il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 119 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Anello del monte Cocco dalla val Rauna
N. record trovati: 5
Messaggio
12-12-2016 20:51
askatasuna askatasuna
Le carrarecce non sono certo il mio ambiente ideale, ma con Dree che le affronta di petto passano in un lampo. La Bugj approffitta del guinzaglio allungabile per fare il doppio di chilometri e dislivello, annusando qualsiasi cosa. Metà Border Collie, metà Sherlock Holmes. Non riesci a capacitarti del suo entusiasmo, tira come una muta di Husky. Ad ogni metro percepisce sfumature odorose impalpabili. Ad ogni aspirata pare corrispondere un’immagine. Chissà che tipo di animale associa ad ogni primizia olfattiva! Molti se li deve inventare. Continua in preda ad un’euforia incontenibile e noi dietro, ma anche in mezzo. Indisciplina pura, fa danzare il cugino per il troi, costretto a piroettare per liberarsi dagli incroci. E mica accetta che uno le stia davanti! Vuoi mai che le scippi qualche olezzo salvadi! Il villaggio minerario è una favola che raccontan le nonne. Nulla ti farebbe pensare come quell’edificio fosse una base per dei viaggi al centro della terra. Condivido la delusione di Loredana per la mancanza di qualsivoglia informazione. A forcella Fontana Fredda incrociamo una famigliola intenta a raggiungere il Sagran. Il figlioletto è un sorriso con le zampe! Per approfittare del giornatone gli han fatto saltare scuola! Ben petade! Un metodo infallibile per avvicinarlo a la mont! Aggiriamo la Cima Bella passando per la Ugowittzer Alm seguendo le tracce sconnesse del bestiame. Sulla prima altura il panorama s’apre. L’Antelao fa la sua comparsa. Una gigantesca tomba di faraoni islandesi che brilla candida e piramidale, non c’è foto che riesca a confermare la percezione visiva d’averlo così vicino. La stessa che in vetta ci farà il Tricorno dal lato opposto. Senza tradire una sfumatura grigiastra una, ormai bell’e impellicciato d’ermellino. Le nuvole ritornano protagoniste e si sfogano sulla tela azzurra. Se quelle a levante si dilettano nelle più disparate fogge e tecniche pittoriche, quelle a nord, che sovrastano l’Ankogel, formano un’unica pennellata, lievemente eburnea che pare un secondo strato di cielo sotto gli azzurri pallidi che la sovrastano. Troppe le picche che litografano le retine. Non sai dove girarti. L’ora favorisce le Giulie slovene e la prospettiva elegge il Mangart a centripeto titano di quell’aguzza distesa di sogni. Su di un masso qualcuno ha dipinto il simbolo sacro dell’Om. Per quanto meno invasivo di gigantesche prove di “fede” piazzate qua e là, mi chiedo cosa spinga chi raggiunge il limite dell’aere a porvi il suo qualsivoglia sigillo. Religioni, ideologie e filosofie varie dovrebbero restare a valle. O, al limite, portate nello zaino interiore di ognuno. Umili e silenti, ne guadagnerebbero in profondità ed invece eccoti l’immancabile Madonna azzurra. Non mi staccherei mai da questo turbinio di vette ma capisco da chi ha preso la Bugj, Dree tira il guinzaglio immaginario e mi fa capire che è ora. Il traverso, a tratti, si trasforma in una pista di pattinaggio. Un rivolo è stato immortalato da una nordica medusa, che ha congelato i suoi lievi moti ondosi, obbligandoci a saltare sulle poche pietre e zolle che emergono come scogli ed isolette. Più in basso un’altra fonte ghiacciata, col suo filo d’acqua corrente che si fa largo tra la stasi invernale, approfittando della sua testarda costanza. Prima dell’inabissamento della radura ammiro una conifera gigantesca, a nove braccia, pare una menorah trasformata in scultura organica. Mordendo la mela d'ordinanza mi perdo nei giochi invernali del torrente. Sulla via del parcheggio incrociamo una decina di auto con pargoli. La valle di Ugovizza che pare sonnecchiante s’anima di colpo e ciò non può che far piacere. (30.11.2016)
Messaggio
20-12-2014 17:44
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
19/12/2014-Saliti al monte Cocco lungo la via descritta in relazione. Poca neve presente; anche nel breve pendio finale esposto a nord si sale senza difficoltà, anche perchè il percorso è già battuto dai numerosi escursionisti che ci hanno preceduto. Grande panorama, un po' di vento e libro di vetta umido e ammuffito nella cassetta, due coppie di turisti austriaci. Saliti poi anche alla vicina Cima Bella, due escursionisti italiani, clima mite eccezionale per il periodo: approfittiamone. Scesi per la stessa via di salita.
Messaggio
14-05-2014 18:56
ectorus ectorus
Salito oggi dall'osteria al camoscio.A quota 1600 si incomincia a trovare neve, in aumento man mano che si sale. 20 cm. circa di neve che alle prime ore teneva il passo senza cjaspe. Al ritorno, con l'aumento della temperatura, si è trasformata in neve bagnata con conseguente sprofondamento del piede. Per il ritorno, ho scelto il rientro dal villaggio Cocco e poi seguendo l'indicazione per il rif.Gortani, da dove il sent.504 riporta all'ost.camoscio con piccola difficoltà nell'attraversamento del torr.perinu nella sua parte bassa.
Buona vita a tutti
Messaggio
14-09-2011 00:00
ectorus ectorus
2 osservazioni:il sent.504 nella cartina tabacco è indicato come strada.In realtà da q.ta 1199 (dove finisce l'asfaltata) e q.ta 1451 (sbocco su strada forestale) si tratta di un normale sentiero che forse una volta era una strada,ma ora.....Tra l'altro, dove sbuca sulla strada, non vi è alcuna indicazione o segnale,quindi, al ritorno, si deve fare molta attenzione a non saltarla. - Al complesso minerario, è più semplice seguire la nuova strada che hanno fatto e che porta direttamente all'incrocio con la strada che sale dall'osteria camoscio - Tutto sommato, parere molto personale, secondo me è più comodo salire dall'osteria al camoscio. Buona vita a tutti
Messaggio
02-09-2011 00:00
loredana.bergagna loredana.bergagna
Oggi passeggiata sul monte Cocco per far contento l'ortopedico che, con le ginocchia che mi ritrovo, mi ha raccmndato solo passeggiate, e così sia. Al bivio d'inzio percorso è apposto cartello inagibilità sent.504 zona rio Bianco, mi avvio lungo il suddetto sentiero (e non 506 come da riportato sui sentieri del silenzio perchè il 506 interessa il vallone di Ugovizza e non la Val Rauna) per cui è esatta la descrizione riportata sul sito. La stradina ora è completamente asfaltata sino all'imbocco della mulattiera con scivoli e serve parecchie abitazioni. Salgo nel bosco seguendo qualche sporadico segno bianco/nero, noto abbondanza di licheni (zona salubre), dove il percorso si appiana compare qualche segnavia b.co/rosso e il sentiero termina sulla carrareccia che porta al villaggio minerario, villaggio che è composto da un unico edificio, sembra un monolite posto lì, senza un cartello esplicativo, niente! Da lì e fino alla vetta la descrizione è perfetta, fino alla cima mi accompagna il sottofondo musicale dei campanacci e muggiti dei bovini al pascolo fin sulla Cima Bella. Sulla cima, oltre alla croce, c'è una campana ma senza corda (per cui niente din don dan) e il libro di vetta, si gode di un buon panorama, paesaggio bucolico, pochissime fioriture: epilobi, e bellissimi cirsi lanosi dalla sella di q.ta 1814 fino alla vetta. Per la discesa ho utilizzato l'anello proposto; è una tranquilla passeggiata ma effetivamente è basilare saper orientarsi. A mio avviso il villaggio minerario potrebbe essere inserito in un locale percorso didattico (ovviamente con adeguati cartelli) per ricordare e ricordarci com'era faticoso vivere fino a poche decenni or sono. Il Monte Cocco lo inserirei con un aggravio di non più di 2 ore, nel percorso M.te Sagran, Cima Bella dal vallone di Ugovizza, sembrerebbe essere il normale completamento dell'anello. Loredana
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva