il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 33 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Monte Medol da Arcola
N. record trovati: 8
Messaggio
04-04-2014 22:15
loredana.bergagna loredana.bergagna
Ripercorso oggi in buona compagnia seguendo il nuovo sentiero del Clap per evitare un tratto di strada, qualche grassa salamandra pezzata, sotto la cimotta del Medol un paio di fugaci camosci, una forchetta piantata nel fianco dell’arruginito razzo della vetusta stazione meteo. Bosco luminoso e pulito colorato del tenue verde delle nuove foglie, fior di stecco, epatiche, qualche primula e la delicata dentaria minore.
Messaggio
20-03-2014 15:34
marco.raibl marco.raibl
Ci rincorriamo!Ciao,oggi è toccato a me.Viste le tue tracce,visti i tassi e i camosci,oltre a un branco di caprioli.Ho notato anch'io quei segni sui tassi.A me sembravano quasi delle unghiate,anche se ho pensato subito agli ungulati.Ho delle foto,mi farò dire.Relazione da sottoscrivere.Scusate tutti se ci sono due commenti simili.Aloha
Messaggio
19-03-2014 22:58
askatasuna askatasuna
Gola di paesaggi. Unico rimedio contro l’asfalto è tarare da subito il passo da Speedy Gonzalez. Poi il troi dal Clap. Bye bye highway! Vana illusione, si tratta solo di una breve parentesi ma i fior di stecco bloccano ogni funzione cerebrale negativa. Poi licheni arancioni fosforescenti che sembran bucare le griglie di contenimento. Villa Emma stranisce. Sa di cattedrale nel deserto, chissà che storia nasconde! Tutto tace. Due escursionisti sfiorati nell’asfalto probabilmente virano per la val Zea. Io proseguo incantato da una giornata splendida. Da qui strada e troi, seppur evidenti, son umile parte di un oceano fogliare che copre ogni cosa rendendo morbido e rumoroso il passo. Al di là del greto un cuore di pietra è stato adagiato sopra le radici muschiose di un albero e riassume la giornata. Una quantità sorprendente di fatte anticipa una fuga camosciata. il troi prosegue piacevole in un bosco arioso che lascia spazio al rincorrersi delle emozioni. Poi il tasso. Corro da lui. Chissà quanti abbracci come il mio avrà ricevuto nella sua vita! E non solo abbracci! La sua base e quella dei confratelli lascia trasparire intense sdrusciate. Oculata la scelta ungulata nel preferire un albero così docile e morbido che sotto una corteccia spettinata e a tratti quasi violacea, nasconde incantevoli venature arancioni. Il patriarca mi sussurra di guardare il vicino canalone. Una selletta. E vai! This is a wilderness area! Mi solletica l’idea di provare l’alternativa via cresta. Alla sella segnali gialli mi rincuorano ma i pochi metri di dislivello sono ripidi, gattosamente ripidi. Aiutato dalla vegetazione arrivo alla vera cima del monte, grande quanto un tappeto. Pulita. Isolata. Emoziona solo al calpestarla, attorno un coro di giganti canta odi al silenzio. Purtroppo il proseguir crestoso sembra impossibile ma quanta voglia di riempire gli occhi! Scendo e riprendo il troi. Da sopra, une voglade alla cresta di sinistra. Ancora segni gialli ma il non volerli seguire da qui sembra stata una scelta ancor più saggia. Rimango a lungo a rigirarmi. Discesa coccolante impreziosita da incroci camosciosi. Un maschio mi controlla a distanza proteggendo la fuga degli altri. Ripasso ogni fior di stecco, tagliando per il bosco quando comunica morbidezza. Itinerario facile con panorama che ammutolisce, adatto a tutti ma con eventuale breve ma intensa opzione intimista e salvadia.19.03.2014
Messaggio
16-06-2013 17:02
Fausto_Sartori Fausto_Sartori
Giungere a palazzo Prescudin, il sabato, e non trovare nessuno sui prati perfettamente rasati e sui tavoli dell'abetaia, ma solo il silenzio di un crocevia mirabilmente composto, con le sobrie architetture a ornare una natura che qui, con genio accurato, offre il suo repertorio più vario. Proseguendo oltre, il paesaggio attorno, le montagne dirupate, gli squarci detritici appaiono terrifici, ma noi risaliamo il Medol e di nuovo il bosco accoglie a proteggere fin sulla stretta cima, dove appena è spazio per riposare. Acqua all'inizio del percorso e poi ancora in abbondanza fino a palazzo Prescudin, ove anche vi è un vigoroso rubinetto.
Messaggio
22-04-2013 16:15
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
21/04/2013-Ripercorso l'itinerario, niente di particolare da segnalare, se non che sono stati posizionati nuovi cartelli CAI. Sempre molto suggestivo il bosco di faggio poco sotto Villa Emma, percorso dal rio serpeggiante; anche il tasso centenario è ancora al suo posto a sorvegliare i primi tornanti del sentiero sotto la cresta del Medol. Buona settimana.
Messaggio
01-05-2012 00:00
ectorus ectorus
MONTE MEDOL- E' il mio compleanno (auguri) e mi regalo, in solitaria, questo percorso all'insegna del rilassamento e della meditazione. Ero anche incuriosito di vedere questo parco del prescudin di cui tanto ho letto, e dell'annessa villa Emma di cui però non ho capito l'utilizzo al quale è destinata. Comunque è un posto veramente bello e comodo per le tante postazioni di tavoli e panche. Anche il persorso per il monte non è male. Bello il bosco di faggio e tasso che accompagna i nostri passi. Il panorama, se pur limitato , è imponente nella dorsale tra il Messer e il Crep nudo. Della centralina meteorologica, restano solo i resti in quanto è dismessa. Insomma, un percorso che rifarò con una bella giornata, perchè oggi era grigio e sono cadute anche due gocce di pioggia. Diciamo che il tempo ha voluto brindare con me.. Buona vita a tutti
Messaggio
23-06-2011 00:00
Alessandro Alessandro
Confermo quanto scritto nel messaggio precedente, in particolare per il silenzio. Ho trovato persino una chiazza di intoccabili stelle alpine, poco dopo villa Emma. Aggiungo, purtroppo, che neanche qui mancano le zecche.
Messaggio
20-05-2011 00:00
loredana.bergagna loredana.bergagna
Itinerario che si sviluppa in un bel contesto, selvaggio, percorso direi turistico fino a villa Emma. Totale assenza di segnavia (salvo i vecchi cartelli Cai a Palazzo Prescudin e al bivio di quota 650 ca., qualche rado bollo rosso lungo il sentiero che sale al Medol. Totale silenzio salvo le acque, incrociato un giovane capriolo che sembrava più incuriosito che spaventato; impagabile lo spettacolo che si gode dalla piccola cima, sembra di essere al centro di un anfiteatro. Piacevole la discesa lungo la pista forestale dopo villa Emma, un itinerario piacevole e rilassante (non a caso sono stati messi i cartelli Area Wilderness), vale la pena di percorrerlo: Loredana
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva