il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 54 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Terrarossa (Cima di)
N. record trovati: 2
Messaggio
14-08-2017 12:19
renatospa renatospa
13-8-2017 Sentiero Leva. Partendo dai piani del Montasio,Forca Disteis, lasciata sulla sinistra la normale per il Montasio, si imbocca il sentiero attrezzato per quasi tutto il suo sviluppo.Superato un primo costone roccioso ci si affaccia sulla strapiombante parete del Modeon del Montasio.Dopo circa 150 metri ci si cala su un'altra cengia che dopo altri 350 metri comincia a scendere verso la Forca del Palone.Alla forca si scende lungo un camino ed un colatoio verticali,circa 20 metri, attrezzati con cavo e staffe. Questo è il punto più delicato.Arrivati alla forca si risale un canalino che porta ad una scaletta metallica che raggiunge una cengia.Da qui inizia il sentierino che si congiunge con quello che sale alla Cima di Terrarossa.Breve sosta sull'affollata cima per proseguire poi verso la Forca de lis Sieris.Da qui discesa al Di Brazzà per una fresca birra.Percorso molto panoramico da affrontare con set di auto assicurazione e casco. Consigliato ad escursionisti esperti con assenza di vertigini data la notevole esposizione.Buone montagne a tutti
Messaggio
07-07-2008 00:00
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
Non lo avevamo mai fatto per mancanza di materiale ma l'invio di una serie di poesie da parte di Alida Pevere (alida.pevere@libero.it) ci ha dato l'opportunità di inserire qualche commento un po diverso dal solito.

Il calâ de sere su le Cime di Tiere Rosse
Il soreli dal tramont
al piture i toi crets, mont.
Un zûc di lûs
al incjante i vôi
e al strie il cûr.
Le valade cidinute
inte ombre dai toi pîts
e pâr inzenoglade
denant de tô grandece.
E cuant che cale le sere,
inmò pui sensuâl,
cuvierte nome cuntun vêl di nûl,
te pâs si scolte il to suspîr:
un aiarin lizêr
profumât di gnot d'Astât.
Le lune tal cîl si alce,
delicade ti cjarece,
ti regale il so sflandôr
inamorade de tô bielece.

Il calar della sera sulla Cima di Terra Rossa
Il sole del tramonto
dipinge la tua rupe, monte.
Un gioco di luci
incanta gli occhi
e strega il cuore.
La vallata silente
all’ombra dei tuoi piedi
pare genuflessa
davanti alla tua maestosità.
E quando cala la sera,
ancor più sensuale,
avvolta soltanto da un velo di nube,
nella pace si ode il tuo sospiro:
una leggera brezza
profumata di notte d’estate.
Si leva la luna in cielo,
delicata ti accarezza,
ti regala il suo splendore
innamorata della tua bellezza.

Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva