il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 174 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 35
Messaggio

Anello dei Muzec da Breginj.

24-09-2017 15:15
claudio.65 claudio.65
Un'interessante escursione lungo l'articolata cresta occidentale della catena del Kobariški Stol, occupata dalle truppe alpine del Battaglione Susa nelle prime ore del 24 maggio 1915.
Allegato: 1. Veliki Muzec.jpg
Anello dei Muzec da Breginj.
Messaggio
24-09-2017 15:19
claudio.65 claudio.65
AVVICINAMENTO: Da Cividale lungo la SS 54 transitando dal valico di Stupizza, per chi giunge dall'Italia, o lungo la Cesta 102 per chi arriva da Kobarid e dalla Slovenia, raggiungiamo la nuova rotonda di Staro Selo dove, lasciando l'arteria principale, proseguiamo lungamente verso occidente lungo la sinuosa rotabile diretta a Breginj, paesino quasi interamente ricostruito dopo il terremoto del 1976 e cuore culturale della Beneška Slovenija.
Allegato: 2. Sv. Nikolaj.JPG
AVVICINAMENTO: Da Cividale lungo la SS 54 transitando dal valico di Stupizza, per chi giunge dall'Italia, o lungo la Cesta 102 per chi arriva da Kobarid e dalla Slovenia, raggiungiamo la nuova rotonda di Staro Selo dove, lasciando l'arteria principale, pr
Messaggio
24-09-2017 15:23
claudio.65 claudio.65
DESCRIZIONE: Lasciata l'auto nell'ampio parcheggio accanto all'imponente chiesa di Sv. Nikolaj, uno dei pochi edifici rimasti in piedi dopo le terribili scosse sismiche, ci dirigiamo al crocevia al centro del villaggio, dove troviamo le indicazioni dirette al locale museo, alle chiesette di Marija Snežna e Sv. Marieta ed allo Stol.
Allegato: 3. Cartello.JPG
DESCRIZIONE: Lasciata l'auto nell'ampio parcheggio accanto all'imponente chiesa di Sv. Nikolaj, uno dei pochi edifici rimasti in piedi dopo le terribili scosse sismiche, ci dirigiamo al crocevia al centro del villaggio, dove troviamo le indicazioni dirett
Messaggio
24-09-2017 15:28
claudio.65 claudio.65
Seguendole lungo la diramazione sinistra della rotabile, usciamo in breve dal villaggio transitando nei pressi di una fontana, ed incontrando poco dopo un cartello della PZS, con le possibili destinazioni raggiungibili e dei relativi tempi di percorrenza.
Allegato: 4. Rotabile.JPG
Seguendole lungo la diramazione sinistra della rotabile, usciamo in breve dal villaggio transitando nei pressi di una fontana, ed incontrando poco dopo un cartello della PZS, con le possibili destinazioni raggiungibili e dei relativi tempi di percorrenza.
Messaggio
24-09-2017 15:34
claudio.65 claudio.65
La rotabile diviene quindi sterrata e proseguendo lungo la destra orografica dell'alveo del Bela potôk, arriviamo alla restaurata segheria Petrinova Žaga, un tempo alimentata dalle impetuose acque del torrente.
Allegato: 5. Petrinova Žaga.JPG
La rotabile diviene quindi sterrata e proseguendo lungo la destra orografica dell'alveo del Bela potôk, arriviamo alla restaurata segheria Petrinova Žaga, un tempo alimentata dalle impetuose acque del torrente.
Messaggio
24-09-2017 15:49
claudio.65 claudio.65
Un lungo rettifilo ci porta quindi al bivio successivo dove, ignorando la diramazione verso la chiesetta di Marija Snežna ed il cimitero del paese, svoltiamo a destra seguendo le indicazioni relative alla nostra meta odierna.
Allegato: 6. Indicazioni.JPG
Un lungo rettifilo ci porta quindi al bivio successivo dove, ignorando la diramazione verso la chiesetta di  Marija Snežna ed il cimitero del paese, svoltiamo a destra seguendo le indicazioni relative alla nostra meta odierna.
Messaggio
24-09-2017 15:52
claudio.65 claudio.65
Transitando nei pressi di una baita con un laghetto, la carrareccia ci conduce con qualche tratto cementato all'incrocio seguente dove, tralasciando la sua prosecuzione verso la chiesetta di Sv. Marieta e lo Stol, svoltiamo a sinistra lungo un sentierino segnalato.
Allegato: 7. Bivio.JPG
Transitando nei pressi di una baita con un laghetto, la carrareccia ci conduce con qualche tratto cementato all'incrocio seguente dove, tralasciando la sua  prosecuzione verso la chiesetta di Sv. Marieta e lo Stol, svoltiamo a sinistra lungo un sentierino
Messaggio
24-09-2017 16:01
claudio.65 claudio.65
Il marcato tracciato, contraddistinto dai soliti bolli biancorossi della PZS, s'inerpica decisamente nella rigogliosa faggeta, rasentando un imponente macigno, dove spiccano una stella rossa con l'indicazione PLAZI ed un'altra relativa al nostro percorso.
Allegato: 8. Mulattiera.JPG
Il marcato tracciato, contraddistinto dai soliti bolli biancorossi della PZS, s'inerpica decisamente nella rigogliosa faggeta, rasentando un imponente macigno, dove spiccano una stella rossa con l'indicazione PLAZI ed un'altra relativa al nostro percorso.
Messaggio
24-09-2017 16:12
claudio.65 claudio.65
Il sentiero si trasforma quindi in una sassosa mulattiera e tralasciando a destra alcune deviazioni segnalate sul tronco degli alberi, dirette prima ad una fonte d'acqua e poi alla chiesetta di Sv. Marieta, arriviamo con alcune svolte al bivio successivo, nei pressi di un ampio sterrato.
Allegato: 9. Mulattiera.JPG
Il sentiero si trasforma quindi in una sassosa mulattiera e tralasciando a destra alcune deviazioni segnalate sul tronco degli alberi, dirette prima ad una fonte d'acqua e poi alla chiesetta di Sv. Marieta, arriviamo con alcune svolte al bivio successivo,
Messaggio
24-09-2017 16:19
claudio.65 claudio.65
Tralasciando a sinistra la diramazione diretta a Brezje, al Breški Jalovec ed al Nizki Vrh, dalla quale rientreremo chiudendo l'anello, svoltiamo a destra seguendo sempre con una ripida risalita le indicazioni dirette al Muzec ed al bivacco omonimo.
Allegato: 10. Bivio.JPG
Tralasciando a sinistra la diramazione  diretta a Brezje, al Breški Jalovec ed al Nizki Vrh, dalla quale rientreremo chiudendo l'anello, svoltiamo a destra seguendo sempre con una ripida risalita le indicazioni dirette al Muzec ed al bivacco omonimo.
Messaggio
24-09-2017 16:22
claudio.65 claudio.65
Usciti dalla faggeta, arriviamo alla sottile ed erosa cresta del Prekopa dove presteremo un po' d'attenzione a causa dell'esposizione e della friabilità del terreno ed il panorama si apre verso le sovrastanti vette.
Allegato: 11. Prekopa.jpg
Usciti dalla faggeta, arriviamo alla sottile ed erosa cresta del Prekopa dove presteremo un po' d'attenzione a causa dell'esposizione e della friabilità del terreno ed il panorama si apre verso le sovrastanti vette.
Messaggio
24-09-2017 16:26
claudio.65 claudio.65
Superata la breve dorsale, il sentiero rimonta il pendio erboso, entrando brevemente in un boschetto, dopo aver tralasciato una diramazione segnalata diretta alla sorgente Klatnica ed a Breginj.
Allegato: 12. Boschetto.JPG
Superata la breve dorsale, il sentiero rimonta il pendio erboso, entrando brevemente in un boschetto, dopo aver tralasciato una diramazione segnalata diretta alla sorgente Klatnica ed a Breginj.
Messaggio
24-09-2017 16:27
claudio.65 claudio.65
Innalzandoci con diverse svolte ravvicinate, evidente residuo di un sentierino militare risalente alla Grande Guerra, proseguiamo ripidamente lungo il pendio prativo, incontrando poco sotto il suo culmine delle ulteriori indicazioni.
Allegato: 13. Bivio.jpg
Innalzandoci con diverse svolte ravvicinate, evidente residuo di un sentierino militare risalente alla Grande Guerra, proseguiamo ripidamente lungo il pendio prativo, incontrando poco sotto il suo culmine delle ulteriori indicazioni.<br />
Messaggio
24-09-2017 16:34
claudio.65 claudio.65
Tralasciando a sinistra la diramazione diretta al bivacco, proseguiamo direttamente con alcune svolte verso l'ampia vetta erbosa del Mali Muzec, denominato localmente Musc, dove troviamo soltanto un misero ometto di sassi e nessuna traccia di un eventuale osservatorio degli alpini.
Allegato: 14. Musc.jpg
Tralasciando a sinistra la diramazione diretta al bivacco, proseguiamo direttamente con alcune svolte verso l'ampia vetta erbosa del Mali Muzec, denominato localmente Musc, dove troviamo soltanto un misero ometto di sassi e nessuna traccia di un eventuale
Messaggio
24-09-2017 16:43
claudio.65 claudio.65
Lasciate le firme sull'apposito libro, reperibile nella cassetta metallica annessa al segnale con le indicazioni poco sotto la cima, scendiamo all'ampia insellatura sottostante.
Allegato: 15. Discesa.jpg
Lasciate le firme sull'apposito libro, reperibile nella cassetta metallica annessa al segnale con le indicazioni poco sotto la cima, scendiamo all'ampia insellatura sottostante.<br />
Messaggio
24-09-2017 16:56
claudio.65 claudio.65
Tralasciata una diramazione segnalata proveniente dalla sinistra, raggiungiamo in breve il Bivak pod Muzcem, inaugurato nell'ottobre del 2002 dal PD Kobarid e posizionato alla quota di 1550 metri.
Allegato: 16. Bivak pod Muzcem.JPG
Tralasciata una diramazione segnalata proveniente dalla sinistra, raggiungiamo in breve il Bivak pod Muzcem, inaugurato nell'ottobre del 2002 dal PD Kobarid e posizionato alla quota di 1550 metri.
Messaggio
24-09-2017 16:58
claudio.65 claudio.65
Al suo interno troviamo 4 panche trasformabili agevolmente in altrettanti posti letto forniti di materassini, alcune coperte, scarse suppellettili e viveri d'emergenza.
Allegato: 17.Interno.JPG
Al suo interno troviamo 4 panche trasformabili agevolmente in altrettanti posti letto forniti di materassini, alcune coperte, scarse suppellettili e viveri d'emergenza.
Messaggio
24-09-2017 17:19
claudio.65 claudio.65
Dal piccolo ricovero in legno e lamiera risalendo la dorsale, arriviamo in breve sull'erbosa vetta del Veliki Muzec, conosciuto localmente come Gabrovec o Gabruc, come riportato in rosso sul piccolo ometto di sassi.
Allegato: 18. Gabrovec .jpg
Dal piccolo ricovero in legno e lamiera risalendo la dorsale, arriviamo in breve sull'erbosa vetta del Veliki Muzec, conosciuto localmente come Gabrovec o Gabruc, come riportato in rosso sul piccolo ometto di sassi.
Messaggio
24-09-2017 17:24
claudio.65 claudio.65
Il sentiero segnalato prosegue quindi sul versante opposto, scendendo ripidamente fra i baranci, opportunamente diradati.
Allegato: 19. Sentiero.JPG
Il sentiero segnalato prosegue quindi sul versante opposto, scendendo ripidamente fra i baranci, opportunamente diradati.<br />
Messaggio
24-09-2017 17:31
claudio.65 claudio.65
Alcuni saliscendi ci portano prima sulla quota 1585 e, dopo essere rientrati brevemente in un boschetto, alla vetta del Kopa, quotato 1559 metri sulla cartina Tabacco, dove il sentiero segnalato si perde momentaneamente nell'erba.
Allegato: 20. Dorsale.jpg
Alcuni saliscendi ci portano prima sulla quota 1585 e, dopo essere rientrati brevemente in un boschetto, alla vetta del Kopa, quotato 1559 metri sulla cartina Tabacco, dove il sentiero segnalato si perde momentaneamente nell'erba.
Messaggio
24-09-2017 17:33
claudio.65 claudio.65
Scendendo con un po' di cautela verso settentrione, ritroviamo una flebile traccia, arrivando con alcune svolte al marcato intaglio sottostante.
Allegato: 21. Intaglio.jpg
Scendendo con un po' di cautela verso settentrione, ritroviamo una flebile traccia, arrivando con alcune svolte al marcato intaglio sottostante.
Messaggio
24-09-2017 17:37
claudio.65 claudio.65
Non reperendo la traccia del traverso sul versante meridionale, segnalato con un tratteggio nero sulla cartina Tabacco, risaliamo ripidamente alla vetta del Nad Ohojami, seguendo sempre i bolli biancorossi della PZS.
Allegato: 22. Nad Ohojami.jpg
Non reperendo la traccia del traverso sul versante meridionale, segnalato con un tratteggio nero sulla cartina Tabacco, risaliamo ripidamente alla vetta  del Nad Ohojami, seguendo sempre i bolli biancorossi della PZS.
Messaggio
24-09-2017 17:39
claudio.65 claudio.65
La dorsale prosegue verso occidente con diversi cocuzzoli in parte baranciosi, superabili con ulteriori saliscendi lungo la linea di cresta.
Allegato: 23. Cocuzzoli.jpg
La dorsale prosegue verso occidente con diversi cocuzzoli in parte baranciosi, superabili con ulteriori saliscendi lungo la linea di cresta.
Messaggio
24-09-2017 17:42
claudio.65 claudio.65
Un'ultima discesa ci porta infine all'ampia sella tabellata, dove il sentiero di cresta contrassegnato dai bolli biancorossi della PSZ si esaurisce.
Allegato: 24. Discesa.jpg
Un'ultima discesa ci porta infine all'ampia sella tabellata, dove il sentiero di cresta contrassegnato dai bolli biancorossi della PSZ si esaurisce.
Messaggio
24-09-2017 17:44
claudio.65 claudio.65
Una breve risalita lungo tracce poco marcate ci porta infine alla boscosa vetta del Nizki Vrh, corrispondente alla quota 1484 della cartina Tabacco, dove il panorama è limitato parzialmente dalla vegetazione.
Allegato: 25. Nizki Vrh.jpg
Una breve risalita lungo tracce poco marcate ci porta infine alla boscosa vetta del Nizki Vrh, corrispondente alla quota 1484 della cartina Tabacco, dove il panorama è limitato parzialmente dalla vegetazione.
Messaggio
24-09-2017 17:47
claudio.65 claudio.65
Riguadagnata la sottostante insellatura, seguiamo ora le indicazioni dirette a Breginj con il tempo stimato per il rientro.
Allegato: 26. Indicazioni.JPG
Riguadagnata la sottostante insellatura, seguiamo ora le indicazioni dirette a Breginj con il tempo stimato per il rientro.
Messaggio
24-09-2017 17:49
claudio.65 claudio.65
Il comodo sentierino si snoda con pendenza costante, inframmezzato da alcune svolte, lungo il versante meridionale della dorsale con qualche tratto inerbito, a causa della scarsa frequentazione.

Allegato: 27. Sentiero.JPG
Il comodo sentierino si snoda con pendenza costante, inframmezzato da alcune svolte, lungo il versante meridionale della dorsale con qualche tratto inerbito, a causa della scarsa frequentazione.<br /><br />
Messaggio
24-09-2017 17:59
claudio.65 claudio.65
Entrando poi per lunghi tratti nella faggeta, dove diventa una buona mulattiera ricoperta parzialmente dal fogliame della lettiera.
Allegato: 28. Faggeta.JPG
Entrando poi per lunghi tratti nella faggeta, dove diventa una buona mulattiera ricoperta parzialmente dal fogliame della lettiera.
Messaggio
24-09-2017 18:08
claudio.65 claudio.65
Dopo aver rasentato i miseri resti della Planina Ohoje, il percorso segnalato inizia una ripida discesa nel bosco, raggiungendo infine un tratturo con ulteriori indicazioni.
Allegato: 29. Tratturo.JPG
Dopo aver rasentato i miseri resti della Planina Ohoje, il percorso segnalato inizia una ripida discesa nel bosco, raggiungendo infine un tratturo con ulteriori indicazioni.
Messaggio
24-09-2017 18:14
claudio.65 claudio.65
Percorrendolo brevemente arriviamo alla carrareccia proveniente dalla Planina na Klinu, ed evitato con una scorciatoia un ampio tornante, proseguiamo verso oriente assecondando alcuni impluvi.
Allegato: 30. Carrareccia.JPG
Percorrendolo brevemente arriviamo alla carrareccia proveniente dalla Planina na Klinu, ed evitato con una scorciatoia un ampio tornante, proseguiamo verso oriente assecondando alcuni  impluvi.
Messaggio
24-09-2017 18:18
claudio.65 claudio.65
Una breve deviazione porta ad un monumento commemorativo partigiano, relativo al secondo conflitto mondiale.
Allegato: 31. Monumento.JPG
Una breve deviazione porta ad un monumento commemorativo partigiano, relativo al secondo conflitto mondiale.
Messaggio
24-09-2017 18:30
claudio.65 claudio.65
Ci troviamo nella zona di Plazi, ricca di torrenti, sorgenti e cascatelle ed alla successiva deviazione verso sinistra possiamo ammirare lo splendido salto d'acqua denominato Mnanu Paradiž.
Allegato: 32. Cascata.JPG
Ci troviamo nella zona di Plazi, ricca di torrenti, sorgenti e cascatelle ed alla successiva deviazione verso sinistra possiamo ammirare lo splendido salto d'acqua denominato Mnanu Paradiž.
Messaggio
24-09-2017 18:37
claudio.65 claudio.65
Alcune svolte ci portano quindi all'incrocio successivo dove, abbandonata la carrareccia, risaliamo con un erto sentierino ed un tratto sterrato nella faggeta, al bivio sottostante la cresta del Prekopa,
Allegato: 33. Risalita.JPG
Alcune svolte ci portano quindi all'incrocio successivo dove, abbandonata la carrareccia, risaliamo con un erto sentierino ed un tratto sterrato nella faggeta, al bivio sottostante la cresta del Prekopa,
Messaggio
24-09-2017 18:45
claudio.65 claudio.65
Ripercorrendo a ritroso la prima parte dell'escursione, rientriamo quindi lungamente a Breginj.
Allegato: 34. Breginj.JPG
Ripercorrendo a ritroso la prima parte dell'escursione, rientriamo quindi lungamente a Breginj.
Messaggio
24-09-2017 20:08
claudio.65 claudio.65
NOTA TECNICA:
Quota minima: Breginj 557 metri
Quota massima: Veliki Muzec 1629 metri
Dislivello: 1061 metri
Dislivello reale: 1410 metri, calcolando le varie risalite
Tempo totale: 7 ore, escluse le eventuali soste
Periodo escursione: Settembre 2017
Cartografia consigliata:
Tabacco 026 “Prealpi Giulie-Valli del Torre”
Tabacco 041 “Valli del Natisone-Cividale del Friuli”
Allegato: 35. Verso il Kopa.jpg
NOTA TECNICA:<br />Quota minima: Breginj 557  metri<br />Quota massima: Veliki Muzec 1629 metri<br />Dislivello: 1061 metri<br />Dislivello reale: 1410 metri, calcolando le varie risalite<br />Tempo totale: 7 ore, escluse le eventuali soste<br />Periodo e
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva