il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 102 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 51
Messaggio

Anello di Cima Palombino (2600), Col de l'Ai (2512) e Cima Vallona (2532) dalla Val Visdende.

23-09-2019 09:19
claudio.65 claudio.65
Un impegnativo anello sulla cresta confinaria fra Val Visdende, Comelico e Lesachtal, incontrando lungo il cammino diverse testimonianze risalenti alla Grande Guerra.
Allegato: 1. Col de lAi e Cima Palombino.jpg
Anello di Cima Palombino (2600), Col de l'Ai (2512) e Cima Vallona (2532) dalla Val Visdende.
Messaggio
23-09-2019 09:23
claudio.65 claudio.65
AVVICINAMENTO: Da Sappada percorrendo la SR 355 verso ponente, dopo una galleria svoltiamo a destra entrando lungo la stretta gola del torrente Cordevole in Val Visdende, dove raggiungiamo il Bivio Ciadon ultimo parcheggio regolamentato su strada a tratti dissestata.
Allegato: 2. Bivio Ciadon.jpg
AVVICINAMENTO: Da Sappada percorrendo la SR 355 verso ponente, dopo una galleria svoltiamo a destra entrando lungo la stretta gola del torrente Cordevole in Val Visdende, dove raggiungiamo il Bivio Ciadon ultimo parcheggio regolamentato su strada a tratti
Messaggio
23-09-2019 09:31
claudio.65 claudio.65
Tralasciando a sinistra il percorso del CAI 167 diretto a Malga Londo ed al Passo Palombino, attualmente chiuso per importanti lavori di esbosco, imbocchiamo la "Strada delle Malghe", contrassegnata dal segnavia CAI 170.
Allegato: 3. Carrareccia.jpg
Tralasciando a sinistra il percorso del CAI 167 diretto a Malga Londo ed al Passo Palombino, attualmente chiuso per importanti lavori di esbosco, imbocchiamo la "Strada delle Malghe", contrassegnata dal segnavia CAI 170.
Messaggio
23-09-2019 09:38
claudio.65 claudio.65
L'ampio tracciato in gran parte asfaltato nel primo tratto, costeggiando in destra orografica il Rio Dignas, raggiunge una serie di tornanti facilmente evitabili tramite un sentierino marcato alla loro destra nei pressi della presa dell'acquedotto.
Allegato: 4. Sentiero.jpg
L'ampio tracciato in gran parte asfaltato nel primo tratto, costeggiando in destra orografica il Rio Dignas, raggiunge una serie di tornanti facilmente evitabili tramite un sentierino marcato alla loro destra nei pressi della presa dell'acquedotto.
Messaggio
23-09-2019 09:42
claudio.65 claudio.65
Ritrovata l'arteria di collegamento fra i vari alpeggi in quota della Val Visdende, proseguiamo a destra raggiungendo in breve la Malga Dignas, monticata nella stagione estiva con agriturismo e possibilità di pernottamento.
Allegato: 5. Malga Dignas.jpg
Ritrovata l'arteria di collegamento fra i vari alpeggi in quota della Val Visdende, proseguiamo a destra raggiungendo in breve la Malga Dignas, monticata nella stagione estiva con agriturismo e possibilità di pernottamento.
Messaggio
23-09-2019 09:49
claudio.65 claudio.65
La carrareccia prosegue con un paio di svolte fino al successivo bivio tabellato, dove abbandoniamo la rotabile diretta alla Forcella Dignas (vedi la descrizione "Croda Negra/Bärenbadegg (2438 Metri)" presente in questo forum), seguendo a sinistra le indicazioni del CAI 142A.
Allegato: 6. Bivio.jpg
La carrareccia prosegue con un paio di svolte fino al successivo bivio tabellato, dove abbandoniamo la rotabile diretta alla Forcella Dignas (vedi la descrizione "Croda Negra/Bärenbadegg (2438 Metri)" presente in questo forum), seguendo a sinistra le indi
Messaggio
23-09-2019 09:55
claudio.65 claudio.65
Il sentiero recentemente ripristinato dal CAI Val Comelico sul desueto tracciato della "Traversata Carnica", si inoltra nella rigogliosa pineta guadagnando subito quota.
Allegato: 7. Sentiero.jpg
Il sentiero recentemente ripristinato dal CAI Val Comelico sul desueto tracciato della "Traversata Carnica", si inoltra nella rigogliosa pineta guadagnando subito quota.
Messaggio
23-09-2019 09:59
claudio.65 claudio.65
All'uscita dal bosco il panorama si apre sui pascoli abbandonati della Valle del Palombino ed il sentiero segnalato prosegue verso ponente, costeggiando l'alveo dell'omonimo rio.
Allegato: 8. Valle del Palombino.jpg
All'uscita dal bosco il panorama si apre sui pascoli abbandonati della Valle del Palombino ed il sentiero segnalato prosegue verso ponente, costeggiando l'alveo dell'omonimo rio.<br />
Messaggio
23-09-2019 10:06
claudio.65 claudio.65
Seguendo con attenzione i vari segnavia nei tratti dove il calpestio
non è ancora ottimale, vista la recente riapertura del percorso, raggiungiamo il successivo bivio tabellato.
Allegato: 9. Bivio.jpg
Seguendo con attenzione i vari segnavia nei tratti dove il calpestio <br />non è ancora ottimale, vista la recente riapertura del percorso, raggiungiamo il successivo bivio tabellato.
Messaggio
23-09-2019 10:14
claudio.65 claudio.65
Tralasciando il sentiero proveniente dal Passo del Palombino, diramazione utilizzata al rientro, svoltiamo a destra lungo il CAI 142 diretto alla Cima Palombino.
Allegato: 10. Sentiero.jpg
Tralasciando il sentiero proveniente dal Passo del Palombino, diramazione utilizzata al rientro, svoltiamo a destra lungo il CAI 142 diretto alla Cima Palombino.
Messaggio
23-09-2019 10:32
claudio.65 claudio.65
Raggiunta la forcella a quota 2302 ci raccordiamo al percorso principale proveniente dalla Malga Melin e svoltiamo a destra lungo la dorsale meridionale del massiccio roccioso, seguendo le precise indicazioni.
Allegato: 11. Sentiero.jpg
Raggiunta la forcella a quota 2302 ci raccordiamo al percorso principale proveniente dalla Malga Melin e svoltiamo a destra lungo la dorsale meridionale del massiccio roccioso, seguendo le precise  indicazioni.
Messaggio
23-09-2019 10:38
claudio.65 claudio.65
Il sentiero segnalato, sfruttando un ardito tracciato risalente alla Grande Guerra, raggiunge in breve la cresta sommitale, dove si raccorda al percorso della "Ferrata Camoscio", proveniente dai dintorni della Forcella Dignas.
Allegato: 12. Cresta.jpg
Il sentiero segnalato, sfruttando un ardito tracciato risalente alla Grande Guerra, raggiunge in breve la cresta sommitale, dove si raccorda al percorso della "Ferrata Camoscio", proveniente dai dintorni della Forcella Dignas.
Messaggio
23-09-2019 10:42
claudio.65 claudio.65
Un lungo traverso ed alcune svolte conducono infine sulla Cima Palombino (2600), dove troviamo soltanto una sgangherata e malferma croce.
Allegato: 13. Cima Palombino.jpg
Un lungo traverso ed alcune svolte conducono infine sulla Cima Palombino (2600), dove troviamo soltanto una sgangherata e malferma croce.
Messaggio
23-09-2019 10:44
claudio.65 claudio.65
A breve distanza sul cimotto austriaco denominato Porze (2599), raggiungibile brevemente tramite un sentierino, troneggia invece una maestosa croce fornita di libro vetta.
Allegato: 14. Porze.jpg
A breve distanza sul cimotto austriaco denominato Porze (2599), raggiungibile brevemente tramite un sentierino, troneggia invece una maestosa croce fornita di libro vetta.
Messaggio
23-09-2019 10:47
claudio.65 claudio.65
Dal minuscolo cocuzzolo si gode uno splendido panorama sull'Obertilliachertal con la Neue Porzehütte, chiaramente riconoscibile.
Allegato: 15. Obertilliachertal.jpg
Dal minuscolo cocuzzolo si gode uno splendido panorama sull'Obertilliachertal con la Neue Porzehütte, chiaramente riconoscibile.
Messaggio
23-09-2019 10:53
claudio.65 claudio.65
Dalla vetta principale il CAI 160 sfruttando un sentierino risalente sempre al periodo bellico, prosegue lungo la dorsale occidentale rasentando diverse postazioni italiane.
Allegato: 16. Sentiero.jpg
Dalla vetta principale il CAI 160 sfruttando un sentierino risalente sempre al periodo bellico, prosegue lungo la dorsale occidentale rasentando diverse postazioni italiane.
Messaggio
23-09-2019 10:58
claudio.65 claudio.65
La successiva discesa a tratti ripida conduce all'uscita in cresta della breve ferrata austriaca, proveniente dal Passo di Cima Vallona.
Allegato: 18. Ferrata.jpg
La successiva discesa a tratti ripida conduce all'uscita in cresta della breve ferrata austriaca, proveniente dal Passo di Cima Vallona.
Messaggio
23-09-2019 11:02
claudio.65 claudio.65
Se non adeguatamente attrezzati, ignoriamo tale variante e proseguiamo fino alla successiva ripida discesa a meridione.
Allegato: 18. Discesa.jpg
Se non adeguatamente attrezzati, ignoriamo tale variante e proseguiamo fino alla successiva ripida discesa a meridione.
Messaggio
23-09-2019 11:05
claudio.65 claudio.65
Il percorso su terreno a tratti friabile risulta però scarsamente segnalato e necessità di un pò d'attenzione.
Allegato: 19. Sentiero.jpg
Il percorso su terreno a tratti friabile risulta però scarsamente segnalato e necessità di un pò d'attenzione.
Messaggio
23-09-2019 11:10
claudio.65 claudio.65
Il successivo traverso leggermente esposto conduce all'imbocco del ripido canalone occidentale, caratterizzato da sfasciumi e ghiaie a tratti instabili.
Allegato: 20. Canalone.jpg
Il successivo traverso leggermente esposto conduce all'imbocco del ripido canalone occidentale, caratterizzato da sfasciumi e ghiaie a tratti instabili.
Messaggio
23-09-2019 11:14
claudio.65 claudio.65
Percorrendolo con cautela, senza raggiungerne il fondo, il sentiero svolta quindi a destra seguendo alcuni vistosi ometti.
Allegato: 21. Sentiero.jpg
Percorrendolo con cautela, senza raggiungerne il fondo, il sentiero svolta quindi a destra seguendo alcuni vistosi ometti.
Messaggio
23-09-2019 11:17
claudio.65 claudio.65
Costeggiando le pareti occidentali della quota 2487, si giunge infine al Passo di Cima Vallona, con la candida cappelletta.
Allegato: 22. Passo di Cima Vallona.jpg
Costeggiando le pareti occidentali della quota 2487, si giunge infine al Passo di Cima Vallona, con la candida cappelletta.
Messaggio
23-09-2019 11:20
claudio.65 claudio.65
Dall'ampio valico un ardito sentierino di guerra s'inerpica lungo il versante meridionale del Col de l'Ai, transitando nei pressi di un traliccio dell'alta tensione.
Allegato: 23. Sentiero.jpg
Dall'ampio valico un ardito sentierino di guerra s'inerpica lungo il versante meridionale del Col de l'Ai, transitando nei pressi di un traliccio dell'alta tensione.
Messaggio
23-09-2019 11:26
claudio.65 claudio.65
Alcune svolte conducono quindi alla zona sommitale, ricca di ruderi e postazioni italiane risalenti alla Grande Guerra.
Allegato: 24. Col de lAi.jpg
Alcune svolte conducono quindi alla zona sommitale, ricca di ruderi e postazioni italiane risalenti alla Grande Guerra.
Messaggio
23-09-2019 11:30
claudio.65 claudio.65
A poca distanza sul cimotto meridionale troviamo il solito cippo confinario ed un panorama notevole sulle innumerevoli vette cirscostanti.
Allegato: 25. Col de lAi.jpg
A poca distanza sul cimotto meridionale troviamo il solito cippo confinario ed un panorama notevole sulle innumerevoli vette cirscostanti.
Messaggio
23-09-2019 11:34
claudio.65 claudio.65
La successiva discesa avviene a ponente su tracce di sentiero in direzione della sottostante forcella, caratterizzata dalla presenza di un imponente trinceramento.
Allegato: 26. Discesa.jpg
La successiva discesa avviene a ponente su tracce di sentiero in direzione della sottostante forcella, caratterizzata dalla presenza di un imponente trinceramento.
Messaggio
23-09-2019 11:40
claudio.65 claudio.65
Dall'importante testimonianza bellica esistono ora due possibilità per raggiungere la sovrastante Cima vallona.
Allegato: 27. Trinceramento.jpg
Dall'importante testimonianza bellica esistono ora due possibilità per raggiungere la sovrastante Cima vallona.
Messaggio
23-09-2019 11:46
claudio.65 claudio.65
La più elementare consiste nel scendere brevemente verso il Cadin di Vallona fino ad incontrare un sentierino parzialmente segnalato diretto alla meta (vedi descrizione "Cima Vallona (2532) e Col de l'Ai (2512) dalla Malga Melin" presente in questo forum).
Allegato: 28. Sentiero.jpg
La più elementare consiste nel scendere brevemente verso il Cadin di Vallona fino ad incontrare un sentierino parzialmente segnalato diretto alla meta (vedi descrizione "Cima Vallona (2532) e Col de l'Ai (2512) dalla Malga Melin" presente in questo forum)
Messaggio
23-09-2019 11:53
claudio.65 claudio.65
La più impegnativa si svolge invece sull'ardito percorso di cresta, transitando nei pressi della quota 2438.
Allegato: 29. Sentiero.jpg
La più impegnativa si svolge invece sull'ardito percorso di cresta, transitando nei pressi della quota 2438.
Messaggio
23-09-2019 11:57
claudio.65 claudio.65
Il sentierino ottimamente mascherato alla visione nemica, presenta tratti ottimamente conservati inframmezzati da altri interessati da franamenti.
Allegato: 30. Sentiero.jpg
Il sentierino ottimamente mascherato alla visione nemica, presenta tratti ottimamente conservati inframmezzati da altri interessati da franamenti.
Messaggio
23-09-2019 12:00
claudio.65 claudio.65
Raggiunta la zona sommitale con il vecchio palo trigonometrico, simile a quello della Croda Negra e del Monte Cecido, ci raccordiamo quindi con la variante più semplice.
Allegato: 31. Verso la vetta.jpg
Raggiunta la zona sommitale con il vecchio palo trigonometrico, simile a quello della Croda Negra e del Monte Cecido, ci raccordiamo quindi con la variante più semplice.
Messaggio
23-09-2019 12:06
claudio.65 claudio.65
La Cima Vallona è caratterizzata dalla presenza di un ometto di pietre, ruderi di un osservatorio ed un precario barattolo con alcuni fogli dove lasciare le firme.
Allegato: 32. Cima Vallona.jpg
La Cima Vallona è caratterizzata dalla presenza di un ometto di pietre, ruderi di un osservatorio ed un precario barattolo con alcuni fogli dove lasciare le firme.
Messaggio
23-09-2019 12:08
claudio.65 claudio.65
Verso ponente si notano chiaramente la Cresta della Pitturina, il Monte Cavallino, il Cavallatto, la Cima Vanscuro e l'inconfondibile cono vulcanico del Col Quaternà.
Allegato: 33. Panorama.jpg
Verso ponente si notano chiaramente la Cresta della Pitturina, il Monte Cavallino, il Cavallatto, la Cima Vanscuro e l'inconfondibile cono vulcanico del Col Quaternà.
Messaggio
23-09-2019 12:10
claudio.65 claudio.65
La successiva discesa a meridione avviene su tracce di sentiero scarsamente segnalate.
Allegato: 34. Discesa.jpg
La successiva discesa a meridione avviene su tracce di sentiero scarsamente segnalate.
Messaggio
23-09-2019 12:16
claudio.65 claudio.65
Seguendo uno dei vari sentieri presenti raggiungiamo il sottostante Cadin di Vallona, dove incrociamo il CAI 160 proveniente dal Passo omonimo.
Allegato: 35. Cadin di Vallona.jpg
Seguendo uno dei vari sentieri presenti raggiungiamo il sottostante Cadin di Vallona, dove incrociamo il CAI 160 proveniente dal Passo omonimo.
Messaggio
23-09-2019 12:21
claudio.65 claudio.65
Scendendo lungo l'ampia carrareccia, ignoriamo al bivio seguente una deviazione diretta al sentiero d'accesso della Ferrata D'Ambros.
Allegato: 36. Bivio.jpg
Scendendo lungo l'ampia carrareccia, ignoriamo al bivio seguente una deviazione diretta al sentiero d'accesso della Ferrata D'Ambros.
Messaggio
23-09-2019 12:30
claudio.65 claudio.65
Arrivati al termine dell'ampio catino pascolivo, reperiamo ulteriori indicazioni erroneamente posizionate.
Allegato: 37. Indicazioni.jpg
Arrivati al termine dell'ampio catino pascolivo, reperiamo ulteriori indicazioni erroneamente posizionate.
Messaggio
23-09-2019 13:14
claudio.65 claudio.65
Ignorando la breve deviazione diretta al Bivacco Piva, ampiamente descritta in "Cima Vallona (2532) e Col de l'Ai (2512) dalla Malga Melin" (presente in questo forum), scendiamo lungo il sassoso sterrato contrassegnato dal CAI 144.
Allegato: 38. Discesa.JPG
Ignorando la breve deviazione diretta al Bivacco Piva, ampiamente descritta in "Cima Vallona (2532) e Col de l'Ai (2512) dalla Malga Melin" (presente in questo forum), scendiamo lungo il sassoso sterrato contrassegnato dal CAI 144.
Messaggio
23-09-2019 13:18
claudio.65 claudio.65
Una lunga serie di svolte conduce al successivo incrocio, dove ignoriamo la diramazione del CAI 161 diretta al Pian Minoldo, attualmente interdetto alla percorrenza.
Allegato: 39. Bivio.jpg
Una lunga serie di svolte conduce al successivo incrocio, dove ignoriamo la diramazione del CAI 161 diretta al Pian Minoldo, attualmente interdetto alla percorrenza.
Messaggio
23-09-2019 13:21
claudio.65 claudio.65
Un rettilineo conduce agli ampi pascoli di Casera Melin, dove troviamo le successive indicazioni ed una zona di sosta con tavolo e panca.
Allegato: 40. Carrareccia.jpg
Un rettilineo conduce agli ampi pascoli di Casera Melin, dove troviamo le successive indicazioni ed una zona di sosta con tavolo e panca.
Messaggio
23-09-2019 13:28
claudio.65 claudio.65
Tralasciando la prosecuzione diretta al vicino alpeggio, seguiamo la carrareccia contrassegnata dal CAI 165, dopo aver superato l'alveo del Rio Melin, sconvolto dalle erosioni.
Allegato: 41. Rio Melin.jpg
Tralasciando la prosecuzione diretta al vicino alpeggio, seguiamo la carrareccia contrassegnata dal CAI 165, dopo aver superato l'alveo del Rio Melin, sconvolto dalle erosioni.
Messaggio
23-09-2019 13:33
claudio.65 claudio.65
L'ampio tracciato a tratti inerbito si dirige con percorso sinuoso verso le imponenti pareti delle Crode dei Longerin, la cui cima meridionale risulta accessibile con qualche cautela (vedi "Crode dei Longerin Cima Sud (2523) dalla Malga Melin" presente in questo forum).
Allegato: 42. Carrareccia.jpg
L'ampio tracciato a tratti inerbito si dirige con percorso sinuoso verso le imponenti pareti delle Crode dei Longerin, la cui cima meridionale risulta accessibile con qualche cautela (vedi "Crode dei Longerin Cima Sud (2523) dalla Malga Melin" presente in
Messaggio
23-09-2019 13:41
claudio.65 claudio.65
Raggiunto il Passo Palombino ignoriamo la prosecuzione del CAI 167, diretto al Bivio Ciadon, attualmente chiuso con apposita ordinanza per lavori d'esbosco, mentre a ripristino completato potremo concludere l'escursione lungo tale tracciato.
Allegato: 43. Passo Palombino.jpg
Raggiunto il Passo Palombino ignoriamo la prosecuzione del CAI 167, diretto al Bivio Ciadon, attualmente chiuso con apposita ordinanza per lavori d'esbosco, mentre a ripristino completato potremo concludere l'escursione lungo tale tracciato.
Messaggio
23-09-2019 13:43
claudio.65 claudio.65
Risaliamo quindi lungo il CAI 142, a tratti fortemente inerbito, contornando le quote 2070 e 2137 a ponente.
Allegato: 44. Sentiero.jpg
Risaliamo quindi lungo il CAI 142, a tratti fortemente inerbito, contornando le quote 2070 e 2137 a ponente.
Messaggio
23-09-2019 13:57
claudio.65 claudio.65
Raggiunta una panoramica selletta, risaliamo in breve al bivio successivo.
Allegato: 45. Bivio.jpg
Raggiunta una panoramica selletta, risaliamo in breve al bivio successivo.
Messaggio
23-09-2019 14:01
claudio.65 claudio.65
Tralasciando la prosecuzione diretta alla Cima Palombino, svoltiamo a destra seguendo il CAI 142A diretto alla Malga Dignas ed alla "Strada delle Malghe".
Allegato: 46. Sentiero.jpg
Tralasciando la prosecuzione diretta alla Cima Palombino, svoltiamo a destra seguendo il CAI 142A diretto alla Malga Dignas ed alla "Strada delle Malghe".
Messaggio
23-09-2019 14:06
claudio.65 claudio.65
Il sentiero segnalato transita sulle pendici della Cresta del Palombino ed alcuni paletti biancorossi segnalano il percorso nei tratti ancora privi di calpestio consistente.
Allegato: 47. Paletto.jpg
Il sentiero segnalato transita sulle pendici della Cresta del Palombino ed alcuni paletti biancorossi segnalano il percorso nei tratti ancora privi di calpestio consistente.
Messaggio
23-09-2019 14:08
claudio.65 claudio.65
Un'ampia svolta a sinistra scende quindi nella Valle del Palombino su pascoli ormai abbandonati.
Allegato: 48. Pascoli.jpg
Un'ampia svolta a sinistra scende quindi nella Valle del Palombino su pascoli ormai abbandonati.
Messaggio
23-09-2019 14:13
claudio.65 claudio.65
Raggiungiamo quindi il bivio con la diramazione proveniente dalla forcella di quota 2302, dove siamo saliti all'andata diretti alla Cima Palombino.
Allegato: 49. Bivio.jpg
Raggiungiamo quindi il bivio con la diramazione proveniente dalla forcella di quota 2302, dove siamo saliti all'andata diretti alla Cima Palombino.
Messaggio
23-09-2019 14:19
claudio.65 claudio.65
Seguendo a ritroso il percorso mattutino, raggiungiamo nuovamente la "Strada delle Malghe" e, transitando per la Malga Dignas, rientriamo al Bivio Ciadon, concludendo l'impegnativa escursione odierna.
Allegato: 50. Valle del Palombino.jpg
Seguendo a ritroso il percorso mattutino, raggiungiamo nuovamente la "Strada delle Malghe" e, transitando per la Malga Dignas, rientriamo al Bivio Ciadon, concludendo l'impegnativa escursione odierna.
Messaggio
23-09-2019 14:33
claudio.65 claudio.65
NOTA TECNICA:
Quota minima: Parcheggio Bivio Ciadon 1430 metri
Quota massima: Cima Palombino 2600 metri
Dislivello: 1170 metri
Dislivello reale: 1940 metri, calcolando le varie risalite
Tempo totale: 7 ore e mezza, escluse le eventuali soste
Periodo escursione: Settembre 2019
Cartografia consigliata: Tabacco 01 "Sappada-S.Stefano-Forni Avoltri"
Allegato: 51. Cima Vallona.jpg
NOTA TECNICA:<br />Quota minima: Parcheggio Bivio Ciadon 1430 metri<br />Quota massima: Cima Palombino 2600 metri<br />Dislivello: 1170 metri<br />Dislivello reale: 1940 metri, calcolando le varie risalite<br />Tempo totale: 7 ore e mezza, escluse le even
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva