il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 98 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_7172
    Traversata di forcella Giaveid da Roppe alle Tronconere
    Prealpi Carniche
  • IMG_7138
    Traversata di forcella Giaveid da Roppe alle Tronconere
    Prealpi Carniche
  • IMG_7122
    Traversata di forcella Giaveid da Roppe alle Tronconere
    Prealpi Carniche
  • IMG_8993
    Traversata di forcella Giaveid da Roppe alle Tronconere
    Prealpi Carniche
  • IMG_8916
    Traversata di forcella Giaveid da Roppe alle Tronconere
    Prealpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaS02

Traversata di forcella Giaveid da Roppe alle Tronconere

Avvicinamento

Da Montereale, presso Maniago, si imbocca la strada statale n.251 che risale Val Cellina entrando poi nella lunga galleria del monte Fara che in pochi minuti esce nella conca di Barcis. Dopo essere entrati in paese imboccare a destra la stretta rotabile che sale alla frazione di Predaia. Al bivio presso la stazione forestale ci si tiene a destra fino a raggiungere le case di Roppe (m 574, cartello per bivacco Molassa, parcheggio lungo la strada).

Descrizione

L'inizio del sentiero, poco evidente, si trova in mezzo al gruppo di case alle quali conduce una stradicciola con ancona. Individuata la mulattiera, si costeggia un muretto e quindi una recinzione raggiungendo un pulpito panoramico affacciato sull'imbocco della selvaggia val Molassa. Ha inizio qui il traverso che ci condurrà ad assecondare la lunga serie di rientranze che caratterizza il primo tratto della valle. Dopo un’ultima macchia di faggio il sentiero esce su pendici brulle e scoscese che si percorrono su un esile sentierino, spesso scavato nella roccia. Si cammina agevolmente ma l’esposizione di alcuni tratti ha consigliato l’uso abbastanza esteso del cavo passamano. In diversi punti, inoltre, ai vecchi muretti di sostegno sono stati aggiunti rinforzi in legno. Alternando coste ed impluvi si assecondano così le prime rientranze della valle in un ambiente reso sempre interessante dalla presenza di cascatelle, rocce aggettanti e profondi dirupi. Un breve tratto malagevole è stato opportunamente attrezzato con un piccolo ponticello oltre il quale si arriva ad uno sperone. Da questo pulpito possiamo finalmente intravedere il bivacco: non sembra lontano ma ben presto ci si accorge che è necessario intersecare altre rientranze prima di poterlo raggiungere. Le prime due sono profonde ed articolate (Rug del Fier) mentre la terza è formata da un angusto canale incassato tra pareti rocciose. Ancora un piccolo impluvio poi le attrezzature finiscono e si giunge al minuscolo terrazzo boscato che ospita il bivacco Molassa (m 700), edificato presso un grande faggio. Strutturato su due piani, il bivacco comprende una stanza superiore con tavolati a castello e materassini per circa otto persone. Al piano inferiore si trovano invece tavolo con panca, caminetto ed armadietto.
Seguendo le indicazioni CAI, dal bivacco si scende a ripidi tornanti lungo una costa boscata fin dove il segnavia piega a sinistra verso il greto di un rio secondario. Dopo avere intersecato il piccolo corso d’acqua si rimonta su un costone erboso per poi scendere in diagonale verso il greto del torrente Molassa che ora si intravede più in basso. Oltrepassato un ripiano boscato si esce sul greto principale che si segue per pochi metri (qualche ometto) fino al guado presso una bella pozza. Il tratto successivo è quello che richiede la maggiore attenzione poiché la traccia si fa poco marcata e ci si ritrova spesso a traversare pendici inclinate e sospese sopra la forra. Si inizia risalendo il bosco sulla sinistra orografica per poi traversare una zona più aperta con bella visuale sul fondovalle dove si nota una briglia. Dopo un passaggio delicato sopra le sponde del torrente, il segnavia coincide nuovamente con il greto principale (ometti) che poi si abbandona definitivamente per salire ancora nel bosco. Una faggeta inclinata richiede ancora attenzione poi la traccia perde qualche metro per andare a rasentare la base di una grande parete levigata dall’acqua. Si rimonta ora su una ripida rampa erbosa punteggiata da una rada vegetazione, salendo con buona pendenza fin dove il sentiero riprende a tagliare in diagonale alcuni spioventi erbosi. Da qui la visuale si apre sulla possente bastionata rocciosa del monte Resettum e sulle caratteristiche cenge erbose che ne contornano la base. Sempre con attenzione si assecondano alcune rientranze ed un paio di piccoli impluvi rocciosi dove la traccia compie anche alcuni modesti saliscendi. Ci troviamo ora nel punto più selvaggio della forra: qui il sentiero sfiora spesso alti dirupi che offrono ad ogni svolta visuali sempre diverse sulla parete opposta della valle, rigata da impluvi e cascatelle e sul greto del torrente Molassa ormai lontano. Su terreno via via meno impegnativo ci si inoltra nella valle traversando ancora a mezza costa fino ad un greto secondario che si attraversa senza difficoltà (qualche ometto). Il segnavia che, dal bivacco Molassa fin qua, si presentava alquanto sbiadito, risulta ora più visibile sui tronchi dei faggi. Ci troviamo alla base del pendio boscato che rappresenta il tratto più faticoso della escursione. La traccia infatti prende a salire grosso modo lungo la linea di massima pendenza all'interno di una faggeta quasi pura. Un sentiero vero e proprio non c’è ma i segnavia indicano con certezza la direzione da prendere tra grandi alberi e roccette affioranti. Lungo la salita si incontrano di tanto in tanto alcuni enormi macigni che danno interesse al paesaggio altrimenti piuttosto uniforme. Intorno a quota 1100 si stacca a destra la deviazione per la forcella dell’Asta (segnavia CAI n.976, cartello) mentre noi proseguiamo ancora diritti in salita. Il sentiero concede una breve tregua in corrispondenza di un traverso che ci porta a sinistra. Poi, con un ultimo strappo, la traccia esce su terreno più aperto a poca distanza da forcella Giaveid. Qui i segnavia scompaiono di nuovo (qualche segno sulle rocce) ma è sufficiente punatare direttamente verso l’alto attraversando un ripiano invaso dalle erbe. Cercando gli sbiaditi bolli sui sassi affioranti si riprende a salire spostandosi progressivamente in diagonale verso sinistra fino a raggiungere la piccola forcella Giaveid (m 1476) dove la visuale si apre verso il Domanzon ed il Dosaip. Se non abbiamo predisposto un secondo automezzo in fondo alla Val Silisia è questo il momento di rientrare al punto di partenza ripercorrendo con la massima attenzione quanto finora fatto.
Volendo invece completare questa solitaria traversata si scende sull’altro versante seguendo per un buon tratto il piccolo solco di un rugo sassoso. La discesa non è difficile ma è resa malagevole dalle rocce bagnate e dalla presenza di piccoli salti che possono essere talora aggirati. Attenzione ora ad individuare il punto dove il segnavia esce dal solco per piegare a sinistra (segnavia poco visibile sulla sinistra). In diagonale si raggiunge un ripido pendio boscato lungo il quale la traccia prende a scendere con decisione. Si scavalca una caratteristica e sottile crestina, che non può essere aggirata, oltre la quale la discesa prosegue sul ciglio della parete che scende vericalmente verso il greto di destra. Su terreno via via migliore ci si abbassa sulla direzione indicata dai radi segnavia fino ad un piccolo ripiano dove la traccia si sposta ancora a sinistra. Qualche tornante mitiga finalmente la pendenza del sentiero che ora perde quota in direzione del greto del Rug de Tamarat, all’interno di un magnifico bosco. Giunti nei pressi del greto i segnavia tendono nuovamente a scomparire ed allora lo si segue per un breve tratto (ometti, qualche bollo) fin dove appare sulla destra la possibilità di uscire per portarsi sul pendio boscato dell'altro versante. In diagonale si riprende a traversare trovandosi ben presto nuovamente alti rispetto al greto. Il sentiero oltrepassa una profonda incisione ed un successivo greto asciutto raggiungendo una piccola radura dalla quale la visuale si apre sul tracciato della Strada degli Alpini, recentemente ripristinato. Ancora una ripida discesa e ci si innesta sul segnavia CAI n.966 (cartello). Lo si imbocca a destra proseguendo a scendere lungo il corso del torrente che dopo pochi minuti si guada senza difficoltà. Non rimane ora che percorrere il sentiero che scende lungo il versante di sinistra orografica guadagnando in breve i ruderi delle Tronconere. Pochi minuti oltre il vecchio nucleo di case ha origine la strada della val Silisia dove avremo predisposto il secondo automezzo.

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri del Silenzio
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Settembre
Carta Tabacco
021
Dislivello
1100
Lunghezza Km
13,2
Altitudine min
574
Altitudine max
1476
Tempi
Dati aggiornati al
2007
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 20/11/2013 Percorso il 18/11 provenendo da Andreis per il 976, proseguito in Giaveid e sceso (causa errore...)per la Val Molassa fino a Roppe. Dall'innesto col 976 fino in forcella i segni sono ancora ben evidenti, invece dal bivio lungo la valle fino al bivacco la traccia è molto debole, bisogna fare attenzione in alcuni punti a non perderla (pochissimi segnavia stinti, qualche fettuccia e ometto). Con la dovuta attenzione è sicuramente un percorso che merita in una splendida valle selvaggia.
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Poffabro monte Raut
  • Webcam Barcis
  • Webcam Claut
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva