il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 122 ospiti - 5 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Monte Pieltinis da Sauris di Sopra
N. record trovati: 14
Messaggio
26-05-2018 15:41
annalu97 annalu97
Escursione effettuata oggi seguendo indicazioni di SN. Bellissima passeggiata lunghetta ma non faticosa in un ambiente rilassante che regala sempre bei panorami, stupende fioriture di genziane dalle diverse sfumature. Buona montagna
Messaggio
29-05-2017 09:16
francesca francesca
Risalito il Pièltinis a tre anni di distanza, come da relazione lungo il 206. Il tratto di sentiero compreso tra la sella Malins e la quota mt 1906, trovato molto rovinato da slavinamenti, smottamenti e schianti nel giugno 2014, è stato completamente ripristinato. Per il rientro siamo scesi per il versante nord, compiendo un anello transitando per forcella Pièltinis, casera Vinadia, sfiorando la conca di Malins e per quella di Festons. Questo lato anche se apparentemente può sembrare una lunga passeggiata, in realtà presenta diverse risalite a volte cementate da sommare al dislivello iniziale: alla sella del monte Vinadia mt 1880, all'insellatura di mt 1766 e in ultimo alla sella Festons (menzionando le più marcate) prima di chiudere l'anello al bivio col sentiero 206, utilizzato per l'andata. Stupendi panorami lungo questo tratto e ricordi di ciaspolate dell'inverno 2010 affiorano insieme ad un turbine di emozioni. 28/5/17
Messaggio
15-12-2016 14:55
laura.molinari laura.molinari
Escursione dell’11 dicembre 2016. Percorso come da SN, con l’unica variante della deviazione da Sella Festons per raggiungere la cima del Morgenlait, con discesa libera tra i prati della cresta est fino nei pressi di Sella Malinis. Tranquilla passeggiata senza difficoltà di sorta, piuttosto lunghetta (ca 14 km), ma con dislivello abbastanza contenuto e pendenze non faticose (tranne il primo tratto della stradina asfaltata, sopra Sauris), che si svolge per buona parte su stradine e mulattiere. Bei panorami, specialmente dal Morgenlait, sul quale si trova una grande croce (ben visibile anche dal paese), con campana e libro di vetta. Niente croci, ne’ ometti, invece, sulla cima del Pieltinis, segnalata da un pannello con l’indicazione dei monti circostanti. Rientriamo quasi all’imbrunire, le vie di Sauris di Sopra sono illuminate ed animate dai suggestivi mercatini natalizi. Tempi di percorrenza: 1.30 al Morgenleit, 2.30 al Pieltinis, 4.45 per chiudere l’anello a Sauris di Sopra.
Messaggio
20-06-2016 20:04
giuseppe.venica giuseppe.venica
Escursione effettuata ieri 19/06/2016 in una giornata di tempo variabile.Confermo che la strada da Ampezzo a Sauris è ancora chiusa e tocca fare il giro per il P.so Pura, superato il quale, in prossimità della galleria, c’è un senso unico alternato, gestito da un semaforo con attesa che può arrivare a 20 minuti. Partenza da Sauris di Sotto (nei pressi del noto salumificio) lungo il SV CAI N° 218 fino a C.ra Pieltinis e poi su SV CAI N° 206 lungo la sterrata che porta a F.ca Pieltinis dove si prende il sentiero che porta in cima (panorama estesissimo). Giustamente inserito nei Sentieri dei Fiori; dai prati appena fuori l’abitato, ai rododendri (ancora in bocciolo), è tutto uno spettacolo. Escursione adatta per tutti. Buone camminate a tutti. Bepi (Cividale).
Messaggio
28-05-2016 21:24
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
28/05/2016-Saliti al monte Pieltinis,la giornata però in alto si copre presto e (non) vediamo molta nebbia. La strada per Sauris da Ampezzo è chiusa, è necessario transitare per Passo del Pura. Da sella Festons siamo passati per il Morgenlait (con la sua campana e il libro di vetta), poi su comodamente alla cima del Pieltinis. La neve s'è appena sciolta, le fioriture sono indietro, si presentano solo crochi e eriche. Parecchi escursionisti a cercar erbe, scambiate quattro chiacchere con un gruppo di Goricizza, incontrati amici di Gemona. Uno stagno del pianoro di Festons ospita centinaia di anfibi e rospetti gracidanti, uno spettacolo della primavera a cui non capita spesso di assistere.
Messaggio
29-05-2015 12:02
luca.borin luca.borin
Percorso veramente suggestivo! Non solo fiori, ma anche panorami. Come da relazione, consiglio vivamente di raggiungere anche Sella di Festons. Davanti agli occhi vi si aprirà un mondo...
Rispetto ai commenti precedenti segnalo che il cartello nei pressi di Casera Pieltinis, che indica la direzione per Sauris di Sopra, non è più nemmeno a terra e che il nudo palo è in equilibrio precario. Quindi, giunti al tavolo con panca poco prima della Casera, la direzione da seguire è quella che passa a destra della stazione meteorologica. Un saluto a tutti.
Messaggio
11-05-2015 16:37
roberto.fabbro roberto.fabbro
Anello fatto ieri, 10-05-2015 percorso bello con "scorpacciata"di casere,penalizzato solo all'inizio dalla carrareccia asfaltata,sorvegliati in salita,dalla mole del mt.Bivera.poi sù fino in sella Festons,meraviglioso balcone sui monti della val Pesarina.D'obbligo la salita al mt Morgenlait,sovrastato dall'enorme croce, nessun problema sul sent 206 che porta al mt Pieltinis, dalla cui cima bellissima visuale a 36o°. In discesa verso la casera fioriture di anemoni e genziane, facevano bella mostra ai caldi raggi solari . Mandi
Messaggio
04-11-2014 18:55
askatasuna askatasuna
Un anno dopo ripercorro il muro asfaltato che parte da Sauris di Sopra. Ostinato, con il ginocchio bloccato, m’ero trascinato alla Kaiser Sose a forza di bastoncini, abdicando alla terza curva. Oggi è una giornata diversa per me, con le emozioni sovrastate dalla socialità. Ancor più per gli amici, poco avezzi a monti e pendenze, che induco involontariamente al mio stesso contrappasso. A sella Festons il panorama e la splendida giornata reintegrano il morale. Il Pian delle Streghe vede vincer le ghiaie mentre le fiancate del Tiarfin son tinte di bianco. Il Tinisa fa la guardia verso meridione e i cupolotti boscosi del Colmaier coccolano il lago. Finalmente la via si fa troi e regala una successione di rocce che fan a gara di sfumature. Cromatismi rosastri, striati, in un’alternanza di lucidi e opachi costantemente sfregiata da scritte e nomi incisi. Di no crodi! La cresta, dal Rioda al Losa, s’è fatta taciturna, ha spento i suoi favilli, donandosi all’ocra. Il tratto franato, minaccioso da lontano, s’oltrepassa senza rischi. La cima è a due passi. La vista spazia dall’Istria alle Dolomiti passando per le Giulie. Ci crogioliamo a lungo al cospetto di quei profili. Sauris è un’oasi che odora di vita, orgogliosa. Verticali pareti rocciose s’alternano a creste auree il cui carattere bonario le ha destinate ad un’estesa monticatura condizionandone colori, forme e profili. Il lago è una gemma incastonata in una parure fiabesca. Monili boscosi e pendenti granitici donano a quest’elegante culla un fascino che conquista in ogni occasione la si ammiri. Bella la discesa alla casera con un giardino che supera la perfezione artificiale e devastatrice dei campi da golf. La gabbia per uccelli è ancora lì, affacciata alla finestra al piano superiore del laboratorio caseario. Come installazione artistica. Aperta, non può imprigionar neanche il vento. Il ritorno è lungo e rilassante e passa per un bosco che mi mancava, con le sue foglie, con i suoi silenzi. Al rientro il piccolo battaglione amicale s’è sfrangiato. Ognuno con le sue magagne, alternano la meraviglia che gli ha riempito gli occhi a sguardi vendicativi nei miei confronti. Ma l’indulgenza è ben stipata nei loro zainetti, pieni di un’esperienza intensa e inusuale, in attesa d’esser svuotati. Anche se i panorami che regala ammutoliscono, tra i percorsi di cresta sauriani questo è forse il meno attraente per la salita bitumata. La dorsale Novarza-Losa almeno ricambia con un lungo vagar in creste.(01.11.2014)
Messaggio
20-10-2014 11:42
chicco63 chicco63
20/10/14 escursione fatta il 19/10/14. Camminata molto bella , panorama bellissimo. La parte franata è facilmente percorribile.
Messaggio
03-08-2014 19:42
paolo.giannozzi paolo.giannozzi
Percorso oggi 3 agosto con tempo buono e temporali tutt'intorno. Il panorama si e' solo intravisto, ma la bellissima fioritura valeva abbondantemente il viaggio. Il sentiero 206 e' parzialmente franato nella traversata a mezzacosta fra l'ultima sella e l'inizio della salita al Pieltinis, ma con un po' di attenzione si passa. Il cartello CAI che indica la deviazione verso il sentiero 218 giace tristemente a terra.
Messaggio
03-06-2014 13:57
heidi.bruna heidi.bruna
Salito domenica 2 Giugno partendo da Sauris di Sopra, riscontrando diversi inconvenienti lungo il percorso:
1-Sotto il versante Sud-Est del M.Festons diversi schianti ostruiscono il passaggio, ma sono comunque superabili con qualche cautela vista la presenza di neve
2-Dalla Sella Malins il CAI 206 risulta impercorribile a causa di diversi schianti e franamenti, ma si può salire con molta cautela lungo la cresta della quota 1932, scendendo poi alla sella di quota 1901.
3-Dalla sella di quota 1901 però alla sella di quota 1906 il CAI 206 risulta totalmente spazzato via dalle slavine e si può proseguire soltanto con molta cautela, passo "sicurissimo" ed assenza di vertigini!
Passare lungo la cresta della quota 1975 della Costa di Pieltinis non sembra consigliabile vista la ripidezza dei versanti e la presenza di neve
4-Per la discesa, vista la presenza di neve abbondante fra la casera Pieltinis e la sella Rinder Perk, abbiamo optato per la cresta del M. Hoache Lanar, che però presenta alcuni tratti con alcune roccette, fino alla sella Rinder Perk attraverso le alture erbose della Costalta
5-Lungo la discesa dalla sella Rinder Perk a Sauris di Sotto ci sono ancora svariati schianti e lo stesso problema si riscontra lungo la carrareccia 2E fino a Sauris d
Messaggio
21-10-2012 10:11
roberto.civi roberto.civi
Percorso ieri in una magnifica giornata calda e splendente che ci ha permmesso di ammirare un panorama favoloso a 360 gradi fino alle Tre Cime di Lavaredo. Il sentiero dell'anello si presenta facile e poco faticoso, escursione per tutti. Un saluti a Erica di Maniago la cui compagnia ci ha deliziato in cima al Pieltinis
Messaggio
10-07-2012 07:27
zankio zankio
7/7/12
Prima uscita in regione per me e mia molgie!Escursione svolta sotto un cielo velato che ci ha impedito di soffrire eccessivamente il caldo, ma ci ha permesso di ammirare il panorama straordinario.
Durante la salita il Biviera si mostra in tutta la sua imponenza.Succesivamente i Claps e il lago.Accompagnati da fioriture spettacolari.
Itinerario facile ma ricco di soddisfazioni.
Messaggio
30-06-2010 00:00
loredana.bergagna loredana.bergagna
Itinerario odierno, tranquillo e piacevole; merita per la flora (ho visto persino due esemplari di clematide alpina) e una miriade di farfalle amoreggianti. loredana
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva