il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 102 ospiti - 3 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Bivacco Val Zea da Arcola
N. record trovati: 8
Messaggio
15-09-2018 10:42
giorgiocomuzzi giorgiocomuzzi
Buongiorno, vorrei segnalare un problema abbastanza grave ed evidente che riguarda questo sentiero.Una volta arrivati ad un bivio dopo circa 1 ora e 45 min da Villa Emma (Prescudin), c'è una segnalazione bianca e rossa (CAI????) con freccia metallica parzialmente conglobata nel tronco di un albero, che indica un sentiero segnato con segnavia CAI sulla destra, indicato sull'albero che la ospita come via per raggiungere il bivacco. In realta la traccia, nonostante i segnavia continuino, porta molto pericolosamente, attraverso il bosco pieno di alberi secchi e caduti, ad una forcella (Formica) e poi muore, non prendete ASSOLUTAMENTE questo sentiero, è pericoloso e da chiudere. Non posso credere che qualcuno abbia segnalato con segnavia bianco rossi questo sentiero, mi chiedo a che scopo, inoltre la zona è totalmente e inspiegabilmente priva di cartelli di segnalazione, per cui da sconsigliare vivamente a chi non è esperto e capace di orientarsi. Chi vuole raggiugere il bivacco deve girare a SINISTRA e scendere lungo un torrente, comunque sarebbe assoltamente necessaria una segnalazione migliore, io sono riuscito a venirne fuori intero grazie ad una lunga esperienza e anche credo a un po' di fortuna. Saluti
Messaggio
28-09-2016 00:00
riccardo.zanin riccardo.zanin
Sentiero e bivacco non danno l'impressione di essere molto frequentati, soprattutto il s.n.980 risulta poco battuto e malagevole in un solo punto dove un grosso faggio � caduto facendo franare un tratto di sentiero (circa 10mt). Il bivacco in effetti � un po' spoglio ma per il pernottamento ha lo stretto necessario con la stufa e della legna. Portarsi dei fiammiferi perch� non c'� altro a parte un piccolo accendino che ho lasciato. Il percorso in s� � bello e il silenzio della faggeta, in special modo dalla frequentata Villa Emma (acqua) in poi, appaga appieno i sensi. Il primo tratto da Arcola fin quasi alla Villa � asfaltato. � possibile evitare i tornanti della strada seguendo delle tracce che tagliano per il bosco, ma anche queste, essendo poco battute necessitano un po' di attenzione.
Messaggio
23-04-2013 19:21
Michela Michela
Ho percorso a metà aprile il sentiero in sinistra orografica di cui parla Sandra: merita senz'altro, ovviamente è più impegnativo della strada ma più interessante e panoramico; lo consiglio all'andata per un eventuale anello. Breve descrizione nella relazione che ho inviato del m. Arghena, mandi
Messaggio
21-04-2013 21:35
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
21/04/2013-Nel primo tratto di strada che risale a Villa Emma (che oggi abbiamo raggiunto per poi salire al monte Medol), poco dopo la prima briglia sul torrente Prescudin, un nuovo cartello CAI segnala la direzione per il bivacco Val Zea (3,30h) in discesa a destra sul greto. Ci è sembrato che una pista segua il corso del torrente bypssando Villa Emma. Lo percorreremo sicuramente più avanti, in periodo più secco. Se qualcuno lo percorre prima di noi, attendiamo notizie in merito!
Messaggio
28-10-2012 14:15
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
Il 7 ottobre 2012 abbiamo ripercorso questo itinerario assieme ai soci del CAI di Codroipo. Da segnalare che intorno a quota 950 il canalone alla nostra sinistra risulta franato e ingombro di enormi massi. Per fortuna questa frana non ha interessato il sentiero che invece sale sulla costa.
Sul traverso finale che ci porta nel solco della valletta dove è ubicato il bivacco, alcuni smottamenti hanno suggerito di far passare il sentiero qualche metri più a monte per evitare il tratto malagevole con schianti e smottamenti. Il bivacco è stato oggetto di recente manutenzione e tinteggio.
Messaggio
27-02-2011 00:00
dovisint2003@libero.it dovisint2003@libero.it
Salve, condivido in linea di massima quanto affermato da Francesca e Flavio. Fino al bivacco tutto ok, una medaglia d'oro ai nostri veci per il tracciato del sentiero in mezzo a un bellissimo bosco di faggio e abeti. Nel bivacco c'era abbastanza ordine, l'unica pecca l'assoluta mancanza di un minimo genere di sussistenza sia alimentare che medico, almeno questo dovrebbe essere uno degli scopi di un bivacco......trovare qualcosa per sopravivere in caso di neccessità.... Per il resto ci vorrebbe più manutenzione dei sentieri e delle attrezzature, ma chi lo fà? il Cai , il comune, la regione , la provincia.......
Messaggio
29-06-2008 00:00
francesca.bomben@tele2.it francesca.bomben@tele2.it
Segnalo la definitiva inagibilità (divieto CAI) del 969 dal Bivacco Val Zea. Peccato scoprirlo una volta saliti in quota, però!
Messaggio
23-09-2007 00:00
papaflavio@virgilio.it papaflavio@virgilio.it
Ho raggiunto il Bivacco domenica 2 settembre. I boschi che si attraversano per raggiungerlo sono bellissimi. Il proseguimento del sentiero 980 (tutto il costeggiamento attrezzato) è deludente per il pessimo stato delle attrezzature (scalette in legno marce, ancoraggi strappati per lunghi tratti, cavi rovinatissimi e pericolosamente fuorvianti circa il tracciato da seguire...). Vista la non eccezionale difficoltà del tracciato forse sarebbe meglio togliere tutto. Ho dovuto scendere per il sentiero 979 (non ho visto dove continuava l'attraversamento "attrezzato"). E' stato scoraggiante vedere l'abbandono del 979. Segnavia sbiaditissimi, sentiero praticamente invisibile. Spesso ho visto resti di segnavia su cortecce marce a terra (gli alberi erano rotti o sradicati). Il tutto in una pendenza boschiva spesso ripidissima, scivolosa (fango, foglie marce e umidità ovunque) con attraversamento di colatoi esposti, franosi e obbiettivamente pericolosi. La strada che porta a Villa Emma è un cantiere di lavori stradali di consolidamento quasi continuo. Villa Emma è tenuta molto bene anche se è tutto chiuso (assurdità). Il bivacco Val Zea e una piccola discarica a cielo aperto. Ho messo un po' in ordine ma ragazzi... Per la regione Friuli un bel fiore (nero) all'occhiello...peccato. La valle Prescudin sarebbe bellissima. Togliere tutto non sarebbe il peggior rimedio.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva