il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 248 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_6551
    Anello di passo Pura da Ampezzo
    Alpi Carniche
  • IMG_6572
    Anello di passo Pura da Ampezzo
    Alpi Carniche
  • 345_4513
    Anello di passo Pura da Ampezzo
    Alpi Carniche
  • 345_4528
    Anello di passo Pura da Ampezzo
    Alpi Carniche
  • 345_4558
    Anello di passo Pura da Ampezzo
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaB12

Anello di passo Pura da Ampezzo

Avvicinamento

Da Tolmezzo si risale il corso del fiume Tagliamento lungo la statale n.52 attraversando in successione Villa Santina, Enemonzo e Socchieve. Giunti ad Ampezzo lo si oltrepassa proseguendo verso la sella di Cima Corso fino a raggiungere il bivio per il passo Pura dove si lascia l’auto (m 720, comodo parcheggio all’imbocco della strada).

Descrizione

Si percorrono circa 300 metri lungo la rotabile che sale al passo fino ad incontrare sulla sinistra una marcata mulattiera che si stacca proprio di fronte a due abitazioni. Il sentiero è privo di segnalazioni ma si presenta fin dall’inizio largo e ben marcato essendo la via utilizzata in passato dai valligiani per raggiungere il passo Pura. Si prende così a salire all’interno di un bosco misto a prevalenza di faggio e carpino nero raccordandosi dopo poco con un altro sentiero che sale da sinistra. Ad aprile nel sottobosco ancora secco fioriscono il fior di stecco, la dentaria a nove foglie oltre alle onnipresenti primule comuni. Si prosegue a comodi tornanti sulla direttrice di una linea dell’alta tensione incontrando di tanto in tanto alcune panoramiche schiarite che offrono una bella visuale sulla valle del Tagliamento. Con una lunga serie di svolte la mulattiera sale portandosi progressivamente verso ovest fino a confluire a quota 1343 nella strada asfaltata. La si segue per pochi metri fino alla successiva curva per riprendere sulla sinistra la prosecuzione della mulattiera. Oltrepassata una baita si esce sul limitare dell'ampio pascolo di malga Pura contornato da un bel bosco di conifere. Senza scendere nei prati si prende a destra riguadagnando la strada principale ed in breve la cappelletta situata sul passo Pura (m 1428).
Dal passo si seguono le segnalazioni per malga Pura riprendendo a camminare in direzione sud. Poco prima di raggiungere la malga, che comunque merita una piccola deviazione per la posizione alquanto panoramica, si imbocca il sentiero CAI n.237 che inizia sulla destra (cartello: Sentiero della Salina). Si risale alle spalle della casera tra larici ed abeti rossi fino a raggiungere la dorsale del monte Pura dove si incontra un secondo cartello CAI. Qui inizia la discesa sulle pendici scoscese del monte Tinisuta lungo le quali il sentiero esce gradatamente dal bosco per entrare in una vegetazione più aperta, dominata dal pino mugo. Bella la visuale che si apre verso la sella di Cima Corso e la dorsale Pelois, Jof, Corno sulle cui pendici si riconosce il tracciato della vecchia pista di discesa. Più in basso il sentiero interseca un grande canalone dirupato che scende dal versante orientale del monte Tinisa poi compie una larga ansa riprendendo a calare nel bosco di faggio. Seguendo i segnavia si tralasciano alcune deviazioni secondarie quindi si attraversa un rimboschimento di conifere oltre il quale si apre una vasta zona prativa punteggiata di crochi e primule odorose. Il segnavia CAI n.237 a questo punto prosegue verso la vicina sella di Cima Corso. Noi, onde evitare un buon tratto di asfalto, possiamo imboccare sulla sinistra un tratturo scavato che si allontana in direzione nord est, attraversa un boschetto dove fioriscono l’epatica e la polmonaria, quindi raggiunge il prato dello stavolo Sora Clap. Proseguendo sulla destra del rudere si perde ancora quota attraversando una seconda ampia radura con una piccola costruzione in legno sulla destra. La mulattiera, ora ben marcata, scende a sfiorare la statale n.52 nei pressi della chiesetta di Sant’Antonio. Senza proseguire lungo l’asfalto si imbocca la sterrata che si stacca sulla sinistra evitando quella che sale all’impianto di telecomunicazioni. Percorsi pochi metri, in corrispondenza del divieto di transito, si lascia la strada a sinistra e si prosegue diritti seguendo la direttrice di una linea elettrica. Se la giornata è stata sufficientemente soleggiata in questo tratto è possibile osservare alcune specie primaverili di farfalle tra cui la cedronella, l’aurora e la rara vanessa antiopa. La mulattiera si esaurisce in ultimo sulla strada statale asfaltata che si percorre per breve tratto fino a chiudere l’anello.

Avvertenze

L'escursione ha il suo periodo ideale di svolgimento nei primi mesi primaverili quando la statale del Pura è ancora chiusa per neve.

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri del Bosco
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Aprile
Carta Tabacco
02
Dislivello
800
Lunghezza Km
9,6
Altitudine min
720
Altitudine max
1459
Tempi
Dati aggiornati al
2001
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 18/10/2015 Percorso ieri l'anello del Passo Pura come da descrizione SN, non siamo però riusciti ad evitare l'ultimo tratto di asfalto. Poco importa dato che la gita è stata pienamente soddisfacente, avendo prolungato fino alla innevata Casera Nauleni ed essendo saliti anche sulla cimetta del Monte Pura, 1528 mt, che ci ha riservato un inaspettato squarcio panoramico, nonostante il bosco semispoglio. Bella scoperta la mulattiera che un tempo veniva utilizzata dai valligiani per raggiungere il passo, sicuramente da rifare con le ciaspe d'inverno, quando il bosco spoglio lascia entrare ancora più sole. In buono stato il sentiero delle Saline che abbiamo trovato decisamente più aperto rispetto alla mulattiera percorsa in salita, panoramico sulla dorsale Pelois-Jof-Corno. Neve da quota 1400 ca.
  • 31/12/2013 Percorso ieri allungando poi fino alla casera e forchia Nauleni.Tutto come da relazione, neve solo sopra i 1300mt. circa.
  • 26/05/2008 gita molto gratificante, bellissime fioriture di genziane genzianelle, soldanelle, mughetti, botton d'oro, aquilegie, ecc. abbiamo molto apprezzato che nel ritorno sia stato individuato un sentiero che permette di evitare l'asfalto dalla sella di Cima Corso al punto di partenza vinicio e dada p.s. speriamo esca presto un secondo volume con altrettante belle gite
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • Il Monte Nauleni imbiancato, salendo al passo Pura
    18/10/2015 Il Monte Nauleni imbiancato, salendo al passo Pura
  • Malga Pura con il Monte Tinisuta
    18/10/2015 Malga Pura con il Monte Tinisuta
  • Il gallo cedrone dipinto sulla parete dell'agriturismo malga ...
    18/10/2015 Il gallo cedrone dipinto sulla parete dell'agriturismo malga ...
  • Squarcio panoramico dal Monte Pura, 1528 mt, con il sentiero ...
    18/10/2015 Squarcio panoramico dal Monte Pura, 1528 mt, con il sentiero ...
  • La dorsale monti Pelois-Jof-Corno dal sentiero delle Saline
    18/10/2015 La dorsale monti Pelois-Jof-Corno dal sentiero delle Saline
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Tramonti di Sopra
  • Webcam Sauris di Sopra
  • Webcam Davost
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva