il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 44 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni altro   Precedente Successivo
N. record trovati: 18
Messaggio

Anello del Monte Cofano dalla Cala Bugulo (Località cornino Tp ).

13-09-2013 10:53
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
Anello del Monte Cofano dalla Cala Bugulo (Località cornino Tp ).
L’ottima idea di Ivo Pecile di aprire ad altre località fuori regione mi ha fatto pensare ad alcune delle mie escursioni estive in terra di Sicilia . Prevalentemente montuosa e con un vulcano che supera i 3000 metri si presta alla natura del sito e del Forum.
L’anello sopracitato fa parte del gruppo dei Monti Erei ( alpennini ) che ingloba più riserve naturali tra cui il Lo Zingaro .


L’escursione è nata per caso , abitando nelle vacanze estive in Palermo, ho sempre prediletto i posti marini selvatici e privi dell’invadente massa di vacanzieri ,il luogo sopra citato è raggiungibile dal centro di palermo in meno di due ore . L’avvicinamento da Palermo è affascinante, perché si percorre una costa lambita a destra da monti dalle rocce che vanno dal rosa all’arancio e traversando agrumeti e sulla sinistra si ha sempre il mare. Superata la località di Castellamare del Golfo si entra in un territorio che ci porta indietro nel tempo, con piccole frazioni dove l’ ospitalità la si nota negli sguardi della gente .La statale segue le indicazioni per San vito Lo Capo si arriva fino ad un bivio dove seguiamo le indicazioni per Cornino . Cornino è un piccolo porto turistico , seguiamo la litoranea sulla destra fino ad arrivare in un tratto sterrato dove c’è un ampio parcheggio ( Cala Bugulo )sulla destra il mare con una spiaggia di sabbia mista a scogli ,di fronte a noi l’affascinate mole del monte Cofano . Nella portabagagli quando sono in ferie tengo sempre un attrezzatura base da escursionista, e il vedere quel monte mi stimolava più a salirlo che ad ammirarlo da lontano, fatto un bagno e informato moglie e prole delle mie intenzioni ecursionistiche , mi sono attrezzato, scarpette di avvicinamento, bermuda jeans, maglietta, zaino 3 litri d’acqua bastoncini e l’immancabile macchina fotografica . Intuendo che una traccia saliva fino ad una sella che divide il monte Cofano da una cava di marmo sulla destra mi sono incaminato e ho trovato un ampio sentiero che a piccole svolte con leggera pendenza sale verso la sella ( contrada Macarese ).Raggiunta la sella (quota 183 mt ) in dopo mezzoretta circa e dopo tanto sudare ( sono partito dalla cala alle 10:00 sotto sole cocente ) mi sono fermato ad pensare quale sentiero percorrere, ho visto una traccia che saliva sul monte, l’ho percorsa fino ad superare alcuni passaggi di primo grado, piccoli bolli rossi ne segnano la traccia..fino ad interrompere il percorso che diventava chiaramente alpinistico con passaggi di 2 ° e richiedeva l’aiuto della corda ,un po’ deluso abbandonando l’impresa di raggiungere la cima ( quota 659 )e ritorno sulla sella dove davanti mi si apre una depressione con un piccolo lago dove si abbeverano dei bovi .La scena è mitologica ai miei occhi, mi viene in mente uno dei canti dell’Odissea dove l’eroe che da nome all’opera ricorda gli avvertimenti di Eolo .L’isola abitata dalle sacre mucche che erano cari agli Dei , mi sveglio dal sogno e proseguo verso un piccolo villaggio abbandonato (Baglio Cofano ) .Entrare nelle stanze vuote, percorrere le mura bianche scaldate al sole,dove fanno bella mostra arnesi da contadino , lontani ricordi di una vita di stenti e di una impari lotta contro i sopprusi dei Nobili o dei fenomeni atmosferic i, ma la bellezza del luogo è da mozzafiato, mi siedo su una vecchia sedia davanti an un patio naturale dove un pino marino mi fa ombra e osservo dall’alto tutto quell’azzurro infinito, un sentimento chiamato felicità mi penetra seguito da tristezza , il non poter condividere con nessuno queste immagini paradisiache, metto da parte la melanconia e riprendo il cammino, la mia infallibile bussola interiore mi indirizza sotto le pendici del monte verso est aggirandone il lato e infatti il sentiero naturalistico riprende il suo percorso perdendo quota e con una serie di serpentine fino ad una quota di 20 mt sul livello del mare dove il sentiero con percosso circolare antiorario circunaviga il monte .Ora il sentiero ha un percorso quasi orizzontale ed è aderente alla scogliera sottostante , prima passa vicino la Tonnara di Cofano e sempre costeggiando la scogliera con tratti aerei e resi sicuri da passamani in legno attraversa anfratti antichi e pieni di storia come il sito archeologico dove sono state trovati reperti del periodo paleolitico, o simboli religiosi come la piccola cappella votiva del Crocifisso , fino a superare la vecchia torre di avvistamento aragonese( torre Cofano ) .Dopo la torre il sentiero si fa più largo e si addentra su un ampia distesa selvatica dove fanno bella mostra di se alcuni grandi massi ornati da ficodindia , le pareti strapombianti del Monte cofano ora hanno le sembianze di guglie gotiche ricordando le più note dolomiti ,Il sentiero naturalistico ora volge al temine chiudendo l’anello escursionistico a Cala Bugulo, dove mi attende un bagno rinfrescante nel trasparente mare del Monte Cofano.
Note: sentiero naturalistico difficoltà turistiche tranne la salita alla cima che è alpinistico con passaggi di 1° e 2° Grado attrezzati (cavo ) .
Dalla sella si sale leggermente verso N fino ad uno spuntone roccioso isolato, sotto le pareti. Si risale il pendio, prima verso NW quindi verso NE lungo un sentierino poco marcato, giungendo a placche inclinate, che si superano (delicato) fino ad una paretina con chiodo alla base e corda fissa. Si supera un breve passaggio verticale (II-, attrezzato) e si esce sul pendio che scende dalla vetta. Si sale un po´ faticosamente, seguendo vaghe tracce e radi ometti fra la vegetazione e oltrepassando i ruderi di una costruzione, fino alla vetta(libro di vetta ).
Non ci sono fonti d’acqua lungo il percorso, quindi portarsi al seguito una ampia scorta.
Periodo consigliato: primavera e autunno, molto caldo d´estate
Allegato: san vitolo capo 314.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:29
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
sentiero che sale verso la sella
Allegato: san vito locapo 2 030.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:30
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
veduta dalla sella, sullosfondo il Monte Erice
Allegato: san vito locapo 2 052.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:33
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
laghetto naturale con bovi
Allegato: san vito locapo 2 127.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:38
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
sentiero che porta alla cima
Allegato: san vito locapo 2 085.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:38
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
parte terminale prima della paretina attrezzata
Allegato: san vito locapo 2 104.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:41
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
baglio cofano
Allegato: san vito locapo 2 151.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:41
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
pulpito panoramico
Allegato: san vito locapo 2 140.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:43
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
la tonnara Cofano
Allegato: san vitolo capo 270.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:46
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
sentiero con passamano
Allegato: san vitolo capo 307.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:46
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
edicola votiva
Allegato: san vitolo capo 308.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:47
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
torre aragonese
Allegato: san vitolo capo 328.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:47
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
guglie di roccia
Allegato: san vitolo capo 340.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:48
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
elementi paesaggistici
Allegato: san vitolo capo 359.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:58
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
tratto finale del sentiero
Allegato: san vitolo capo 364.JPG
Messaggio
13-09-2013 11:59
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
Cala Bugulo e sullo sfondo Monte Cofano
Allegato: san vitolo capo 366.JPG
Messaggio
16-09-2013 12:13
marco.raibl marco.raibl
Grazie per le informazioni.La Sicilia è sicuramente uno dei posti più belli che ho visto.È fuori dalla nostra normale frequentazione,ma non si sa mai... Chi ci va,poi,pensa più al mare che ai monti.Solo un uomo del Sud contaminato dal Nord può fornirci simili primizie.Unico dubbio:andando da Palermo a Trapani il mare dovrebbe stare a destra.Grazie e buon ritorno in "patria".
Messaggio
16-09-2013 14:06
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
Grazie a te Marco delle attenzioni, ti rispondo al quesito , il mare andando da Palermo a Trapani il mare te lo ritrovi sulla destra , il sito è distante 90 km da Palermo e circa una ventina da trapani , una coppia di amici di Meduno ha fatto le ferie quest'anno in quella zona e ha trovato allogio per una settimana a San Vito lo Capo, questo permerterebbe di alzarsi con comodo la mattina ed escursionare altri monti del parco ;)
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva