il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 62 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

La forra della Val Cosa da Raunia
N. record trovati: 3
Messaggio
18-03-2013 12:47
Pietro_Casarsa Pietro_Casarsa
Fatto sabato 16-03-13
Fare attenzione all'attacco del sentiero : rispetto alla descrizione fatta nel sito, è presente un nuovo cartello indicante la palestra di roccia e un altro sentiero bollinato di fresco che scende deciso verso il fondo del Cosa a sinistra. Prendere la traccia che va verso la palestra di roccia e poi al primo bivio proseguire a sinistra. Tutto il percorso è stato ripulito di recente e con l'aggiunta di qualche bollo nuovo. Il tempo complessivo reale a passo discreto,secondo me, è di circa 5h30'. Il percorso è vario e merita per i bellissimi scorci verso il limitare dell'Altipiano Turie e le marmitte e le gole creati dall'acqua nella forra. Lo consiglio, ma solo a persone esperte di terreno difficile e disagevole e d'inverno-primavera.
Messaggio
23-02-2012 00:00
Matthew Matthew
Fatta ieri. Invece che 4 ore come riportato io ce ne ho messe quasi il doppio... Il cartello iniziale non c'è; in quasi tutto il tragitto bisogna stare attentissimi a non perdere la via perchè le tracce marcate da animali sono abbondantissime e inoltre pungitopo e rovi invadono spesso il sentiero. In alcuni punti dopo il guado anche i segnavia si fanno desiderare, comunque il tratto esposto (il più pericoloso) è stato attrezzato completamente. Salendo verso Ominutz diversi alberi crollati sul sentiero rompono le scatole. Arrivati al bivio per le grotte ho seguito appunto la deviazione per vederle, ma il sentiero, a quanto mi è parso, scompare sul ciglio di un baratro mentre intorno ci sono solo rocce e rovi. Il ritorno descritto dalla relazione è stata un'avventura imprevista (e non desiderata), ci ho messo più di 3 ore ad arrivare all'auto. Infatti, nel punto in cui si diradano gli alberi e appare un modesto panorama il sentiero si perde in mille tracce di animali... Ho allora traversato scendendo modestamente nella stessa direzione (intanto avevo perso i bolli...) ma poco oltre mi sono ritrovato in un inferno di rovi e pietraie. . . Il guaio è che una traccia c'è, ed ci sono anche dei rai bolli rossi sbiaditissimi (saranno di un secolo fa!) e questo mi ha spinto ad andare avanti ma ho dovuto lottare con le spine (e con il nervoso) per ore! Salire o scendere direttamente era impossibile, in entrambi i casi pareti verticali. Alla fine mi sono ritrovato a ridosso della palestra di roccia e quindi sono tornato brevemente all'auto, avendo capito (ma già lo immaginavo) che il percorso da me fatto era parallelo ma poco più in basso di quello riportato. Arrivando nel primo spiazzo dove mi sono perso, avrei dovuto salire un pelo e non traversare in quota. Perciò consiglio a chi voglia intraprendere questo percorso ultra selvaggio di fare mooolta attenzione e di avere orientamento. P.S. Il sentiero lungo la forra è evidentemente poco frenquentato, e si capisce perché! Una sfoltita alla vegentazione che lo invade non ci starebbe male.
Messaggio
04-05-2009 00:00
luca_di_collina luca_di_collina
Del cartello iniziale nessuna traccia. Sentierino invaso da arbusti spinosi. Dopo il primo guado impossibile proseguire, sentiero crollato.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva