il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 139 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 26
Messaggio

Col Gentile ( 2075 metri) dalla Val Pesarina.

20-06-2016 15.46
claudio.65 claudio.65
Sulla vetta più alta della conca di Sauris lungo un percorso solitario ed a tratti selvaggio.
Allegato: 1. Col Gentile.jpg
Col Gentile ( 2075 metri) dalla Val Pesarina.
Messaggio
20-06-2016 15.49
claudio.65 claudio.65
ACCESSO: Dall'uscita autostradale di Carnia transitando per Villa Santina e Ovaro si entra in Val Pesarina arrivando alla frazione di Pieria dove, valicato il ponte sul torrente nei pressi del cimitero, si sale lungo la stretta rotabile fino alle ampie radure degli Stavoli della Selva.
Allegato: 2. Stavoli della Selva.jpg
ACCESSO: Dall'uscita autostradale di Carnia transitando per Villa Santina e Ovaro si entra in Val Pesarina arrivando  alla frazione di Pieria dove, valicato il  ponte sul torrente nei pressi del cimitero, si sale lungo la stretta rotabile fino alle ampie
Messaggio
20-06-2016 15.50
claudio.65 claudio.65
DESCRIZIONE: Lasciata l'auto nel piccolo spiazzo in corrispondenza delle prime costruzioni, nei pressi del guado cementato sul Rio della Selva, seguiamo il nastro asfaltato fino all'ampia curva successiva, dove troviamo un cartello con le indicazioni dirette alla nostra meta odierna.
Allegato: 3. Cartello.JPG
DESCRIZIONE: Lasciata l'auto nel piccolo spiazzo in corrispondenza delle prime costruzioni, nei pressi del guado cementato sul Rio della Selva, seguiamo il nastro asfaltato fino all'ampia curva successiva, dove troviamo un cartello con le indicazioni  dir
Messaggio
20-06-2016 15.52
claudio.65 claudio.65
Abbandonata definitivamete la rotabile, imbocchiamo a sinistra la splendida mulattiera selciata, contrassegnata dal segnavia CAI 235, attraversando un'ampia radura pascoliva, monticata nella bella stagione.
Allegato: 4. Mulattiera.JPG
Abbandonata definitivamete la rotabile, imbocchiamo a sinistra la splendida mulattiera selciata, contrassegnata dal segnavia  CAI 235, attraversando un'ampia radura pascoliva, monticata nella bella stagione.
Messaggio
20-06-2016 15.56
claudio.65 claudio.65
L'antico tracciato entra quindi nella rigogliosaa Selva di Pieria, incontrando lungo il camminoo una deviazione a destra diretta ad uno stavolo ristrutturato e raggiungendo con un'erta finale la carrareccia proveniente dai sottostanti Stavoli della Selva, nei pressi del guado sul Rio Mulignon.
Allegato: 5. Selva di Pieria.JPG
L'antico tracciato entra quindi nella  rigogliosaa Selva di Pieria, incontrando lungo il camminoo una deviazione  a destra diretta ad  uno stavolo ristrutturato e raggiungendo con un'erta finale la carrareccia proveniente dai sottostanti  Stavoli della Se
Messaggio
20-06-2016 15.59
claudio.65 claudio.65
La forestale in parte dissestata, sempre contrassegnata dal segnavia CAI 235 , segue per un tratto il torrentello, quindi l'abbandona e con un paio di svolte si alza ripidamente nella faggeta.
Allegato: 6. Mulattiera.JPG
La forestale in parte dissestata, sempre contrassegnata dal segnavia CAI 235 , segue per un tratto il torrentello, quindi l'abbandona e con un paio di svolte si alza ripidamente nella faggeta.
Messaggio
20-06-2016 16.02
claudio.65 claudio.65
Con alcuni ampi tornanti, parzialmente inerbiti e qualche schianto opportunamente potato lungo il percorso per favorire il passaggio, la carrareccia raggiunge un'altra forestale proveniente dalla frazione di Pesariis.
Allegato: 7. Carrareccia.JPG
Con alcuni ampi tornanti, parzialmente inerbiti e qualche schianto opportunamente potato lungo il percorso per favorire il passaggio, la carrareccia raggiunge  un'altra forestale proveniente dalla frazione di Pesariis.
Messaggio
20-06-2016 16.05
claudio.65 claudio.65
Al bivio svoltiamo quindi a sinistra e con tornanti ora più ampi, risaliamo l'erto costone settentrionale del M. Losa, con fondo ora più consolidato e rinforzato lateralmente da tronchi in legno opportunamente posizionati.
Allegato: 8. Rinforzi.JPG
Al bivio svoltiamo  quindi  a sinistra e con tornanti ora più ampi, risaliamo l'erto costone settentrionale del M. Losa, con fondo  ora più consolidato e rinforzato lateralmente da tronchi in legno opportunamente posizionati.
Messaggio
20-06-2016 16.19
claudio.65 claudio.65
Superato un tratto parzialmente invaso da un franamento, il tracciato prosegue con diverse svolte ravvicinate sempre più inerbite, dove la carrareccia uscendo a tratti dal bosco si riduce praticamente a sentiero.
Allegato: 9. Sentiero.jpg
Superato un tratto parzialmente invaso da un franamento, il tracciato prosegue con diverse svolte ravvicinate sempre più inerbite, dove la carrareccia uscendo a tratti dal bosco si riduce praticamente a sentiero.
Messaggio
20-06-2016 16.22
claudio.65 claudio.65
Il percorso quindi si appiana ed un lungo traverso a sinistra a tratti sinuoso ci conduce all'ampia radura del Rifugio Pilang, di proprietà del comune di Prato Carnico, circondato da alte erbe.
Allegato: 10. Rif. Pilang.jpg
Il percorso quindi si appiana ed un lungo traverso a sinistra a tratti sinuoso ci conduce all'ampia radura del Rifugio Pilang, di proprietà del comune di Prato Carnico, circondato da alte erbe.
Messaggio
20-06-2016 16.24
claudio.65 claudio.65
L'edificio trae origine dalla ristrutturazione, avvenuta negli annni novanta, della vecchia casera, ormai inattiva dagli anni cinquanta, a causa dell'infelice posizione del pascolo e della mancanza di concorrenti all'asta per la sua monticazione.
Allegato: 11. Rif. Pilang.jpg
L'edificio trae origine dalla  ristrutturazione, avvenuta negli annni novanta, della vecchia casera, ormai inattiva dagli anni cinquanta, a causa dell'infelice posizione  del pascolo e della mancanza di concorrenti all'asta per la sua monticazione.
Messaggio
20-06-2016 16.28
claudio.65 claudio.65
Il segnavia CAI 235, riducendosi ora a traccia inerbita per la scarsa frequentazione, rientra quindi nel bosco salendo ripidamente verso settentrione, aggirando con andamento sinuoso il ripido versante orientale del M. Losa.
Allegato: 12. Sentiero.JPG
Il segnavia CAI 235, riducendosi ora a traccia inerbita per la scarsa frequentazione, rientra quindi nel bosco salendo ripidamente verso settentrione, aggirando  con andamento sinuoso il ripido versante orientale del M. Losa.
Messaggio
20-06-2016 16.35
claudio.65 claudio.65
Usciti definitivamente dalla faggeta il sentiero segnalato prosegue ora con pendenza più moderata, sovrastando antichi pascoli ormai invasi da romici ed ontani.
Allegato: 13. Sentiero.JPG
Usciti definitivamente dalla faggeta il sentiero segnalato prosegue ora con pendenza più moderata, sovrastando antichi pascoli ormai invasi da romici ed ontani.
Messaggio
20-06-2016 16.40
claudio.65 claudio.65
Con una leggera perdita di quota s'immette quindi nel tratturo diretto alla sottostante conca prativa, dove un tempo aveva sede un laghetto ormai interrato.
Allegato: 14. Conca.JPG
Con una leggera perdita di quota s'immette quindi nel tratturo diretto alla sottostante conca prativa, dove un tempo aveva sede un laghetto ormai interrato.
Messaggio
20-06-2016 16.45
claudio.65 claudio.65
Tralasciando l'invitante discesa alla bucolica radura, proseguiamo e con un ultimo tratto in salita raggiungiamo il caratteristico intaglio de La Forcje.
Allegato: 15. La Forcje.JPG
Tralasciando l'invitante discesa alla bucolica radura, proseguiamo  e con un ultimo tratto in salita  raggiungiamo il caratteristico intaglio de La Forcje.
Messaggio
20-06-2016 16.46
claudio.65 claudio.65
Dall'angusto valico, tralasciando a destra la carrareccia cementata diretta alla Casera Losa, raggiungiamo in breve la vicina Casera Forchia, non più monticata stabilmente da alcuni anni.
Allegato: 16. C.ra Forchia.jpg
Dall'angusto valico, tralasciando a destra la carrareccia cementata diretta alla Casera Losa, raggiungiamo in breve la vicina Casera Forchia, non più monticata stabilmente da alcuni anni.
Messaggio
20-06-2016 16.48
claudio.65 claudio.65
L'edificio risulta aperto ed in discreto stato di manutenzione e può offrire uno spartano ricovero in caso di maltempo.
Allegato: 17. Casera Forchia.JPG
L'edificio risulta aperto ed in discreto stato di manutenzione e può offrire uno spartano ricovero in caso di maltempo.
Messaggio
20-06-2016 16.53
claudio.65 claudio.65
Sull'ingresso principale alcune iscrizioni ricordano le date di alcune ristrutturazioni, avvenute prima del secondo conflitto mondiale.
Allegato: 18. Iscrizioni.JPG
Sull'ingresso principale alcune iscrizioni ricordano le date di alcune ristrutturazioni, avvenute prima del secondo conflitto mondiale.
Messaggio
20-06-2016 16.55
claudio.65 claudio.65
Dal complesso malghivo il segnavia risale con un paio di svolte il pendio retrostante, dove dovremo prestare un po' d'attenzione a reperire il giusto tracciato fra l'erba.
Allegato: 19. C.ra Forchia.jpg
Dal complesso malghivo il segnavia risale con un paio di svolte  il pendio retrostante, dove dovremo prestare un po' d'attenzione a reperire il giusto tracciato fra l'erba.
Messaggio
20-06-2016 17.01
claudio.65 claudio.65
Transitando nei pressi di una pozza per l'abbeveraggio del bestiame, il sentiero ritorna più marcato, collegandosi quindi al percorso proveniente dal Passo della Forcella, riportato nella relazione “Col Gentile da Mione” presente su questo sito.
Allegato: 20. Sentiero.jpg
Transitando nei pressi di una pozza per l'abbeveraggio del bestiame, il sentiero ritorna più marcato, collegandosi quindi al percorso proveniente dal Passo della Forcella, riportato nella  relazione “Col Gentile da Mione” presente su questo sito.
Messaggio
20-06-2016 17.03
claudio.65 claudio.65
Evitando inutili ripetizioni descrittive, seguiamo quindi l'esauriente e preciso resoconto di Ivo e Sandra, proseguendo lungamente verso meridione fino alle abbandonate radure pascolive della diruta Casera Chiadins.
Allegato: 21. Conca.jpg
Evitando inutili ripetizioni descrittive, seguiamo quindi  l'esauriente e preciso resoconto di Ivo e Sandra, proseguendo lungamente verso meridione fino alle abbandonate radure pascolive della diruta Casera Chiadins.<br />
Messaggio
20-06-2016 17.16
claudio.65 claudio.65
Raggiungendo infine lungo un aereo sentierino ed alcune svolte la panoramica vetta del Col Gentile, con la croce proveniente dalla Chiesa di Mione crollata durante il sisma del 1976. la campana ed il libro di vetta.
Allegato: 22. Verso la vetta.jpg
Raggiungendo infine lungo un aereo sentierino  ed alcune svolte la panoramica vetta del Col Gentile, con la croce proveniente dalla Chiesa di Mione crollata durante il sisma del 1976. la campana ed il libro di vetta.
Messaggio
20-06-2016 17.20
claudio.65 claudio.65
Ritornati al CAI 235, tralasciando a sinistra l'impegnativo sentiero diretto lungamente verso la Forca del Colador ed il M. Veltri, riprendiamo la via del ritorno, percorrendo a ritroso la via dell'andata.
Allegato: 23. Rientro.jpg
Ritornati al CAI 235, tralasciando a sinistra  l'impegnativo  sentiero diretto  lungamente verso la Forca del Colador ed il M. Veltri, riprendiamo la via del ritorno, percorrendo a ritroso la via dell'andata.
Messaggio
20-06-2016 17.38
claudio.65 claudio.65
NOTA TECNICA:
Quota di partenza: Stavoli della Selva 825 metri
Quota di arrivo: Col Gentile 2075 metri
Dislivello: 1250 metri
Dislivello reale: 1390 metri, calcolando le varie risalite
Tempo andata: 4 ore
Tempo ritorno: 3 ore
Tempo totale: 7 ore, escluse le eventuali soste
Periodo escursione: Giugno 2016
Cartografia consigliata: Tabacco 01 “Sappada-S.Stefano-Forni Avoltri”
Allegato: 24. indicazioni.jpg
NOTA TECNICA:<br />Quota di partenza: Stavoli della Selva  825 metri<br />Quota di arrivo: Col Gentile 2075 metri<br />Dislivello: 1250 metri<br />Dislivello reale: 1390 metri, calcolando le varie risalite<br />Tempo andata: 4 ore<br />Tempo ritorno: 3 or
Messaggio
21-06-2016 00.03
carisha carisha
Complimenti per l'interessante ed avventurosa variante di salita a questa bella cima partendo dalla Valle del Tempo, alternativa mai presa personalmente in considerazione, che mi riprometto però di effettuare al più presto.
Sai inoltre il significato dell'iscrizione presente sull'entata della Casera Forchia?
Messaggio
21-06-2016 14.59
claudio.65 claudio.65
Il significato dell'iscrizione è riportato su una targa dorata posta sullo stipite destro della porta d'ingresso, con il nominativo dell'attuale proprietario:
MALGA FORCHIA
(proprietà: Alberto Burgos . Mione di Ovaro)
Johannes Micoli Toscano Fecit Facere
Gianni Micoli Toscano fece ricostruire nel 1923

L'iscrizione si riferisce quindi alla ristrutturazione del complesso malghivo dopo gli eventi bellici della Grande Guerra, effettuata da Gianni Micoli Toscano, morto nel 1938 senza eredi diretti, la cui famiglia possedeva l'omonimo palazzo, la cui sagoma bianca sormontata dal tetto dalle tegole verde smeraldo ed alleggerita da ben 107 finestre dalle imposte rosse, da cui deriva l'appellativo dato all'edificio di "Palazzo delle cento finestre”, è chiaramente visibile arrivando a Mione dall'abitato di Ovaro.
Allegato: 25. Ingresso.JPG
Il significato dell'iscrizione è riportato su una targa dorata posta sullo  stipite destro della porta d'ingresso, con il nominativo dell'attuale proprietario:<br />                 MALGA FORCHIA<br />  (proprietà: Alberto Burgos . Mione di Ovaro)<br />
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva