il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 146 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_9761
    Sulla dorsale del monte Corno dalla sella di Cima Corso
    Alpi Carniche
  • IMG_9757
    Sulla dorsale del monte Corno dalla sella di Cima Corso
    Alpi Carniche
  • IMG_9756
    Sulla dorsale del monte Corno dalla sella di Cima Corso
    Alpi Carniche
  • IMG_9748
    Sulla dorsale del monte Corno dalla sella di Cima Corso
    Alpi Carniche
  • IMG_9746
    Sulla dorsale del monte Corno dalla sella di Cima Corso
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNatura

Sulla dorsale del monte Corno dalla sella di Cima Corso

Avvicinamento

Percorrendo la strada che da Ampezzo conduce a Forni di sotto, poco prima della sella di Cima Corso, si incontra sulla sinistra un ampio parcheggio in corrispondenza dell'arrivo di quella che era la vecchia pista di discesa (m 836). Sistemato l'automezzo, iniziare l'escursione risalendo lungo il tratturo che parte a fianco della osteria Allo Skilift.

Descrizione

Il percorso segue il tracciato della pista di sci mantenendosi inizialmente sulla sinistra. Ai margini si sviluppa un rigoglioso bosco misto formato prevalentemente da faggio, acero di monte e pino silvestre che offrono nell'autunno una eccezionale combinazione di colori. Dopo un primo ripido tratto si raggiunge, con pendenza più moderata, il punto di arrivo dei dismessi impianti di risalita, ove si trova una piccola baita in legno, aperta e regolarmente mantenuta (m 1100, libro del rifugio).
Qui si incontrano le segnalazioni del sentiero CAI n.239 che risale dalla forca di Priuso aggirando le pendici del monte Pelois. Lo si segue verso destra iniziando a percorrere la dorsale del monte Jof affacciati ora sul versante meridionale. Il sentiero, oggetto di recente manutenzione, compie alcuni piccoli saliscendi che offrono un bel panorama sulla sottostante ansa del Tagliamento. Dopo poco il percorso assume le caratteristiche di una comoda mulattiera ed attraversa un bosco a prevalenza di pino silvestre ed abete rosso. Si immette poi nella carrareccia che sale dal parcheggio raggiungendo una piccola cappella (m 1117).
Qui si lascia sulla sinistra la prosecuzione della pista che scende nel fondovalle opposto verso Caprizzi e si continua lungo la dorsale. Al bivio successivo ci si tiene a sinistra tralasciando la prosecuzipne della pista principale sul versante nord del monte Corno. Percorso un tratto in quota nella faggeta, la mulattiera si affaccia nuovamente sul versante sud, offrendo interessanti vedute verso le Prealpi Carniche. Proseguire ancora per un tratto raggiungendo i ruderi dello stavolo Claupa di Sopra dove ci si innesta su una diramazione della pista lasciata in precedenza. Si può proseguire ancora per qualche minuto fin dove la sterrata raggiunge il punto di maggiore elevazione (la mulattiera originaria si trova qualche metro più in alto). Da qui, volendo, è possibile guadagnare in pochi minuti senza percorso obbligato la vetta del monte Corno, cercando i varchi migliori tra la vegetazione, consapevoli però che la cima, immersa in una fitta faggeta, non offre una visuale migliore.
Per il rientro, ritornare sui propri passi fino alla cappelletta e scendere poi sulla sinistra a comodi tornanti lungo la pista forestale o tramite il segnavia CAI che taglia nel bosco. Nei prati circostanti solo pochissime specie ravvivano ancora il paesaggio di ottobre: tra queste il colchico, il cardo montano e qualche genzianella delle Dolomiti. La piacevole discesa lungo questa strada, solo da ultimo asfaltata, ci riporta esattamente al punto di partenza.
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Ottobre
Carta Tabacco
02
Dislivello
400
Lunghezza Km
7,9
Altitudine min
836
Altitudine max
1202
Tempi
Dati aggiornati al
2012
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 31/10/2016 A distanza di 6 anni, son tornato su questo percorso, ma questa volta girando in senso anti orario. Diverse nuove strade sono state realizzate, non risultanti sulla carta tabacco, ma il percorso resta intuitivo. Bel percorso.Buona vita a tutti
  • 13/10/2010 percorso che consiglierei nel periodo autunnale, quando faggi e aceri prendono un colore da favola. Molto bella e funzionale la baita Jof a q.ta 1107, adibita a ricovero...di lusso.Buona vita a tutti
  • 03/06/2009 Bello anche in estate! Panoramone dopo la salita
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Tramonti di Sopra
  • Webcam Sauris di Sopra
  • Webcam Davost
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva