il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 192 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_1580
    Monte Piombada da sella Chianzutan
    Prealpi Carniche
  • IMG_1526
    Monte Piombada da sella Chianzutan
    Prealpi Carniche
  • STK_1553
    Monte Piombada da sella Chianzutan
    Prealpi Carniche
  • IMG_1541
    Monte Piombada da sella Chianzutan
    Prealpi Carniche
  • IMG_1520
    Monte Piombada da sella Chianzutan
    Prealpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaS19

Monte Piombada da sella Chianzutan

Avvicinamento

Da Tolmezzo si esce in direzione di Verzegnis proseguendo poi per sella Chianzutan dove si parcheggia sull’ampio piazzale a sinistra (m 955). Qui si può giungere anche da Pinzano o Flagogna risalendo lungamente la rotabile della val d’Arzino.

Descrizione

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri del Silenzio
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Ottobre
Carta Tabacco
013
Dislivello
700
Lunghezza Km
4,4
Altitudine min
955
Altitudine max
1744
Tempi
Dati aggiornati al
2005
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 28/06/2016 Mi sono fatta ingolosire, sentiero ben percorribile... Già all'esaurirsi della pista di sci mi sorge il dubbio di non aver scelto il periodo migliore per salire questo monte, erbe, felci, fiori, rovi...tutto alto a coprire il sentiero che in realtà lo si intravede però' è necessario misurare ogni passo per verificare cosa ci sia sotto (io almeno ho pensato di fare così). Alla casetta dello skilift basta individuare qualche bollo giallo, sbiaditi ma provvidenziali e posti nei punti migliori per la salita, qualche raro piccolo ometto ed ho visto un unico segno rosso su una roccia a sinistra e questo fino all'uscita dal bosco. Poi ci si arrangia perché scompaiono anche le tracce di passaggio per ricomparire poi sulla dorsale della cima, non ho visto nulla che la contraddistingua a differenza della croce posta sull'antecima. Oggi gran panorama, velata la pianura, discesa prudentissima sull'erba umida, per quanto mi riguarda poco impegno fisico, non altrettanto quello mentale.
  • 12/12/2015 Escursione effettuata oggi. Poca neve e solo fino in cresta dove si sale poi su ripidi prati. Sentiero chiaro e ben segnalato. Percorso che sconsiglio vivamente con terreno bagnato per la ripidezza e sdrucciolevolezza del prato nel breve tratto che supera i paravalanghe per portarsi sulla più semplice e meno insidiosa cresta finale. Panorama davvero molto bello che spazia dal Montasio, Creta di Aip, Sernio, Amariana, Coglians, Croda dei Toni, Cridola, Antelao, Pelmo, Duranno-Preti... Fino al mare.
  • 01/10/2015 Il precedente commento convince la più dubbiosa della compagnia. Il destino fa il resto, con un incontro a sorpresa al ritrovo. Di quelli che ti fan scartare il regalo in un sol sorriso. Ma grande! Poi, senza saperlo, si diventa bastian contrari. Quel mare di auto che anima il parcheggio in sella è completamente rivolto al Verzegnis. Il troi sale come deve. Tra cavi e fantasmi che scendono a spazzaneve. Poi un piccolo labirinto vegetale, che impensierisce come quelle improbabili attrazioni per bimbi nei lunapark vecchio stile. Dietro l’arrivo dello skilift si sale sicuri. Breve il tratto nella faggeta. Ma splendido! Con tutti quei massi a ravvivarlo di forme e colori! Dei bolli gialli. Daspò, a tache l’aiar! Ogni sbuffo è una nota che si attacca su quei pentagrammatici paravalanghe. Potrebbe essere l’incipit di “Autumn Leaves”di Cannonball Adderley. Una sferzata e poi l’attesa della seconda, come un attacco felino. Fino alla vetta, con la dolcezza infinita di quella tromba che sconvolge l’inizio del pezzo: dita che sfiorano la pelle, per voi volare verso l’alto e ridiscender come piume, carezze che si fan panorama. Mi allontano dai tre compagni/e d’avventura. Dondolando d’immagini. Il catino di casera Teglara è l’ariete che sfonda la mia barriera emozionale eretta automaticamente dalla socialità. Le picche, i profili, che normalmente son nomi o ricordi, si fan abbracci. Senza prender forma, senza declinarsi in dettagli. Seguono le note dell’anima, sempre più sincopate. Più li ascolto, più non riesco a trattener le lacrime. Senza esser mosso da rimembranza alcuna. Senza che ve ne sia motivo. Come fosse amore. Per ogni cosa. Dai faiârs contorti che ci han accolto in cresta alle guglie, al susseguirsi degli stiracchiamenti. Dal vicino Verzegnis mai ammirato così largo e peloso alla base, fino alle Giulie. Le braccia stringon tutto. Anche le mie stesse spalle. E il vento continua a sussurrare le sue scale jazz. Poi mi riprendo. Torno al sociality mode. Con l’ungulata del gruppo puntiam alla cima con la croce, a salutare il Piciat con il suo crine di roccia ed erbe ben pettinato. Fino a non trattenere le risate di fronte alla fortunosa fortuna di chi ci ha preceduto, scorgendo sei o sette aquile volteggiar nel cielo (peak’s book dixit)! Poi puntando all’Arzino tornano i sospiri, quelli per il salvadi. Al ritorno come all’andata, mi faccio bodyguard contro un’altrui timor del vuoto che io stesso ho faticato a superare negli anni (almeno in parte). Fino alla sella. Poi ci dividiamo ancora. In due puntiamo verso il Corona Alta. Come non farlo? E’ lì. Così vicino che non lo è affatto. Con quella cresta che bluffa in ospitalità. E lo sai. E ti invoglia. Troviamo pure una traccia arrugginita di qualche altro folle che si dev’essere avventurato tra strapiombi e rivali verticali. Ma chest a sa par da bon di mont! Sposa la gola dei bimbi con il rispettoso incedere nell’ignoto. Giungiamo fino all’ultima selletta. Poi capiamo che ci metteremmo più del previsto. E allora giù a celebrar la giornata con quei muffin cioccolatosi ben nascosti nel bagagliaio, tutti/e insieme. La conoscenza con quella cimotta è rinviata. Va gustata come le persone, poco per volta.27.09.2015)
  • 26/09/2015 Tre anni fa, Adriano, Antonio, Cristina, Danilo, Enzo, Giuseppe e Tullio, salirono faticosamente sul M.Piombada, da Sella Chianzutan. Il sentiero era praticamente inesistente. Allora installarono una croce sulla Cima Sud del monte dopo che era stata benedetta da Mons. Gino Pigani di Bertiolo. Durante la discesa per agevolare la salita dei successivi escursionisti, contrassegnarono alcuni alberi con della vernice gialla. Martedì 22/9/2015, Antonino, Danilo, Fabio e Nino, sono saliti sulla cima del M.Piombada e con non poca sorpresa hanno trovato il sentiero bel che pulito dai volontari del C.a.i., i quali hanno fatto un gran bel lavoro. Adesso la salita è comoda ed agevole, resa piacevole dall'eliminazione della vegetazione che tre anni fa ostruiva il passaggio. Hanno riscontrato che la cima Sud é più alta di metri 2 rispetto alla cima Nord, contrariamente da quanto riportato sulle carte Tabacco, nelle quali si legge che la Nord è più alta di un metro rispetto alla Sud. Il riscontro è stato effettuato con due strumenti diversi.
  • 10/12/2014 Nuovo tentativo, riuscito oggi, due settimane dopo il precedente fallito. La situazione oggi è stata completamente diversa. Poche tracce di neve dura fino al crinale con le barriere paravalanghe. Più in alto maggiore quantità di neve e anche un po' di ghiaccio. La cresta esposta fra le due cime richiede particolare attenzione e ho usato i ramponi. Dalle due cime cielo terso in tutte le direzioni e panorama mozzafiato. Non ho incontrato anima viva durante tutta l'escursione. Mauro.
  • 23/11/2014 Questa mattina tentativo fallito di salire sul Piombada da sella Chianzutan. Mi aspettavo di trovare della neve dura o ghiaccio e mi ero anche attrezzato con i ramponi, invece la neve era morbida e si affondava fino alle ginocchia, per cui sarebbero state più indicate le ciaspole (che non avevo con me). Arrivato verso i 1350 metri mi sono arreso, troppo faticoso andare avanti. E' già la seconda volta che manco questa cima, toccherà tentare una terza ...
  • 01/11/2013 Monte Piombada da Sella Chianzutan:Da tempo meditavo di fare un escursione su questa bellissima montagna. Meno frequentata sicuramente rispetto al vicino Verzegnis .Dopo la scorpacciata di monti di questa estate, avevo bisogno di ritornare alle origini, solitario in compagnia del mio cagnetto(Magritte ). Arrivo a sella Chianzutan alle 07:00, bellissima giornata, cielo terso con temperatura mite. Visto che la prima parte del percosso è intuitiva, decido di risalire la pista passando sotto i cavi della funivia, che mi portano dritto fino alla fine della pista. Noto il grande faggio abbattuto sul margine sinistro dell’edificio terminale della funivia, e sopra di esso scorgo dei bolli gialli sugli alberi, intuisco la direzione la seguo .Il sentiero anche se non curato è ben tracciato e i bolli gialli sono abbondanti , e dove non ci sono bolli ci sono delle fettucce di plastica rosse e bianche appese agli alberi . La pendenza è moderata, l’unico pericolo sta nell’umidità del terreno, dovuta sicuramente alle recenti piogge e anche all’esposizione a nord .Verso quota 1550 mt, i bolli gialli spariscono deviando in modo ingannevole a sinistra, mentre il sentiero prosegue a destra fino a morire sulla sella, che divide il monte Piombada da Corona Alta .Dalla sella si segue un esile traccia su erba, con pendenza molto sostenuta che lambisce i paravalanghe , fino ad arrivare sulla prima cresta che ci porta sulla quota più alta del Piombada. Strano, nemmeno un tumulo di sassi ,mentre dalla cima si scorge l’antecima ( più bassa di un metro) con la croce. Lascio zaino e cagnetto, portando al seguito solo bastoncini e macchina fotografica ,e mi reco sull’antecima.Scendo per una trentina di metri dalla cima principale , e con attenzione supero un esile crestina che mi porta alla quota più alta dell’antecima. Qui è posta una croce con crocifisso su un tumulo di pietre , dove si trova un tubo di plastica con raccoglitore dentro con quaderno di vetta. Scatto con la le foto su un panorama da mozzafiato . In lontananza i monti più alti della regione sono sgombri di neve, e questo mi invita a pensieri ardenti sulle cime ancora non innevate. Della foschia si alza da sud, è tempo di rientrare , ricongiuntomi con il cagnetto, si fa una breve sosta per rifocillarsi. Zaino in spalle si rientra , spero di non scivolare, visto che il 70 % del percorso è bagnato fradicio .Nello scendere mi chiedo : come mai la vetta più alta non ha croce ,poi penso alla bellezza del percorso, selvaggio,dove nulla è banale, ai fiori nel mese di novembre,al silenzio del mio cane,ai colori dell’autunno, e arricchito interiormente termino l’escursione.
  • 17/10/2013 Escursione compiuta oggi, in una splendida giornata tersa che mi ha consentito di godere di un ampio panorama in ogni direzione (eccetto verso la pianura, dove già nella tarda mattinata si addensava una certa foschia); ho avuto anche l’onore di “inaugurare” il libro di vetta, sul quale ho appuntato la mia soddisfazione per essere finalmente giunto su una vetta di cui conoscevo il nome da quando, bambino, salivo per l’omonimo skilift (all’epoca il più lungo in regione) dalla sottostante Sella Chianzutan.Panorama (e ricordi) a parte: il sentiero mi è sembrato decisamente trascurato, in particolare sopra i mughi richiamati nella scheda descrittiva. Risultato: all’andata, invece di entrare nel “boschetto di faggi contorti”, mi sono trovato ad inerpicarmi sull’erto pendio erboso lungo il lato sinistro, superando (faticosamente) un paravalanghe dopo l’altro; al ritorno, invece, e sempre nello stesso punto dell’andata, ho erroneamente scartato a destra in direzione della faggeta dalla parte opposta riuscendo a ritrovare la traccia solo individuando, più in basso, i sopra citati mughi. Insomma, è’ un tratto dell’itinerario che secondo me richiede attenzione e senso dell’orientamento (anche se pericoli veri e propri non ce ne sono, ci si muove solo su terreno arbustivo assai malagevole). Consigli: all’andata orientarsi verso il lato destro del vallone; al ritorno, superato il boschetto suddetto, prestare estrema attenzione al terreno, ingannevole per la traccia, in quanto si sviluppa in una boscaglia rada. Speriamo che in futuro venga fatto qualche intervento di ripristino!Come detto all’inizio, è comunque un’escursione remunerativa per l’ampia visuale che si apre dalla cima e per l’ambiente “selvatico”, lontano dagli itinerari consueti.
  • 02/09/2013 Tentata salita odierna: nel vallone la vegetazione è invadente sia per lo stato di trascuratezza del sentiero sia per la stagione, e questo sarebbe niente se non fosse anche grondante d'acqua... dopo un po' sono ridotta come un'anatra, rinuncio al miraggio della cresta soleggiata e faccio dietrofront. Da apprezzare in condizioni ambientali più adatte.
  • 19/05/2013 15-05-2013 Percorso fatto il 15 maggio in una splendida giornata. Il sentiero... (così vogliamo chiamarlo) visibile... dalla casupola di legno solo seguendo i tanti ed essenziali bolli e segni gialli (ringrazio chi li ha fatti) che ci hanno aiutato fino all'uscita del bosco. Attraversato vari canali di neve, senza problemi. Bellissime e copiose fioriture di anemoni verso la cima. Scoperto con piacere croce e libro di vetta (non segnalati). Panorama da senza fiato che spazia a 360 gradi. Tempo per la salita ore 2,30.
  • 09/10/2011 fatto stamattina presto. Molto freddo soprattutto in cresta e in cima. Gran panorama con totale panoramica sul mare da TS a VE. Neve presente da poco sopra la pista. L'itinerario non è proprio banale in quanto la traccia nel vallone è molto labile e inerbita, soprattutto in presenza di neve in più punti è facile perderla (La direzione è comunque intuitiva). Nota: arrivati alla baracca alla fine della pista da sci un grosso albero caduto tende a nascondere l'inizio del sentierino che è comunque lì dietro..
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • i provvidenziali bolli gialli dopo la stazione di arrivo del ...
    28/06/2016 i provvidenziali bolli gialli dopo la stazione di arrivo del ...
  • sentiero rigogliosamente verde
    28/06/2016 sentiero rigogliosamente verde
  • oggi il sentiero, fino all'uscita dal bosco, si presentava c ...
    28/06/2016 oggi il sentiero, fino all'uscita dal bosco, si presentava c ...
  • sella Chianzutan
    28/06/2016 sella Chianzutan
  • la conca tolmezzina dalla cima
    28/06/2016 la conca tolmezzina dalla cima
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Tolmezzo
  • Webcam Trasaghis
  • Webcam Tramonti di Sopra
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva