il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 139 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Da Centa a Castelmonte
N. record trovati: 12
Messaggio
05-02-2019 22:54
matteo.pauletto matteo.pauletto
Percorso il 26/01/19. Sentieri in ordine e ben segnati.
Mandi
Messaggio
18-03-2018 18:23
giuseppe.venica giuseppe.venica
Escursione effettuata oggi 18/03/2018 in una breve tregua metereologica. Percorso eseguito come da descrizione di SN fino all’imponente Croce di Castelmonte. Nonostante le insistenti piogge dei giorni scorsi, i sentieri e le mulattiere si sono rivelati in buone condizioni. Gli abbondanti SV CAI (siamo sul SI), non permettono di perdersi. Per il rientro ho optato per lo stesso itinerario della salita, aumentando leggermente i chilometri totali. Complessivamente 6 ore di cammino ininterrotto, comprese due brevi deviazioni verso la chiesetta di S. Lucia ed il Castello di Albana. Buone camminate a tutti. Bepi (Cividale). PS incontrati i soliti due CRETINI con le moto da cross, che impunemente, e con arroganza, rovinano vecchie mulattiere e sentieri faticosamente mantenuti da volontari!
Messaggio
07-01-2018 16:07
loredana.bergagna loredana.bergagna
Umida e fumosa camminata epifanica approfittando dell' unica occasione in cui la chiesetta de Tre Re viene aperta per il culto, celebrazione S. Messa a mezzodì. Quindi con un folto gruppo di amici delle Valli si parte da Centa, non posso non fermarci a parlare con la signora, la “mamma” delle oche, una sola è rimasta perché l'altra è stato gradito pasto di qualche predatore, e comunque adesso è ancora rinchiusa, a dormire, oggi si è appena alzata anche lei, ma tanto è festa...mandi e a dopo... Niente da segnalare lungo il percorso se l'atmosfera ovattata che sfuma il lungo filo dei camminatori, poco prima della chiesetta si apre ombrello, il ripiano soprastante è affollato ma del celebrante e del coro non si sa niente; a mezzogiorno ormai passato si spuntina abbondantemente in compagnia di un altro numeroso gruppo i escursionisti giunti anche loro come noi per assistere al rito religioso. Ci consoliamo con pane salame formaggi gubane biscotti vini grappe vin brulè cioccolatini.....con calma riprendiamo il sentiero verso Castelmonte, non piove più. Scendiamo a San Pietro Chiazzacco lungo la strada, una breve risalita per visitare l'esterno della chiesa ed il suo minuscolo cimitero; scivoloso rientro al punto di partenza mentre oramai è quasi notte.
Messaggio
16-01-2017 16:56
francesca francesca
Percorso questo itinerario ieri, seguendo di base le indicazioni di SN, ma con alcune varianti. Ho intitolato la mia relazione "anello di Castelmonte da Albana" essendo partiti dalla quota 106 del borgo omonimo, poichè l'esiguo parcheggio di Centa è risultato occupato dai cassonetti delle immondizie. Abbiamo subito effettuato una deviazione al Castello di Albana, che si è rivelato molto interessante per il carattere stilistico della cinta muraria. Al rientro con il sentiero 748 sul lato orientale del M.Brischis, abbiamo preferito la rotabile asfaltata con tratti innevati, per finire con la visita alla chiesa di S. Spirito dal campanile merlettato, raggiunta con la carrareccia.
Il percorso si è illuminato durante il tratto di salita alla chiesa dei Tre Re, grazie a qualche centimentro di neve fresca e vaporosa, che ha reso l'ambiente pittoresco. Bianche anche la rotabile asfaltata per Prepotto percorsa al ritorno e la pista che scende lungo il filo della dorsale fino a S. Pietro Chiazzacco. Nel complesso un bel itinerario non troppo faticoso, interessante per la scoperta di antiche pievi e il modesto panorama con vista fino al mare, che proprio non ti aspetti di vedere da quote così basse!

Messaggio
21-12-2014 16:32
giuseppe.venica giuseppe.venica
Percorso oggi 21-12-2014. Per l’intero giro 5 ore e mezza, compresa la salita alla croce di Castelmonte. Per la salita basta seguire fedelmente i SV bianco-rosso, senza lasciarsi sviare dalle innumerevoli deviazioni. Anche il rientro non presenta problematiche; dopo essere scesi lungamente per la stretta rotabile asfaltata (indicazione Prepotto), appena superata l’evidente caverna della Grande Guerra, dal tornante prendere la pista a sx (recentemente rimaneggiata e quindi un po’ fangosa) che scende lungo la dorsale conducendo in una ventina di minuti alle case di San Pietro di Chiazzacco, facendosi guidare dal campanile della pieve; qui piegare a sx raggiungendo il bivio che immette sulla strada principale che porta a Castelmonte; ancora un breve tratto e si chiude l’anello nei pressi di Sella Brischis (m 321); da qui si ripercorre a ritroso lo stesso itinerario della salita. Buone camminate a tutti. Bepi da Cividale
Messaggio
01-04-2013 18:41
askatasuna askatasuna
Passeggiata (obbligatoriamente) digestiva.. La giornata inizia in modo tutt'altro che primaverile... aiar di chel ca da fastidi.. e fino alla chiesa dei Tre Re, paesaggio carsico-autunnale senza quasi colori.. le fioriture di Scilla, poco più avanti, ridonano il calore che serve. Scappato da Castelmonte mi rifugio nel laico/pagano Planjava. La cima è invasa dalla vegetazione ma poco prima, sopra una stazione delle acque del Friuli orientale il paesaggio si apre.. Castelmonte nitido, Krn/Matajur timidi, nascosti dietro alle nubi. Rientro tra entusiasmanti fioriture di polmonarie che non mi fanno cambiare idea su di un itinerario troppo marcato antropicamente tra asfalto e mulattiere da motocoltivatore... sono i sentieri dell'uomo.... se ne trovano molti altri nelle valli del Natisone, selvaggi, da emozione. Ma la giornata sorride con (mi arrogo di crederlo) lo stesso viso, lavorato dal tempo e dalla saggezza, di Silvana la Vecja, con la quale ha parlato loredana... le chiedo del suo gatto nero (pantera, dalla taglia) e di altro.. uno scambio franco, con sorrisi che valgono chilometri, eh sì, anche questo è camminare.. sul ritorno un taglio di rosso con il babbo incrociato a Praprot... fantasticando sulla primavera che arriverà... prima o poi..
Messaggio
27-01-2013 19:36
loredana.bergagna loredana.bergagna
Ripercorso oggi dopo un lungo stop; alle 7.40 a Centa il vento toglie il respiro, poi mi abbandona per ripresentarsi presso la spianata della chiesetta di S.Lucia. Lungo il sv 748 e fin quasi alla chiesetta dei Tre Re grandi opere di pulizia, segnavia ripassati, terra indurita dal freddo, qualche crosta di ghiaccio che centro in pieno, primissime fioriture di primule, lungo la mulattiera oltre Fragjelis un piccolo elleboro verde fa capolino dal fogliame, impronte si caprioli e cani. Non fa nemmeno particolarmente freddo oggi, il cielo dapprima è un po’ velato poi lascia spazio al sole, i primi profumi nell’aria, silenzio tutto attorno; incrocio un escursionista, mi riconosce, ci siamo trovati sul Guarda. Dal parco della Croce il panorama merita una sosta, rientro tranquillo con breve visita alla chiesetta di S.Pietro Chiazzacco, affresco esterno pregevole. A Centa rivedo una simpatica anziana signora che mi intrattiene parlandomi delle sue due oche di cui una gelosa dell’altra, e il cane nero le chiedo? …era vecchio, morto……Camminare è anche questo, non solo conoscere luoghi
Messaggio
19-11-2012 08:35
annamaria.bruna annamaria.bruna
Abbiamo percorso l'intero percorso come descritto ieri 18 novenbre 2012. Giornata con qualche raggio di sole e con colori autunnali.....favolosi. Sentiero ben segnalato. Bello anche il sentiero al rientro dal tornante nei pressi della galleria che scende fino a raggiungere le case di San Pietro Chiazzacco e seguendo direzione Albana siamo ritornati all'auto per la strada. Giro fatto, con tranquillità e con la possibilità di visitare la chiesetta di s. Pietro e Paolo a Centa (la chiesetta è chiusa ma li vicino abita una signora che gentilmente la apre a chi è interesato), in 6 ore e mezza con sosta panzo presso la chiesetta dei Tre Re. Grazie a sentieri e natura ho avuto la possibilita' di conoscere un nuovo sentiero per raggiungere il Santuario.
Messaggio
12-12-2010 00:00
loredana.bergagna loredana.bergagna
Percorso odierno, finalmente bella giornata dopo oltre un mese di pioggia! Itinerario ben segnalato, piacevolmente silenzioso; ben adatto alle giornate invernali. Perfetti i tempi di percorrenza. Loredana
Messaggio
17-01-2010 00:00
gionnimariano@alice.it gionnimariano@alice.it
stamane ho seguito il percorso descritto, con variante in discesa, partendo proprio da Stregna (Prapotno Sriednje): località in Comune di Prepotto, vicina a Fragjelis, da non confondersi con il paese che fa comune a sè. itinerario silenzioso, piacevole, che si presta ad alcune divagazioni per sentieri un po' invasi dai rovi
Messaggio
29-12-2009 00:00
deviscomin@libero.it deviscomin@libero.it
ho fatto il percorso da fragielis a castelmonte il 28 dicembre 2009, molto bello. tuttavia nella descrizione del percorso è menzionata Stregna, ma questa località è da tutt'altra parte, non dopo fragielis! andrebbe verificato e modificata la descrizione.
Messaggio
12-04-2005 00:00
alessandro ottomaniello alessandro ottomaniello
veramente è fatto molto bene grazie
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva