il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 59 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Traversata del Sassongher da Colfosco a La Villa
N. record trovati: 2
Messaggio
20-08-2016 08:16
MauroGo MauroGo
Salito ieri sul Sassongher e sul Sass Ciampac in una giornata così così, con il cielo che alternava aperture e chiusure. Panorama a sprazzi dalla cima del Sassongher, per fortuna poco affollata. Sceso dal Sassongher, mi sono diretto, seguendo la fiumana umana, alla forcella Ciampei, e da lì ho fatto l'anello in senso orario dell'altipiano de Crespeina, passando anche per la non impressionante cima del Sass Ciampac (2672m), arrivando fino alla forcella de Crespeina e poi tornando alla forcella Ciampei per l'altavia n.2. L'altipiano è un ambiente davvero particolare, non affollato e impreziosito dal Lech de Crespeina e dalla vista a est sulla Gherdenacia con il Col de la Soné che emerge come un atollo sabbioso. Inevitabile folla agostana al rientro al parcheggio presso la funivia del Col Pradat. Mauro.
Messaggio
30-08-2014 15:26
loredana.bergagna loredana.bergagna
23 agosto, nebbia bagnata dalle 9 mentre saliamo pensando a cosa ci aspetta..Null’altro che una coppia di giovani escursionisti, zainetto, ombrellino lei, scarpe da corsa, li “lasciamo” passare e intanto si mette a piovere sul serio ma si va senza problemi fino alla stretta e sabbiosa forcella Sassongher. Zaini si o zaini no? Si decide di salire senza fardelli, andare con scarsissima visibilità mi fa decidere di rimanere a far la guardia agli zaini e a raffreddarmi (anche perché solo un paio di giorni prima un escursionista è precipitato dal tratto attrezzato più su). Intanto già scendono i due veloci ragazzi, nessun problema mi dicono, solo che sulla cima sta iniziando a nevicare. I miei compagni scendono bagnatissimi ma contenti, rammaricati dell’assenza di panorama e via per la lunga discesa verso La Villa. Gran via vai di salamandre alpine, ci fermiamo un attimo al riparo in un anfratto e poi di nuovo veloci verso il rifugio Gardenacia, caldo e affollato, la signora si è oramai abituata a vederci grondanti di pioggia. Thè e una fetta di torta dovrebbero rimettere in ordine gli umori e intanto ci si muove per arrivare a La Villa.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva