il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 20 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Anello del monte Bernadia da Sedilis
N. record trovati: 12
Messaggio
23-01-2019 21:35
laura.molinari laura.molinari
Escursione del 20 gennaio. Giornata serena ma senza vento e freddo non troppo intenso. Anello percorso in senso orario, come proposto dalla guida, con un paio di varianti: 1. tra le case di Villanova, ipnotizzati dai segnavia biancorossi, abbiamo mancato la scorciatoia che ci avrebbe permesso di tagliare un buon tratto di asfalto depositandoci direttamente sulla strada per Borgo Vigant. I segnavia ci hanno invece condotti al Terminal Grotte (sentiero “D”), dove abbiamo imboccato la carrozzabile. 2. rientrando dal Pocivalo, anziché ridiscendere a Sedilis per il ripido sentiero dell’andata, abbiamo preferito seguire la strada asfaltata, usufruendo però della buona scorciatoia (tratteggio nero sulla Tabacco) che taglia l’ultimo tornante. In questo modo abbiamo allungato di un buon pezzo il cammino, ma abbiamo potuto godere tutti gli attimi di un intenso ed emozionante tramonto. Percorso con un discreto sviluppo kilometrico ma senza particolari difficoltà, con fatica concentrata nella salita iniziale, su sentiero ripido e che può risultare fastidioso se umido, specie in discesa. Per il resto tutto a posto e come da relazione, tratti di buon sentiero adeguatamente segnalato e di piacevole percorrenza si alternano a qualche pezzo su asfalto o pista, importante la cartina Tabacco per l’individuazione della direzione corretta nei numerosi bivi che si incontrano per via. Numerosi gli spunti di interesse: begli scorci panoramici sulla pianura e verso la cerchia imbiancata dei monti, le caratteristiche carsiche della zona, ben illustrate da qualche cartello didattico, la batteria del Pocivalo, il forte e il monumento ai caduti del Bernadia, il passaggio nei diversi borghi e soprattutto il grandioso e impressionante ingresso dell’abisso Vigant, dal quale oggi vediamo emergere, ben imbragati, due speleologi. Consigliabile nei mesi invernali e prima primavera, quando inizieranno le fioriture sarà senz’altro uno spettacolo! Mandi a tutti!
Messaggio
13-12-2018 08:25
ectorus ectorus
Fatto ieri con una bellissima giornata soleggiata ma piuttosto freddina.Bel percorso con tante cose da vedere e fotografare. Lunghetto, ma vale la pena. ben segnalato in ogni sua parte non presenta problemi.
Buona vita a tutti
Messaggio
09-12-2018 21:41
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
Anello del Bernadia in senso antiorario. Il sole va e viene e infine regala un bel tramonto sulle batterie del Pocivalo. Ambienti molto tranquilli, nei borghi che sembrano quasi deserti c'è però chi fa legna e chi ha preparato gli addobbi natalizi. Lo scoop botanico è che all'ingresso dell'abisso Vigant, evidentemente riparato dagli sbalzi termici, fiorisce il Geranium robertianum. Mi ricordavo di fotocellule illuminanti presso l'imbocco della grotta che però non ci sono più. Nei tratti di strada che intercalano i boschi oggi non è passata neanche un'auto, solo alcuni cicisti. E' in ordine quanto a schianti, a parte un paio facilmente superabili.
Messaggio
09-12-2018 00:00
budieseverde budieseverde
Fatta oggi, l'attacco � piuttosto ripido,un po'problematico soprattutto in discesa..foglie bagnate,fango e sassi scivolosi.. Siamo rimasti un po' delusi dal fatto che il fortino fosse chiuso,per il resto bel giro,lungo e semplice,con scorci piacevoli sulla pianura e sulle montagne retrostanti.Consigliamo di munirsi di gps per dare una controllatina ogni tanto:ci sono dei vecchi sentieri/segnali cai che creano un po' di confusione,soprattutto nelle boschette (noi abbiamo fatto un "fuoripista"dalle parti di Tamar e accorciato tagliando fuori la grotta,causa nuvolone minaccioso verso mezzogiorno)e c'e' la possibilta' di 'personalizzare' il giro
Messaggio
28-11-2017 13:35
francesca francesca
Effettuato l'anello del Bernadia in senso orario partendo da Villanova, anzichè da Sedilis, con alcune varianti rispetto alla relazione di SN.
In questo modo, cioè concentrando le cose da vedere nella mattinata (grotte, batteria Pocivalo, forte Lonza), contiamo di riuscire a gestire meglio il resto della giornata, corta, che potrebbe richiedere un rientro veloce.
La prima parte, in destra orografica del torrente Cornappo, è completamente soleggiata, così possiamo dedicarci alle visite senza raffreddarci troppo.
Ci incuriosisce la Grotta Dovizza, raggiungibile con deviazione dalla rotabile (cartello illustrativo della cavità e segnalazione sentiero geologico) mediante un sentiero segnalato con bolli rossi, richiedente da ultimo una risalita gradonata in cui fare attenzione sopratutto in discesa: della staccionata e del tratto di cavo ballerini disposti in questo tratto, non si può fare totale affidamento, per cui sono utilissimi i bastoncini!
La grotta si apre con due ingressi poco distanti fra loro a 607 e 616 mt, lungo la quale scorre il rio Tanaloho. Con la torcia si accede dall'entrata superiore, dentro una fessura orizzontale, alta e stretta, fino al punto in cui il proseguimento è consigliabile solo agli speleologi. Fin qui è già uno spettacolo, la forma il colore e le caratteristiche delle rocce ... mi evocano le cavità intestinali umane, ed io ci sono dentro, in un viaggio fantastico!
Con un tratto di asfalto e di sentiero "D" si raggiunge in breve il monumentale ingresso dell'Abisso Vigant. Ciò che si riesce a vedere è il primo pozzo, dove si gettano le acque del rio sopracitato, che qui si inabissa nel cuore della montagna. Orrendo buco nero, la cui percezione liquida si può avere sono con l'ausilio della torcia.
Interessanti anche la batteria del Pocivàlo e l'ex forte del monte Lonza, ma sinceramente l'enorme spiazzo antistante e l'imponente opera di cemento per accedere al fossato non mi sono piaciute affatto, contrastano con il panorama pur ampio che da qui si gode e con quanto di naturale visto in precedenza.
Dal monumento Faro "Julia", proseguiamo sulla strada a sinistra per incontrare subito la sterrata che continua verso oriente. Scopriamo così facendo che questa pista fa parte del sentiero "D", compresa in uno degli anelli della Val Torre. Il percorso, segnalato con i segni bianco-rossi e i cartelli dell'anello, ci guida fin sotto al ripetitore del M.Carnizza (860) che aggiriamo sulla sinistra. A questo punto la pista si trasforma in sentiero sempre ben segnalato e percorribile che scende nel bosco verso SE fino a sbucare sulla rotabile (paletti con catena), proprio dopo i 1400 metri menzionati nella relazione. Questo tratto non è rilevabile dalla cartina Tabacco. Da qui fino a Dolina con il sentiero segnalato "I" perdiamo quota nel bosco, passiamo accanto ad un rudere con abete secolare, confluendo infine sulla mulattiera (muretti a secco) per Dolina, ricalcando nuovamente la descrizione dell'itinerario SN.
Consiglio la percorrenza oraria dell'anello, in quanto i segnavia sono più abbondanti e meglio disposti in questo senso, forse è questo il motivo per cui, la commentatrice precedente, ha avuto qualche difficoltà nel percorrerlo in senso antiorario.
Grande soddisfazione per questo itinerario, le cui varianti descritte spero vengano presto confermate anche da altri escursionisti :). 27/11/17
Messaggio
23-05-2016 12:43
anna.z anna.z
Itinerario effettuato ieri come da Guida “I sentieri della Memoria”, ma con anello percorso in senso inverso. Questo permette di rientrare dal faro verso Sedilis senza ripassare necessariamente per Pocivalo. Percorrendolo in questo senso, bisogna però fare attenzione sul sentiero boschivo che da Dolina porta verso il faro: in un tratto di pineta, si deve ad un certo punto staccare per una traccia non molto evidente che sale verso sinistra, abbandonando il sentiero più marcato che prosegue dritto ma che non porta da nessuna parte (un albero schiantato sbarra poco dopo il cammino e, oltre a questo, il sentiero scompare).
Abbiamo trovato il percorso alla lunga noioso, dal momento che si svolge prevalentemente su sentieri boschivi, che in alcuni tratti sono davvero piacevoli e fiabeschi, ma in altri invece scivolosi e poco agevoli. La foschia ci ha tolto in parte la soddisfazione di godere di un panorama che prometteva bene. Molto bello l’abisso, segnalo solo che la luce che avrebbe dovuto illuminare la parte più profonda, come descritto sulla guida, non funzionava, e si vedeva in fondo solo lo spaventoso buco nero! Interessante anche il forte monte Lonza, ben ristrutturato e visitabile, in cui è allestita una mostra fotografica sulla Prima Guerra.
Segnalo inoltre che all’inizio del percorso, appena la strada cementata entra nel bosco e si fa sentiero, uno dei cartelli con l’ellisse verde era a terra, a pezzi.
Messaggio
07-04-2015 17:59
oliver72 oliver72
Salito oggi fino al forte. Rispetto alla relazione di SN, segnalo la possibilità di accedere ad un punto panoramico lungo la sterrata che conduce al monte Pocivalo: una volta trovato il cartello che descive il carsismo, si prosegue fino ad incontrare un sentiero che si stacca verso destra (come riferimento c'è un'asse di legno su un grosso sasso) e porta ad un "balcone sul Friuli" con una vista spettacolare e la presenza di un cartello descrittivo.
Messaggio
20-05-2014 22:17
loredana.bergagna loredana.bergagna
Un piacevole ritorno su questo monte forse snobbato dagli scarpinatori, l’elevazione è modesta ma la vista che si gode dal faro lascia sempre stupiti; il percorso se pur semplice non è mai banale; bosco ricco di suggestioni, sentieri ben segnalati anche se a tratti la natura risvegliata la fa da padrona e in particolare nel tratto che da Villanova il sentiero entra nel bosco per uscire sulla strada asfaltata di Borgo Vigant, bisogna far finta di non sentire le ortiche e tener duro, dura poco. Pregevole la mulattiera lastricata che scende da Vigant all’abisso, a Dolina si è accolti da tre cani furiosamente abbaianti, fervono lavori di ristrutturazione; un cagnetto scatenato, e libero, anche a Tamar, paese fantasma.. Preferito rientrare lungo la strada asfaltata da Useunt, poco dopo Coceano si sta ripulendo la pista inerbita detta “vechie comunal”. La strada che sale a Sedilis da Tarcento è chiusa per lavori per cui il punto di partenza è raggiungibile da Nimis
Messaggio
10-01-2014 11:24
marco.raibl marco.raibl
Anello completo ieri,assieme ad Angelo.vertigo.Piacevolmente e umidamente immersi nella nebbia,ci siamo mossi in un bosco fatato,verde di muschio.Il bosco, nei pressi dello stavolo con l'abete secolare,è pesantemente colpito da una tromba d'aria.Numerosi schianti,ma il vegliardo ha tenuto duro.Abisso Vigant privo di illuminazione.Anche sul traverso seguente il vento ha compiuto strage.Un saluto a tutti
Messaggio
01-04-2012 00:00
Graziano.Bettin Graziano.Bettin
ANELLO DEL BERNADIA. L'ho percorso uno di questi giorni del mese di marzo. Lungo e facile. Segnalato in ogni dove (bravi quelli del Cai). Descrizione su libro e sito praticamente speculari. Boschi rilassanti e testimonianze storiche interessanti. Adatto per famiglie con bambini al seguito e suoceri alle calcagna. A causa della lunghezza del percorso, la risalita finale al Pocivalo, se non abituati, potrebbe favorire l'effetto "lingua penzolante a mò di cane da caccia". Passa però tutto in fretta se non ci lasciate le penne prima. Mandi frus. Graziano
Messaggio
31-12-2011 00:00
MauroGo MauroGo
Fatto oggi per chiudere degnamente un 2011 ricco di soddisfazioni escursionistiche. La giornata non era ideale, alla mattina faceva freddo anche se c'era calma di vento. Al pomeriggio la situazione era decisamente migliore e il Sole è riuscito a bucare le nuvole. Dal piazzale del forte Bernadia la vista sulla pianura e sulle montagne circostanti è emozionante, ma anche in altri punti del percorso il colpo d'occhio sul Chiampon e sui Musi è notevole. Mi dispiace solo di non aver avuto tempo per esplorare un po' l'abisso Vigant. Auguro a tutti un buon 2012 escursionistico! Mauro.
Messaggio
02-01-2011 00:00
loredana.bergagna loredana.bergagna
Percorso odierno, ben segnalato, opere di disboscamento e pulizia ramaglie su tutto il percorso circolare dal Pocivalo e Vigant. Ambiente meravigliosamente solitario e selvaggio. Loredana
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva