il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 85 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum segnalazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 2
Messaggio

Erebia medusa?

01-08-2017 13:26
francesca francesca
Ieri, scendendo in Val d'Olbe sopra Sappada, lungo il sentiero 141 intorno ai 1700-1800 mt, ho avvistato questa Erebia. Se ne stava tranquillamente posata e stranamente non se ne andava al nostro passaggio, tanto che in un primo momento pensavo fosse morta. E' rimasta alcuni minuti immobile, nonostante la nostra presenza ravvicinata. Comportamento insolito per una farfalla? Ha subito catturato la mia attenzione, visto che assomiglia molto a quella vista poco tempo fa sulla mulattiera per il Cregnedul. Stessa posizione delle ali, allungate in apertura verso il basso del corpo rispetto alla testa.
La differenza sta nel colore delle ali e delle macchie fulve che mettono in evidenza i piccoli ocelli bianchi contornati da un alone di nero sfumato.
Mi scuso per la qualità scadente della foto, avendo solo il cellulare disponibile.
Ho capovolto la foto per una osservazione migliore e cercato di mettere a fuoco maggiormente il centro della immagine scurendo leggermente i bordi. Ho aggiunto solamente un po' di luce, mentre i colori sono originali.
Anche stavolta niente pagina inferiore, perchè dopo alla fine è volata via.
Colgo l'occasione per unirmi ai ringraziamenti di Ivo nei confronti degli autorevoli esperti coi quali ho avuto il privilegio di confrontarmi per chiarire dubbi e curiosità riguardo a flora, fauna e mineralogia/geologia.
Allegato: Erebia.jpg
Erebia medusa?
Messaggio
02-08-2017 11:56
pietro.zandigiacomo pietro.zandigiacomo
Cara Francesca,

mi dispiace, ma non mi sembra una Erebia medusa (ribadisco la mia difficoltà nella identificazione delle specie di questo genere!).
Obiettivamente si vedono:

- la banda post-discale rossa molto estesa,
- ocelli neri pupillati di bianco (le grosse pupille sembrano di colore bianco brillante),
- frange marginali delle ali a scacchi bianchi e bruni.

Tutto ciò (in mancanza della visione di disegni e macchie sulla pagina inferiore), sempre utilizzando il bel volume di Paolucci ("Le farfalle dell'Italia nordorientale"), mi porta a considerare la possibilità che si tratti di Erebia ligea, specie abbastanza comune fino ai 2000 m, ben presente sulle nostre montagne.
Ma non ci metto la mano sul fuoco!
Mi piacerebbe sentire altri pareri.

saluti

Pietro


© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva