il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 95 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Monti Neddis e Dimon da Castel Valdaier
N. record trovati: 10
Messaggio
01-01-2019 22:50
loredana.bergagna loredana.bergagna
E' iniziato l'anno dei camminatori, gli amici usi a ben altre mete, dopo le poche ore di sonno, si lascian facilmente convincere a questa tranquilla camminata, non vogliamo però metterci dentro anche il vicinissimo Paularo? La lunga digestione ci fa propendere per una salita soft ed imbocchiamo quindi la strada che lungamente sale fino al lago Dimon, si taglia un tornante per arrivare alla cadente casera Montelago; alla piazzola una breve sosta mentre si avvicinano due figure. Gran sorpresa per tutti, Luca e Michele sono lì, ci conosciamo tutti e proseguiamo insieme verso la soprastante cima del monte Paularo, il vento freddo ci consente solo una breve sosta contemplativa, in compenso divaghiamo piacevolmente lungo la cresta fino al monte Neddis zigzagando fra la poca neve. Giunti alla cima Val di Legnan dagli zaini esce qualcosina di goloso, un po' di cioccolato, qualche fetta di torta che dividiamo in amicizia, tante chiacchiere al sole e poi giù verso casera Valdaier dove il cane ci abbaia poco amichevolmente, e noi, immobili, ci facciamo annusare; una bella forma di formaggio fresco scenderà con noi; concluderemo la piacevole giornata a Treppo Carnico davanti ad una fetta di strudel casereccio, tutti contenti delle ore trascorse insieme. Poca neve, spesso a chiazze, e comunque non crea problemi, solo un paio di semplici scavalcamenti lungo il sentiero immediatamente dopo casera Valdaier.
Messaggio
14-12-2018 14:55
francesca francesca
Voglia di sole e neve ci hanno spinto a ripercorrere questa meta classica in una giornata dal meteo perfetto con vista fino al mare dorato. Saliamo da Castel Valdaier come da relazione con il CAI 404 alla Cima Val di Legnan, poi lungo l'ampia dorsale al Monte Neddis, dal quale scendiamo alla evidente insellatura del bivio segnalato, con il CAI 456 raggiungiamo la vetta del Dimon con la piccola croce rossa. Per raggiungere il Monte Paularo, ritorniamo brevemente sui nostri passi e scendiamo lungo la dorsale meridionale al CAI 404, con il quale verso occidente, raggiungiamo prima la Casera Montelago, poi il Monte Paularo. Da questo scendiamo per la panoramica e ventosa cresta orientale, a ridosso delle quote 1980 e 1959, ricongiungendoci al 404, con il quale risaliamo in quota transitando sotto il Neddis e la Cima Val di Legnan, per fare il bis di panorami alla luce del tramonto. Questo rientro è possibile data la scarsità di neve, altrimenti sarebbe sconsigliato. Arriviamo alla casera Valdaier, dove siamo soliti fermarci per l'acquisto del buon formaggio e per gli auguri ai simpatici malgari.
Utilizzati i ramponcini, utilissimi per la presenza di neve ghiacciata lungo l'itinerario. Segnalo la presenza di alcuni schianti sul sentiero 404 all'inizio del percorso, che si oltrepassano facilmente. Pure la strada di servizio alla malga, utilizzata per rientrare all'auto, reca i segni del maltempo di fine ottobre, ma gli alberi sono già stati tagliati e i danni sull'asfalto rattoppati, a conferma della solerzia ed efficienza della gente di montagna! 12/12/18
Messaggio
02-04-2018 21:51
renatospa renatospa
Festeggiato Pasquetta con una classica ciaspolata salendo al Monte Neddis e di seguito al Dimon con l’itinerario ben descritto da S.N.Giornata da primavera inoltrata con leggera piacevole brezza sulla cima del Dimon.Neve perfetta con qualche tratto ghiacciato di primo mattino diventatata poi leggermente molle con l’aumentare della temperatura ma sempre perfettamente ciaspolabile.Ottima visibilità per poter godere di un magnifico panorama sulle principali vette delle Alpi Carniche e, più lontani, sui colossi delle Giulie.Buone montagne a tutti.
Messaggio
29-03-2018 13:11
michele.grosso michele.grosso
Salita al monte Neddis effettuata in data 24/3 con cielo variabile e leggera brezza.
La traccia in alcuni punti nella prima parte di percorso (Castel Valdaier - Val di Legnan) non era molto chiara (non conoscendo il percorso) ma con Gps e un po’ di orientamento ci si arrangia. La neve, in parte compatta e in parte più soffice, non esclude la salita senza le ciaspe. Percorso non trafficatissimo è molto frequentato da sciatori alpinisti. La salita alla cima Neddis non è banale per chi non è allenato. Una volta raggiunta cima Neddis, fare una deviazione al Dimon è d’obbligo; noi non abbiamo fatto la cima per questioni di tempistiche. Consigliato per il panorama, che ripaga la fatica dell’ascesa soprattutto con cielo limpido.
Messaggio
22-11-2017 21:54
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
Percorso oggi l'itinerario da Castel Valdaier al monte Dimon. La neve, nei tratti dove è presente, è battuta dai numerosi che ci hanno preceduto nei giorni scorsi. Non ho usato i ramponcini, non ci sono tratti ghiacciati. Dopo metà salita nelle nuvole, siamo infine usciti al sole con lo splendido spettacolo delle nubi sotto di noi che avvolgevano tutte le valli. Dalla coltre sbucano solo le cime più alte. Vento in alto, nessuna presenza di escursionisti in giro, in malga Valdaier però c'è qualcuno al lavoro.
Messaggio
15-03-2017 00:00
f.bernacchi f.bernacchi
Fatto ieri... giornata di sole e tanta neve... ciaspole d'obbligo... � stato una figata??!!! Ci siamo divertiti un sacco... i sentieri non son segnati benissimo ma � pieno di impronte... difficile perdersi... mal che vada con la mappa e GPS... ci sono dei ripetitori, a 2000 mt prendeva benissimo... lo consiglio per una fantastica giornata nei silenzi della neve... un bel po' "ventilato" in cima... ma vuoi mettere il panorama!!!
Messaggio
01-02-2017 19:57
loredana.bergagna loredana.bergagna
Il meteo cittadino non invogliava certo a saltar fuori dalle coperte, ma oramai la torta era preparata e pronta per essere condivisa, estrada facendo la speranza di tempo migliore si fa concreta, almeno non piove...nebbiolina asciutta. La pochissima neve permette un passo sicuro, si sale mentre alle spalle una timida apertura consente di intravedere qualche cima, apertura di brevissima durata, si cammina dentro il bianco facendo attenzione a cercare il sentiero. Neddis e Dimon fatti fuori e sorride l'idea di raggiungere il vicino monte Paularo, si prosegue con qualche sali scendi per fermarci ad un salto completamente ghiacciato; tornati sui nostri passi con qualche difficoltà di orientamento puntiamo a scendere alla sottostante strada che lungamente riporta a Valdaier. Poca neve attualmente calpestabile senza difficoltà.
Messaggio
30-01-2017 14:53
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
29/01/2017-Saliti alla cima del Dimon da castel Valdajer, una vera classica per l'inverno. Abbiamo calpestato (poca) neve più che altro in basso, poi con la quota in pratica non ce n'è più. Tanti invece sono i percorritori che salgono dalle varie direzioni, anche il vicino Paularo ha la cimetta frequentata. Il clima soleggiato consente una piacevole sosta tra incontri di amici.
Messaggio
16-03-2015 09:38
luigino luigino
La croce di vetta è talmente piccola che ora risulterà sicuramente sepolta dalla neve (vedi foto allegata).
Se vuoi vedere altre foto invernali ti consiglio l'ottima relazione:
"Monte Paularo con le ciaspole" del 13-01-2014 pubblicata da francesca su questo sito.
Messaggio
15-03-2015 20:06
MauroGo MauroGo
Salita oggi, una volta tanto non in solitaria, ai monti Dimon e Neddis, in una giornata certamente non ideale, con un po' di nevischio e visibilità a tratti molto ridotta ma che ci ha dato comunque soddisfazione. Confermo la pericolosità di seguire in inverno il sentiero che aggira il monte Neddis (abbiamo dovuto usare i ramponi) per salire al monte Dimon, sulla cima del quale non abbiamo trovato nessuna croce ma solo un piccolo ometto. Per il ritorno abbiamo optato per il percorso in cresta, più comodo, che ci ha portati rapidamente anche sul monte Neddis, dal quale finalmente abbiamo visto un po' di panorama. Un'escursione da ripetere in una giornata più favorevole. Mauro.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva