il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 144 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 45
Messaggio

Anello del Monte San Gabriele/Škabrijel da Salcano/Solkan.

02-02-2019 14:27
claudio.65 claudio.65
Il Monte San Gabriele/Škabrijel è stato uno dei peggiori e cruenti campi di battaglia durante la Grande Guerra sul fronte dell'Isonzo. Lungo le sue pendici si possono rinvenire tuttora numerosi resti di trinceramenti, caverne, postazioni d'artiglieria e mitragliatrice ed alcuni monumenti recentemente restaurati.
Allegato: 1. Škabrijel.jpg
Anello del Monte San Gabriele/Škabrijel da Salcano/Solkan.
Messaggio
02-02-2019 14:28
claudio.65 claudio.65
ACCESSO: Da Gorizia valicato il confine di stato, raggiungiamo Salcano/Solkan, dove lasciamo l'auto nel grande spiazzo di fronte alla chiesa parrocchiale dedicata a S. Stefano/Župnijska cerkev sv. Štefana .
Allegato: 2. Solkan.jpg
ACCESSO: Da Gorizia valicato il confine di stato, raggiungiamo Salcano/Solkan, dove lasciamo l'auto nel grande spiazzo di fronte alla chiesa parrocchiale dedicata a S. Stefano/Župnijska cerkev sv. Štefana .
Messaggio
02-02-2019 14:29
claudio.65 claudio.65
DESCRIZIONE: Dall'ampio parcheggio seguendo la viabilità interna del paese, arriviamo in breve all'inizio dell'Ulica Borisa Kalina, nei pressi del complesso scolastico, dove reperiamo l'indicazione relativa al percorso odierno con la tempistica stimata.
Allegato: 3. Indicazioni.jpg
DESCRIZIONE: Dall'ampio parcheggio seguendo la viabilità interna del paese, arriviamo in breve all'inizio dell'Ulica Borisa Kalina, nei pressi del complesso scolastico, dove reperiamo l'indicazione relativa al percorso odierno con la tempistica stimata.
Messaggio
02-02-2019 14:31
claudio.65 claudio.65
La stretta viuzza conduce in breve fuori dall'abitato, dirigendosi al sottopasso della tangenziale, transitando nei pressi di un vecchio lavatoio non molto valorizzato.
Allegato: 4. Lavatoio.jpg
La stretta viuzza conduce in breve fuori dall'abitato, dirigendosi  al sottopasso della tangenziale, transitando nei pressi di un vecchio lavatoio non molto valorizzato.
Messaggio
02-02-2019 14:32
claudio.65 claudio.65
Percorse poche decine di metri, abbandoniamo la rotabile e svoltiamo a sinistra imboccando un largo ed a tratti ripido sentiero nella boscaglia, contrassegnato dai soliti bolli biancorossi della PZS, fino ad incontrare un tracciato più ampio proveniente dalla sinistra, un tempo utilizzato per l'ascesa dal paese, ma attualmente chiuso da un cancello privato.
Allegato: 5. Sentiero.jpg
Percorse poche decine di metri, abbandoniamo la rotabile e svoltiamo a sinistra imboccando un largo ed a tratti ripido sentiero nella boscaglia, contrassegnato dai soliti bolli biancorossi della PZS, fino ad incontrare un tracciato più ampio proveniente d
Messaggio
02-02-2019 14:33
claudio.65 claudio.65
L'ampia mulattiera segnalata prosegue con alcune svolte, intersecando lungo il percorso un evidente trinceramento, prima testimonianza attualmente visibile della Grande Guerra sulle pendici occidentali del Colle di Santa Caterina/Sv. Katarina (322), dove in passato sono stati rinvenuti reperti dell'Età del Ferro.
Allegato: 6. Trincea.jpg
L'ampia mulattiera segnalata prosegue con alcune svolte, intersecando lungo il percorso un evidente trinceramento, prima testimonianza attualmente visibile della Grande Guerra sulle pendici occidentali del Colle di Santa Caterina/Sv. Katarina (322), dove
Messaggio
02-02-2019 14:34
claudio.65 claudio.65
Attraversando una zona con alcune stratificazioni rocciose affioranti, arriviamo in breve ad un bivio dove, svoltando bruscamente a destra, raggiungiamo con un traverso la rotabile asfaltata, proveniente dalla Gostilna Kekec, dove i più sfaticati possono giungere facilmente con la propria auto.
Allegato: 7. Rotabile.jpg
Attraversando una zona con alcune stratificazioni rocciose affioranti, arriviamo in breve ad un bivio dove, svoltando bruscamente a destra, raggiungiamo con un traverso la rotabile asfaltata, proveniente dalla Gostilna Kekec, dove i più sfaticati possono
Messaggio
02-02-2019 14:35
claudio.65 claudio.65
Ignorando tale direzione, proseguiamo il cammino verso levante, seguendo sempre i segnavia biancorossi della PZS, incontrando lungo il cammino ulteriori testimonianze relative alla Grande Guerra.
Allegato: 8. Caverna.jpg
Ignorando tale direzione, proseguiamo il cammino verso levante, seguendo sempre i segnavia biancorossi della PZS, incontrando lungo il cammino ulteriori testimonianze relative alla Grande Guerra.
Messaggio
02-02-2019 14:36
claudio.65 claudio.65
Tenendo la sinistra al successivo bivio, incontrando lungo il cammino alcune radure recintate, raggiungiamo una panchina di recente installazione con una piccola fonte.
Allegato: 9. Panchina.jpg
Tenendo la sinistra al successivo bivio, incontrando lungo il cammino alcune radure recintate, raggiungiamo una panchina di recente installazione con una piccola fonte.
Messaggio
02-02-2019 14:37
claudio.65 claudio.65
Abbandonato definitivamente l'asfalto, svoltiamo ancora a sinistra, seguendo la segnalazione relativa alla meta odierna, reperibile su un fabbricato del locale acquedotto.
Allegato: 10. Indicazioni.jpg
Abbandonato definitivamente l'asfalto, svoltiamo ancora a sinistra,  seguendo la segnalazione relativa alla meta odierna, reperibile su un fabbricato del locale acquedotto.
Messaggio
02-02-2019 14:41
claudio.65 claudio.65
L'ampio sterrato, prosegue fino all'evidente incrocio con il percorso proveniente dalla Sella Dol/Prevala dove, ignorando tale direzione, proseguiamo il cammino lungo lo sterrato con accesso consentito agli escursionisti da un apposito cartello.
Allegato: 11. Cartello.jpg
L'ampio sterrato, prosegue fino all'evidente incrocio con il percorso proveniente dalla Sella Dol/Prevala dove, ignorando tale direzione, proseguiamo il cammino lungo lo sterrato con accesso  consentito agli escursionisti da un apposito cartello.
Messaggio
02-02-2019 14:44
claudio.65 claudio.65
Dopo poche centinaia di metri un'indicazione del Sentiero di Pace/Pot Miru ed una breve deviazione a destra in discesa portano a visitare i resti di un posto di medicazione austroungarico/Saniteta.
Allegato: 12. Indicazione.jpg
Dopo poche centinaia di metri un'indicazione del Sentiero di Pace/Pot Miru ed una breve deviazione a destra in discesa portano a visitare i resti di un posto di medicazione austroungarico/Saniteta.
Messaggio
02-02-2019 14:47
claudio.65 claudio.65
Numerosi ingressi di caverne, testimoniano la destinazione del luogo, ubicato sul rovescio della quota 468, dove possiamo rinvenire la breve iscrizione "Februar", mancante però dell'anno d'incisione.
Allegato: 13. Iscrizione.jpg
Numerosi ingressi di caverne, testimoniano la destinazione del luogo, ubicato sul rovescio della quota 468, dove possiamo rinvenire la breve iscrizione "Februar", mancante però dell'anno d'incisione.
Messaggio
02-02-2019 14:50
claudio.65 claudio.65
Ritornati al percorso principale, raggiungiamo in breve il Monumento commemorativo del 4°Reggimento ungherese Honvéd/Madžarska piramida, recentemente restaurato e dotato di un pannello informativo quadrilingue.
Allegato: 14. Monumento.jpg
Ritornati al percorso principale, raggiungiamo in breve il Monumento commemorativo del 4°Reggimento ungherese Honvéd/Madžarska piramida, recentemente restaurato e dotato di un pannello informativo quadrilingue.
Messaggio
02-02-2019 14:51
claudio.65 claudio.65
Proseguendo nella boscaglia, abbandoniamo dopo pochi minuti l'ampio sterrato, svoltando a sinistra seguendo una piccola indicazione metallica, posta sul tronco di un albero.
Allegato: 15. Indicazione.jpg
Proseguendo nella boscaglia, abbandoniamo dopo pochi minuti l'ampio sterrato, svoltando a sinistra seguendo una piccola indicazione metallica, posta sul tronco di un albero.
Messaggio
02-02-2019 14:52
claudio.65 claudio.65
Il sentiero segnalato s'inerpica ora con alcune svolte e tratti rinforzati da gradini in legno, rasentando alcune diramazioni laterali, chiuse da rudimentali cancelli, fino ad un rustico bivacco, utile per una breve sosta ed un precario riparo in caso di maltempo.
Allegato: 16. Bivacco.jpg
Il sentiero segnalato s'inerpica ora con alcune svolte e tratti rinforzati da gradini in legno, rasentando alcune diramazioni laterali, chiuse da rudimentali cancelli, fino ad un rustico bivacco, utile per una breve sosta ed un precario riparo in caso di
Messaggio
02-02-2019 14:53
claudio.65 claudio.65
Un paio di tornanti, inframmezzati da lunghi rettifili, conducono quindi verso la zona sommitale del rilievo, dove la pendenza si appiana notevolmente.
Allegato: 17. Sentiero.jpg
Un paio di tornanti, inframmezzati da lunghi rettifili, conducono quindi verso la zona sommitale del rilievo, dove la pendenza si appiana notevolmente.
Messaggio
02-02-2019 14:54
claudio.65 claudio.65
Ulteriori svolte conducono infine alla vetta del San Gabriele/Škabrijel, dove troviamo un monumento commemorativo, la bandiera slovena ed i libri di vetta.
Allegato: 18. Vetta.jpg
Ulteriori svolte conducono infine alla vetta del San Gabriele/Škabrijel, dove troviamo un monumento commemorativo, la bandiera slovena ed i libri di vetta.
Messaggio
02-02-2019 14:56
claudio.65 claudio.65
A breve distanza svetta la grande e discutibile torre d'osservazione, recentemente realizzata per offrire una migliore vista panoramica ai fruitori del sito.
Allegato: 19. Torre panoramica.jpg
A breve distanza svetta la grande e discutibile torre d'osservazione, recentemente realizzata per offrire una migliore vista panoramica ai fruitori del sito.
Messaggio
02-02-2019 14:58
claudio.65 claudio.65
Dall'ampia radura sommitale, tralasciando la prosecuzione diretta a Raunizza/Ravnica, scendiamo ora verso settentrione, lungo il Sentiero di Pace/Pot Miru, rasentando una piccola area di sosta coperta con tavolo e panche ed a breve distanza sulla sinistra alcune postazioni austroungariche recentemente ripulite dalla vegetazione infestante.
Allegato: 20. Area di sosta.jpg
Dall'ampia radura sommitale, tralasciando la prosecuzione diretta a Raunizza/Ravnica, scendiamo ora verso settentrione, lungo il Sentiero di Pace/Pot Miru, rasentando una piccola area di sosta coperta con tavolo e panche ed a breve distanza sulla sinistra
Messaggio
02-02-2019 15:05
claudio.65 claudio.65
Il percorso contrassegnato dalle segnalazioni rossonere prosegue, incontrando lungo il cammino ulteriori testimonianze relative alla Grande Guerra disseminate lungo la boscosa dorsale.
Allegato: 21. Postazioni.jpg
Il percorso contrassegnato dalle segnalazioni rossonere prosegue, incontrando lungo il cammino ulteriori testimonianze relative alla Grande Guerra disseminate lungo la boscosa dorsale.
Messaggio
02-02-2019 15:07
claudio.65 claudio.65
Mentre alla nostra destra ad alcune decine di metri si nota un muro confinario piuttosto evidente.
Allegato: 22. Muro confinario.jpg
Mentre alla nostra destra ad alcune decine di metri si nota un muro confinario piuttosto evidente.
Messaggio
02-02-2019 15:08
claudio.65 claudio.65
Scendendo lungamente nel bosco, una deviazione segnalata a sinistra porta a visitare i resti di alcune cannoniere austroungariche ed un tratto di trincea parzialmente restaurato, nei pressi della quota 552, con un punto panoramico fornito di una rozza panchina.
Allegato: 23. Cannoniera.jpg
Scendendo lungamente nel bosco, una deviazione segnalata a sinistra porta a visitare i resti di alcune cannoniere austroungariche ed un tratto di trincea parzialmente restaurato, nei pressi della quota 552, con un punto panoramico fornito di una rozza pan
Messaggio
02-02-2019 15:09
claudio.65 claudio.65
Ulteriori postazioni, recentemente recuperate, visitabili con qualche cautela, si rinvengono ai lati del sentiero segnalato.
Allegato: 24. Postazione.jpg
Ulteriori postazioni, recentemente recuperate, visitabili con qualche cautela, si rinvengono ai lati del sentiero segnalato.
Messaggio
02-02-2019 15:14
claudio.65 claudio.65
Il Pot Miru arriva quindi all'evidente pannello descrittivo delle posizioni italiane nei pressi della contesa vetta del Colle Grande/Veliki Hrib (526) dove, svoltando a destra, lasciamo momentaneamente il percorso principale.
Allegato: 25. Pannello.jpg
Il Pot Miru arriva quindi all'evidente pannello descrittivo delle posizioni italiane nei pressi della contesa vetta del Colle Grande/Veliki Hrib (526) dove, svoltando a destra, lasciamo momentaneamente il percorso principale.
Messaggio
02-02-2019 15:15
claudio.65 claudio.65
Il percorso circolare/Krožna pot, inoltrandosi nella fitta boscaglia, conduce al pannello descrittivo delle posizioni austroungariche sul rovescio del Veliki Hrib ed al caratteristico monumento austroungarico, recentemente recuperato.
Allegato: 26. Monumento.jpg
Il percorso circolare/Krožna pot, inoltrandosi nella fitta boscaglia, conduce al pannello descrittivo delle posizioni austroungariche sul rovescio del Veliki Hrib ed al caratteristico monumento austroungarico, recentemente recuperato.
Messaggio
02-02-2019 15:17
claudio.65 claudio.65
A breve distanza ulteriori caverne e postazioni imperialregie recentemente ripristinate, affiorano dal terreno dopo decenni d'oblio.
Allegato: 27. Caverna.jpg
A breve distanza ulteriori caverne e postazioni imperialregie recentemente ripristinate, affiorano dal terreno dopo decenni d'oblio.
Messaggio
02-02-2019 15:18
claudio.65 claudio.65
Rasentando alcuni trinceramenti, fortemente contesi fra le due armate durante il conflitto, ritorniamo quindi al percorso principale.
Allegato: 28. Trinceramenti.jpg
Rasentando alcuni trinceramenti, fortemente contesi fra le due armate durante il conflitto, ritorniamo quindi al percorso principale.
Messaggio
02-02-2019 15:23
claudio.65 claudio.65
Svoltando a destra, scendiamo ora con ampie svolte nel bosco, rinvenendo lungo il cammino le precarie posizioni italiane, punto di partenza dei sanguinosi assalti alle quote sovrastanti.
Allegato: 29. Sentiero.jpg
Svoltando a destra, scendiamo ora con ampie svolte nel bosco, rinvenendo lungo il cammino le precarie posizioni italiane,  punto di partenza dei sanguinosi assalti alle quote sovrastanti.
Messaggio
02-02-2019 15:25
claudio.65 claudio.65
Raggiunto ripidamente lo sterrato proveniente dalla Sella Dol/Prevala, è consigliabile una breve deviazione sino all'ampio valico, attraversato dalla rotabile diretta alla Selva di Tarnova/Trnovski gozd.
Allegato: 30. Bivio.jpg
Raggiunto ripidamente lo sterrato proveniente dalla Sella Dol/Prevala, è consigliabile una breve deviazione sino all'ampio valico, attraversato dalla rotabile diretta alla Selva di Tarnova/Trnovski gozd.
Messaggio
02-02-2019 15:31
claudio.65 claudio.65
Sull'insellatura, eventuale punto di partenza alternativo, troviamo il recente monumento commemorativo dedicato al Generale Svetozar Boroević pl. Bojna, comandante delle truppe austroungariche sul fronte del Carso e dell'Isonzo, un grande pannello descrittivo ed un'area di sosta.
Allegato: 31. Monumento.jpg
Sull'insellatura, eventuale punto di partenza alternativo, troviamo il recente monumento commemorativo dedicato al Generale Svetozar Boroević pl. Bojna, comandante delle truppe austroungariche sul fronte del Carso e dell'Isonzo, un grande pannello descrit
Messaggio
02-02-2019 15:35
claudio.65 claudio.65
Ritornati al bivio precedente, proseguiamo in discesa verso meridione lungo l'ampio tracciato segnalato, fino alla successiva indicazione.
Allegato: 32. Discesa.jpg
Ritornati al bivio precedente, proseguiamo in discesa verso meridione lungo l'ampio tracciato segnalato, fino alla successiva indicazione.
Messaggio
02-02-2019 15:41
claudio.65 claudio.65
Una breve deviazione a destra conduce ad una trincea austroungarica con caverna ed iscrizione dell'87° Reggimento Fanteria di Celje.
Allegato: 33. Trincea.jpg
Una breve deviazione a destra conduce ad una trincea austroungarica con caverna ed iscrizione dell'87° Reggimento Fanteria di Celje.
Messaggio
02-02-2019 15:47
claudio.65 claudio.65
Tali posizioni vennero occupate in seguito dai reparti italiani e vennero usate come punto di partenza per gli assalti alle quote sovrastanti.
Allegato: 34. Iscrizioni.jpg
Tali posizioni vennero occupate in seguito dai reparti italiani e vennero usate come punto di partenza per gli assalti alle quote sovrastanti.
Messaggio
02-02-2019 15:50
claudio.65 claudio.65
Ritornati al percorso principale, proseguendo verso meridione, rasentiamo ulteriori trincee in attesa di recupero, semisepolte dalla vegetazione infestante.
Allegato: 35. Trincea.jpg
Ritornati al percorso principale, proseguendo verso meridione, rasentiamo ulteriori trincee in attesa di recupero, semisepolte dalla vegetazione infestante.
Messaggio
02-02-2019 15:54
claudio.65 claudio.65
Arrivati all'evidente incrocio nei pressi del cartello con accesso regolamentato, incontrato all'andata, svoltiamo a destra, riprendendo la via del ritorno.
Allegato: 36. Indicazioni.jpg
Arrivati all'evidente incrocio nei pressi del cartello con accesso regolamentato, incontrato all'andata, svoltiamo a destra, riprendendo la via del ritorno.
Messaggio
02-02-2019 15:56
claudio.65 claudio.65
Percorso il tratto di rotabile asfaltata fino al bivio con la diramazione diretta alla Gostilna Kecec, riprendiamo il sentiero segnalato, scendendo nuovamente fino a Salcano/Solkan, concludendo l'interessante escursione odierna.
Allegato: 37. Rientro.jpg
Percorso il tratto di rotabile asfaltata fino al bivio con la diramazione diretta alla Gostilna Kecec, riprendiamo il sentiero segnalato, scendendo nuovamente fino a Salcano/Solkan, concludendo l'interessante escursione odierna.
Messaggio
02-02-2019 16:11
claudio.65 claudio.65
NOTA TECNICA:
Quota minima: Salcano/Solkan 95 metri
Quota massima: San Gabriele/Škabrijel 646 metri
Dislivello: 551 metri
Dislivello reale: 630 metri, calcolando le varie risalite
Tempo totale: 3 ore e 1/2, escluse le eventuali soste
Cartografia consigliata in scala 1.25.000:
"BRDA-KANAL-NOVA GORICA"
Drzavna topografska karta,"Nova Gorica" foglio 128
Data escursione: Gennaio 2019
Allegato: 38. Panorama.jpg
NOTA TECNICA:<br />Quota minima: Salcano/Solkan 95 metri<br />Quota massima: San Gabriele/Škabrijel 646 metri<br />Dislivello: 551 metri<br />Dislivello reale: 630 metri, calcolando le varie risalite<br />Tempo totale: 3 ore e 1/2, escluse le eventuali so
Messaggio
11-03-2019 20:19
claudio.65 claudio.65
VARIANTI: Durante la parte finale dell'itinerario descritto, possiamo scegliere un paio di rientri alternativi a Salcano. Il primo svoltando a destra al bivio con il tracciato più ampio proveniente dal paese (foto 5), abbandonando il percorso segnalato.
Allegato: 39. Sterrato.jpg
VARIANTI: Durante la parte finale dell'itinerario descritto, possiamo scegliere un paio di rientri alternativi a Salcano. Il primo svoltando a destra al bivio con il tracciato più ampio proveniente dal paese (foto 5), abbandonando il percorso segnalato.
Messaggio
11-03-2019 20:24
claudio.65 claudio.65
Lo sterrato prosegue con alcune svolte, rasentando la recinzione di alcuni orti e quindi, raggiunto un cancello privato chiuso da un lucchetto, scende decisamente verso un vigneto.
Allegato: 40. Sterrato.jpg
Lo sterrato prosegue con alcune svolte, rasentando la recinzione di alcuni orti e quindi, raggiunto un cancello privato chiuso da un lucchetto, scende decisamente verso un vigneto.
Messaggio
11-03-2019 20:28
claudio.65 claudio.65
Passando accanto ad una precaria costruzione, alcune svolte conducono ad un cancello serrato da un robusto lucchetto, comunque aggirabile da un varco alla sinistra.
Allegato: 41. Cancello.jpg
Passando accanto ad una precaria costruzione, alcune svolte conducono ad un cancello serrato da un robusto lucchetto, comunque aggirabile da un varco alla sinistra.
Messaggio
11-03-2019 20:36
claudio.65 claudio.65
Transitando brevemente in una zona soggetta a smottamenti, segnalata da un apposito cartello al termine dello sterrato, passati sotto un cavalcavia, raggiungiamo in breve le prime case del paese ed il grande spiazzo di fronte alla chiesa.
Allegato: 42. Solkan.jpg
Transitando brevemente in una zona soggetta a smottamenti, segnalata da un apposito cartello al termine dello sterrato, passati sotto un cavalcavia, raggiungiamo in breve le prime case del paese ed il grande spiazzo di fronte alla chiesa.
Messaggio
11-03-2019 20:40
claudio.65 claudio.65
Il secondo rientro alternativo inizia oltrepassando il bivio con il tracciato più ampio proveniente dal paese (foto 39) e proseguendo per alcune decine di metri, sino ad un evidente incrocio.
Allegato: 43. Incrocio.jpg
Il secondo rientro alternativo inizia oltrepassando il bivio con il tracciato più ampio proveniente dal paese (foto 39) e proseguendo per alcune decine di metri, sino ad un evidente incrocio.
Messaggio
11-03-2019 20:43
claudio.65 claudio.65
Abbandonato il percorso segnalato svoltiamo a destra, seguendo un marcato sentiero privo di segnavia, rasentando le recinzioni di alcuni orti.
Allegato: 44. Sentiero.jpg
Abbandonato il percorso segnalato svoltiamo a destra, seguendo un marcato sentiero privo di segnavia, rasentando le recinzioni di alcuni orti.
Messaggio
11-03-2019 20:49
claudio.65 claudio.65
Una ripida discesa ed alcune svolte conducono quindi ad una stradina, confluendo nella variante precedente, con la quale rientriamo alle prime case del paese ed all'auto.
Allegato: 45. Discesa.jpg
Una ripida discesa ed alcune svolte conducono quindi ad una stradina, confluendo nella variante precedente, con la quale rientriamo alle prime case del paese ed all'auto.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva