il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 184 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum segnalazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 6
Messaggio

serpentello

21-04-2018 19:33
giuseppe.venica giuseppe.venica
In rientro dall'anello del monte Taront, lungo il Sentiero Tematico N°6,ho incrociato questo serpentello, probabilmente mi ha sentito arrivare ed ha sibilato, quel tanto da mettermi all'erta ed evitare un incontro ancora più ravvicinato. Mi rivolgo ai tanti amici esperti di Sentieri Natura: è forse un marasso; quanto è velenoso? Grazie. Bepi da Cividale.
Allegato: serpentello tipo madrasso.JPG
serpentello
Messaggio
21-04-2018 22:42
ivo.sentierinatura ivo.sentierinatura
Ricordo che le domande su flora e fauna vanno inviate al forum segnalazioni dove un gruppo di esperti cercherà di chiarire i vostri dubbi.
Messaggio
22-04-2018 00:42
tiziano.fiorenza tiziano.fiorenza
Buonasera! Si tratta di una vipera dal corno (Vipera ammodytes), direi di sesso femminile. Essendo un viperide è dotata di un efficiente apparato velenifero che usa per procacciarsi le prede, per lo più piccoli mammiferi. Non è aggressiva e reagisca mordendo solamente per difendersi. Complimenti per la foto e l'osservazione.
Messaggio
22-04-2018 00:48
tiziano.fiorenza tiziano.fiorenza
Peer completare la risposta, ovvero sulla velenosità, le vipere nostrane (Vipera ammodytes, Vipera aspis e Vipera berus) mantengono una quantità di veleno inoculato per morso ben lontana dalla dose letale. Infatti in Europa la mortalità delle persone che vengono morsicate da vipere è intorno all'1% dei casi. In tutti i casi che ho potuto seguire nella regione Friuli Venezia Giulia gli eventi di aggressione di vipere a uomo sono avvenute a causa di gravi disattenzioni da parte delle persone, soprattutto in attività lavorative o durante workshop fotografici. Tutti sempre con esito positivo. Ricordo ancora che in caso di morso bisogna mantenere la calma, mettersi in contatto con l'area di emergenza sanitaria, spiegare eventuali patologie del colpito e sintomi eventualmente manifestati dopo il morso, fasciare l'arto colpito come se fosse fratturato, mantenere il paziente più fermo possibile, recarsi al pronto soccorso indicato. Assolutamente no siero, non succhiare la ferita, no tagli, no lacci, ovvero nessuna manovra sanitaria se non concordata col personale dell'area d'emergenza. Saluti
Messaggio
22-04-2018 00:49
tiziano.fiorenza tiziano.fiorenza
Peer completare la risposta, ovvero sulla velenosità, le vipere nostrane (Vipera ammodytes, Vipera aspis e Vipera berus) mantengono una quantità di veleno inoculato per morso ben lontana dalla dose letale. Infatti in Europa la mortalità delle persone che vengono morsicate da vipere è intorno all'1% dei casi. In tutti i casi che ho potuto seguire nella regione Friuli Venezia Giulia gli eventi di aggressione di vipere a uomo sono avvenute a causa di gravi disattenzioni da parte delle persone, soprattutto in attività lavorative o durante workshop fotografici. Tutti sempre con esito positivo. Ricordo ancora che in caso di morso bisogna mantenere la calma, mettersi in contatto con l'area di emergenza sanitaria, spiegare eventuali patologie del colpito e sintomi eventualmente manifestati dopo il morso, fasciare l'arto colpito come se fosse fratturato, mantenere il paziente più fermo possibile, recarsi al pronto soccorso indicato. Assolutamente no siero, non succhiare la ferita, no tagli, no lacci, ovvero nessuna manovra sanitaria se non concordata col personale dell'area d'emergenza. Saluti
Messaggio
22-04-2018 18:14
giuseppe.venica giuseppe.venica
Ancora una volta grazie 1000 agli amici di SN per la precisa e puntuale risposta. La foto (non fotoscioppata) non è granchè, ma appena sentito il sibilo non ho avuto molto tempo per prendere la picola macchina fotografica, eppoi il soggetto non aveva tanta voglia di mettersi in posa! Mandi e grazie.
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva