il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 66 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Monte Rest dal Passo di Monte Rest
N. record trovati: 8
Messaggio
06-07-2018 13:53
giacomino.venturini giacomino.venturini
Escursione fatta il 30-06-18. Passo Rest aperto in ambedue versanti. Al parcheggio nessuna macchina, il cartello “malga aperta” posto alla partenza della strada che sale verso il M.Rest, trae in inganno perché nessuna malga è aperta. La strada in ottime condizioni è asfaltata il primo tratto poi cementata quasi fino alla casera m. Rest. Dalla casera (aperta e in buone condizioni) fare attenzione ai rari segnavia nascosti tra le erbe. Da dietro la casera, una debole traccia sale per un breve tratto in direzione della cima, poi come descritto in relazione traversa in leggera salita tutto il versante meridionale. Lungo il traverso la traccia a tratti è più marcata, come pure il tratto finale, comunque dove era possibile abbiamo costruito degli ometti. Sono passati tantissimi anni dall’ultima volta che siamo saliti io e mia moglie su questa cima, confesso che sono rimasto veramente disgustato nel vedere tutte quelle orrende strutture metalliche poste proprio sulla cima nel punto più panoramico, perfino la piccolissima croce in legno è stata ingabbiata tra un groviglio di tondini di ferro! Comunque a parte l’opera disgustosa creata dal uomo, il panorama dalla vetta è ampio e piacevole in tutte le direzioni. Questa facilissima escursione si presta molto bene per chi ha bambini piccoli, o vuole salire in MTB fino alla casera e per i più arditi fino alla cima. Unico neo, l’erba alta nello spallone sotto la cima, nonostante ciò non abbiamo preso nessuna zecca.
Messaggio
20-05-2018 18:14
giuseppe.venica giuseppe.venica
Trovata chiusa la strada che sale al Passo di Monte Rest dalla Val Tagliamento (abbiamo ricevuto notizie dal gestore del rif. Grasia che la strada per il passo è chiusa anche dal lato della Val Tamontina), abbiamo tentato l’avvicinamento al Monte Rest utilizzando il SV CAI N° 835, segnato sulla cartina topografica e che parte dietro il Rif Grasia. Il percorso è gradevole nel tratto iniziale, fino ad intersecare il Rio Grasia in un punto caratteristico dove questi forma delle cascate. Poi il tracciato s’impenna, andando a risalire faticosamente un canalone detritico; raggiunta una sottile cresta, si piega sx guidati dai SV bianco-rosso; da qui il sentiero diventa poco più di una traccia che sale verticalmente all’interno di una disordinata boscaglia. Dato il peggiorare del tempo (ed il notevole dislivello ancora da affrontare) a quota circa m 900 abbiamo fatto dietrofront. E’ senz’altro fattibile per chi ama “Sentieri Selvaggi”. Buone camminate a tutti. Bepi (Cividale).
Messaggio
01-11-2017 00:00
matteo.pauletto matteo.pauletto
Escursione effettuata il 01/11/17. La carrareccia che porta alla malga Rest è in ottime condizioni, anche se un divieto ne vieterebbe il transito…… Malga Rest mal ridotta ma adatta ad un riparo in caso di mal tempo. Peccato per il cielo nuvoloso e per le strutture sulla cima del Rest, perché il panorama è eccezionale. Mandi
Messaggio
27-05-2015 17:56
ectorus ectorus
Quante diversità dalla salita del giugno 2009 ! La rotabile è tutta un susseguirsi di cedimento di terreno e franamenti anche consistenti che ormai la rendono una sorta di ghiaione. Casera monte rest, nel 2009 era intatta e probabilmente utilizzata nel periodo estivo.Ora invece è un ammasso di ruderi. Resta utilizzabile, come modesto e precario ricovero, una sola ala dotata di tavolo e panca di fortuna. Al piano rialzato, 2 brande senza accessori.La cima, che all'epoca aveva una sola stazione di rilevamento, ora ne ha più di una e con due grandi pannelli fotovoltaici. Aggirando da una parte e dall'altra i vari manufatti, si gode però sempre di un panorama grandioso. L'unica cosa che ho trovato come allora, quella croce di fortuna sullo spallone dopo la casera, ancora legata con la corda che ho usato all'epoca. Nessun libro di vetta....Peccato. Il monte meriterebbe di più , anche per ripagare
maggiormente la fatica che si fà la prima ora per solcare i 477 metri di dislivello dal passo alla casera.
Buona vita a tutti
Messaggio
24-05-2015 19:23
roberto.fabbro roberto.fabbro
Le incerte previsioni meteo, ci fanno affidare al "cilindro" di guide di S/N, per la nostra esc. la"carta" Mt. Rest ci và a pennello, visto che la Val Trmontina è aimè da noipoco frquentata. Un pò freddina la partenza al Passo,con grossi nuvoloni minacciosi, che ci accompagnano per gran parte della salita. Grossi massi e frequenti smottamenti hanno fatto preda della carareccia per la casera Mt. Rest,ridotta a un desolante sfasciume,(peccato)la piccola croce di legno ci segnala, il traverso finale,in cima siamo preceduti da 04 escursionisti (con cagnolino al seguito) e scaldati da un tiepido sole con loro parliamo delle nostre belle montagne, ci gustiamo l'ottima visuale a 360°, un pò offuscata dalgli impianti Tel. con cui purtroppo ci dobbiamo convivere.Per il rientro stesso percorso solo "anello" automobilistico. Mandi
Messaggio
16-02-2014 11:58
sampei978 sampei978
escursione effettuata ieri con le ciaspole. nonostante il passo ufficialmente chiuso la strada era perfettamente percorribile fino alla palestra di roccia,da li in poi impossibile proseguire con la macchina.percorsi gli ultimi tornanti raggiungo in breve il pianoro del passo e mi incammino lungo il cai 826 costellato di impronte di animali,la partenza è abbastanza incoraggiante ma la neve molto farinosa e il sentiero costellato di slavine rendono il tracciato veramente pericoloso...accantonata da subito l'idea di raggiungere la vetta ad un tornante a quota 1300m. mi rendo conto (anche a causa di minacciosi nuvoloni neri che giungono dalla val cellina!)che nemmeno casera monte rest è fattibile quindi rientro sui miei passi e dopo non poche difficoltà torno al passo e raggiungo la macchina evitando i tornanti della strada calando lungo il vallone del rio che si immette poi più in basso nel viella.
con condizioni meteo migliori e neve un po' più consolidata sarebbe stata sicuramente fattibile almeno la casera...forse raggiungerò la vetta con la bella stagione!ma probabilmente no!
Messaggio
13-10-2013 17:27
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
13/10/2013-Tempo incerto, stamattina. Tra le nubi che coprivano le cime più o meno dai 1800-1900 in su, si intravede neve fresca. La scelta su dove andare è caduta sul monte Rest. Al mattino al passo Rest la temperatura era sui 3 gradi, caldi invece i colori del bosco autunnnale lungo la salita al passo. Effettuata l'escursione alla cima con cielo coperto e vento in cresta. Una veramente particolare coincidenza ha voluto che ci si incontrasse con un escursionista di Pasiano di Pordenone che aveva partecipato all'uscita di SentieriNatura a Palcoda l'altra settimana. Buone escursioni!
Messaggio
21-09-2013 21:38
gu.cecco gu.cecco
Escursione odierna pomeridiana. Un sentiero facile ma una volta raggiunta la cima la vista sulla carnia e i suoi paesi si rivela superiore alle aspettative.. Tanta soddisfazione con cosí poca fatica! In due ore scarse si completa l'andata e ritorno.
Aggiungo che vista l'assenza di boschi ed essendo la carrareccia/sentiero piuttosto ampi si tratta di un percorso sicuro per il rischio zecche, insetti che come é noto si riproducono vivacemente nella zona.
W la montagna!!!
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva