il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 159 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Monte Tribil da Cludinico
N. record trovati: 10
Messaggio
08-12-2021 00:00
daniele.russo daniele.russo
Escursione effettuata ieri, 7/12/2021. Appena arrivato a Cludinico si palesa una montagna di neve... ciaspole ai piedi, il primo tratto sulla strada e' tutto sommato tranquillo e si affronta serenamente, su una traccia gia' battuta da altri escursionisti. Le cose cambiano al bivio col sentiero 165... decido di percorrere l'anello, cosi' come nella descrizione, ma si rivela una brutta idea: sul sentiero la traccia non e' battuta e di neve c'e n'e' tanta, e freschissima; a tratti il sentiero non e' evidente, soprattutto nei guadi, ma si riesce ad arrivare a Val di Lauco senza troppa fatica, complice la pendenza quasi azzerata. Da qui in poi le cose cambiano... di neve sul sentiero c'e n'e' tantissima, la salita e' molto ripida e si fatica a procedere; oltretutto nel tratto iniziale, appena sopra le case, non si trova l'imbocco del sentiero. Piu' su la traccia e' chiara, ma la fatica e' enorme. Arrivato finalmente in cima, all'incrocio con il 166, decido di non proseguire per la cima del Tribil, ma mi accontento di seguire la strada del ritorno... sara' per un'altra volta! Da sopra comunque il panorama e' eccezionale, la giornata estremamente limpida. Volendo fare una ciaspolata piu' tranquilla, si puo' pensare a proseguire la salita sulla strada, e lasciare perdere il sentiero 166 per il momento.
Messaggio
08-05-2021 20:31
annalu97 annalu97
Saliti oggi sul monte Tribil partendo da Cludinico e seguendo la carrareccia segnata col Cai 166. Subito dopo località Aiers, sulla pista forestale diversi alberi caduti costringono a fastidiose acrobazie, sull’ultimo tratto prima della cimetta c’è ancora abbastanza neve. Dopo una lunga sosta ad ammirare il vasto panorama, siamo ridiscesi lungo lo stesso percorso, tagliando ove possibile per il bosco, fino a intercettare il sentiero ( tratteggiato di nero sulla cartina) che con qualche segno Cai e l’aiuto del gps ci ha riportato agli Stavoli Aiers, evitando così gran parte degli schianti. Camminata un po’ noiosa , il paesaggio in cima però ripaga. Mandi a ducj
Messaggio
26-12-2019 18:53
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
Nella giornata di Santo Stefano siamo saliti da loc. Aiers alla cimetta del monte Tribil lungo la pista, salendo in ultimo liberamente i pochi metri che ci separano dalla quota. Poca neve, non c'è bisogno di ciaspe. Le ultime piogge hanno fatto lavoro di scioglimento. Più in alto, sul Tamai, si vedono i tanti sciatori portati in quota dagli impianti (che naturalmente scendono dalla parte opposta a noi). Qualche escursionista in cima all'Arvenis.
Scesi alla selletta abbiamo raggiunto la assolata malga di Claupa per la sosta spuntino prima di fare rientro.
Messaggio
20-11-2016 18:21
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
20/11/2016-Da loc Aiers saliti per pista al Tribil; poi per malga di Claupa saliti all'Arvenis; le nebbie salgono veloci e di continuo dal fondovalle alla cima. Niente neve, non freddo se non quello portato dall'umidità; incontrati altri sette escursionisti. Il giallo dei larici ravviva ancora il bosco malgrado il grigiore del cielo.
Messaggio
23-05-2016 22:03
denismitri denismitri
Anello da Val effettuato il 21/5/2016; saliti da Val con il sentiero CAI165 e scesi lungo la strada CAI166 fino agli stavoli di Aiers; dagli stavoli sentiero che riporta a Val. Per seguire il sentiero CAI166 alla partenza, si percorre una strada che termina nei pressi di alcune case. Si prosegue sul pendio erboso mirando ad un paletto rosso e a un pozzetto in cemento dove è presente un segnale biancorosso sbiadito. Dal pozzetto si risale il canale erboso a destra fino a trovare sulla sinistra la traccia del sentiero CAI 165.
Messaggio
26-07-2014 11:58
ectorus ectorus
Salito ieri. Dico subito un mio pensiero molto personale; a livello fotografico e panoramico, non vale la pena la salta da Cludinico. Tanto vale salire da Val. Va detto che oggi, con l'erba alta, il sent.166 che da Val arriva a forc.tribil è stato di difficile individuazione. La tabella in partenza giace per terra e la segnaletica, posta su sassi a terra è quasi invisibile causa, come detto, l'erba alta.Puntare su un'evidente pozzo chiuso in cemento.Con Val alle spalle, risalire verso l'alto tenendo a dx una recinzione di pascolo, Alla fine di questa, si nota un paletto interrato con segnaletica bianco/rossa. Da li diventa un po più evidente il sentiero.Volendo fare l'anello con rientro sulla carrareccia , porre attenzione all'individuazione del sentiero che poco prima di aiers, riporta a Val. Per il resto.......BUONA VITA A TUTTI

Messaggio
02-06-2013 22:42
askatasuna askatasuna
Tempo incerto e dubbi sulle condizioni dei sentieri mi portano a scegliere un itinerario dal “rientro sicuro” in qualsiasi condizione. Il cammino da Cludinico agli stavoli Aiers risulta per la maggior parte su asfalto.. per questo è consigliabile la partenza dai primi stavoli o un anello ridotto da Vas ma così facendo si perderebbe Tarlessa, meravigliosa oasi da girovagare di fiore in fiore, senza fretta.. I segnali sono radi e sbiaditi ma poche le possibilità di confusione. Il traverso verso Vas è individuabile con attenzione e l’arrivo nei suoi prati è un ampio sospiro. L’asfodelo montano si sta aprendo al primo sole.. Oggi son molte le “prime” dopo una lunga pausa, saluto infatti con gioia qualche raponzolo e delle cicerchie gialle. Oggi la visuale dal Tribil risalta ancor più con il tetto grigio di nubi che amplifica l’effetto dei pochi raggi di sole che filtrando illuminano il Coglians prima e il Peralba poi facendoli scintillare. Consiglio vivamente a questo punto di proseguire lungo la cresta fino al vicino Cucasit per un altro sguardo..il piccolo prezzo è la breve discesa, ripida ma sicura, verso la strada sottostante. Da qui la dorsale Piciat-Piombata sembra mangiata dalle nubi, un mare bianco preclude la vista a ogni cosa più bassa. Un’atmosfera bellissima che godo poco. Le nuvole sembran sempre più grigie e con voglia di far baldoria (si rivelerà un bluff). Il lungo ritorno non è troppo monotono tra mille fiori e il vociar di uccelli... lo sguardo cerca dettagli e accarezza il muschio, mentre le mie ginocchia cantan allegre il sollievo del dolce andare… preparandosi per una settimana di sole..
Messaggio
18-05-2012 00:00
loredana.bergagna loredana.bergagna
Questa non era la meta prescelta per ieri, giovedì, ma lo è diventata non volendo correre troppi rischi dopo la spruzzata di neve di mercoledì. In auto guardo le cime innevate e mi dico: speriamo bene! Cludinico ore 7, comodo parcheggio dietro la chiesa, cielo terso, 1°C...però!...M'incammino, come sempre bella carica, lungo la strada asfaltata che sale a destra, vecchio segnavia 166 in legno, nell'orticello lì accanto una signora, maniche corte, è già al lavoro. Nel bosco l'aria è frizzante, ai bordi della stradapoche stentate fioriture: qualche aquilegia, polmonaria e vedovella; presso il campo sportivo un camion fermo, alcune persone intente a ripulire i canalini e a sfalciare i bordi, passando accanto mi assale un senso di colpa perchè io me la spasso mentre altri lavorano, ma è solo un attimo, beh, mettiamo che sia il lato positivo dell'essere anziani. Continuo a salire, lungamente, con qualche tornante, alla sinistra uno stavolo ottimamente ristrutturato, salvia, una grande macchia bianca di iberis in fiore. A Tarlessa si sta bene al sole, silenzio totale, in prossimità di Aiers compare la neve, dapprima qualche chiazza e poi il pianoro è tutto imbiancato. Cammino senza difficoltà anche nel bosco, il terreno è a tratti un po' scivoloso, un po' di fango lungo il sentiero verso Val, mi accompagna il rumore della neve che cade dai rami. Val, un gallo canta (solo una volta), un grosso cane nero abbaia furiosamente al mio passaggio, attacco il sentiero 165 dal piazzale, il monte Tribil è imbiancato, nel primo tratto fatico ad individuare il percorso ma in alto un paletto bianco/rosso mi viene in aiuto. Adesso cammino fra neve e fango, una poltiglia, qualche genziana, bei cespo di ranuncoli e i lunghi steli del licopodium. La fatica della salita è ripagata dalla vista di cui posso godere, suggestiva in questo giovedì di metà maggio. Sotto la sella di TRribil si allunga la malga di Claupa dominata dall'Arvens, salgo lungo il filo della dorsale del Tribil, il paio di centimetri di neve nascondono ogni traccia, ovunque bassi cespugli e legnosi rododendri, ma il panorama è vasto. Scendo in direzione della sottostante mulattiera che percorro fino ad Aiers, è questo un tratto un po' monotono e spacca ginocchia ma la pace del percorso ripaga; da lì la strada è nota ma comunque vedo cose che all'andata mi erano sfuggite: anemoni, primule odorose, polmonaria, violette, fragoline in fiore, il profumo dell'erba tagliata di recente, i canalini ripuliti....e rieccomi a Cludinico, arriva un auto, vocio di bambini. ...ed io che credevo di aver buttato al vento una giornata..... Loredana
Messaggio
05-05-2012 00:00
luca.deronch luca.deronch
Il primo maggio , scendendo dal monte Tribil per la strada forestale volevo arrivare agli stavoli Aiers e poi rientrare a Val di Lauco, un po’ più in basso rispetto alle indicazioni della tabacco, attraverso vecchie tracce di camminamenti . Nei pressi di un tornante ( se non sbaglio il sesto in discesa) un ometto a bordo strada indica una traccia che entra nel bosco che dovrebbe essere il sentiero CAI 166 . Infatti per un primo tratto i segnavia biancorossi lo confermano. Questo pezzo di sentiero dovrebbe evitare tutta la strada e sbucare agli stavoli invece dopo qualche centinaio di metri si perde nel bosco tra la vegetazione. Niente di grave, basta risalire e riprendere la strada , al tornante successivo basta fare un po’ di attenzione e su un albero si trova una scritta rossa “Val” che attraverso un bel bosco di faggi sbuca nei prati di Val. Insomma seguendo la relazione non ci sono problemi. Io invece non volendo risalire mi sono spinto più in giù seguendo una debole traccia così alla fine mi son quasi perso. Ci ho messo un paio d’ore a saltarne fuori .
Messaggio
05-05-2011 00:00
brunomik brunomik
Percorso oggi e rispetto alla descrizione di Ivo non c'è nessun segnavia CAI all'inizio della stradina verso destra prima del cimitero. Poi c'è qualche segnavia CAI sulla serie di tornanti con cui si guadagna il pianoro sottostante il monte Seri (m 1080) e la strada è asfaltata mentre quando la strada spiana (e finisce l'asfalto) c'è un bivio e non c'è nessun segnavia. Si prosegue diritti (non verso sinistra) sulla strada più evidente arrivando poi sulla strada asfaltata che sale da Trava. Il resto è in linea con la descrizione.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva