il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 122 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_7160
    Anello della Busa del Tiarfin da Forni di Sopra
    Alpi Carniche
  • IMG_7198
    Anello della Busa del Tiarfin da Forni di Sopra
    Alpi Carniche
  • IMG_7159
    Anello della Busa del Tiarfin da Forni di Sopra
    Alpi Carniche
  • IMG_7190
    Anello della Busa del Tiarfin da Forni di Sopra
    Alpi Carniche
  • IMG_7151
    Anello della Busa del Tiarfin da Forni di Sopra
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNatura

Anello della Busa del Tiarfin da Forni di Sopra

Avvicinamento

L'escursione ha inizio da Forni di Sopra, una delle più conosciute località turistiche della montagna friulana. Vi si giunge da Tolmezzo risalendo il corso del fiume Tagliamento lungo la statale n.52. Giunti a Forni di Sopra si oltrepassano le case di Andrazza e Cella e quindi il ponte sul torrente Tolina deviando poi a destra al successivo incrocio. La strada raggiunge in breve la piazzetta del Comune dove si può lasciare l'auto (m 901).

Descrizione

Individuata via Novri si risale lungo questa seguendo le segnalazioni del sentiero CAI n.208. Esaurite le ultime abitazioni ha inizio la pista forestale che risale lungamente sulla destra orografica il vallone del rio Tolina. In breve si attraversa un tributario lungo il cui greto si possono osservare alcune opere di contenimento. Si sale con pendenza costante all’interno di un bel bosco di faggio e abete rosso percorrendo una serie di tornanti che possono talora essere abbreviati da scorciatoie. Gradualmente ci si addentra nel vallone del rio Tolina rimanendo ancora molto alti sul fondovalle. Con un traverso leggermente esposto si può evitare un tornante ricongiungendosi poi con la pista principale. Alla successiva schiarita il panorama si apre finalmente verso la parte alta del vallone che il promontorio del Pic di Siela divide in due rami distinti. Poco dopo si giunge in località Puonsas (m 1300) dove si tralascia la pista e ci si tiene a destra per attraversare il rio Tartoiana e salire con una svolta agli stavoli Duvies (m 1326). Pochi metri sopra questi si è al bivio principale della nostra escursione. Lasciato a destra il CAI 223a dal quale torneremo, proseguiamo diritti intersecando un paio di volte la pista. Con una lunga diagonale, alti sopra il greto del rio Tartoiana, ci reinnestiamo definitivamente sulla sterrata nei pressi del bivio con il sentiero che, a destra, sale a casera Tragonia. Ancora una serie di ampie svolte nel bosco ed infine si esce alla base del pascolo di malga Tartoi (m 1711), ora gestita nel periodo estivo. La prosecuzione del CAI n.208 si trova sulla sinistra dell'edificio dove sale trasformandosi presto in larga mulattiera. Tralasciato il segnavia 243 per forcella Tartoi, il sentiero si riporta sopra il ciglio della parete rocciosa in bella visuale sulla sottostante conca di pascolo. Piegando ora in direzione nord si attraversa un bel ripiano erboso giungendo alla base di un pendio boscato. Con pendenza più decisa il sentiero rimonta tra larici e abeti rossi per poi orientarsi in direzione est verso quella che è la nostra vera meta: la Busa di Tiarfin. E' questa una conca alpestre compresa tra la cresta del Tudaio di Razzo e il monte Tiarfin, un particolare ed esteso giardino roccioso di grande bellezza e integrità. A settembre le genzianelle sfrangiate ravvivano il terreno assieme ai rossi accesi degli arbusti mentre le ultime stelle alpine si confondono inevitabilmente tra le rocce. Raggiunta una piccola costa erbosa, affacciata sui ghiaioni che scendono dal Tudaio, il sentiero asseconda alcune ondulazioni del terreno, ricoperte da mughi e bassi ginepri. Con qualche piccolo saliscendi ci si noltra nella valle attraversando lentamente il passaggio tra la prateria discontinua e le pietraie. La pendenza diminuisce e la salita continua piacevole, non distante dagli estesi ghiaioni che scendono dalla cresta del Tudaio. Ometti e qualche segnavia ci portano al punto in cui il sentiero piega verso sinistra portandosi alla forca Rossa (m 2205), il valico che mette in comunicazione la Busa del Tiarfin con la sella di Razzo. Qui si lascia il CAI 208 che scende ripido nel versante opposto per seguire invece a destra il CAI 224. Sempre su terreno roccioso percorriamo così il tratto di valle che ci separa dalla testata di questo grande circo detritico. In ultimo, inaspettatamente per verdi, si raggiunge il punto più alto dell'escursione presso la sella (m 2280) che si affaccia sul passo della Croce di Tragonia. Si cala ora nel versante opposto su terreno malagevole, tagliando un esteso ghiaione. Più in basso la pendenza si attenua mentre il sentiero si porta su terreno più verde e comodo. Seguendo i paletti segnavia si divalla per prati verso la conca che ospitava il laghetto di Tragonia ora in fase di avanzato interramento. Passando alti sopra lo stagno, in breve ci si innesta a destra sul CAI n.209, a poca distanza dalla forcella della Croce di Tragonia (m 1973). Raggiunto il ciglio della conca si inizia a scendere in diagonale attraversando pendii erbosi alternati a macchie di bosco. Più in basso il sentiero si allarga uscendo al limitare del grande pascolo di casera Tragonia (m 1760), anch'essa gestita nel periodo estivo. Si scende per un breve tratto lungo la pista, ma la si abbandona quasi subito per deviare a sinistra sul CAI 223. Tenendosi a poca distanza dalle acque del Tolina, il sentiero cala piacevolmente tra i giovani larici. A Cuol Fonton (m 1617), nell'abetaia, lasciamo a sinistra il 223 a favore del 223a per Puonsas. Ci aspetta ora una lunga serie di rientranze da assecondare in un continuo susseguirsi di bosco, radure e rivoli acquitrinosi che si esaurisce solo al bivio presso Duvies di cui si è già detto. La discesa verso Forni di Sopra è la stessa che abbiamo già percorso in salita.
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Settembre
Carta Tabacco
02
Dislivello
1300
Lunghezza Km
18,9
Altitudine min
901
Altitudine max
2280
Tempi
Dati aggiornati al
2014
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 23/07/2015 E' possibile realizzare un anello con meno dislivello ma altrettanto remunerativo partendo da Casera Razzo seguendo in parte la relazione presente sul sito per la salita a Cima Est del Tiarfin fino alla Forca Rossa e poi seguire il sentiero 224 in direzione est fino alla forcella alta della Busa di Tiarfin ( credo si chiami Forcella Palon) e scendere come da relazione sul versante di Tragonia fino alla forcella della Croce di Tragonia ( località Risumiela) e fare rientro a Casera Razzo seguendo il sentiero 209 fino alla pista forestale di Casera Mediana. Il dislivello totale è attorno ai 600( 800 circa compresa la salita alla cima Est) e la lunghezza si riduce a circa 10-11 Km. Per la salita alla forca Rossa nel tratto dalla sella sotto il Col Marende c'è da affrontare un ghiaione che precede un ripido canalino un pò fastidioso ma non difficile. La Busa di Tiarfin è un posto davvero spettacolare
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Varmost
  • Webcam Sauris di Sopra
  • Webcam Davost
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva