il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 69 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Anello di Giais da Giais
N. record trovati: 6
Messaggio
31-05-2016 22:58
mimmo.greco mimmo.greco
Anello percorso integralmente stamattina in una fase meteo propizia della giornata grigia e temporalesca. Nuvole basse e scarsa visibilità già da quota 500-600 ma temperatura gradevole. Il percorso è piacevole nonostante l'impossibilità di apprezzare i panorami. Dalla seconda metà dell'ascesa a Casera Giais segnalo una cospicua presenza di genziane, oggi solo appena aperte (peccato per la mancanza del sole). Nei pressi della Forcella di Giais finalmente ho avuto modo di apprezzare visivamente qualcosa (niente panorami però) e ho intrapreso il duro sentiero per la cima della Pala Fontana. In cima è iniziato anche a piovere e sono tornato indietro a Forcella di Giais. Molto bello l'altare con la croce alle spalle nei pressi della forcella (sembra che vi venga celebrata la messa in alcune occasioni). Divertentissima la discesa su ghiaia e prati per Costalonga. Ho riscontrato la presenza di zecche. E' stata comunque una bella escursione anche con condizioni meteo sfavorevoli.
Messaggio
22-05-2016 07:34
ectorus ectorus
anello percorso ieri per la prima volta e al secondo tentativo. Già , perchè volendo andarci durante la settimana, si deve mettere in preventivo di trovare le " vedette " militari poste all'inizio della stradina, che non ti fanno passare per via delle esercitazioni in corso. Tornando al percorso, è molto bello e appagante e ripaga delle fatiche fatte. Porre molta attenzione all'imbocco del sent.986 posto all'8° tornante. Non è molto evidente.--Costa Longa: Sentiero molto battuto per cui facile da seguire. Certo che farlo in salita, deve essere molto faticoso. Per me, è meglio affrontarlo in discesa pur dovendo affrontare la sua forte pendenza su ghiaie. Ma come dice il detto...in discesa tutti i Santi aiutano...! Anche il bivio a quota 804 che riporta ai tornanti, è ben segnalato con tanto di tabella. Insomma un bel anello che consiglierei a chi ha buone gambe. Tempo di percorrenza dell'intero anello: h. 5,30
Un saluto a Daniela, conosciuta ieri e compagna di cammino per un breve tratto, che proprio ieri compiva gli anni. Auguroni
Buona vita a tutti
Messaggio
01-05-2016 22:26
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
30/04/2016-Ripercorso l'anello di Giais qui descritto però in senso orario, per provare a cambiare. Dalla pista di ghiaia, tre tornanti dopo la deviazione a destra per Casera Palussa, si devia a sinistra per raggiungere e risalire la Costalonga (panoramico sì ma ripidissimo). Il traverso da Forcella Giais a casera Giais, panoramico, va percorso con attenzione. Dopo casera Palussa proseguiti a scendere per il tracciato CAI per un tratto; più in basso imboccata la deviazione per il Troi de le Cloipes. Il tracciato GPS lo trovate esposto qui sotto. Incontrati escursionisti; ma più numerosi, ieri, sono stati gli incontri con persone che si allenavano in corsa di montagna. Nel cielo sereno deltaplani, parapendii e un'aquila.
Messaggio
29-04-2013 21:49
giacomino.venturini giacomino.venturini
Escursione fatta il 25-04-13 molto bella e panoramica.
Fino alla Casera Giais sentiero ben segnalato e senza neve.
Dalla Casera fino a metà percorso per forcella Giais ci sono dai 30 ai 50 cm di neve abbastanza dura, non servono ciaspe e il percorso (facile) non è a rischio slavine.
Dalla forcella Giais si ripresenta la neve per circa 500 m verso valle, ma anche questo tratto non crea nessun problema tranne un po’ di neve dentro gli scarponi. Nei tratti con neve molti ometti aiutano l’orientamento, il resto del sentiero è ben battuto. Unica cosa che consiglierei è di prendere dopo essere sesi da forc. Giais, la deviazione a sinistra con cartello scritto “Grave”.
Noi siamo andati avanti per tentare di prendere un sentiero nero a sinistra che ci avrebbe riportato circa al punto di partenza. Purtroppo la boscaglia molto fitta con sterpi e rovi era impenetrabile e del sentiero nessuna traccia, quindi siamo entrati nel greto di un torrente in secca fino a incontrare una pista forestale che ci ha riportati sulla strada principale.
Messaggio
15-11-2009 00:00
michele michele
molto panoramico, portate il binocolo. Il tratto finale fuoripista non è semplice da individuare e il rischio è di finire a ravanare tra i rovi (come è successo a me!)
Messaggio
06-09-2009 00:00
carola.savorgnani@gmail.com carola.savorgnani@gmail.com
Panoramicissimo, anche se abbastanza faticoso.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva