'è la caverna di guerra citata, lo dico perché proprio poco prima vi è un'altra deviazione sulla destra che sale anch'essa in vetta ma un po più difficoltosa nella parte finale.
  • 13/10/2013 escursione effettuata oggi con variante della variante. Salita la cima del Tamai come da descrizione passando per malga Tamai e per la sella, con presenza di neve. La salita al Monte Arvenis non ci sembrava sicura per la presenza proprio della neve e così siamo scesi a Malga Agareit, risaliti per tracce di sentiero fino a confluire sul sentiero 166 proveniente da Malga Claupa e da lì in cima. Bramiti di cervo provenienti dal bosco di malga Arvenis. Bellissimi colori autunnali. Qualcuno ha pensato di aumentare la sua collezione di timbri portando via quello del libro di vetta dell'Arvenis.
  • 18/07/2011 La discesa dal molte Tamai, verso gli impianti non ha indicazioni CAI. Per un tratto è sulla cresta e poi butta nella vegetazione molto alta.  Il tracciato più che sentiero è alveo di rigagnolo cascatella, MOLTO RIPIDO, per essere segnato classificato turistico. Si emerge dalla vegetazione sulla strada verso le piste.
  • 30/09/2009 strada tutta asfaltata per cui parcheggiare dopo baita Cocul teenendo come riferimento la pista di discesa a sx e il laghetto a dx.Attacco del sent.158 nascosto, bisogna scrutare i segnavia nel bosco, sentiero in più punti malagevole per franamenti ma percorribile e segnato di recente, forse converrebbe partire dallo Zoncolan sent.170 e per il ritorno usare la carrareccia che tocca m.ga Tamai .
  • 14/06/2007 Sentieri ben segnati ma non altrettanto l'attacco presso la pista da sci. Il panorama merita
  • 19/06/2006 19.06.2006sentieri in perfette condizioni e segnaviarpassati di recente.
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • Monte Arvenis dalla cima del Mt. Tamai
    24/12/2015 Monte Arvenis dalla cima del Mt. Tamai
  • salendo dal sentiero 157
    09/12/2015 salendo dal sentiero 157
  • Arvenis visto dal monte Tamai
    22/12/2014 Arvenis visto dal monte Tamai
  • Casera Tamai. . . renatogracco@libero.it
    24/02/2009 Casera Tamai. . . renatogracco@libero.it
  • Vetta del Monte Arvenis. . . g.verbi@alice.it
    03/02/2008 Vetta del Monte Arvenis. . . g.verbi@alice.it
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Zoncolan
  • Webcam Ravascletto
  • Webcam Tenchia
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva