il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 54 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_0663
    Anello del monte Lupo da Predaia
    Prealpi Carniche
  • IMG_0725
    Anello del monte Lupo da Predaia
    Prealpi Carniche
  • IMG_1984
    Anello del monte Lupo da Predaia
    Prealpi Carniche
  • IMG_0666
    Anello del monte Lupo da Predaia
    Prealpi Carniche
  • IMG_1976
    Anello del monte Lupo da Predaia
    Prealpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaV02

Anello del monte Lupo da Predaia

Avvicinamento

Da Montereale, presso Maniago, si imbocca la strada statale n.251 che risale Val Cellina entrando poi nella lunga galleria del monte Fara che in pochi minuti esce nella conca di Barcis. Dopo essere entrati in paese imboccare a destra la stretta rotabile che sale alla frazione di Predaia (indicazioni per monte Lupo - Santuario di San Daniele). Al bivio presso la stazione forestale ci si tiene a sinistra fino a raggiungere il punto dove la strada termina (m 563, comodo spazio per parcheggiare).

Descrizione

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri del Vento
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Marzo
Carta Tabacco
012
Dislivello
700
Lunghezza Km
7,6
Altitudine min
468
Altitudine max
1085
Tempi
Dati aggiornati al
2015
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 30/11/2016 Dopo 6 anni, ripercorso l'itinerario come da relazione S.N.- Ribadisco che la salita da Predaia al monte Lupo e la prosecuzione fino a forc.Vallata, pur non risultando sentiero CAI è ottimamente segnalato con segnavia bianco-rosso ed è facilmente percorribile. Oggi, in mancanza di ghiaccio o fango, anche il sent.974a è facilmente percorribile, mantenendo ovviamente la dovuta attenzione. Lo sconsiglierei in presenza appunto di neve, ghiaccio o fango.Anello remunerativo per diversità e panoramiche.Buona vita a tutti
  • 26/03/2016 Ripercorso oggi, 26/03/2016 a distanza di 4 anni, in una bella giornata di inizio primavera. La salita alle due elevazioni di Monte Lupo e di San Daniele del Monte, seppur a tratti ripida, non presenta alcun problema. Il tracciato risulta ripulito e sempre ben evidenziato dai segnavia bianco-rosso. Per la discesa volevo utilizzare il segnavia CAI N° 974a, ma dopo poche decine di metri mi sono imbattuto in uno strato di neve instabile su un ripido impluvio, che non me la sono sentita di attraversare; risalito alla forcella Vallata, sono rientrato per lo stesso percorso della salita. Notevoli le fioriture di erica che spicca tra i tronchi scheletriti di un vecchio incendio. Buone camminate a tutti. Bepi (Cividale).
  • 06/02/2016 Percorso fatto oggi 6-febbraio-2016. Il sentiero si presenta ben evidente e in ottime condizione. l'itinerario breve e panoramico non è troppo faticoso tuttavia a tratti risulta insidioso (specialmente in discesa) a causa della brina sul sentiero. Scendendo abbiamo trovato una fantastica fioritura di bucaneve.
  • 18/01/2016 Saliti sul Monte Lupo come da relazione S.N. partendo da Barcis anziché da Predaia. Trovato il percorso leggermente brinato, neve totalmente assente. Salite anche la cima belvedere con la croce e i pannelli solari (peccato non ci sia una panca!)e S. Daniele del Monte, il cui sentiero da forcella Vallata risulta in ordine e sfalciato, così come il sentiero 974a (purtroppo non segnalato in cartina Tabacco)utilizzato come via di pellegrinaggio alla cappella da tempo immemore. Segnalo che la pista inerbita menzionata nella relazione S.N. nei pressi dell'acquedotto non risulta più tale, almeno per ora. Nel complesso un bel percorso, panoramico, breve e non troppo faticoso, che offre un bel panorama verso il gruppo Cavallo- Col Nudo e Resettùm.
  • 18/01/2016 Itinerario svolto ieri come da relazione di S.N. in una splendida giornata di sole, anche se un pò freddina.Meritevole la breve deviazione, durante la prima parte del percorso, alla croce del M.Croce, molto panoramica sul lago di Barcis.Interessante pure la facile ascesa al M.S. Daniele, dove i resti del sacello sono stati riportati alla luce.La discesa dalla forcella Vallata risulta ora più agevole dopo lo sfalcio dell'erba.Purtroppo manca un libro di vetta per conoscere la reale fruizione escursionistica delle varie cimette.
  • 23/12/2015 Escursione fatta il 22/12/2015 . Tutto estremamente semplice, direi indicato come passeggiata anche per famiglie (almeno fino al Monte Lupo).Tutto molto bello e rilassante , ieri ,in più, partito con forte nebbia da Predaia e uscito sopra le nuvole dopo gli 800mt...uno spettacolo.
  • 26/10/2015 Anello percorso sabato 24, come descritto, con tempo splendido. Molto ripida la salita, su sentiero purtroppo spesso invaso da vegetazione, ma ne vale la pena. Percorrere la dorsale è uno spettacolo continuo. Interessante la salita ai ruderi di San Daniele al Monte, specialmente dopo averne letto la storia dettagliata che si può trovare sul sito barcis.fvg.it.Discesa ben più agevole sul 974a, con un minimo di attenzione in un paio di punti esposti.
  • 06/04/2015 Effettuata oggi 06.04.2015 in formazione tipo: 2 adulti e 2 bambini.Giornata limpida e fresca, ma la salita decisa (seconda forse alla salita a casera Galvana in val Zemola) contribuisce a riscaldare l'inizio della escursione.Sentiero segnalato benissimo in tutti i suoi tratti. In questa stagione l'erba lunga e asciutta, disseccata dopo l'inverno, produce sul sentiero un effetto paglia, che nella lunga discesa può causare inopportuni scivolamenti.Anello comunque molto suggestivo.
  • 20/03/2015 19/03/2015-Ripercorsa l'escursione al monte Lupo; la salita è davvero ripida, meno male che l'allenamento non manca...! poi arrivati in cresta è un vero piacere. Il rosa delle eriche copre i versanti; un po' di neve dell'altro giorno sui versanti nord. Ci precede una comitiva di 7 persone e cane, clima mite, bella vista sul lago di Barcis che presenta un livello di acqua molto basso. Buone escursioni.
  • 11/02/2015 La giornata è freddina,quanto basta per convincermi che la scelta del Monte Lupo è giusta.Previste medie sotto zero ai 1000m.Predaia coincide con la fine dell'asfalto.Incontriamo due abitanti,ultimi presidii allo spopolamento.La salita sarà breve,ma oggi ci accontentiamo.La neve è presente dall'inizio,copre i fianchi della dorsale,lasciando spazio asciutto ai nostri piedi.Per circa trecento metri di dislivello si prosegue spediti,poi la coltre aumenta di spessore.La traccia è battuta.Diverse persone ci hanno preceduto,scavando un solco ben gradinato.Più si sale,più il panorama si fa ampio.Il lago è piuttosto torbido e il suo livello è abbastanza basso.Il Cellina porta grandi quantità di detriti nell'invaso e nel punto di immissione il fondale si è parecchio alzato.Davanti a noi il Resettum si distende poderoso,mentre proseguiamo tra i faggi.Una piacevole progressione,ora che la ripidezza è diminuita.Quando si giunge alla cima del monte Lupo,quasi non ci se ne accorge.Un bollo bianco rosso su un albero e una scritta ce lo rammentano.Qui le tracce fresche si fermano.Ne rimangono altre un po' più datate.Proseguiamo per il sito di San Daniele.E' un luogo davvero interessante,una specie di trampolino rivolto all'entrata della valle.La neve è alta circa mezzo metro,soffice,quasi scivola sugli scarponi.Un sito che invita al pernottamento,con tenda e sacco a pelo.Scendiamo per il 974a,battuto da un paio di persone che ci hanno evitato l'onere,mentre la salita a San Daniele del Monte era intonsa.Il sentiero di rientro è piacevole,da non sottovalutare se innevato e segue tutte le pieghe della montagna.L'asfalto finale,dopo una gita così bella,non infastidisce,anche perché dura poco
  • 23/11/2014 Escursione fatta il 22-11-14. Con le prime nevicate fino a bassa quota, si rispolverano tutti i sentieri per così dire minori, così come il mago estrae dal cilindro il coniglio noi, abbiamo estratto il Lupo!…..scusate il M. Lupo. L’anello del M. Lupo è una di quelle escursioni che ti fanno pensare. Una cappella costruita in cima a una montagna, in un punto così impervio, così isolato, ma quale sarà stato il livello di fede che questi pellegrini avevano per spingersi a pregare fin lassù? Tornando alla nostra escursione, si presenta subito alla partenza con un sentierino piuttosto furbo fino quasi alla cima del M. Lupo. Il tratto che dalla cima del M. Lupo scende alla forcella Vallata e poi sale fino ai ruderi del sacello di S. Daniele, è davvero molto bello, anche tutto il tratto che dalla forcella riporta a valle è piacevole, tranne l’ultimo tratto nei pressi della presa dell’acquedotto che alcuni rovi tentano di tatuare le braccia o le gambe dei passanti. Poi la scarpinata sull’asfalto fino alla frazione di Predaia da dove siamo partiti, non è proprio il massimo. Complessivamente però una bella escursione, con panorami dalla cima a 360° sulle selvagge vette di questa zona, anello ben segnalato per tutto il percorso e senza neve. Unica cosa da evitare a mio parere, i periodi troppo piovosi o con formazione di ghiaccio al suolo.
  • 20/06/2014 Ritornata su questo sentiero del silenzio, silenzioso a parte i numerosi sorvoli aerei, l’erba alta e bagnata rinfresca dalle ginocchia in giù, grandi voli di farfalle ovunque. A Predaia non c’è più il traballante cartello in legno indicante tempi di salita, al suo posto piccola piazzola ecologica, il sentiero si diparte proprio lì dietro, evidente, fra due mucchi di sabbia per costruzioni. Gli scorci sul lago sono notevoli, come sempre il ceruleo è di grande impatto visivo; l’anello si porta a termine in 4 ore comprese un paio di soste, l’idea iniziale era di compiere al ritorno anche il vicino sentiero del Dint, ma un incontro inaspettato ha cambiato il piano.
  • 08/05/2014 Escursione fatta il 04-05-14, percorso ben segnalato con delle viste stupende su un azzurro lago di Barcis.
  • 26/03/2013 Escursione fatta venerdì. Facile, bella e panoramica, unico problema la neve abbondante, che ci ha rallentato un po', ma fortunatamente qualcuno ci aveva preceduto e così se non altro bastava seguire le impronte.
  • 13/01/2013 percorso fatto il 12-01, un sentiero ben segnalato e adatto a tutte le stagioni. Col freddo diventa indispensabile il k way, si capisce infatti che si sta percorrendo un sentiero del vento appena si arriva sul crinale del monte Lupo e l'aria penetra ovunque! la vista si appaga magnificamente per quanto la quota massima raggiunta non sia molto elevata.
  • 22/01/2012 Fatto oggi, in una assolata giornata invernale (+3°C alla partenza, +7°C al rientro). Per tutto il percorso la traccia è ben marcata e contrassegnata dai segnavia bianco-rosso; il sentiero è in alcuni tratti ripido, ma mai pericoloso (tutto con la dovuta attenzione), potrebbe diventarlo con terreno bagnato o ghiacciato, in questo caso dei ramponcini potrebbero rendere tutto più sicuro. Date le modeste altitudini, l'esposizione quasi tutta a sud, la scarsa presenza di vegetazione arborea, è consigliabile in questa stagione (se non c'è neve, come oggi). In salita impiegato 1h10m per il M.Lupo, altri 35m per S. Daniele del Monte. Avrei voluto fare l'anello come riferito da Gianfranco e Loredana, ma non avevo la descrizione e sulla carta Tabacco (acquistata appena ieri!) il sentiero non è riportato.Buone camminate a tutti. Giuseppe.
  • 31/12/2011 Fatto oggi il giro come proposto nel libro. Bello vista la giornata e la neve in cima. Tranquillizzo che anche con la neve non serve mettere il deretano a terra ma usare bene i bastoncini
  • 15/10/2011 Percorso oggi. L'irritante, anche se utile, cartello all'inizio del sentiero, detta i tempi: 2 ore fino a S. Daniele, dice. Io ci ho messo due ore mezza. La traccia, esile e stretta, ma sempre abbastanza evidente, sale ripida soffocata però spesso dall’erba, la qual cosa rende il mio passo un po’ incerto, specie in discesa: per precauzione ho superato un paio di punti con il deretano a terra. La prudenza non è mai abbastanza, e consiglio di fare altrettanto senza remore, in certe aeree condizioni, quando l’erba sdrucciolevole fa da trampolino per il lago 500 metri sotto. Poco prima della chiesa, ossami bianchi e levigati di mammifero medio, presumibilmente quadrupede, sono sparpagliati in quantità. Il sedime della chiesa è la famosa stanza di Gino Paoli senza più... pareti, ma alberi... alberi infiniti.
  • 20/04/2011 Fatto oggi l'anello come proposto nel libro; bello, in particolare la discesa dal sent.974a. Confermo che tutto l'anello è segnalato, non c'è a f.lla Vallata l'indicazione per S.Daniele ma è impossibile sbagliare: c'è un unico sentiero (segnalato) che sale a sx e l'aria è incredibilmente profumata dal cneoro lì abbondante, e su un cespo erano posati 2 notevoli macaoni. Dove il sentiero passa accanto alla recinzione e alla presa d'acqua sono in corso lavori di sbancamento per cui il segnavia si ritrova oltre un impluvio cementato.Bel giro.Loredana
  • 18/05/2010 Percorso il 18 Maggio 2010. Ora tutto il percorso descritto è segnato con i segnavia rosso bianco.
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • View on the Barcis Lake from Monte Lupo
    04/08/2016 View on the Barcis Lake from Monte Lupo
  • Fioriture di erica.
    26/03/2016 Fioriture di erica.
  • targa via di pellegrinaggio S. Daniele del Monte (16/01/16)
    18/01/2016 targa via di pellegrinaggio S. Daniele del Monte (16/01/16)
  • Case Picchei, 732 mt (16/01/16)
    18/01/2016 Case Picchei, 732 mt (16/01/16)
  • S. Daniele del Monte, 1085 mt.(16/01/16)
    18/01/2016 S. Daniele del Monte, 1085 mt.(16/01/16)
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Barcis
  • Webcam Claut
  • Webcam Poffabro monte Raut
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva