il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 101 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 23
Messaggio

Monte Torondon (2019 m) con le ciaspe

09-04-2014 09.46
claudio.65 claudio.65
Impegnativa ciaspolata adatta ad escursionisti esperti dell'ambiente innevato su una vetta poco frequentata dei monti di Sauris, da spezzare in due giorni con un pernottamento in quota.
Allegato: 1 Panorama.JPG
Monte Torondon (2019 m) con le ciaspe
Messaggio
09-04-2014 10.08
claudio.65 claudio.65
ACCESSO: Da Tolmezzo lungo la SS 52 transitando per Villa Santina, Enemonzo e Mediis arriviamo ad Ampezzo, dove imbocchiamo la rotabile del Lumiei fino a Sauris di Sotto dove parcheggiamo l'auto.

DESCRIZIONE:
1° Giorno -Nei pressi del Municipio imbocchiamo la rotabile asfaltata verso Nord,contrassegnata dal percorso 2A ed in costante salita arriviamo al bivio con il percorso 2E e tralasciandolo a sinistra,proseguiamo verso destra fino alle radure degli Stavoli Raitrn.
Allegato: 2 Stavoli Raitrn.JPG
ACCESSO: Da Tolmezzo lungo la SS 52 transitando per  Villa Santina, Enemonzo e Mediis arriviamo ad Ampezzo, dove imbocchiamo la rotabile del Lumiei  fino a Sauris di Sotto dove parcheggiamo l'auto.<br /><br />DESCRIZIONE:<br />1° Giorno -Nei pressi del Mu
Messaggio
09-04-2014 10.18
claudio.65 claudio.65
Dagli Stavoli Raitrn la rotabile diviene sterrata e con qualche saliscendi, transitando per due canaloni in parte dirupati formati dagli affluenti del Rio Mitreikenpoch, arriviamo alla sella Eimblat de Ribn, dove con un ultima svolta a sinistra raggiungiamo il rifugio Eimblatribm dove pernottiamo.
Allegato: 3 Sella Eimblat de Ribn.JPG
Dagli Stavoli Raitrn la rotabile diviene sterrata e con qualche saliscendi, transitando per due canaloni in parte dirupati formati dagli affluenti del Rio Mitreikenpoch, arriviamo alla sella Eimblat de Ribn, dove con un  ultima svolta a sinistra raggiungi
Messaggio
09-04-2014 10.25
claudio.65 claudio.65
2° Giorno -Lasciato di buon mattino l'accogliente rifugio, aperto durante la stagione estiva e nei fine settimana nel resto dell'anno, scendiamo alla Sella Eimblat de Ribn dove seguiamo verso oriente il percorso 2B, tralasciando tutte le altre indicazioni.
Allegato: 4 Rifugio Eimblatribm.JPG
2° Giorno -Lasciato di buon mattino l'accogliente rifugio, aperto durante la stagione estiva e nei fine settimana nel resto dell'anno, scendiamo alla Sella Eimblat de Ribn dove seguiamo verso oriente il percorso 2B, tralasciando tutte le altre indicazioni
Messaggio
09-04-2014 10.31
claudio.65 claudio.65
Costeggiando lungamente il Rio Temberle, tralasciando a sinistra la deviazione con il percorso 3A verso gli Stavoli Lucchini, che durante l'inverno può risultare interrotto a causa di probabili schianti, giungiamo all'importante crocevia di quota 1319.
Allegato: 5 Rio Temberle.JPG
Costeggiando lungamente il Rio Temberle, tralasciando a sinistra la deviazione con il percorso 3A verso gli Stavoli Lucchini, che durante l'inverno può risultare interrotto a causa di probabili schianti, giungiamo all'importante crocevia di quota 1319.
Messaggio
09-04-2014 10.38
claudio.65 claudio.65
Tralasciando a destra il percorso 2B verso la lontana Forca Frumeibn e Lateis, svoltiamo a sinistra e seguendo il percorso 3A con una breve risalita fino ad uno stavolo ristrutturato, ignorando a sinistra un ulteriore bivio verso gli Stavoli Lucchini, raggiungiamo in leggera discesa il torrente Pieltinis ed il bivio sull'altra sponda.
Allegato: 6 Rio Pieltinis.JPG
Tralasciando a destra il percorso 2B verso la lontana Forca Frumeibn e Lateis, svoltiamo a sinistra e seguendo il percorso 3A con una breve risalita fino ad  uno stavolo ristrutturato, ignorando a sinistra un ulteriore bivio verso gli Stavoli Lucchini, ra
Messaggio
09-04-2014 10.43
claudio.65 claudio.65
Tralasciando in discesa le indicazioni del percorso 4D, giriamo a sinistra e con un ampio tornante ed una comoda risalita nel bosco misto, raggiungiamo l'importante bivio di quota 1491, dove troviamo un tavolo con le panche per un'eventuale sosta.
Allegato: 7 Bivio quota1491.JPG
Tralasciando in discesa le indicazioni del percorso 4D, giriamo a sinistra e con un ampio tornante ed una comoda risalita nel bosco misto, raggiungiamo l'importante bivio di quota 1491, dove  troviamo un tavolo con le panche per un'eventuale sosta.
Messaggio
09-04-2014 10.51
claudio.65 claudio.65
Ignorando le prosecuzioni dei percorsi 4A, 4B, 4C e CAI 220 alla volta delle malghe Novarzutta, Palazzo e Losa, svoltiamo decisamente a sinistra e con una salita più erta lungo il percorso 3A raggiungiamo la malga Gerona, monticata nel periodo estivo con vendita di ottimi prodotti caseari.
Allegato: 8 C.ra Gerona.JPG
Ignorando le prosecuzioni dei percorsi 4A, 4B, 4C e  CAI 220 alla volta delle  malghe Novarzutta, Palazzo e Losa, svoltiamo decisamente a sinistra e con una salita più erta lungo il percorso 3A raggiungiamo la malga Gerona, monticata nel periodo estivo co
Messaggio
09-04-2014 10.55
claudio.65 claudio.65
Lasciata la casera proseguiamo verso occidente lungo la carrareccia innevata sempre contrassegnata dal percorso 3A e dal segnavia CAI 206, prestando un pò d'attenzione all'eventuale pericolo di slavine dai pendii meridionali del M. Torondon.
Allegato: 9 Verso c.ra Pieltinis.JPG
Lasciata la casera proseguiamo verso occidente lungo la carrareccia innevata sempre contrassegnata dal percorso 3A e dal segnavia CAI 206, prestando  un pò d'attenzione all'eventuale pericolo di slavine dai pendii meridionali del M. Torondon.
Messaggio
09-04-2014 10.59
claudio.65 claudio.65
Con un panorama sempre più vasto sulle vette innevate raggiungiamo la conca di malga Pieltinis, anch'essa monticata durante la stagione estiva con vendita di ottimi prodotti caseari.
Allegato: 10 C.ra Pieltinis.JPG
Con un panorama sempre più vasto sulle vette innevate raggiungiamo la conca di malga Pieltinis, anch'essa monticata durante la stagione estiva con vendita di ottimi prodotti caseari.<br />
Messaggio
09-04-2014 11.04
claudio.65 claudio.65
Dalla casera continuiamo ora verso destra in salita lungo il percorso 3E ed il CAI 218, tentando d'individuare nella neve alta, il tracciato della stretta carrareccia verso la forcella Ielma.
Allegato: 11 Cercando la carrareccia.JPG
Dalla casera continuiamo ora verso destra in salita lungo il percorso 3E ed il CAI 218, tentando d'individuare nella neve alta, il tracciato della stretta carrareccia verso la forcella Ielma.
Messaggio
09-04-2014 11.11
claudio.65 claudio.65
L'abbondante innevamento ci costringe però ad una vera sfaticata sotto il pendio della quota 1968.
Allegato: 12 Verso Forc.Ielma.JPG
L'abbondante innevamento ci costringe però ad una vera sfaticata sotto il pendio della quota 1968.
Messaggio
09-04-2014 11.16
claudio.65 claudio.65
Con un paio di ampi tornanti arriviamo infine all'angusto valico, dove troviamo una piccola ancona ed una panca semisepolta dalla neve.
Allegato: 13 Forc. Ielma.JPG
Con un paio di ampi tornanti arriviamo infine all'angusto valico, dove troviamo una piccola ancona ed una panca semisepolta dalla neve.<br />
Messaggio
09-04-2014 11.26
claudio.65 claudio.65
Affacciandoci con un pò di cautela sul versante della Val Pesarina possiamo ammirare l' inconfondibile sagoma del Colle S.Pietro.
Allegato: 14 Colle S.Pietro.JPG
Affacciandoci con un pò di cautela sul versante della Val Pesarina  possiamo ammirare l' inconfondibile sagoma del Colle S.Pietro.
Messaggio
09-04-2014 11.32
claudio.65 claudio.65
Ritornati sul versante saurano possiamo ora dare uno sguardo alla nostra meta odierna, il M.Torondon.
Allegato: 15 M. Torondon.JPG
Ritornati sul versante saurano possiamo ora dare uno sguardo alla nostra meta odierna, il M.Torondon.<br />
Messaggio
09-04-2014 11.37
claudio.65 claudio.65
Valutando bene lo stato del manto nevoso e le nostre capacità escursionistiche in ambiente innevato, saliamo ripidamente alla cresta occidentale del monte.
Allegato: 16 Primo tratto.JPG
Valutando bene lo stato del manto nevoso e le nostre capacità escursionistiche in ambiente innevato, saliamo ripidamente alla cresta occidentale del monte.
Messaggio
09-04-2014 11.42
claudio.65 claudio.65
Raggiunta la dorsale possiamo ammirare sull'altro versante la casera Ielma di Sopra, monticata durante l'estate dal simpatico malgaro Ilo.
Allegato: 17 C.ra Ielma di Sopra.JPG
Raggiunta la dorsale possiamo ammirare sull'altro versante la casera Ielma di Sopra, monticata durante l'estate dal simpatico malgaro Ilo.<br />
Messaggio
09-04-2014 11.45
claudio.65 claudio.65
Facendo attenzione a non incontrare pericolosi tratti ghiacciati di neve ventata, continuiamo la nostra ascesa lungo la dorsale ora leggermente più ampia.
Allegato: 18 Salita.JPG
Facendo attenzione a non incontrare pericolosi tratti ghiacciati di neve ventata, continuiamo la nostra ascesa lungo la dorsale ora leggermente più ampia.
Messaggio
09-04-2014 11.49
claudio.65 claudio.65
Dopo essere transitati su una piccola anticima, affrontiamo ora il tratto finale raggiungendo in breve la nostra meta.
Allegato: 19 Ormai ci siamo.JPG
Dopo essere transitati su una piccola anticima, affrontiamo ora il tratto finale raggiungendo in breve la nostra meta.
Messaggio
09-04-2014 11.52
claudio.65 claudio.65
Sull'ampia vetta immacolata non troviamo però alcun segno distintivo nè un libro per le firme, a testimonianza della scarsa frequentazione del luogo anche durante i mesi estivi, ma un panorama sublime ci ripaga dalla fatica.
Allegato: 20 Dolomiti Pesarine.JPG
Sull'ampia vetta immacolata non troviamo però alcun segno distintivo nè un libro per le firme, a testimonianza della scarsa frequentazione del luogo anche durante i mesi estivi, ma un panorama sublime ci ripaga dalla fatica.<br />
Messaggio
09-04-2014 11.58
claudio.65 claudio.65
La tentazione di scendere lungo il pendio meridionale del monte è forte ma, non conoscendone la morfologia, consigliamo di seguire a ritroso la via di salita fino alla forcella Ielma ed alla malga Pieltins.
Allegato: 21 M. Rinderperk.JPG
La tentazione di scendere lungo il pendio meridionale del monte è forte ma, non conoscendone la  morfologia, consigliamo di seguire a ritroso la via di salita fino alla forcella Ielma ed alla malga Pieltins.
Messaggio
09-04-2014 12.05
claudio.65 claudio.65
Non ci rimane che rientrare alla sella Eimblat de Ribn seguendo a ritroso il tragitto dell'andata e da qui scendere a Sauris di Sotto.
Allegato: 22 Rientro.JPG
Non ci rimane che rientrare alla sella Eimblat de Ribn seguendo a ritroso il tragitto dell'andata e da qui scendere a Sauris di Sotto.
Messaggio
09-04-2014 12.20
claudio.65 claudio.65
NOTA TECNICA:
Quota di partenza: Sauris di Sotto 1207 metri
Quota di arrivo: M. Torondon 2019 metri
Dislivello: 812 metri
Dislivello reale: 1066 metri, calcolando le varie risalite
Tempo andata 1° Giorno: 1 ore e 1/2
Tempo andata 2° Giorno: 3 ore e 1/2
Tempo ritorno 2° Giorno: 3 ore e 1/2
Tempo totale: 8 ore e 1/2, escluse le eventuali soste
Difficoltà: WT-3
Cartografia consigliata: Tabacco 02, edizione 2008
Pieghevole consigliato: Camminare per scoprire Sauris
Allegato: 23 Sella Eimblat de Ribn .JPG
NOTA TECNICA:<br />Quota di partenza: Sauris di Sotto 1207 metri<br />Quota di arrivo: M. Torondon 2019 metri<br />Dislivello: 812 metri<br />Dislivello reale: 1066 metri, calcolando le varie risalite<br />Tempo andata 1° Giorno: 1 ore e 1/2<br />Tempo an
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva