il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 347 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_9398
    Monte Crostis dalla Val Alba
    Alpi Carniche
  • IMG_9315
    Monte Crostis dalla Val Alba
    Alpi Carniche
  • IMG_9324
    Monte Crostis dalla Val Alba
    Alpi Carniche
  • IMG_9328
    Monte Crostis dalla Val Alba
    Alpi Carniche
  • IMG_9329
    Monte Crostis dalla Val Alba
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaV27

Monte Crostis dalla Val Alba

Avvicinamento

Da Moggio Udinese risalire la rotabile della val Aupa imboccando quasi subito a destra il bivio per Pradis. Dalla frazione si prosegue per Drentus e Virgulins facendo attenzione, dopo alcuni tornanti, alla deviazione a destra per il rifugio Vualt. Dopo aver doppiato il costone del Masereit si sale ancora raggiungendo il divieto di transito (m 1040, comodo parcheggio sulla destra).

Descrizione

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri del Vento
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Luglio
Carta Tabacco
018
Dislivello
1100
Lunghezza Km
13,5
Altitudine min
1016
Altitudine max
1894
Tempi
Dati aggiornati al
2017
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 17/06/2017 Con tutto il rispetto per chi ha scritto prima di me...ma sinceramente non me la sento di rischiare inutilmente ...se gente cos� esperta ti consiglia di non andare perch� potrebbe franare ancora � meglio ascoltare...li sta' la saggezza.
  • 17/06/2017 Buongiorno, a tutti per domani la mia intenzione era quella di fare il monte crostis e proseguire per il sentiero 450 fino al bivacco bianchi ...ma una certa ansia mi accompagna per il Tratto franato alla fine del traverso ... quindi per ulteriori informazioni ho chiamato il CAI di Moggio e mi hanno vivamente sconsigliato di farlo in quanto molto pericolo so ,tra l'altro ho parlato con chi ha fatto il sopralluogo e mi � stato detto che pensano di chiuderlo ,il cavo � stato tolto meglio non cercare pericoli ...
  • 13/06/2017 Escursione di domenica 11 giugno 2017. Rispetto al percorso proposto da SN, in discesa dal Crostis, anziché ricollegarci alla via di salita attraverso il CAI 450, abbiamo proseguito lungo il percorso di cresta (nessuna particolare difficoltà da segnalare) raggiungendo Forcella Fonderis. Da lì, attraverso ripida serpentina su bel praticello, abbiamo ulteriormente perso quota (circa 170 metri) per poi percorrere il suggestivo traverso che, in parte su detriti e in parte su cengia, taglia tutta la scoscesa parete occidentale dello Zuc dal Bor. Approssimandosi alla fine del traverso, si giunge al punto più delicato ed esposto, costituito inizialmente da qualche metro di cengia assicurato da cavo (in buone condizioni ma con un singolo ancoraggio divelto) e poi da un altro breve tratto su terreno più friabile, ma con traccia sufficientemente larga e consolidata. Oltrepassato – con la dovuta prudenza - questo punto, che non presenta problemi particolari se non la notevole esposizione, le difficoltà sono ormai alle spalle e, con una breve risalita e dopo aver superato una stazione meteo, si raggiungono gli ampi e verdissimi pascoli di Casera Chjavals, in vista del Bivacco Bianchi. Da lì, facile e rilassante il ritorno in Val Alba per la chiusura dell’anello, rinfrescati dalla deliziosa brezzolina che filtra attraverso la faggeta. Percorso suggestivo e gratificante, in un ambiente molto selvaggio ed appartato, che non presenta difficoltà tecniche, ma che le numerose perdite di quota rendono complessivamente impegnativo. Questo anello può costituire una buona variante rispetto a quello proposto dalla guida, in quanto il ritorno è più diretto e consente di evitare i numerosi saliscendi. Il dislivello complessivo è di quasi 1200 metri per 14 km. Tempi impiegati: 3.40 per la cima del Crostis, 5 ore al Bivacco Bianchi, 6.20 in totale. Anche oggi non sono mancate le soddisfazioni “botaniche” (Daphne striata, eritrichio nano e le prime stelle alpine in cresta, linaria alpina in discesa da Forcella Fonderis, uno sterminio di botton d’oro e gigli in boccio - probabilmente martagoni - attorno al Bivacco Bianchi), ma soprattutto è stato un autentico piacere l’incontro con gli amici di SN!!! Grazie ancora di cuore e … alla prossima!
  • 11/06/2017 11/06/2017-11/06/2017-Effettuata la salita al monte Crostis in val Alba, oggi luogo di incontri in una giornata calda ma nitida, cosa non tanto scontata nella nostra regione. Dopo i due vecchi amici incontrati casualmente proprio nel momento del parcheggio, abbiamo conosciuta "di persona" una coppia che scrive nel Forum; incrociati poi due austriaci e, in cima al Crostis, siamo stati raggiunti da un ulteriore camminatore.Sottoscrivo quanto detto nel commento precedente. Il sentiero è sistemato e ben percorribile, caratterizzato da continui saliscendi e strappetti ripidi che testano di continuo l'allenamento. Vista ravvicinata su Zuc del Bor e compagnia.
  • 01/11/2016 Gita molto bella, più faticosa di quello che i 1100m di dislivello indicati lascerebbero intendere, causa qualche saliscendi.Fino a forcella vidus sentiero comodo e senza troppi scoscendimenti: con un po' di gambe e fiato si sale con un buon ritmo e il dislivello se ne va. L'alta via richiede ovviamente un po' più di attenzione, in particolare in uno spettacolare breve passaggio di cresta (non affilata comunque: ci si cammina bene).Il sentiero di discesa che si stacca dall'alta via, poco marcato in alcuni punti secondo la relazione, è ora segnalato e molto ben marcato in ogni punto, impossibile sbagliare.Le sette ore (4 per la vetta, 3 scarse per il ritorno al parcheggio, pause escluse) sono perfettamente calcolate. Gita che lascia molto soddisfatti.
  • 27/07/2016 26/07/2016 Era da un pò che ci meditavo, salire il mt.Crostis, per poi dopo proseguire per il Bivacco Bianchi,"possibilmente"attraverso Forcella Fonderis.....per la Forc. Vidus il sentiero,450 mi era familiare,perchè fatto un mese fà, per il Mt.Pisimoni..la "novità"stava nel proseguo dell'Alta Via.Percorso bello tra roccette,pinnacoli,e tratti verdi con gli immancabili saliscendi,segnalato a dovere nei punti più impegnativi e da fare con attenzione specialmente nei tratti a rischio,ma mai pericoloso. Bella e panoramica la cimetta, con il Zuc dal Bor a portata di mano,e dopo una gratificante sosta la discesa verso la Forcella Fonderis,confidando di trovare i passaggi migliori tra i sassi per la risalita al Biv. Bianchi. tutto ciò con cautela, mirando gli essenziali segnavia e passare con decisione la cengetta franosa dove il cavo il cavo a penzoloni non è di molto aiuto..(peccato basterebbe poco). Dal Bivacco una sbirciatina a Forc. Chiavals e il rientro all'auto passando al Rif. Vualt tramite il sent.428. Mandi
  • 27/08/2015 Escursione effettuata il 26 agosto in una splendida giornata, tutto ok, sentiero 450 ben segnalato e in condizioni perfette (complimenti a chi ha tagliato l'erba!), molto panoramiche la cresta e la cima del Crostis, con il torrione del Zuc dal Bor mai così vicino, almeno per me! non sono sceso lungo il 450/A (bivio evidente) ma ho proseguito verso forcella Fonderis ed il bivacco Bianchi (traversata spettacolare, non ci sono problemi neanche nell'ultimo passaggio in cengia, dove il cavo è un po' divelto ma basta il solito passo sicuro); da qui sono salito sul Chiavals e ho fatto la traversata lungo il 425 (tutto ok) fino al rif. Vualt, ritornando così al parcheggio in val Alba: giro di grande soddisfazione, buone escursioni a tutti
  • 21/07/2014 Ripercorso ieri con amena compagnia, a distanza di due anni ho trovato più disgregato il tratto di salita fra le rocce, ma non poteva essere diversamente vista la natura del terreno. Caldo umido, foschia a tratti anche densa che in cima poco spazio ha lasciato alla vista, fra uno sbuffo e l’altro siamo riusciti a intravedere il casermone di Sot Cretis. L’idea era di compiere un anello passando per Fonderis e bivacco Bianchi, iniziata la discesa verso la forcella abbiamo visto una frana scesa dallo Zuc dal Bor che ha distrutto una parte della mulattiera di guerra (circa allo sbocco dell’A.V. Cai di Moggio). Dalla nostra posizione non siamo riusciti a vederne la completa estensione per cui, data la poca visibilità, abbiamo preferito tornare sui nostri passi e collegarci al sentiero 450 tramite il 450a, naturalmente poi il sole ha deciso di mostrarsi con forza. Una bella gita in luoghi selvatici.
  • 20/10/2013 L’inizio del sentiero è innamoramento puro, ricordavo i rassicuranti macigni ma oggi è tutto un tappeto di foglie. Alle otto la valle è in ombra ma i boschi del Vualt sono ruggine pura. Prima della salita una cascatella forma una pozza che conquista gli occhi (raffreddando il corpo). L’ascesi è un piccolo calvario, fisicamente sono stanco e nella testa le sensazioni si scontrano. Anche se il luogo trascina il mio sentire non riesco a dimenticare che tra una settimana la terza menisectomia mi chiuderà per un po’ tra quattro mura impedendomi di respirar l’infinito. Poi arriva il sole. La conca di casera Crostis è un’allegra sfumatura tanto che la costruzione stessa sembra vestire d’autunno nel suo consumarsi lento e inesorabile. A forcella Vidus giungo un pò spossato ma il panorama ricarica tutte le energie perse. Il percorso da qui in avanti è un gioco di orizzonti e guglie, di pinnacoli e baratri. Il Zuc dal Bor osserva indifferente. Inespugnabile. La vista è un esteso susseguirsi di sagome e colori. Per il ritorno scelgo l’anello per il bivacco Bianchi nonostante il fatto che il tratto friabile mal si accorda con i due mediali rotti. Dopo la discesa il sentiero è splendidamente intagliato, in alcuni punti eroso ma sicuro. Unico interrogativo è lo stato del punto critico finale (tornare indietro sarebbe durissima). Il cavo non aiuta. Un passo fermo, sì. Supero il tratto senza grossi patemi, i Due Pizzi mi han fatto sudare di più. Dopo una curva s’allarga tutto e la conca sembra volerti abbracciare, con le sue forme, con i suoi verdi. Al bivacco concedo ancora del tempo a degli occhi insaziabili. Arrivano due ragazzi indecisi se dormire nel bivacco. Gli consiglio di cogliere l’occasione per un bel anello. La lenta discesa mi riconcilia con le articolazioni, il bosco è morbido e scintillante. I pensieri sul futuro diventano più mansueti. Le provviste emozionali per mio letargo montano son ben accatastate in fondo al cuore e gli occhi sognan già la neve. (18.10.2013)
  • 18/06/2013 Fatto in questo mese di giugno. Escursione accessibile a tutti. Percorribilità dell’anello semplificata notevolmente dalla manutenzione impeccabile dei sentieri. Soffice la discesa dalla vetta lungo un letto tra mughi. Qualche schianto qua e là, soprattutto nell’attraversamento del greto del Rio Fonderis, aggirabili comunque facilmente. Segnalazione della vetta da rivedere tant’è che, senza l’altimetro, avrei cantato vittoria una cinquantina di metri più in basso. Paesaggio incantevole come tutti quelli che si possono godere da queste parti; Chiavals, Zuc dal Bor e Cozzarel si propongono tutti in fila per le prossime uscite. Casera Crostis …ancora in fase di ristrutturazione…
  • 21/10/2012 Salita oggi approfittando di una splendida calda giornata, parcheggio sovraffollato, tutti in Val Alba. Al primo bivio seguo il sv 450 a dx per casera Crostis, ottimo sentiero in un bel bosco che indossa le prime sfumature dorate, impossibile non udire la voce del rio Alba, si inizia a salire di brutto. Un paio di guadi su acque trasparenti, si superano dei piccoli salti rocciosi, qualche tratto eroso, sali scendi in un bellissimo ambiente appartato e ruvido e poi con un po’ di fatica si arriva allo scoperto per iniziare il tratto più bello di salita dell’Alta Via Cai di Moggio. Ci si destreggia fra qualche zolla e roccette, si attraversa un tratto in cresta , si scende ed infine l’ultima risalita fino alla cima, ometto. Il panorama oggi è uno spettacolo, ben visibile il grande ricovero militare di Sot cretis e anche quello alle pendici del Vualt, ad ovest domina la massiccia Creta Grauzaria mentre a sud incombe il Pisimoni. Per la discesa ci sono almeno un paio di possibilità, scendere fino a forcella Fonderis e poi proseguire fino al bivacco Bianchi attraversando un tratto delicato e poi in discesa fino al parcheggio, oppure dalla cima scendere e prendere a sx il sv 450a che cammina fra i mughi in un ambiente severo per poi riunirsi poco dopo al sentiero 450 già percorso. Questa seconda via è più lunga e comporta due ulteriori salite per poi perdere quota velocemente. Escursione appagante in un bell’ambiente e non eccessivamente faticosa
  • 05/06/2012 In data 27 maggio siamo saliti sul Monte Crostis dalla Val Alba trovando un sentiero in ottime condizioni, casera crostis in luogo incantevole, scesi a Forcella Fonderis abbiamo proseguito per il Bivacco Bianchi passando in zone abbastanza franose con un sentiero comunque in buone condizioni, fare solo attenzione prima della risalita al Bivacco Bianchi al punto chiave della traversata dove gli ancoraggi centrali del cavo risultano divelti, tengono ancora le due estremità, comunque si passa prestando quel minimo di attenzione. Arrivati al Bianchi abbiamo deciso di fare l'anello del Chiavals, salita ripida, gran panorama, prestare attenzione alla discesa. Ritorno al Bianchi e rientro al parcheggio. Giro lungo ma di gran soddisfazione con scorci favolosi, il Zuc dal Bor regna sovrano
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • Il tratto esposto della traversata sotto le pareti dello Zuc ...
    15/06/2017 Il tratto esposto della traversata sotto le pareti dello Zuc ...
  • Il tratto più "delicato" ed esposto della traversata, con il ...
    15/06/2017 Il tratto più "delicato" ed esposto della traversata, con il ...
  • Il tratto di percorso sulla cengia che taglia le pareti oves ...
    15/06/2017 Il tratto di percorso sulla cengia che taglia le pareti oves ...
  • Il cupolotto sommitale dello Zuc dal Bor dal Crostis
    15/06/2017 Il cupolotto sommitale dello Zuc dal Bor dal Crostis
  • Moggio e la Vallata del Fella dalla cima del Crostis
    15/06/2017 Moggio e la Vallata del Fella dalla cima del Crostis
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Madrizze
  • Webcam Creta d'Aip
  • Webcam Gartnerkofel
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva