il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 98 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • _MG_4212
    Anello di Givigliana da Rigolato
    Alpi Carniche
  • _MG_4242
    Anello di Givigliana da Rigolato
    Alpi Carniche
  • _MG_4253
    Anello di Givigliana da Rigolato
    Alpi Carniche
  • _MG_4262
    Anello di Givigliana da Rigolato
    Alpi Carniche
  • _MG_4265
    Anello di Givigliana da Rigolato
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaB16

Anello di Givigliana da Rigolato

Avvicinamento

Da Villa Santina si risale la val Degano lungo la statale n.355 attraversando in successione Ovaro e Comeglians. La strada sale successivamente a Rigolato dove si può parcheggiare comodamente nell'ampio piazzale sulla destra (m 759).

Descrizione

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri del Bosco
Escursione
Mese consigliato
Febbraio
Carta Tabacco
01
Dislivello
600
Lunghezza Km
8,8
Altitudine min
690
Altitudine max
1105
Tempi
Dati aggiornati al
2007
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 26/02/2015 Il sole del primo mattino dona la vita alle anime contadine immortalate sul magnifico campanile di Gjviano. Un cartello di legno ci dà il benvenuto a Coccolandia! Sorrido ma un coccodrillo stilizzato mi fa intendere d’aver frainteso. Le strade di Givigliana tirano e scaldano subito. Punto a sella Bioichia con Marco che prende al volo un invito last minute: il Crostis via cresta. Il troi pare allestito da un team di ortopedici in cerca di clienti. Marco sale comodo coi ramponcini mentre io prima di indossare i miei gramponazzi da un chilo mi danno a cercare invano alternative nel bosco, pensando si tratti solo del primo tratto. No way! Tocje propit muardilo chel troi! Alla prima radura lascia il posto alla neve. Seguiam le orme di chi ci ha preceduto poi alla fine del bosco si punta alla cresta con appetiti divergenti. I ramponcini cercan le erbe per evitare ogni tre passi di portarsi appresso il peso delle nevicate e diventar trappole mortali, le mie zampe invece necessitano di mangiar neve per non farmi apparire malato di labirintite. Mano a mano che si sale, il sipario si alza. Le parole restan quasi in gola. Inutile elencare le meraviglie che si staglian intorno in un giorno così terso. Certo, salire il Crostis è sempre un crescendo emozionale che affonda ad ogni respiro ma farlo quando è vestito di bianco, anche se un po’ sgualcito e a volte rattoppato da rocce ed erbe, è travolgente. Sotto di noi un enorme rapace. Dalla potenza e dallo stile di volo non abbiamo dubbi, un’aquila! La conca di Plumbs sembra aver accolto in sé tutte le nevi spazzate via dal vento che ha schiaffeggiato il massiccio del Coglians. La picca del Coventas, al contrario, è quasi primaverile e mi costringe di passar di chiazza in chiazza. Dalla prima cimotta che da l’illusione d’esser arrivati, il paesaggio sotto le zampe muta di stagione. Finalmente mi muovo a mio agio, gradinando il cammino. Una punta di roccia invita al raggiro (a meno di non deartigliar le zampe) scendendo per poi risalire il pendio. Qui non si affonda. La neve è dura e si fa azzannare solo dai rostri anteriori. Si va su a polpacci. Supero una tana che vorrei curiosare ma guai a fermarsi o guardar indietro. Io lo faccio e immagino la scivolata galattica fino a casera Neval quattrocento metri più sotto. Brrr! Ritornato in cresta mi rilasso. La dorsale nord è piena di pieghe ed anfratti, meno lineare e mi permette di giungere a mia insaputa a pochi metri da una splendida pernice bianca che fugge verso il Floriz. Stagione dura per lei, pochi metri dividono il suo ingegnoso mimetismo millenario da un luminescente invito per qualsivoglia predatore. Quando appare la croce chi la nota? Gli occhi si perdono in ogni dove.Vorrei lasciarmi andare, che siano lacrime o sorrisi, ma dietro non vedo Marco, ha optato per aggirar un traverso e ci siam divisi. Preoccupato, ravano la cima divorando l’oriente e cercando il compagno di salita a occidente. Alla fine ci si ritrova, condividendo con poche parole e con gli occhi che brillano lo spettacolo del tutto. La discesa, fino al bosco, è sintomatica del bipolarismo niveologico del momento. Sprofondamenti improvvisi, solide lastre, appoggi morbidi.. tutto in pochi metri in un susseguirsi di sorprese poco gradite. Ma poi, scendere arpionati al troi con passi da metro e mezzo con le zampe che si fan trampoli è una sensazione che ripaga il disagio. Tra saliscendi vari poco più di milleduecento di dislivello, nulla se rapportato alla gioia d’esser scesi con gli zaini pieni d’emozioni. (19.02.2015)
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Ovaro
  • Webcam Ravascletto
  • Webcam Zoufplan
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva