il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 140 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_6618
    Anello di Casera Pizzul da Misincinis
    Alpi Carniche
  • IMG_6620
    Anello di Casera Pizzul da Misincinis
    Alpi Carniche
  • IMG_6626
    Anello di Casera Pizzul da Misincinis
    Alpi Carniche
  • IMG_6641
    Anello di Casera Pizzul da Misincinis
    Alpi Carniche
  • IMG_6646
    Anello di Casera Pizzul da Misincinis
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNatura

Anello di Casera Pizzul da Misincinis

Avvicinamento

Percorrendo la strada statale che da Tolmezzo sale al passo di Monte Croce Carnico, giunti all’altezza di Cedarchis, si gira a destra in direzione di Paularo. Raggiunto l’abitato, dopo il ponte si piega ancora a destra per il Passo del Cason di Lanza. Arrivati alle case di Misincinis si lascia l’auto sulla sinistra (m 730, piccolo parcheggio).

Descrizione

Si prosegue a piedi nella stessa direzione fino ad imboccare una stretta strada cementata che scende sulla destra verso il greto di un torrente. Se ne segue il bordo lasciando sulla sinistra la deviazione per la sorgente solforosa. Attraversato un rio secondario ci si trova alla base della costa su cui si sviluppa il segnavia CAI 441 (cartello, sentiero della Ricotta). Si lascia quindi definitivamente il fondovalle per risalire sulla sinistra la mulattiera lastricata che si innalza a strette svolte con pendenza marcata nel bosco di abete rosso e bianco. Il segnavia segue inizialmente proprio il filo della costa utilizzando una mulattiera scavata che, dopo un crocifisso, si sposta sul fianco sinistro. Superato un dilavamento dove il sentiero è protetto con passamani in legno, si riguadagna il filo in corrispondenza di due punti in cui la cresta si riduce ad un istmo sottile e terroso. Ripresa la salita lungo la dorsale si perviene ad un piccolo edificio che fungeva da stazione superiore di una teleferica. Tenendosi sul sentiero più a sinistra (segnavia) si sale ancora fino ad arrivare alla piazzola conclusiva di una recente pista forestale. Questa è inizialmente cementata e risale lungo la costa con strette svolte che hanno completamente distrutto l'originario tracciato della mulattiera. Dal bosco diradato la vista si apre ora sugli stavoli di Verleit inseriti nella bella radura che si nota sulla destra, poco più in basso. Esauriti i tornanti la pista riprende un andamento lineare passando accanto ad una grande costruzione affacciata su una bella radura inclinata. Si raggiunge così un crocevia di direzioni in cui si mescolano piste di recente apertura e tracciati secondari: seguendo con attenzione il segnavia, si sale ad una schiarita con stavolo ristrutturato dove troviamo due cartelli. Tralasciamo quello che indica la salita diretta alla casera Paluchian, seguiamo invece le indicazioni per casera Pizzul a sinistra. Si sale per poco sopra la baita stessa poi il sentiero piega decisamente a sinistra iniziando a traversare un pendio boscato più accidentato ed inclinato. Nel periodo invernale il versante si trova in ombra al mattino ed occorre quindi fare molta attenzione in caso di terreno gelato. Si procede grosso modo in quota fino all'intersezione con il rio Pizzul dopo il quale ha inizio l’ultima fatica. Si riprende a salire nel bosco con pendenza decisa intersecando alcuni piccoli impluvi fino a raggiungere un punto dove il terreno si fa più agevole. Attraversato il corso di un piccolo rio si esce definitivamente dalla abetaia ritrovandosi alla base del dosso che sorregge la casera Pizzul. Mirando ad un cartello CAI più in alto si rimonta il pendio ritrovando il tracciato della pista di servizio alla casera. Tramite questa si sale a larghe svolte passando accanto ad una vecchia stalla abbandonata a cui fa seguito il bivio per casera Paluchian (altra possibile meta). Tenendosi a sinistra in diagonale ci si porta infine al panoramico ripiano di casera Pizzul che si vede solo all'ultimo momento (m 1532, cappelletta degli Alpini). La casera si trova in posizione solatia e favorevole e costituisce un balcone eccezionale sulla conca di Paularo e sui monti che la circondano.
Per il rientro è possibile utilizzare lo stesso percorso oppure si può anche evitare l’ultimo tratto di ripido bosco e scendere lungo la pista di servizio. In tal caso si torna sui propri passi tralasciando il segnavia CAI 441 precedentemente utilizzato, per continuare lungo la pista di servizio alla malga. Dapprima in diagonale e poi con una serie di tornanti si giunge al bivio intorno a quota 1300 dove, a sinistra, ci si può ricollegare al sentiero dell’andata. In alternativa si può proseguire a scendere lungo la pista principale che subito dopo compie una marcata ansa per assecondare l'impluvio del rio Rudanusa. Da qui la strada traversa in quota su terreno più aperto sfiorando alcuni stavoli per poi rientrare nel bosco di conifere. Nuovamente in discesa, con una lunga serie di svolte su strada ormai asfaltata, si oltrepassano le case di Ravinis rientrando esattamente al punto di partenza.
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Gennaio
Carta Tabacco
09
Dislivello
800
Lunghezza Km
14,1
Altitudine min
720
Altitudine max
1532
Tempi
Dati aggiornati al
2014
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 20/10/2015 Raggiunta oggi la casera Pizzul seguendo la descrizione della guida; poco dopo la partenza il cartello a sinistra indicante casera Pizzul è ben nascosto dalla vegetazione, la mulattiera si fa percorrere senza preoccupazioni se non quella, oggi, di occhio ai ciottoli scivolosi, qualche attenzione ai segnavia dopo lo stavolo ristrutturato e quando ci si inoltra nel bosco un po' sofferente e malconcio.Alla vecchia costruzione posta sul ripiano inclinato vengo salutata da due irrequieti cagnetti candidi, annusatina, coccolatina, quattro parole col sior paron, raccomandazioni di fare attenzione ad andar in giro da soli...Nel bosco qualche rigagnolo si è ingrossato e poi inaspettatamente la luce, oggi cielo terso e luce abbagliante, superata la stalla abbandonata ecco che compare, lì sopra, la casera. Un nero cagnetto mi osserva silenzioso e poi scompare, vocio nella stalla, si sgridan le mucche disobbedienti. Dopo la sosta discesa lungo la comoda pista di servizio.
  • 01/05/2014 Variante per Casera Pizzul da Ravinis Escursione fatta il 01-05-2014 Arrivati a Paularo prendere la strada per Cason di Lanza, proseguire seguendo la segnaletica per Ravinis. Continuare dopo Ravinis prestando attenzione ai veicoli provenienti in senso opposto di marcia, la strada è stretta, ripida a tratti sconnessa e con pochissimi spazi per dare strada ad altri veicoli. Da Ravinis si prosegue in auto fino a quota 1247 St.lo Nereledis, spazio per parcheggiare e poter fare inversione di marcia. Dallo stavolo si prosegue a piedi in leggera discesa fino a un primo guado che si passa sfruttando alcuni sassi posti poco più a monte del guado. La rotabile (asfaltata a tratti) continua ora in salita, (poco faticosa) si passa ancora due guadi più modesti del primo. Dopo alcuni tornanti si giunge sotto la conca in cui si trova la C.ra Pizzul. Prima d’iniziare gli ultimi tornanti che portano alla C.ra Pizzul, s’incrocia sulla destra il sentiero 441 che proviene da Misincinis, dopo questo punto si sale ancora un tornante fino a un bivio, a sinistra si va alla C.ra Pizzul mentre a destra proseguendo ancora per un tratto ce la possibilità di raggiungere la C.ra Paluchian, la rotabile però è invasa ancora da circa 70 cm di neve. Giunti alla C.ra Pizzul panorama grandioso, chiazze consistenti di neve invadono ancora il cortile della casera, panche, tavoli e alcuni tratti di recinzione sono stati danneggiati dalle abbondanti nevicate. Per il rientro si segue lo stesso percorso fatto in salita.
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • Stavolo in prossimità di Ravinis
    20/10/2015 Stavolo in prossimità di Ravinis
  • il ripiano di casera Pizzul
    20/10/2015 il ripiano di casera Pizzul
  • Salendo lungo il sentiero della ricotta
    20/10/2015 Salendo lungo il sentiero della ricotta
  • casera Paluchian (19/12/14)
    13/10/2015 casera Paluchian (19/12/14)
  • Monte Zermula e Casera Pizzul, raggiunta il 19/12/14 da Misi ...
    13/10/2015 Monte Zermula e Casera Pizzul, raggiunta il 19/12/14 da Misi ...
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Paularo Zermula
  • Webcam Creta d'Aip
  • Webcam Ligosullo
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva