il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 126 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Plagne (monte) - Planje
N. record trovati: 5
Messaggio
07-11-2020 21:33
loredana.bergagna loredana.bergagna
Mercoledi 4 novembre mi piacerebbe rivedere lo spettacolo dell'inversione termica e questa volta propendo per la cresta Urazza, Banera, Plagne che è comoda e gode pure di una bella vista. Le previsioni meteo non saranno poi proprio come promesso, cielo sostanzialmente coperto, poi cala anche una bella nebbia fredda che il vento non riesce a smuovere, per fortuna che la iniziale salita lungo il sentiero 732 fino ai ruderi di casera Chila scalda e non poco, percorso di cresta fino al monte Plagne, inutile salire fino al monte Guarda, discesa a casera Caal finalmente per una sosta e rientro ad Uccea lungo il segnavia 733, ancora un breve tratto di asfalto per recuperare l'auto nei pressi dell'attacco del sentiero di partenza. Bel percorso, sentieri in ordine, solo qualche scavalcamento senza difficiltà in salita, i colori dell'autunno oramai tendono al marron
Messaggio
27-05-2020 20:19
cjargnel cjargnel
Oggi giornata meteo da mille mète. Ho scelto di copiare spudoratamente l'idea messa in atto dai ns. Sandra&Ivo, che ringrazio per lo spunto, 3gg. fa e inserita alla voce "Banera". Ho aggiunto solo la capatina al Planje che da anni frequento salendo da Uccea. Percorso molto interessante non fosse che per la magnifica traversa che mi ha portato a collegare il Chila al Planje con l'intermezzo di Urazza e Banera e che ogni volta che ci torno mi convinco sia fra le più belle e di maggior sviluppo che abbiamo in regione (Il trono a mio avviso spetta al Ceria-Merlone). Viste come sempre bellissime dal vicino Canin alle lontane dolomiti Ampezzane e Giulie Slovene Triglav compreso. Concordo che sul 732 in alcuni tratti sia richiesta concentrazione specie sul tratto in roccette ove piede fermo (e non solo quello) è indispensabile. Giornata ben spesa. Mandi e buine mont a duç.
Messaggio
22-05-2019 18:40
michele michele
salito venerdì scorso da Uccea transitando per il Banera e poi fino al Guarda. Sentiero a posto, non interessato da neve.
Messaggio
07-05-2017 06:03
MauroGo MauroGo
Fatta ieri la salita sul monte Plagne da casera Coot. L'intenzione iniziale era di salire sul Guarda e fare l'anello completo, purtroppo il tempo incerto e qualche goccia di pioggia verso le 13.30 ci hanno convinto ad accelerare il rientro. Sentiero ok, solo qualche fastidioso nevaio residuo di neve bagnata nella parte alta, sotto la cresta. Panorama dalla cima rovinato dalle nuvole ma quello che si vedeva in direzione del Canin e delle Babe era comunque meritevole di qualche foto. Piacevole sosta finale alla casera Coot, aperta di sabato e domenica. Mauro.
Messaggio
09-04-2017 09:58
cjargnel cjargnel
Escursione di ieri 08/04. La binocolata di una decina di gg. fa da Sella Buia, mi ha deciso a salire su questa cresta partendo nuovamente da Uccea. E' questo un itinerario che ogni volta giudico molto gratificante non fosse che per l'emozionante uscita in cresta ove nel giro di pochi mt. si apre una vista globale verso il gruppo Canin-Sart che giudico tra le migliori in assoluto. La bella giornata con solo rare nuvolette ma buona visibilità e ottima temperatura, rendono il tutto degno di ripetute soste per foto e osservazioni. Subito oltre la cresta resiste la neve continua di altezza variabile dai 40 ai 100cm. confermandomi la giusta scelta di rimandare un po' un 'eventuale salita dalla val Resia. La neve invade la bella mulattiera di cresta solo per brevissimi tratti all'altezza del Plagne e poi in direzione Guarda. Solo rare impronte di ungulati ne "macchiano" l'uniformità. Un aliante mi sorvola di pochissimi mt. mentre traverso. Fitte fioriture continue di mini crocus bianchi e viola specie in cresta. A casera Caal domina la scilla, più sotto la pervinca. Sentiero praticamente libero. Come sempre, i soliti segni oltre la conca di Caal si confermano datati, ma nulla di che. Mandi e buine mont a duç.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva