il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 55 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Monte Acomizza da Camporosso
N. record trovati: 13
Messaggio
16-04-2019 15:46
fabrizio.plesnizer fabrizio.plesnizer
Sentiero percorso ieri 15/04/19 partendo da Camporosso e salendo prima per la ripida strada forestale e poi per sentiero nel bosco fino a pochi metri di dislivello sotto Cima Muli (a c/a 1700 mt.). Trovando un ambiente dapprima quasi autunnale, che poi proseguendo dalla Capanna forestale Cima Muli in su, si è trasformato in un ambiente completamente invernale con ripidi traversi di neve ventata caduta di recente. Non abbiamo proseguito fino al monte Acomizza perchè a circa metà del traverso su bosco molto ripido sotto cima Muli, non sapendo come poteva presentarsi il sentiero più avanti, abbiamo preferito rinunciare con l'intenzione di ritornarci in condizioni migliori di terreno.
Messaggio
27-04-2018 10:26
myshkin57 myshkin57
Saliti il 25/4; tempo caldo, offuscato sulle cime delle Giulie e molto ventoso in cima all'Acomizza. Qualche accumulo di neve residua sul traverso ad est prima di Cima Muli e tra Cima Muli e Cima Acomizza, ma percorribile senza sprofondare troppo.
Bellissima fioritura di elleboro intorno a Cima Muli e di crochi sull'Acomizza. Avvistata la prima marmotta, vicino ai ruderi della vecchia malga.
Discesa da Capanna Muli verso val Bartolo, che è sempre un bel sentiero ed evita la ripida carrareccia spacca ginocchia che sale diretta da Camporosso.
Messaggio
17-12-2017 21:06
renatospa renatospa
17-12-2017 Monte Acomizza da Camporosso. Escursione con ciaspole sull’Acomizza con cielo finalmente terso e sereno.Nelle precedenti uscite su questo monte ho sempre incontrato pioggia,nebbia o nevicate.Salito da Camporosso con il sentiero 508 trovando candida neve fresca e percorso immacolato non ancora battuto .Salito direttamente in cima dall'invitante versante meridionale qualche metro dopo i ruderi della vecchia costruzione.Sulla cima molta neve accumulata dal vento con la piccola croce completamente sommersa dalla coltre bianca. Ampio panorama sulle Alpi Giulie Occidentali,Osternig, e sulle montagne austriache.Dicsesa e breve sosta alla Achomizer Alm con rientro a Camporosso per la via di salita.Lasciata ampia traccia per eventuali prossimi salitori. Buone montagne a tutti.
Messaggio
26-03-2017 20:20
renatospa renatospa
26-03-2016 Festeggiato il compleanno con una bella escursione nelle Alpi Carniche orientali.Da Camporosso salita al Monte Acomizza lungo il sentiero 508 e discesa dal versante settentrionale austriaco alla Bartolosattel e quindi di nuovo a Camporosso.Nebbia fitta dalla Alchomizer Alm e lungo la salita alla cima. Poca neve lungo il sentiero 508 mentre il primo tratto del 403 presenta ancora un discreto innevamento(in alcuni punti si sprofonda fino alle ginocchia).Un bell' anello da farsi preferibilmente con tempo migliore.Buona montagna a tutti!
Messaggio
14-11-2016 11:19
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
13/11/2016-Saliti all'Acomizza da Camporosso, come da relazione; e ridiscesi dalla stessa parte. La neve non ancora trasformata fa la sua comparsa circa al rifugio forestale Cima Muli, impreziosisce gli alberi dai quali non riesce ancora a staccarsi e verso la cima raggiunge, a tratti, qualche decina di centimetri. Parecchi escursionisti austriaci, cielo grigio, assenza di vento.
Messaggio
25-10-2015 16:23
antonio antonio
Escursione fatta sabato 24 ottobre sotto un sole quasi estivo; il rosso dei larici impreziosivano i boschi e lingue di neve ricamavano le alpi Giulie; senza dubbio l'autunno è la stagione migliore per escursioni come questa, e senza dubbio escursioni di questo tipo sono le migliori per stagioni come l'autunno.
Messaggio
23-06-2015 22:36
laura.molinari laura.molinari
Anello percorso con una buona compagnia di amici domenica 21 giugno. Tempo incerto, ma alla fine ha tenuto tutto il giorno. La salita fino al Rifugio risulta un po' monotona e la pendenza della pista forestale non concede tregua. Il Rifugio si trova in una splendida posizione panoramica, ma è chiuso e, in caso di maltempo, può offrire un minimo riparo solo sotto la linda. Dalla selletta in poi si sale per i pascoli senza percorso obbligato, non ci sono comunque problemi di orientamento. Abbiamo completato l'anello scendendo per la Val Bartolo; dalla Achomitzer Alm a Sella Bartolo, anziché utilizzare la stradina, abbiamo percorso il sentiero austriaco, sempre ben segnalato, ma a tratti un po' fangoso. In tutto circa 6 ore e mezza di cammino, senza fretta. Meravigliosa la Val Bartolo in fiore!
Messaggio
14-10-2014 21:26
loredana.bergagna loredana.bergagna
Dipende! Può piacere o no, dipende da cosa ci si aspetta. E’ una tranquilla escursione nel bosco in cui i piedi van da soli mentre la mente viaggia per conto suo (solo qualche radice da evitare, un paio di alzalagambaescavalca) e oggi il sole ha regalato toni dorati e bronzati a questo bosco che porta i segni dei patimenti invernali, e poi il verde della piramide, erba verde che oramai tende al giallognolo, la terra rossa del tormentato sentiero che scende alla Achomitzer Alm, zoccoli bovini che hanno profondamente inciso e marchiato il percorso fino alla selletta di Cima Muli. Rumore di foglie calpestate, profumo di resina e funghi, vento che si alza, un bel gatto casalingo mi aspetta all’inizio sentiero, morbido, pulito, fusa senza ritegno, e, cofano aperto, insiste per darmi un aiutino a rabboccare il lava tergilunotto….questo mi resta dell’Acomizza…
Messaggio
01-05-2014 17:55
michele michele
percorso oggi, tutto come da relazione, si trova neve nel traverso finale a est di Cima Muli e a ovest dell'Acomizza (CAI 508) ma si passa comunque agevolmente senza ciaspole.
Invece la cima e sia la salita diretta dalla sella sud che la discesa verso nord (Achomitzer Alm) sono già praticamente sgombre di neve.
Messaggio
06-06-2013 19:03
askatasuna askatasuna
Giornata promettente.. il tarvisiano dal meteo sembra un rifugio un pò più stabile..all’arrivo si scherza sull’unica piccola nuvola grigia sopra l’Acomizza, il ricordo del Rodolino è ancora vivo.. ma dai, a va vie subite… al ten! Si sale a ritmo sostenuto per una pista meno monotona del previsto. Una decina di giovani camosci si allontana con calma, chi a destra prima chi a sinistra poi.. L’arrivo al rifugio forestale, nonostante il nascondino tra le nubi di Mangart e Montasio, è emozionante. La selva di ellebori neri ormai verdastri e rossicci mi convince a ritornare il prossimo inizio stagione… Alla sella voltiamo a destra e faremo anche l’antecima per una traccia, senza volerlo. Ma anche gli errori, spesso, nascondono piccole meraviglie: nel bosco le ultime chiazze di neve si sposano con gli unici ellebori ancora candidamente bianco-rosati, alcuni appena schiusi.. I prati sommitali sono irrealmente punteggiati del blu delle genziane primaticce e distraggono, ma un rumore di archi (zan-zan-zan-zan) fa alzar la testa.. la nuvoletta ora è un nuvolone.. ma si cal ten! Figurinsi! Intorno c’è l’azzurro. Osservando le marmotte correre per i prati sottostanti, scegliamo il ritorno per la Val Bartolo.. dopo poco, verso l’una, la nube si scrolla di dosso tutto ciò che aveva. Mezz’ora di intensa grandinata e pioggia battente. Senza drammi la prendiamo tutta, ridendo come matti guardando a 500 mt in linea d’aria la val Bartolo sotto il sole… e infatti la troveremo asciutta. I suoi fiori e i suoi prati riscalderanno un ritorno fradicio ma sorridente… (carta Tabacco –come sempre- indispensabile ma variante in parte segnata da bandierine italiane e cartelli austriaci).
Messaggio
29-12-2010 00:00
gfallucca@libero.it gfallucca@libero.it
Alla Achimitze Alm si arriva anche in MB, salendo la strada per il Rifiggio Nordio e ben prima girare a dx. Le indicazione per la Val Bartolo, in effetti sono carentissime e non si capisce perchè. Siamo stati costretti a scendere in fondovalle austriaca (MB), per poi tornare a Tarvisio da Arnoldstein
Messaggio
08-07-2010 00:00
ectorus ectorus
Io mi permetto di asserire che la parte iniziale,fino a quota 1400 circa, è molto faticosa e poco remunerativa; faticosa perchè in un'ora passi da quota 900 a quota 1400 appunto, e 500 metri di dislivello in un'ora la dice lunga sula pendenza che caratterizza questa prima parte del poercorso; poco remunerativa perchè non ti offre nemmeno il conforto di poter ammirare un panorama che renderebbe forse meno impegnativo il tratto. Mi associo invece con l'amico Ivo per il consiglio scritto nella descrizione: portarsi la cartina nel caso si decida il rientro per un percorso diverso. Io ho scelto di rientrare dalla Val Bartolo. A parte la lunghezza del persorso che è pur sempre una scelta personale, mi sono trovato in una miriade di strade,stradine,scorciatoie e cartelli poco chiari. Malgrado la mia modesta esperienza, ho faticato non poco a trovare la sella che poi scende in Val Bartolo. Di certo non ho trovaro nessuna indicazione che portasse il nome " Val Bartolo" o similare.Utile quindi l'orientamento sulla cartica. Buona vita a tutti
Messaggio
29-12-2008 00:00
brunomik brunomik
Giorno 27 dicembre 2008, tanta neve già a Camporosso poi seguito l'itinerario descritto da Ivo, molto utile per trovare l'inizio della stradina forestale che sale verso il monte. L'unica cosa da aggiornare è che le tabelle in paese con la scritta Passeggiata Clome ci sono ma la scritta è illeggibile per cui seguire le tabelle in legno senza nessuna scritta poi poco più su cominciano i segni bianco rossi del CAI. Si arriva senza grossi problemi al rifugio forestale di Cima Muli, chiuso purtroppo, e poi si sale, pista abbastanza evidente fino sotto la Cima Muli poi la traccia sulla neve abbondante svanisce. Seguendo la indicazioni di Ivo abbiamo proseguito aggirando sul versante est la Cima Muli e siamo arrivati alla selletta tra questa e la cima sud dell'Acomizza. Poi per il pendio piuttosto ripido prima all'antecima e poi sull'Acomizza. La croce spuntava appena dalla coltre nevosa. Ritorno per lo stesso percorso dell'andata. Andata poco più di quattro ore, ritorno all'incirca due con sosta in un caso e nell'altro al ricovero di Cima Muli che quantomeno, grazie alle panche riparate sotto la linda del tetto, permette una sosta abbastanza confortevole.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva