il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 35 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Anello del monte Verzegnis da sella Chianzutan
N. record trovati: 17
Messaggio
25-07-2018 13:34
ectorus ectorus
Salito ieri per completare quanto lasciato incompiuto nel giugno 2017. Nulla da aggiungere al commento precedente. Un itinerario davvero appagante.
Buona vita a tutti
Messaggio
04-06-2018 19:17
sandra.meret sandra.meret
saliti domenica 3/6/2018 dal piazzale di Sella Chianzutan.
Al bivio abbiamo deciso di fare il Giro delle creste. Scelta ottima un panorama mozzafiato con un cielo limpido e tantissime fioriture di ogni specie, uno spettacolo unico. Verso le 12.00 le nubi iniziano ad avanzare e dalla cima del Verzegnis iniziamo il saliscendi delle creste sino ad arrivare al Lovinzola. Uno sguardo alla cava di marmo e di corsa verso il bosco per il rientro. Solo un rapace in quota che ci fa compagnia durante la sosta. Complimenti a chi ha tracciato in maniera egregia il sentiero dando la possibilità di raggiungere senza fatica le creste e godere di un ottimo panorama. Mandi a tutti.
Messaggio
24-06-2017 13:46
ectorus ectorus
Salito ieri con una giornata MOLTO afosa. In mio programma prevedeva di percorrere il nuovo sentiero delle creste, per cui ho percorso tutto il sent.806 fino a poco prima di cas. val, dove a sx inizia questo nuovo percorso, ben segnalato con segnaletica rosa. dopo aver salito il verzegnis e il cormolina, all'omonima forca, ho optato per la discesa a cas.val . Troppa afa !! Ma il completamento è rimandato a settembre o ottobre con altre situazioni meteo. Per il tratto percorso, non ho rilevato alcun problema. Un pò faticosa la dorsale del verzegnis, da fare con cautela la discesa nel versante opposto, ma tutto fattibile con la dovuta attenzione e cautela. Speriamo che venga sempre mantenuto e curato. Complimenti ai realizzatori.
Buona vita a tutti
Messaggio
06-02-2016 09:06
roberto.fabbro roberto.fabbro
05/02/2016 Già le prime avvisaglie della recente nevicata,si notavano all'arrivo a S. Chianzutan, (con un piazzale da pista di pattinaggio)poi la piacevole conferma..bella neve farinosa, con spess.che variava dai 4/15 cm, ma non affaticava la salita del comodo sent. 806. Nel candido sentiero solo le piccole impronte di piccoli animaletti,che stanamente seguivano il nostro percorso...D'incanto l'uscita sulla vallata che racchiude Cas. Val in un candore acceccante, dalla Cas.indossati i ramponcini si affrontava la faticosa salita per la forcelletta, molta attenzione invece richiedeva nel traverso per la cima nei passaggi fra le rocce,unite da scivolosi crostoni ghiacciati. Meritata salita ricompensata poi da una visuale a360°....il rientro con la strada fino alla forc. della cava, per poi uscire alla Cavalletta dalla galleria (miniera)e scendere a Dx per ricollegarsi al sent iniziale...Mandi
Messaggio
10-10-2015 23:40
oliver72 oliver72
Saliti oggi percorrendo il "sentiero delle creste". A causa del forte vento non abbiamo completato l'anello, scendendo da forcella Cormolina e riservandoci questo splendido itinerario per una giornata migliore. Complimenti a chi si è prodigato per realizzare questo sentiero.
Messaggio
18-07-2015 19:13
askatasuna askatasuna
Voglia di spensieratezza ed abbandono. Senza macinare troppo asfalto. Percorro l'anello al contrario. Salendo un bosco che a tratti mostra ancora le ferite che emergevano dalla neve nella mia ultima salita. L'umidità è amazzonica, come l'altezza delle erbe. Mi riempio di pollini e semi attirando ancor più insetti di quelli già golosi di sudore. Mi fermo in casera Val. Non c'è traccia d'acqua ma soprattutto non vi è traccia alcuna. Da qualche anno è stata ristrutturata alla perfezione. Splendida cattedrale muta. Un brivido di desolazione mi percorre, intristendomi. Ancor più quando su di una porta vedo scritto rifugio. Forse si son degnati almeno di riservare un angolo delle stalle ristrutturate a chi su quei prati li montica con le pedule. Ma è chiuso pure lui a doppia mandata. Il troi che sale diretto dalla casera era una ferita cicatrizzata, ora riaperta, a tratti con violenza, dalla neve e dalle acque che se ne sono servite per sfogarsi. A pochi passi dalla cima questa volta la vedo. Almeno in parte. Sul largo crinale decespugliato s'è messa perpendicolare. Tozza, nasconde coda e capo ai lati del troi, nelle erbe alte. Ho il piede a pochissimi centimetri e fa finta di niente, l'aspide, crogiolandosi al sole. Batto un bastoncino e finalmente si muove. Piano. Mi guarda e non soffia, sbuffa! Per poi infilarsi tra i verdi. In cima la foschia domina ogni angolo, ammantando a tal punto il panorama da vestir d'opaco anche il Lovinzola. Noto che il canale d'erba tagliata precipita verso l'altro versante. Vado a curiosare e ricollego il tutto. Una nuova traccia parte dalla casera in direzione opposta risalendo la cimotta per ripidi verdi. Dopo aver strizzato l'indumentaria che pare uscita da una tinozza, aspetto a lungo che il cielo si pulisca, invano. Scendo verso il Cormolina. Anche qui qualcuno s'è preso la briga di creare dei corridoi nella selva fin quasi alla forcella. Il versante settentrionale è una sorpresa. M'affascina quel catino in cui entro pian piano, quasi in punta di piedi, così come le bastionate del Lovinzola. Da qui assume tutt'altro carattere. Poi è tutto un agitarsi, chi sgarfa tra i capolini, chi assaggia con le antenne, chi si riempie le zampe di colori. Inizio a pensare che le ombrellifere abbiano un fusto così robusto per sopportar il peso dei viandanti alati. Un svolazzar continuo di farfalle m'accompagna fino al bosco. Una ha le ali dipinte con pennelli ad olio. I saliscendi rilassano come un'altalena. Curioso i due ricoveri, il primo dotato addirittura di materassi e qualche coperta. L'ultimo tratto sulle pale erbose è ripido e i piedi non si vedono. Inghiottiti da un mare di fioriture che profuman d'estate. (17.07.2015)
Messaggio
28-09-2014 21:39
giuseppe.tolazzi giuseppe.tolazzi
Sono salito stamattinaal Verzegnis (o Pizzat) partendo da Sella Chianzutan e percorrendo il segnavia CAI 806, cioè il percorso normale, quindi non l'anello. I danni dell'inverno scorso sono purtroppo visibili anche lungo questo percorso: dopo casera Mongranda, nel bosco ci son tre punti sconvolti da schianti che hanno bloccato in parte il sentiero. Però, forse il CAI di competenza (Tolmezzo?), ha creato delle varianti segnandole con nastri biancorossi e ometti. Quindi facendo attenzione a queste varianti si sale senza problemi. Magnifica la conca di Casera Val; la stessa Casera, che avevo visitato nel 2007 è stata ripristinata completamente, stalle e abbeveratoio compresi. Speriamo che dedichino almeno un ambiente a ricovero in caso di emergenza. Dalla cima del Verzegnis panorama incomparabile con tanto di tappeto di nuvole poco sotto. Grande montagna, il massiccio del Verzegnis! GT
Messaggio
08-10-2013 20:56
alessandro.carnacina alessandro.carnacina
Nella prima metà di Settembre sono salito a Sella Chianzutan con l'intenzione di visitare le cave di marmo del Verzegnis, passando per le varie casere. Purtroppo, la giornata molto nuvolosa mi ha indotto a rinunciare al passaggio da C.ra Lovinzola. Prestare attenzione lungo il sentiero 809, da C.ra Mongranda a C.ra Presoldon, ad un bivio non segnalato all'altezza di un tornante (bisogna proseguire dritto). Merita davvero una visita, la vecchia ferrovia che porta nella zona della teleferica (dei pannelli ne spiegano la storia ed i lavori di recupero). Molto suggestiva la conca di C.ra Val a cui si giunge per una comoda sterrata, la quale però non è riportata sulla cartina (Tabacco 013, ed. 2009). La discesa lungo il sentiero 806 è, a tratti, abbastanza ripida. Da segnalare l'avvistamento dell'aquila e la presenza di vipere.
Messaggio
16-07-2013 08:57
clarissa clarissa
fatto ieri l'anello qui descritto ma nel verso opposto. da casera Mongrada imboccato a dx una strada bianca che abbiamo seguito fino alla sua fine senza trovare l'imbocco per il sentiero 809, tornate sui nostri passi notato sulla sx un segnale CAI che abbiamo preso scoprendo poi essere il sentiero 806, completando il giro abbiamo scoperto al ritorno che salendo avremmo dovuto prendere, non molto distante da casera Mongrada, una strada bianca secondaria non segnala che da una curva della principale parte a destra. per il resto giro splendido e ben curato.
Messaggio
15-06-2013 17:37
MauroGo MauroGo
Con ancora la stanchezza nella gambe per la salita sul Raut di due giorni fa, oggi ho scelto una meta più facile ma comunque di grande soddisfazione: la cima del Verzegnis, partendo da sella Chianzutan, e, come Bruno, ho evitato di fare l'anello, ma ho puntato direttamente alla cima, seguendo il sentiero che collega casera Val con l'insellatura fra il Verzegnis e il Cormolina. Stesso percorso per il ritorno. Avvistati una decina di grifoni sopra il Verzegnis. Nessun problema con la neve, ormai ridotta a piccoli, innocui, nevai e la temperatura, anche in cima, è ormai decisamente estiva. Il panorama è stato purtroppo rovinato dalla foschia ma i monti più vicini si lasciavano comunque ammirare. L'anello completo è solo rinviato ad altra occasione. Mauro.
Messaggio
28-04-2013 19:49
askatasuna askatasuna
Il bisogno di un itinerario rilassante viene sotterato dalla perentorietà dell’amico di monte.. si va sul Verzegnis.. A Sella Chianzutan la voglia di tuffarsi nel mare di Colombine è forte, il profumo è come un canto di sirena che fa indugiare la salita. Traccia di slavina poco dopo la casera Mongranda. Si sale per il troi 806. Il sentiero è pulito fino all’ultima curva prima della conca che porta alla cava. La neve che ostruisce il sentiero obbliga per prudenza a scavalcare un dosso per poi trovarsi a superare, sprofondando un po’, la conca stessa e puntare alla casera per il sentiero superiore a tratti sgombro da neve. Un muro bianco seppellisce casera Val fino allo stipite della porta. La salita diretta è scomoda per la neve marcia, ma migliora nel primo tratto di cresta quasi pulito. L’ultimo pezzo prima del cupolotto è un po’ delicato e fonte di ingiurie verso il compagno di camminata. Sopra, con gracchi e grifoni è uno spettacolo.. La neve si sta sciogliendo a vista d’occhio. Le nuvole minacciose mettono fretta e poi.. ho un appuntamento con le colombine. Si ridiscende per lo stesso itinerario tra bucanevi appena spuntati, crochi e polmonarie. (26.04.2013)
Messaggio
09-07-2012 15:26
Fausto_Sartori Fausto_Sartori
Diffido degli anelli obbliganti, quando giunti verso la fine, di fronte a un’interruzione accidentale possono porre un rischioso dilemma: azzardo il passo o torno indietro anche se stanco ed è quasi è già sera? Preferisco il ritorno per la stessa via, la rivisitazione più tranquilla. Ma la multiforme scoperta accompagna invece questo giro, fatto in senso inverso (ma credo faccia poca differenza) tra boschi, rupi, prati, conche, forcelle, casere e ancora boschi e ancora prati, incontrando venti e nebbie, soli ardenti e cieli minacciosi, caldo e freddo, erbe alte e sterrati. Solo evitai le cime del Verzegnis tra le nuvole, motivo in più per scansarle entrambe. Forcella Cormolina produce nubi rabbiose, ed è bello guardarle poco lontane dall’estate delle conche sottostanti, rigogliosa e tropicale quella verso casera Lovinzola sprofondata nelle romici (Loredana mi istruì), piana e severa verso casera Val sorvolata da decine di grifoni attirati dal grande gregge di Mongranda, che vive lì brado in esilio, mi spiegò il pastore che va a controllarle ogni paio di giorni. Brave pecore selvagge che producono ricotta e formaggio di eccelsa qualità. A Mongranda, bellissimo cane pastore nero dallo sguardo mite, e ferocissimi altri alla catena che spererete ben solida quando vi passerete accanto sul sentiero. Due operai stanno riportando alla luce, nei pressi, la vecchia “via di lizza” (o “lissa”), che non è comodo sentiero lastricato ma scivolo per il marmo che veniva fatto scorrere a valle frenandolo con cordami scorrenti attorno ai pali di legno conficcati nella pietra. Segnavia evidenti su tutto il percorso, da effettuarsi con adeguata scorta di acqua (ne consumai quasi due litri). Casera Lovinzola (brutta fuori e bellissima dentro) e casera Presoldon entrambe con pregevoli vecchi arredi rustici. Una nuova strada sterrata, assai ampia e brutale, parte da casera Val (ancora in ristrutturazione) e, suppongo, si dirige verso la cava di marmo.
Messaggio
29-07-2011 00:00
loredana.bergagna loredana.bergagna
escursione odierna, dopo casera Mongranda sono in corso lavori di esbosco, il sentiero si interrompe, basta proseguire dritti per ca.200m e si ritrova il segnavia presso uno slargo.Sul sentiero usciti dal bosco fioriture di ginestre, grandi ombrellifere, garofanino silvestre, garofano montano, ottimi lamponi, e nell'aria umida il delicato profumo del garofano di Montpellier. Casera Presoldon in ordine, l'ultima volta che ci sono stata (novembre 2009) al fuoco cuocevano le caldarroste. Il sent. che dopo Presoldon entra nel bosco sembra poco frequentato, erba, felci e rovi molto alti, traccia poco marcata, segnavia presenti; il pianoro di casera Lovinzola è letteralmente ricoperto dalle romici, segno evidente della passata presenza di mandrie. Dopo f.lla Cormolina un paio di marassi, casera Val in ristrutturazione. Bel percorso ma reso un po' faticoso nei tratti con vegetazione alta. Loredana
Messaggio
29-05-2011 00:00
brunomik brunomik
Fatta oggi ma rispetto alla descrizione di Ivo ho seguito un percorso diverso salendo verso casera Val e poco prima della casera mi sono diretto verso la cresta sud-est del Verzegnis arrivando in cima al monte. Ho quindi percorso la cresta nord arrivando a sella Cormolina e devo dire che non c'è una grandissima differenza tra i due percorsi di cresta. Nessuno dei due è segnato e anche quello fatto da me in salita ha una traccia di passaggio. Non me la sento di dire che è alla portata di tutti ma ad escursionisti esperti non dovrebbe creare problemi e comunque è meglio farlo nel senso fatto da me perchè in salita è più facile vedere la traccia e in discesa la cresta nord è migliore.
Messaggio
23-04-2009 00:00
roberto roberto
Sentiero CAI: 806. da sella chianzutan al m. verzegnis. slavine. appena dopo cas. mongranda il sentiero e interroto da due grosse slavine fare attenzione. gypsybob@alice.it
Messaggio
12-11-2007 00:00
pasco-marcolin@libero.it pasco-marcolin@libero.it
10-11/11/2007 - Uscita di 2 giorni: Sella Chianzutan, C.ra Presoldon, arrivo a C.ra Lovinzola di Sopra attraverso l'809 (totale 2.40 h con primi fiocchi di neve di questo autunno). Il giorno dopo Forcella Cormolina attraverso l'806 (45 min), poi sulle cime che portano al m.te Lovinzola (sentiero non segnato sulla Tabacco che viaggia in cresta, alcuni punti in cui e' bene prestare attenzione), infine discesa lungo l'806 di nuovo fino a Sella Chianzutan (1.15 h da C.ra Val). Viste mozzafiato su tutte le vallate circostanti, spettacolare!
Messaggio
05-08-2007 00:00
tomigor@libero.it tomigor@libero.it
29/07/2007 Gran bella passeggiata (h.5 30min), con una salita intensa ma piacevole da Sella Chianzutan. Negli ultimi 50mt del M.te Verzegnis bisogna aiutarsi un po' con le mani ma è comunque facile a farsi (attenzione con le rocce umide). Interessante infine è la vista di Tolmezzo dalla cava di marmo con tanto di vecchio wc sospeso nel vuoto da provarsi...Lungo il percorso si segnala la presenza della vipera. Da ripetersi. Mandi da Igor
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva