il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 90 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Anello del monte Guarda da Coritis
N. record trovati: 12
Messaggio
26-10-2017 21:04
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
Percorso il 25 ottobre l'interessante anello come descritto da relazione. Albeggia, e sulla strada verso Coritis caprioli attraversano la strada.
La ripida salita ci distoglie dalle velature che coprono il cielo. Da Slatina inf. a Slatina sup. il sentiero aumenta ancora la ripidezza; non è
evidente e la foltissima alta copertura di foglie secche consiglia di salire con prudenza.
Quest'anno a queste quote i faggi non mostrano piu i caldi colori autunnali, peccato, le foglie sebbene secche sono nel loro pieno volume e in alcuni passaggi della mulattiera di guerra poco oltre sella Parduline mi sono trovata a guadare tra le foglie che arrivano al ginocchio. Con innumerevoli su e giù si perviene infine al Guarda con la bellissima visuale sulla val Resia e, dall'altra parte, sulle amene vallette slovene. Il sole sbuca dalla fitta velatura nuvolosa.
Tracce di neve, ormai poca, sui versanti in ombra.
Risistemato il sentiero (smottato tempo fa) lungo il traverso verso il bivacco Costantini.
A Berdo la bianca facciata dello stavolo è sì ancora in piedi ma ancora più
esile dell'ultima volta...
Non anima viva in quota, solo a Coritis c'è ancora qualche residente.
Messaggio
11-01-2017 11:55
askatasuna askatasuna
Se avessi dovuto immaginare un’uscita con Matthew sicuramente l’avrei vista condita di cengette per ungulati, selve impenetrabili, passaggi del gatto, salti nel vuoto e serpenti velenosi. Invece mi propone il Guarda. D’altronde oggi siamo in tre e quell’orso con la coda che si ostina a chiamare cane, ci avrebbe volentieri atteso in auto. La val Resia sonnecchia, tirandosi ancora addosso la sua coperta d’ombre, ma il parcheggio pulsa di luce propria. Ogni vegetale s’è trasformato in scultura. Pare che messer inverno, prima di fuggire altrove, si sia fermato per un attimo, proprio qui. A sbadigliare, congelando non solo la materia, ma lasciando un’estesa fioritura di cristalli. Tanto effimeri quanto perfetti ed affascinanti in ogni loro petalo che si fa scheggia di ghiaccio. Ma per scaldarsi basta salir decisi il troi. Prima ancora del sole, la luce rifà la comparsa nella sua incarnazione arborea: le betulle! Presso gli stavoli fa impressione girarsi e guardare la vecchia via resiana completamente spoglia. Saliamo distanziati, ognuno col suo passo, col proprio silenzio. Poi qualche frase, una condivisione, una risata, per rituffarci nuovamente in noi stessi. Ben sapendo che oggi è una giornata particolare, entrambi increduli di aver per compagno di salita quell’altro, con gli zaini pieni di curiosità e domande. In breve siamo in cresta, ad abbracciare il giorno e tutto quel massiccio che si stiracchia al sole. Pochi passi e Matthew saluta le cime, vicine e lontane. Le chiama per nome. In un’altra vita, vista la capacità mnemonica che lo contraddistingue, deve aver avuto la proboscide. Il canide che ci segue invece, deve aver vissuto placido nelle foreste dell’America meridionale, trastullandosi tra i rami grazie agli uncini tridattili. Avanza posato. A metà tra l’entusiasta ed il sonnecchiante. Qualche volta si mette in mezzo giusto per contratto, ma di scorrazzare avanti e indietro, pattugliando olfattivamente ogni centimetro, proprio non ne ha voglia. Pare aver vissuto cento vite, ma è solo un cucciolo, un enorme e pelosissimo cucciolo. Forse, semplicemente, si gode la cresta come noi. Rallentiamo, ci voltiamo spesso, fermandoci su ogni altura, cogliendo la più piccola sfumatura nel panorama che si rinnova di passo in passo. Non conta quanto lo conosci o se hai già calcato quella comoda schiena erbosa. E’ una cresta! E come tale fa prender la rincorsa all’anima, librandola in volo! Il resto del corpo segue quell’aquilone interiore che non si fermerebbe mai, attaccato al cielo da un filo invisibile, continuando come se non dovesse arrivare in nessun luogo. Le creste son poche briciole di terra, quelle che bastano, sotto i piedi. Il resto è aria. Senza barriere, sbarre o pareti. E tutto ciò che comprimi, contieni e stivi dentro, può finalmente riprendere la sua non-forma, dilatandosi. Come i respiri, come lo sguardo. Qualunque sia la sua durata sarà sempre troppo breve. Almeno per noi. Basta una minima sosta ed il plantigrado si distende, sperando di poter fare un sonnellino. Sorrido pensando al nome che gli ha donato il suo compagno di vita: Arzino! Di ribelle, scontroso, solitario e selvatico non ha nulla, anzi ne è la pura antitesi. Come chiamare un Chihuahua, Grizzly. Intanto ad ogni metro il Canin muta il suo profilo, pare volgersi lui a noi e non noi girarci attorno. Mi affascinano queste metamorfosi costanti, tanto da rubare lo sguardo all’oceano di picche che ci circonda. Almeno fino alla comparsa del Tricorno. Sul Guarda la sosta si fa lunga, programma vuole di godersi il tramonto al ritorno. Matthew scopre d’aver dimenticato qualcosa nella cima precedente e riprende veloce la via di cresta. Alzatosi di scatto per decidere il da farsi, Arzino, maestro di loffiaggine e furbizia, osserva lo zaino e pensando “a tornarà ben in daûr”, e si ridistende senza la minima preoccupazione. Al ritorno facciamo visita al Costantini posto sotto la testa di un elefante marino pietrificato. E poi via di corsa, per uno splendido sentiero, sperando di acciuffare un balcone da cui osservare il Canin in fiamme ed il cielo arrossire d’invidia. (18.12.2016)
Messaggio
01-01-2016 21:51
loredana.bergagna loredana.bergagna
Dice il saggio: chi cammina a Capodanno cammina tutto l'anno..e camminata allora sia. Salita al monte Guarda con la variante da Uccea, tempo così così, qualche chicco ghiacciato che però non intimorisce e da lì a poco il sole si fa largo fra il grigiazzurro del cielo. Silenzio, un capriolo sgomma via, a casera Caal un cane abbaia e una figura è in movimento, salita sotto un sole calduccio e fioriture primaverili, poca neve dura sul sentiero in ombra ma cime pulite. Passi lenti per guardarsi intorno, grande vista 360°fino all'arancione del mare, arrivano due ragazzi, c'è l'arrosto che cuoce a casera Caal, scendendo tappa obbligata per scroccare un caffè.
Messaggio
29-10-2014 23:20
marco.raibl marco.raibl
"Si sta come d'autunno..." Vorrei avere la capacità di riassumere le emozioni con poche parole.Ungaretti è un poeta eccelso e pensare di avvicinarsi alla sua maestria è una presunzione intollerabile.Altrettanto intollerabile è pensare di riportare qui tutte le sensazioni provate ieri, mentre percorrevo questo anello.E' stata una giornata bellissima..Questa seconda metà di ottobre resterà nelle nostre memorie a lungo.Quindi avrei troppe cose da dire.Fatica nella salita per raggiungere la cresta,ma con un bosco così bello mi è sembrato un lampo raggiungerla.Poi tutto agevole.Cielo azzurro intenso,cambi di luce,fruscii di foglie secche.E poi tante,tante altre cose.Basta così.Vedo pochi commenti nel forum.Ho l'impressione che siamo tutti in giro per monti,con poco tempo per scrivere e molto per vivere.
Messaggio
14-07-2014 21:28
daniele.g daniele.g
12-07-2014 Fatto l'anello partendo da malga Coot per evitare la prevista pioggia pomeridiana. Stupenda la vista sulla val Resia e sulle valli slovene dal sentiero di cresta. Sentiero a tratti rovinato sui traversi verso il bivacco Costantini, ma percorribile. Discesa dal bivacco saltando sulle rocce come gli stambecchi. Ottima l'accoglienza alla malga Coot e squisito il pranzo. Complimenti ai gestori per la genuinità dei prodotti!
Messaggio
12-06-2014 11:11
stefano.santin stefano.santin
Percorso il 9 giugno 2014 : itinerario molto bello, un giardino fiorito la cresta che si percorre fino al monte Guarda in aggiunta ad un notevole panorama anche se la ripida salita nel bosco fino a sella Pradolina è abbastanza faticosa.
Due avvertenze: scendendo dal monte Guarda, subito dopo la sella Predolina il sentiero 731 è franato in due punti di alcune decine di metri ciascuno che richiedono cautela nell'attraversamento; sempre il sentiero 731 nel terzo superiore del tratto tra il bivacco Costantini (ex CAI Manzano) e casera Berdo di sopra è in parte ancora sepolto da uno spesso nevaio e in parte distrutto dai detriti trascinati dalle slavine invernali; è comunque percorribile con un po' di fatica in più e identificando il percorso cercando i pochi segnavia rimasti sui macigni più grossi che non sono stati spostati.
Messaggio
18-11-2013 09:44
masurie masurie
Salita e discesa ieri da malga Coot. C'è già neve ma si cammina senza problemi. In discesa abbiamo fatto deviazione verso il Plagna e discesi da quel pezzo del 731. Libri di vetta italiani e sloveni recenti. Timbro sloveno perfetto (con anche troppo inchiostro...)
Vista spettacolare!
Messaggio
04-07-2012 18:49
ectorus ectorus
MONTE GUARDA-Questa escursione l'ho fatta il 2 c.m. e poichè la giornata era un pò grigia e le previsioni non promettevano nulla di buono, sono arrivato a Cas.Coot e da li salito al Plagne e al Guarda per poi continuare al Biv.CAI Manzano e quindi rientrare a Coot. Se si trova una bella giornata limpida, questi monti offrono dei panorami meravigliosi.Il percorso è ben segnalato e non presenta alcuna difficoltà fatto salvo la discesa dal Guarda e l'attraversamento della forc.pradolina che richiedono assenza di vertigini e passo sicuro.Ma la cosa più bella che ho potuto vedere è stata una squadra di aquile ( una quarantina senza esagerare)che volteggiavano a bassa quota in prossimità del bivacco. Il motivo era dato per la presenza di un gregge di pecore di oltre 1000 capi.Ho potuto parlare anche con il pastore che però non ha dimostrato di essere particolarmente preoccupato per il fatto, mi ha spiegato, che non c'erano agnellini e le aquile non aggrediscono le pecore grandi perchè son troppo pesanti.Volteggiano per vedere se qualche malcapitato cade in un dirubo o se si ferisce e quindi diventa una preda da gustare a terra.Veramente molto bello vederle e fotografarle.
Approposito delle previsioni del tempo, giusto il tempo di arrivare all'auto,dopodichè ho fatto tutta la val resia sotto una pioggia battente mista grandine.A Resiutta mi sono rituffato nell'opprimente afa di questo periodo.
Buona vita a tutti
Messaggio
07-06-2012 15:56
MauroGo MauroGo
Sono salito ieri sul Monte Guarda ma da Uccea. Si può lasciare l'auto poco prima dell'inizio del sentiero 733, sulla strada che porta al cimitero. Il sentiero sale inizialmente in un bosco e segnalo che poco dopo un tratto parzialmente disboscato il sentiero è ostruito da tronchi di faggi abbattuti e, per riprendere il sentiero, conviene aggirare questo ostacolo mantenendosi sulla sinistra. Usciti dal bosco il sentiero prosegue salendo lungo prati, in piccoli tratti erosi, fino ad arrivare in cresta, poco prima del Plagne. Da lì si prosegue in cresta fino al Guarda, da dove la vista spazia sulla val Resia e sulla valle dell'Isonzo. Ieri la giornata nuvolosa non permetteva di gustare il panorama a lunga distanza ma la mole incombente del Canin, con la cima avvolta nelle nuvole, fa sempre una grande impressione. Il luogo è davvero selvaggio, non ho incontrato anima viva né in salita né in discesa. Mauro.
Messaggio
24-06-2010 00:00
gustavo.bomben@famatim.it gustavo.bomben@famatim.it
Escursione da fare sicuramente anche se faticosa. Dopo il bosco iniziale c'è una traversata in cresta bellissima e panoramica che passa per il Guarda, il Cai Manzano (Costantini), la Casera Canin sempre rimanendo in alta quota con un saliscendi che non ti massacra.
Messaggio
14-06-2009 00:00
Antonio Vercesi Antonio Vercesi
Sentiero CAI: 731. Il sentiero CAI 731 nel tratto che passa sotto Baba piccola, tra la sella Predolina ed il bivacco CAI MAnzano. Il sentiero è franato parzialmente in un paio di punti e completamente in un punto, causa smottamenti del terreno.. antoniovercesi2002@yahoo.it
Messaggio
09-07-2007 00:00
musianpietro@hotmail.com musianpietro@hotmail.com
09/07/07 Escursione molto bella, ottimo panorama per il giro completo ci vogliono 8 ore. Sentieri ben segnalati e ben curati Il consiglio che vi posso dare è di portarsi con se almeno 2 litri di acqua a testa. Terminato il tratto di sentiero che percorre il bosco, il sentiero è in battuta di sole. Splendida vista gruppo del Canin L’imboccatura del sentiero (738) si trova sulla strada che porta a Coritis. Seguendo l'indicazione per Coritis proseguire fino al secondo ponte a destra qui c’è una piccola piazzola dove parcheggiare la macchina Buona escursione Pietro
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva