il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 50 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Anello del Pusti Gost da Stolvizza
N. record trovati: 6
Messaggio
29-04-2018 23:43
francesca francesca
"Anello cima Tulsti e Pusti Gost da Prato di Resia" è il titolo che ho dato alla mia escursione comprendente parti di tre distinte relazioni di SentieriNatura ovvero "Cima Tulsti dalla Val Resia", "Pusti Gost da Stolvizza" e "Ta Lipa Pot da Stolvizza".
Saliamo prima sulla Cima Tulsti con il sentiero segnalato A.N.A. dopo la breve e meritevole deviazione allo stavolo Goslò (5 min. dal bivio con indicazioni), allunghiamo poi con il CAI 631 verso NE che sbuca sulla carrareccia 632 ai piedi del Colle Curnic. Percorriamo questa verso levante, superiamo la deviazione col 632 arrivando al successivo bivio segnalato del Pusti Gost. Seguendo le indicazioni andiamo alla scoperta di questo mondo: un sentiero si snoda tra fazzoletti erbosi e fioriti, tra rii e pozze d'acqua con sedute per riposare e rinfrescarsi, non si può rifiutare questo invito! Ripartiamo rinvigoriti ed entriamo nel paradiso degli stavoli (Strila), dentro una appartata conca alpestre curatissima.
Da qui proseguiamo verso meridione seguendo le indicazioni della ViviStolvizza, transitando accanto agli stavoli ristrutturati tu-w Karnice (cartello Vertical Kilometer), dove il sentiero si innesta su una carrareccia ed al bivio seguente, sempre su sterrato fino agli stavoli ta-na Osrice. Proseguiamo poi fino alla cappella di quota 1178 con l'intenzione di scendere a Stolvizza, ma qui non si trova nessuna indicazione difronte ad una biforcazione del sentiero: quello a destra conduce alla partenza della teleferica della Stella di Natale (per le celebrazioni di fine anno) e termina per l'appunto a ridosso di un dirupo, quello a sinistra è quello esatto il cui imbocco trae un poco in inganno. Ci mettiamo 10 minuti a capire l'inghippo (non avendo la dettagliata relazione di Ivo al seguito) e non avendo mai percorso questa zona della Val Resia. Secondo me in questo punto ci starebbe bene una segnalzione, per evitare soprattutto che qualcuno meno esperto finisca giù per il precipizio! Il sentiero scende ripidamente lungo la valle del rio Lomming sfruttando i punti deboli tra pareti apparentemente insuperabili. Questa è la parte più bella ed attraente dell'anello, con le sue cascate selvagge e le pozze verdi trasparenti! Toccata valle rimane ancora un tratto del Ta Lipa Pot da percorrere verso occidente fino al bivio con il sentiero segnalato per Crisaze (nei pressi in cui il Resia forma un'ansa) che in breve ci riporta a Prato di Resia dopo un breve tratto di asfalto. A titolo puramente indicativo con passo medio 6,30 ore di cammino soste escluse.
28/4/18
Messaggio
05-12-2016 11:16
chicco63 chicco63
fatto ieri. percorso sempice e molto bello. ben segnalato e mantanuto.
Messaggio
28-04-2016 15:30
laura.molinari laura.molinari
Fatto lunedì 25 aprile, approfittando del dì di festa e di una giornata con meteo discreto, anche se piuttosto ventosa e fredda, dopo le nevicate del giorno precedente. Sentiero perfettamente a posto, tutto come da relazione SN. La salita ed il percorso sull’altopiano non hanno segnavia CAI, ma sono sempre molto ben segnalati con le tabelle bianco verdi dell’Associazione Vivistolvizza “Sulle tracce del passato” (allego foto), per la discesa ci si raccorda invece con il bel sentiero CAI 643, che regala splendidi squarci panoramici verso Sart, Canin e testata della Val Resia. Sull’altopiano abbiamo trovato diverse baite aperte con proprietari dal cuore d’oro, impossibile rifiutare l’ospitalità al calduccio della stufa per un bicchiere di vino condito da quattro chiacchiere … Bella escursione di lunghezza e dislivello abbastanza contenuti (circa 700 m), adatta a tutti con un pochino di allenamento; fatica poca (limitata a qualche tratto un po’ ripido in salita), soddisfazione tanta, molto rilassante il percorso da uno stavolo all’altro sull’ondulato e verdeggiante altopiano macchiato dal viola chiaro dei cuscini di erica; varia e piacevolmente panoramica anche la discesa … ci abbiamo messo circa 1 ora e ½ a raggiungere l’altopiano, 4 ore e ½ a completare l’anello, con ritmo abbastanza rilassato. Da fare preferibilmente nei mesi primaverili ed autunnali. Mandi mandi.
Messaggio
08-12-2015 21:37
loredana.bergagna loredana.bergagna
E' diverso questo Pusti Gost da quello conosciuto salendo da Raccolana, più silenzioso e quasi raccolto, panoramico, all'inizio fa compagnia l'acqua e poi solo il suono delle foglie sotto gli scarponi e il crocchiare della pochissima neve dura, gli occhi al cielo a rimirare le cime.
Messaggio
02-12-2015 18:11
cjargnel cjargnel
Anello effettuato oggi 2/12/15 con una giornata meteo ottima in ogni senso. Il percorso, manco a dirlo, ricalca esattamente quanto descritto da Ivo&Sandra. Ringrazio anche Luca.Deronch che nel commento precedente ha perfettamente sintetizzato impressioni e sensazioni che condivido al 100% per cui non aggiungo altro. Provare per credere. Buone escursioni.
Messaggio
29-11-2015 21:41
luca.deronch luca.deronch
Percorso oggi l'anello completo partendo da Stolvizza come da descrizione di SN. Il percorso è stata una vera sorpresa, davvero bello, reso forse più affascinante dalla prima spruzzata di neve. Bella la zona del Pusti Gost, così come le viste sull gruppo del Canin e su tutta l'alta Val Resia dagli stavoli Tursee. Percorso sempre ben segnato con segnavia locali. Complimenti all'Associazione ViviStolvizza
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva