il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 63 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Cengia Giradili da Pedra Longa
N. record trovati: 2
Messaggio
28-10-2017 21:56
loredana.bergagna loredana.bergagna
Un sogno che si avvera, Selvaggio blu, un percorso che non è un sentiero ma traccia di pastori lungo cenge esposte, ripidissime salite alle volte aiutate dalle caratteristiche scale fatte di fusti di ginepro, qualche attrezzatura da una mano nella verticalità, qualche tratto su sentieri dei carbonai e par di volare, camminare con uno zaino formato “mostro”, dormire in un ovile o sotto le stelle con il privilegio di vedere sorgere il sole dal mare, il calore del fuoco serale, il piacere di ridere e di condividere ogni cosa. In questa fine di ottobre abbiamo percorso, da Sud verso Nord, in cinque giorni il trekking nella versione “vista mare”, rimanendo, appunto, quasi sempre sopra il mare. Prima tappa con variante causa tempo incerto (otto mesi che non piove), partenza da Santa Maria Navarrese e in poco meno di due orette siamo a far merenda a Pedra Longa, avvio ufficiale del trekking, il sole ci scalda e fa brillare lo smeraldo del mare. Verso Punta Girardili facciamo conoscenza della nebbia sarda, umida e opaca come ovunque, passiamo accanto a numerosi ovili dalla caratteristica forma a cono con accanto alcune pietre di basalto che servivano per riscaldare il latte, alcune porcilaie, un socievole cagnetto, alla catena, è felice della nostre coccole, e mentre tutto è evanescente, continuiamo lungo una comoda pista che arriva ad un ovile composto da due edifici, siamo a quota ca. m.775 ai piedi del monte Ginnirco. L'edificio più grande è già occupato, siamo in undici, cinque donne si sistemano all'interno, a terra stendiamo un telo e via di sacco a pelo, gli altri sotto gli alberi mentre la guida controlla che sia arrivato il bidone con i rifornimenti giornalieri e soprattutto l'acqua. Alle cinque è già quasi buio, movimenti delle luci delle frontali e poi un invito inaspettato: lì accanto un porcellino gira sullo spiedo, il pastore chino sul fuoco, i cortesi vicini ci offrono il cibo “avanzato”, è tanto ed andrebbe gettato, cibo ottimo ed abbondante accanto al fuoco, un vero regalo. Durante la notte le stelle si fanno largo in cielo, la sveglia è presto, colazione e gran lavorio a sgonfiare i materassini, partenza alle 7 perché ci aspetta una tappa lunga, meta Goloritzè attraversando i tormentati e taglienti campi solcati.
Messaggio
14-11-2014 21:27
luciano.regattin luciano.regattin
La costa tra Arbatax e Cala Gonone in Sardegna, valli interne comprese, è uno dei luoghi più belli che abbia mai visitato, infatti ci sono ritornato più volte; grazie per le bellissime foto ed i report che mi hanno fatto rivivere quei momenti.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva