il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 158 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Anello del Rifugio Cjariguart da Portis
N. record trovati: 18
Messaggio
02-06-2019 19:35
giuseppe.venica giuseppe.venica
Fatto l’intero anello come da descrizione di SN in data 02/06/2019. Tutto il percorso è privo di schianti e non ci sono residui di neve. La salita fino al Ricovero Coi è un percorso escursionistico non particolarmente impegnativo (il tratto dirupato è stato consolidato ed è protetto da passamani in legno). Il passaggio dal Biv. Coi al Rif Bellina non è solo 100 metri di dislivello ma comprende diverse riprese di quota su terreno non sempre facile (alcuni impluvi dirupati), e non sono sufficienti 45m come indicati dal cartello CAI. Dal Rif Bellina (o Cjariguart) la discesa verso Portis avviene su evidente sentiero che in breve interseca un piccolo rio. Il sentiero prosegue su un comodo cengione erboso sospeso; superato un primo largo macereto e rasentate delle caratteristiche levigate pareti rocciose, si giunge al punto più impegnativo della discesa: si tratta di attraversare un ripido pendio su terreno detritico instabile, largo qualche decina di metri, che non ammette alcun errore. Oltrepassato questo punto si prosegue a scendere a svolte lungo un erto pendio erboso; superato un canalino roccioso con l’ausilio di uno spezzone di corda, a cui segue la discesa lungo un breve ma insidioso impluvio roccioso, il sentiero giunge ad un pulpito con un caratteristico masso carsificato dove si apre una bella visuale. Si deve affrontare ancora un pendio boscato molto inclinato, con alcuni punti parzialmente franati, lungo il quale la traccia perde quota a svolte strette e malagevoli. Finalmente, con un breve traverso, ci si porta su terreno migliore attraversando il solco principale della valle. Con qualche svolta nella boscaglia, su scomoda mulattiera acciottolata, si arriva alla zona incespugliata alla periferia di Portis Nuova e quindi alla strada che riporta esattamente al punto di partenza. Buone camminate a tutti Bepi (Cividale).
Messaggio
08-05-2018 15:23
laura.molinari laura.molinari
Escursione effettuata domenica 6 maggio, esattamente come da descrizione del sito, in una bella giornata primaverile con meteo favorevole. Alcune brevi segnalazioni: approssimandosi alla fascia rocciosa con terreno friabile superare in fretta un breve passaggio esposto alla caduta di pietre dall’alto (rotolate giù un paio proprio davanti a noi); la vecchia catena che aiutava nel passaggio successivo è spezzata ed inservibile, comunque non sembrava strettamente necessaria; il bivacco Coi versa sempre in stati pietosi, può in ogni caso offrire un provvisorio riparo; nell’ultimo tratto di traversata verso il Cjariguart abbiamo trovato ancora tre lingue di neve, affrontate scalinando e procedendo con prudenza; il Rifugio Bellina è dotato di tutti i confort e tenuto benissimo, acqua fresca e zampillante nella fontana accanto; il sentiero di discesa diretto nella Val Lavaruzza, benché dismesso, è ancora sufficientemente segnalato e – offrendo un accesso diretto al Cjariguart e al Plauris - sembra ben frequentato, più del lungo sentiero ufficiale CAI 728a. Il tratto franato si supera con la dovuta cautela ma senza grossi problemi, aiutandosi con qualche ometto nell’individuazione della giusta direzione. Percorso solitario e selvaggio, che ci ha regalato numerosi incontri: un grifone in planata sulla Val Venzonassa, un gallo cedrone che si è alzato goffamente e rumorosamente in volo a pochi passi da noi, nei pressi del Bivacco Coi, due grosse e sibilanti vipere ammodytes (qualche problema con la seconda, che proprio non ne voleva sapere di lasciarci passare su un tratto stretto ed obbligato del sentiero di discesa!) ed infine due stambecchi che si stavano abbeverando sul Rio Lavaruzza, circa a quota 700. Umani zero! Particolarmente godibili il primo tratto di traversata dal Coi al Bellina (molto panoramico e fiorito!) e tutto il grande anfiteatro del Cjariguart, magnifico giardino incassato tra imponenti pareti rocciose e sospeso sulla Val Lavaruzza. Escursione splendida, ma anche abbastanza impegnativa, sia per il dislivello complessivamente affrontato che per la natura del terreno e le caratteristiche dei sentieri, con tratti che richiedono piede sicuro. Da non prendere sottogamba!
Messaggio
10-07-2017 14:49
massimocadel massimocadel
Percorso effettuato con l' aggiunta (doverosa) della salita al Plauris. Il sentiero che percorre la Val Lavaruzza è in condizioni pessime anche a causa delle piogge insistenti del periodo, in alcuni punti da tenere bene gli occhi aperti..secondo me assolutamente da scartare come discesa. Il 728a invece è molto più escursionistico (anche se chiaramente più lungo) e presenta comunque un tratto dove prestare la massima attenzione sotto Punta Sottocastello. L' altopiano che ospita quello che non è un ricovero ma una villa di montagna è meraviglioso , circondato dall' anfiteatro delle cime del comprensorio del Plauris.
Percorso consigliato per escursionisti sicuramente esperti.
Messaggio
28-12-2016 19:17
loredana.bergagna loredana.bergagna
Ripercorso oggi ma in senso di marcia contrario rispetto alla relazione; mi sono aggregata al gruppo “scoiattoli”, scoiattoli di nome e di fatto....volano...Ottima scelta la salita dalla Val Lavaruzza, un po' meno la discesa dal bivacco Coi cn il sentiero 728a, ma da qualche parte bisognava pur scendere! Vento forte nei pressi del ricovero Bellina (come sempre in ordine), vi trascorreranno il Capodanno 17 persone, vento fortissimo nel raccordarsi con il sentiero 728a e poi si procede bene. Bivacco Coi in totale disordine e sporcizia, la discesa regala belle immagini sul sottostante Tagliamento
Messaggio
14-10-2016 08:43
roberto.fabbro roberto.fabbro
12/10/2016 La tersa e freddina mattinata,invogliava ad una esc, non troppo in "quota",....ma possibilmente appagante, la scelta dell'anello del Ric.Cjariguart ha messo d'accordo pure l'amico Dino.Con il sent. 728a la salita per il minuscolo Biv.Coi,con magnifica vista sulla confluenza tra il Tagliamento e il Fella.Da lì la decisione di salire sulla Cima somp Selve,per i suoi "ripidi"prati...meritandoci dalla sua cimetta una visuale stupenda a 360°,con le cime più alte imbiancate. La discesa verso il Ric.Cjariguart con il lungo traverso e l'ulteriore risalita,per la bella vallata dove è racchiuso,trovandolo sempre in perfetto ordine e pulizia.il rientro a Portis per il "dismesso"sent.728 con prudenza nel breve tratto franato...Mandiii
Messaggio
22-05-2016 18:06
lucio.pontisso lucio.pontisso
percorso oggi come da scheda, ho trovato solo un po' di difficolta per attraversare 3 lingue di neve ghiacciata tra il bivacco Coi e la casera Bellina. Per il resto tutto percoribile senza grosse difficoltà
Ho trovato un escursionista triestino al bivacco Coi e altri 3 alla casera Bellina che avevano passato la notte nei rispettivi
ricoveri (tutti contenti della notte trascorsa )
Buone camminate a tutti
Messaggio
11-11-2015 11:27
fabiotofy fabiotofy
Fatto in data 7/11/2015 con salita fino alla cima del monte Plauris. Tutto a posto. Unico dubbio forse sul bivio del sentiero nr. 701 dove abbiamo fatto difficoltà a capire quale dei due saliva in cima e quale andava verso il ricovero Franz. Una tabella potrebbe aiutare se messa in quel punto. La parte franata del sentiero dismesso in Val Lavaruzza non presenta particolari difficoltà se non alcuni camosci che dall'alto ci scaricavano pietre addosso.
Messaggio
18-08-2014 14:16
Walter.S Walter.S
In data 16/08/2014 un cartello all'attacco del sent. 728/a recita che il sentiero è franato a quota 700 m e di prestare la massima attenzione. Salito e disceso per l'ex 728. Sentiero percorribile un po' rovinato dall'eccezionale pioggia del 13 agosto. In particolare si trova materiale d'accumulo nel tratto ripido a tornantini che sale a lato della cascata, e l'attraversamento sotto la frana è stato eroso. Occorre ripristinare un po' il calpestio ma si passa con attenzione.
Messaggio
03-08-2014 21:42
loredana.bergagna loredana.bergagna
Era uno di quei percorsi di: lo farò lo farò, non adesso che è troppo umido, non ora che ci saranno nevai…e alla fine deciso la mattina quasi strada facendo, e anche con scarso mangime nello zaino perché la meta doveva essere un’altra, breve e triste da giornata piovigginosa.
Invece il sole ci ha accompagnato lungo tutto il percorso, escursione di quelle che ti ricordi per la bellezza selvatica che hai intorno, se non fosse per le tracce ben visibili di passata presenza umana (muretti a secco, cavi di teleferica, ruderi di stavoli, ricoveri di animali) non penseresti mai che qui, non moltissimi anni fa, ci vivevano uomini e bestie. Le difficoltà del terreno si superano con la solita attenzione, sia quelle della salita che quelle della discesa, con terreno umido come un paio di giorni fa la scivolatina e infangatina è quasi assicurata…Il bivacco Coi (ora dotato di solida porta) è un vero balcone sulla pianura e par di essere in un giardino. L’aggiramento di Cima Somp Selve è accompagnato da un caldo sole, mentre ci inoltriamo nella val Lavaruzza talvolta facendoci largo fra bellissimi mughi, la nebbia si infila a folate giocando con il sole e il vento e quasi ci nasconde la vista dall’alto del ricovero Bellina. Arriviamo, c’è l’orticello con insalata km.0, pronta per essere colta, la sputacchiante fontana ci fa compagnia mentre mangiamo le noccioline come criceti. Nel primissimo tratto di discesa l’erba è alta e bagnata, ma si vede bene il calpestio, la forra…le pieghe della forra, i muschi incredibilmente verdi, le cascatelle…un camoscio, uno stambecco, una vipera i nostri incontri in quasi 7 ore

Messaggio
21-05-2014 20:30
luciana luciana
Fatto oggi, il sentiero e' segnatissimo,il punto in salita ritenuto piu' impegnativo,la fascia rocciosa di materiale disgregato, e' stato mirabilmente assettato per cui non abbiamo trovato difficolta' nel superarlo. A tuttoggi ,aggirato lo spigolo occidentale di cima Somp Selve, si incontrano parecchi nevai superabili con attenzione e cautela.Splendido il rifugio e il catino in cui e' adagiato, magico e inquietante per la presenza di nebbia.Per la discesa abbiamo utilizzato il sentiero 728 dismesso causa frana. Nessun problema nel superare il tratto franato ma , di seguito, tantissima attenzione nel ripidissimo e malagevole tratto all'interno del boschetto.
Messaggio
10-03-2014 14:16
Michela Michela
Saliti per il solare sentiero di Costa Cavallo (versante S del Plauris), che è anche una possibile alternativa di rientro all'anello descritto, specie quando nei versanti in ombra c'è l'insidia di neve o ghiaccio. Il sentiero corre un po' più a E della traccia indicata in nero sulla Tabacco: dal biv. Coi si segue verso E il traverso segnato fino all'altezza della marcata e panoramica spalla q. 1279, dalla quale si scende per costone erboso con ginestre, seguendo le tracce e i frequenti ometti. Piegando poi a sinistra si entra nel bosco, dove il sentiero diventa evidente e con ripide svolte esce sulla mulattiera CAI 705 che porta a Borgo Sottomonte (per chi sale, si imbocca a circa q. 950 e 10' dal bivio col 705/A). Mandi e buone camminate!
Messaggio
10-11-2013 15:50
fabiotofy fabiotofy
Giro fatto il 9/11/2013. Giornata pessima, preso in schiena anche grandine. Grazie al Pluviometro della Protezione Civile abbiamo appurato che in quella giornata sono venuti giù più di 70 mm d'acqua nella zona del rifugio. Per la salita non abbiamo riscontrato grossi problemi, tutto ben tracciato e sicuro. Molto bello il traverso che dal bivacco Coi arriva al rifugio Cjariguart. Fatta in discesa la temibile frana che tutti parlano. Effettivamente non dà l'idea che la cosa si sia ancora assestata. Sembra che ci sia effettivamente il rischio che primo o poi venga giù altro materiale. Superarla però non è difficile. Più difficile è stato invece guadare il Rio Lavaruzza più in basso dopo i stavoli Cucos, dove abbiamo dovuto usare tutte le nostre doti da uomo ragno per passarci oltre!
Messaggio
05-05-2013 14:07
giuseppe.venica giuseppe.venica
fatto ieri 4 maggio 2013. L'attacco del sentiero si trova appena superato il ponte sul rio Migigulis, sulla destra ci sono tre cartelli turistici della provincia, oltre al segnavia CAI. Il canalino roccioso di materiale disgregato e friabile che si incontra dopo circa un'ora di cammino richiede attenzione e passo fermo, ma non è particolarmente pericoloso; la presenza di una catena metallica aiuta nell'unico passaggio un po' esposto. Il resto del percorso è tranquillo e richiede solo un po' di allenamento per il dislivello che supera i 1000 metri. Nel proseguo dal biv. Coi, passati sul lato nord della cima Somp Selve, il traverso è particolarmente insidioso per la presenza di neve negli impluvi e nel canalone. In vista del rif. Cjariguart, l'ennesima larga striscia di neve, su un ripido pendio, mi ha fatto desistere dal proseguo e sono ritornato a valle per lo stesso itinerario della salita. Buone camminate a tutti.
Messaggio
25-02-2013 16:30
marco.raibl marco.raibl
Effettuato in autunno 2012.Bello ed impegnativo.Niente da segnalare,anche la frana sembra abbastanza consolidata.Prudenza.
Messaggio
05-05-2011 00:00
Paolo Paolo
Sentiero CAI: CAI 728. Da Portis al rifugio Bellina per la val Lavaruzza. A quota 1200 grossa frana con pericolo oggettivo di caduta pietre. Attenzione una grossa fenditura verticale è indice di un probabile ulteriore distacco. Estremamente pericoloso.. biotipo@libero.it
Messaggio
17-09-2005 00:00
Lauro Bortolussi Lauro Bortolussi
Sentiero CAI: n.728 val lavaruzza. Da Portis a M.Plauris per Ric.Bellina. Frana/alberi. All'iniz.del sent.c'è una segn. di percorso inagibile. Se è riferito alla frana ritengo che la bellezza della valle, del ricovero nonchè del Plauris valgano un prudente tentativo, in quanto il sent. danneggiato è di circa una decina di metri. laurobortolussi@libero.it
Messaggio
21-11-2004 00:00
Pambianchi Fabio Pambianchi Fabio
Sentiero CAI: Val Lavaruzza-Rif.Bellina. da Portis al rif. Bellina. Numerosi rami caduti nell'ultimo periodo rendono il percorso difficoltoso. Buono il fondo del sentiero che ancora si percorre senza problemi. Se organizzate una pulizia, cerco di essere dei vostri. Il percorso merita.. emanuela.riccioni@libero.it
Messaggio
30-06-2003 00:00
SentieriNatura SentieriNatura
Sentiero CAI: 728. Sentiero Portis - bivacco Bellina. Franamento del sentiero poco prima del bivacco. pecile@mail.nauta.it
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva