il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 58 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Sagran (Monte)
N. record trovati: 4
Messaggio
19-07-2020 19:59
lorenzo.cocianni lorenzo.cocianni
Oggi 19 luglio: partenza dal park ex Nordio, Rifugio Nordio , Sella di Lom, Dolinza Alm, Starhand, Monte Sagran, Forcella Fontana Fredda, ex villaggio Cocco, Osteria del Camoscio, Park ex Nordio...anello rilassante nel verde come quello del Cocco, tempo variabile, discesa dal Sagran a tratti impervia e ripida ma evidente
Messaggio
06-01-2020 11:33
fabrizio.plesnizer fabrizio.plesnizer
Prima escursione dell'anno con le ciaspole effettuata ieri 05/01/2020 partendo dalla locanda al Camoscio nella valle di Ugovizza a mt.1136, prima per la strada forestale parallela all'ex villaggio Cocco fino alla forcella di Fontanafredda a mt.1691, al confine con l'Austria. Poi, indossate le ciaspole, seguendo la linea del confine prima attraverso il bosco, poi salendo ripidamente per la dorsale abbiamo raggiunto la cima del monte Sagran a mt.1931 seguendo le tracce degli scialpinisti. Dalla cima si gode uno splendido panorama sulle alpi Giulie e Carniche. Per la discesa abbiamo optato per il versante austriaco scendendo per il sentiero che porta alla Dolinza Alm nei pressi della sella di Lom, prima con le ciaspole e poi con i ramponcini per la presenza di tratti ghiacciati nel bosco. Dalla sella abbiamo raggiunto il rifugio Nordio Deffar (mt.1406) dove ci siamo rifocillati, per poi ritornare al punto di partenza attraverso la strada forestale, tagliandola per un lungo tratto per sentiero nel bosco privo di neve. Dislivello in salita mt.850; tempi di percorrenza 4 ore e 30 escluse le soste; sviluppo km.10,2; difficoltà E (con le ciaspole: media).
Messaggio
04-01-2019 18:41
loredana.bergagna loredana.bergagna
La solita escursione del mercoledì scivola al giovedì, previsioni meteo buone salvo che per le forti raffiche di vento previste, niente paura, indosseremo la maglietta della salute. La strada che sale alla locanda Al Camoscio è percorribile con calma, alle otto e trenta con -10° nessuno in vista. Salita veloce veloce lungo la strada e al ponticello deviazione a sinistra verso l'ex Villaggio Cocco, ci manteniamo all'ombra lungo la pista che conduce alla Forcella di Fontana Fredda; qualche accumulo consistente di neve ed il gruppo si divide, c'è chi scenderà a sinistra per intercettare poi il sentiero 403 e raggiungere la Sella di Lom, un secondo gruppetto comprendente la quota rosa sale ripidamente a destra mirando ai bolli rossi. Salita senza particolare fatica nonostante un paio di notevoli sprofondamenti, solo nell'ultimo tratto, allo scoperto, la neve è dura. Sulla cima il panorama è molto buono, breve sosta al sole, il tempo di una foto e di indossare i ramponi e ridiscendiamo alla forcella per la via di salita seguendo poi le impronte dei nostri compari che ci precedono; pausa pranzo al sole ai piedi dello Starhand, nel bosco poca neve e qualche tratto di ghiaccio dove solitamente ristagna un po' d'acqua. Le chiacchiere ci fanno giungere a sella di Lom senza nemmeno accorgerci ed in 10 minuti siamo poi al rifugio Nordio, cartello aperto ma il camino non fuma. Raggiunte le auto per la strada senza utilizzare il nuovo tracciato del sentiero 507 che taglia tutti i tornanti. (03.01.2019)
Messaggio
28-01-2018 21:37
renatospa renatospa
Monte Sagran e Starhand.Dopo il Cocco e la Cima Bella oggi ho deciso per il Sagran e lo Starhand con partenza dall'osteria Al Camoscio. Dopo aver superato l'ex miniera Cocco ed essere arrivato al bivio di quota 1536 ho seguito la diramazione di destra che conduce alla forcella di Fontanafredda. Dalla sella si distingue, sulla destra, il tracciato che risale la dorsale che porta sulla cima del Sagran. Da questa sono disceso lungo il crinale Nord raggiungendo la cimetta di quota 1886 e da qui una panoramica sella dalla quale si evidenzia il pendio che con logico percorso conduce sulla vetta dello Starhand (m.1968). Fare attenzione lungo il crinale sommitale leggermente esposto. Il percorso in discesa verso il sentiero 403 e la Dolinza Alm non è segnato e bisogna proseguire per logica intuizione
facendo attenzione a non scendere troppo nella conca dove il bosco è molto fitto. Il percorso nel bosco, senza traccia, è di non facile orientamento. Cercare di individuare i rari bolli rossi sugli alberi. Intercettata finalmente la pista forestale che conduce alla Dolinza Alm e alla Sella di Lom in breve ho raggiunto il Nordio e da qui il punto di partenza presso la locanda. Percorso abbastanza lungo ma molto suggestivo fatto in una splendida giornata con temperatura quasi primaverile. Utilizzati e trovati comodi i ramponcini specie nel tratto tra il Sagran e lo Starhand. Buone montagne a tutti.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva