il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 29 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1050185-HDR(5)
    Anello delle Grotte di Tercimonte da Savogna
    Prealpi Giulie
  • P1050149
    Anello delle Grotte di Tercimonte da Savogna
    Prealpi Giulie
  • P1050195
    Anello delle Grotte di Tercimonte da Savogna
    Prealpi Giulie
  • P1050155
    Anello delle Grotte di Tercimonte da Savogna
    Prealpi Giulie
  • P1050180-HDR(5)
    Anello delle Grotte di Tercimonte da Savogna
    Prealpi Giulie
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNatura

Anello delle Grotte di Tercimonte da Savogna

Avvicinamento

Da Cividale si esce lungo la SS 54 in direzione di San Pietro al Natisone. Giunti a Ponte San Quirino si prosegue per Savogna poi, arrivati al paese, si oltrepassa il ponte sull'Alberone tenendosi a destra verso Cepletischis (m 216, parcheggio presso le ultime case).

Descrizione

Il primo tratto dell'escursione è sull'asfalto: iniziamo, infatti, a piedi lungo la strada che abitualmente si percorre per salire al rifugio Pelizzo, costeggiando il torrente Rieca che si fa sentire alla nostra destra. Dopo aver percorso circa 1,3 km, fare attenzione sulla sinistra a un cartello con la scritta Grotte presso un grosso masso contrassegnato da un bollo giallo: è l’inizio del nostro sentiero. La traccia rimonta ripida sul bordo di un impluvio nella rada boscaglia dove a fine febbraio fioriscono i bucaneve e le primule. Quasi subito si oltrepassa il solco, deviando a destra per seguire la debole traccia segnalata da qualche bollo rosso. In breve si arriva alla prima cavità della Mala Jama, dall'ingresso davvero angusto. A quanto già segnalato si aggiungono anche i crochi, la polmonaria, gli ellebori e la lingua cervina che spicca con il suo verde brillante tra la vegetazione ancora secca. Risaliti pochi metri, si arriva in prossimità della Velika Jama che si raggiunge con una serie di gradini. Una ampia volta segna l'accesso all'antro, percorribile comodamente per alcune decine di metri. La salita riprende su vecchi gradini in legno che ci portano con qualche svolta su terreno meno ripido e accidentato, mentre nel sottobosco fanno la loro comparsa anche la dafne laureola e la pervinca. Dopo un breve traverso, il sentiero scende ad assecondare un impluvio dove è necessario destreggiarsi un poco tra gli schianti. Subito dopo si è al bivio con il ramo che conduce alla grotta Ta Pod Figouzo che includeremo nel nostro giro scendendo a destra. Sfiorati i ruderi di un vecchio casolare in pietra, si prosegue in discesa su percorso gradinato dove faremo attenzione ai tondini sporgenti. Più in basso il sentiero interseca un piccolo rivolo, aggira un costone un poco invaso dai rovi e infine arriva all'ingresso della grotta Ta Pod Figouzo. In questa sono percorribili i primi metri dello stretto corridoio di ingresso, illuminato dalla luce che entra da un foro in alto. Tornati sui propri passi, appena oltrepassato il bivio, a destra troviamo l'apertura dell'ultima cavità: Ta Pod Celan, un imbuto con l'ingresso verticale, non direttamente visitabile. Il sentiero prosegue ai piedi della scarpata rocciosa, poi con una rampa gradinata esce su una radura con casolare. Qui ci si innesta sulla pista inerbita che sale a sinistra disegnando qualche tornante fino ad arrivare a un panoramico dosso con bella visuale su Tercimonte. La pista aggira sul fianco la piccola elevazione e si innesta sulla sterrata che arriva dal fondovalle (tenete presente questo punto al quale poi dovremo fare riferimento per il ritorno). Oltrepassata una ancona, facciamo il nostro ingresso nel borgo di Tercimonte (m 644) dove seguiamo l'asfalto tenendo la destra. Dopo essere usciti dal paese, percorriamo un tratto della tranquilla strada superando una costa con croce. In corrispondenza della successiva rientranza, un cartello (Chiesa) ci indica a sinistra la risalita di un prato inclinato con due stavoli. All’insellatura poco sopra, ci si innesta a sinistra sulla larga mulattiera gradinata che con gradevole pendenza conduce al ripiano della chiesa di San Giovanni (m 704) con l’annesso cimitero. Il luogo sgombro da vegetazione ci accoglie con una bellissima visuale sul Matajur e sui borghi di questo versante.
Dalla gradinata della chiesa scendiamo a raggiungere nuovamente la strada asfaltata che procede in costa con panoramica visuale sulla pianura fino al mare e sul Matajur alla nostra destra. In pochi minuti si raggiungono le case più alte di Tercimonte, il cui nome deriva dal latino tertium mons, riferito probabilmente alla posizione rispetto ad altre due vette della zona. Con una svolta si scende alle case più basse dove ritroviamo il percorso fatto in precedenza. Ripresa la sterrata ci si riporta al punto segnalato in precedenza imboccando, poco più avanti, la pista che si stacca a destra. La si segue solo per pochi metri fino ad individuare sulla sinistra (attenzione) l’inizio della antica mulattiera per Savogna. Oltrepassato un grande castagno, la mulattiera, comoda e ben conservata, scende lungamente in diagonale, raccordandosi con la strada asfaltata nei pressi del piccolo borgo di Stefenic. Senza seguire la rotabile, ci si tiene a sinistra passando davanti alla prima casa per ritrovare pochi metri dopo il sentiero che scende sulla destra. Con un poco di intuito sulla direzione da prendere, poiché ormai si passa tra terrazzamenti e vecchi coltivi, si sfiora nuovamente la strada asfaltata presso un tornante ed infine si confluisce sulla strada panoramica di Montemaggiore a pochi minuti dal punto di partenza.
Escursione
Mese consigliato
Febbraio
Carta Tabacco
041
Dislivello
600
Lunghezza Km
9,1
Altitudine min
216
Altitudine max
704
Tempi
Dati aggiornati al
2015
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 23/03/2016 Strano giro questo che porta a visitare/trovare quattro antri su tracce di sentiero e vecchi camminamenti, ci si sente avvolti dal mistero, ma un mistero che non da inquietudine anzi, passo dopo passo si va senza troppi pensieri. Ho incontrato un'unica difficoltà risalendo l'impluvio ad individuare la traccia giusta, mi son fatta trarre in inganno da un invitante sentierino che sale a sinistra e poi si perde fra i rovi, tornata indietro ho individuato oltre l'impluvio un ometto e un ti vedo: è fatta allora. Da lì fettucce colorate ad indicare la traccia ma non ho trovato alcuna difficoltà a seguirle e ad arrivare alle grotte. Fare attenzione al bivio al quale scendere a destra verso Ta Pod Figouzo, c'è un sasso messo a mo' di ometto su un tronco e i cartelli in legno in alto sull'albero si mimetizzano molto bene, occhio occhio ai tondini di ferro che le foglie nascondono, qualche discussione con i rovi ma, vista la stagione, se ne esce ancora vincitori.In ottimo stato anche l'antica mulattiera per Savogna, poco individuabile l'attacco, bisogna fermarsi a scrutare in basso. Oggi fiori fiori e ancora fiori, un mix di colori, nessun incontro a parte qualche picchio laborioso.
  • 09/08/2015 Sabato 8 agosto con mio marito ho tentato di effettuare questa escursione. Le segnalazioni non sono sempre facilmente rintracciabili e il sentiero è a tratti franoso e sconnesso. La presenza di macchie di rovi estese e impenetrabili ci ha costretto ad abbandonare all'altezza di Ta Pod Figovzo. Peccato, proveremo ripercorrerlo durante l'inverno.
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • l'indicazione dell'inizio del sentiero
    23/03/2016 l'indicazione dell'inizio del sentiero
  • dopo Velika Jama
    23/03/2016 dopo Velika Jama
  • il bivio
    23/03/2016 il bivio
  • sentiero che sale verso Ta Pod Celan
    23/03/2016 sentiero che sale verso Ta Pod Celan
  • Matajur innevato
    23/03/2016 Matajur innevato
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Prato di Resia
  • Webcam Prevala
  • Webcam Piani Montasio 1
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva