il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 57 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Monte Tiarfin Cima Est da Casera Razzo
N. record trovati: 6
Messaggio
10-09-2017 10:22
francesca francesca
Provato ieri l'affascinante mondo del Tiarfin salendo da casera Razzo con il 208 alla Forca Rossa 2205 (o Tiarfin? fonte: sito sentieri CAI) e fino alla quota 2336 della forcella verde (posta tra la cima est e la principale) per traccia come da puntuale relazione SN.
Pur mancando veramente poco alla cima est non me la sono sentita di proseguire, causa presenza di una nube che andava e veniva sulla cresta coprendo la visuale.
Fin qui il tragitto presenta due tratti molto ripidi: il canalino per raggiungere la Forca Rossa, sicuramente più impegnativo se utilizzato anche in discesa, ed il pendio sottostante la verde forcella, che presenta un tratto malagevole tra lingue detritiche. Consiglio di seguire fedelmente i diversi ometti presenti aguzzando la vista tra le rocce per evitare i tratti più instabili.
Deciso poi di proseguire compiendo un anello come da commento precedente di laura.molinari (evitando così il canalino ripido) e come consigliato da luca.deronch (nell'anello della Busa del Tiarfin) usufruendo dell'evidente e ben segnato sentiero 224 transitante per la Forcella Rosa, 2292 mt (fonte: Carta Regionale n.030123 "Monte Tiarfin") o Forcia Rosade come da grande scritta riportata su un masso... o Forca Palon, altro nome reperito in rete. Siamo quindi scesi agevolmente sull'opposto versante tagliando un esteso ghiaione, e poi ancora più comodamente seguendo paletti segnavia tra verdi colli dalla dolce pendenza. Transitati alti rispetto all'ex laghetto di Tragonia, che abbiamo trovato pascolato da vitelloni, abbiamo raggiunto Forcella di Tragonia, dalla quale con breve deviazione siamo saliti al Col di San Giacomo, 2058, dopo ben nove anni dall'ultima visita. Una traccia decisamente marcata ne sale ora l'erbosa cresta ed una nuova croce di legno datata 2015 è stata posta in vetta. In breve ci si innesta sulla pista 210 che riporta a casera Razzo.
Un ambiente singolare quello del Tiarfin e anche un po' misterioso per i diversi nomi conferiti alle forcelle, un posto silenzioso, appartato, dove sicuramente tornerò con tempo migliore per godermi il panorama che venerdì scorso è mancato. 8/9/2017
Messaggio
08-07-2017 20:09
massimiliano.miani massimiliano.miani
Monte Tiarfin Cima Est 2.399 mt e Cima Ovest 2.332 mt. - 2 luglio 2.017 - Alpi Carniche. Recupero dell'escursione Cai Val Natisone del 30.6.2017. Siamo ai confini tra Carnia e Cadore. Raggiunto il punto di partenza Casera Razzo 1.739 mt., proseguiamo per un centinaio di metri lungo la a strada in direzione Laggio - Vigo di Cadore. Qui intercettiamo sulla sx il sentiero Cai n. 208 che ci porterà dapprima alla forcella Col Marende 2003 mt. Poi su ripidi sfasciumi e ghiaie guadagneremo la quota 2.205 mt. di Forca Rossa. Siamo ora nella bellissima conca della Buse dal Tiarfin, davanti a noi su stagliano distintamente le tre cime del Tiarfin. A sx la Cima Est, al centro la Media, a dx quella Ovest. Qui incrociamo il sentiero Cai che prosegue scendendo in direzione Casera Tartoi. Percorsi ancora pochi metri a sx abbandoniamo il sentiero, per seguire un evidente traccia che taglia tutto il ghiaione avanti a noi. Tralasciata la prima deviazione sulla sx che porta all Cima Est (segnalata da un ometto, la percorreremo in seguito) proseguiamo sulla traccia sino ad incunearci nel ripido canalino posto tra il Tiarfin Medio e la cima Ovest. Qui nella progressione è necessario fare largo uso delle mani. La roccia non compatta ci fa calzare i caschi in testa, è notevole il pericolo di distacco di macigni. L'incedere si fa più attento e faticoso. Raggiunto la forcella che divide la Media dalla Ovest incontriamo le prime neonate Stelle Alpine dell'anno. Ci dividono ormai pochi metri dalla vetta. Conquistata quest'ultima, l'emozione è forte! Tutto intorno alla piccola croce di legno di vetta si apre un panorama mozzafiato. Le dolomiti a ovest, con le Tre Cime di Lavaredo, a nord la Terza Grande, Creton di Culzei, Creta Forata, Creta di Fuina, Pleros, Talm, più dietro il Peralba. A Sud la Val Tagliamento con il Pramaggiore. Ad est molto vicini il lago di Sauris, l'Amariana il Verzegnis, il San Simone ed il Sernio. In lontananza il nostro MATAJUR! ed il Monte Nero. Colmi di gioia riscendiamo con attenzione sino al bivio sopra descritto. Da qui ci dividono ancora un 200 mt. di dislivello al secondo obiettivo di giornata. Li percorriamo tutti di un fiato vista la semplicità della traccia. La bella spalla si presta molto bene alle foto in direzione di tutto il gruppo del Tiarfin. Sulla sommità ci aspetta un cumulo di sassi a segnalare la vetta ed un bel panorama che ripaga lo sforzo fatto. Compiuta la discesa al parcheggio, seguono le consuete tappe di avvicinamento a casa prima a Casera Razzo e poi a Sauris. Ciliegina sulla torta è l'ultima fermata presso San Pietro, dove abbiamo festeggiato il nostro Santo Patrono.
Messaggio
31-07-2016 13:13
laura.molinari laura.molinari
Fatto il 30 luglio 2016. Rispetto alla relazione di SN, in discesa – dopo essere ridiscesi fin quasi alla Forca Rossa - abbiamo percorso l’anello che sfrutta i sentieri CAI 224 e 209, per poi ricongiungersi alla pista (210) che riporta a Casera Razzo. La prima parte del percorso, fin oltre forcella Col Marende, è molto umida, con fondo fangoso e vegetazione alta e bagnata con effetto “autolavaggio”. Anche noi non abbiamo trovato gli ometti per salire alla Forcella tra i Tiarfin (siamo riusciti a trovarne un paio, invece, in discesa), ci si destreggia cercando di restare il più possibile sul verde, tratti ripidi, ma non pericolosi. Il percorso finale di cresta è molto più breve di quanto potrebbe sembrare dalla Forcella, dieci minuti o poco più, aiutati a tratti da una leggera traccia e qualche ometto. Il primo pezzo del percorso di discesa è piuttosto sassoso, poi il panorama cambia e si traversa a lungo in verdi e rilassanti praterie fiorite (arnica, campanula barbata, genziana punctata …). Tutta la discesa sull’erba è ben segnalata con segnavia su paletti, visibili a grande distanza. Giro paesaggisticamente molto vario e non troppo impegnativo, ma qualche tratto non è da prendere sottogamba (la salita alle due forcelle e il breve percorso di cresta). Tempi impiegati: 2 ore da Casera Razzo alla cima est del Tiarfin, 4 ore e ½ per chiudere l’anello a Casera Razzo. Peccato solo che oggi il panorama fosse molto limitato dalla nuvolosità!
Messaggio
12-07-2015 16:51
marco.raibl marco.raibl
Alle 7,30 di oggi le maniche corte sono anche troppo.È vera estate.Mi inzuppo per bene i pantaloni e gli scarponi in quel mare di piante, fiori e alberi caduti (pochi).Piacevole, comunque.Tutto è meraviglia.Luce perfetta e monti come fossero grandi attori di cinema.A mezzogiorno,poco prima di rientrare alla base, giunge improvviso il rombo dei motori.Strada che sembra la Pontebbana.A Sauris si divorano arti di suino.
Messaggio
24-09-2014 10:51
r.pagu r.pagu
Salito ieri con un amico, ma solo fino alla sella che separa la cima est dalla cima principale, circa quota 2340. Parte iniziale del 208 immerso nel fango (pioggia recente?), poi umido fino alla forcella del Col Marende. Da lì nessuna difficoltà se non il ripido strappo nel canale che porta in forca Rossa. Panorama grandioso già dalla forca; pausa per cercare di sistemare un cartello segnavia spezzato. Lasciato il 208, qualche problema ad innestarsi sulla evidente traccia del successivo ghiaione, poi bene fino ai ripidi verdi. Si sale ad intuito, rassicurati da qualche ometto, facendo molta attenzione, fino alla sella fra le cime a quota 2340. Panorama spettacolare. Per noi oggi va bene così: un po' stanchi decidiamo di rinunciare alla vetta. Visitato il Col Marende in discesa. Ognuno ha i propri criteri di valutazione, ma come suggerisce ectorus nel commento qui sotto, percorso da non prendere con leggerezza. Personalmente non lo affronterei con terreno bagnato. Saluti. RP/LD
Messaggio
16-08-2014 17:22
ectorus ectorus
salito oggi.Osservo:
-la tabella di partenza è staccata dal suo palo di sostegno e appoggiata a terra ove l'erba alta la rende poco visibile
-il sent.208 è ben segnato e non presenta difficoltà alcuna
-per salire i lembi verdi verso la forcella tra i tiarfin e la cresta del puntioi, non ho trovato alcun ometto.Quindi sono salito a vista tenendo sempre come riferimento la forcella.Percorso da fare con attenzione
-dalla forcella, la salita al tiarfin est è segnalata da ometti e non presenta particolari difficoltà, ferma restando la dovuta attenzione.
In generale, per opinione del tutto personale, lo definirei un percorso breve, non molto faticoso, ma da non prendere con leggerezza.
Buona vita a tutti
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva