il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 50 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 10
Messaggio

Le malghe dimenticate del Monte Zermula

16-05-2013 18.00
pitusso2012 pitusso2012
Martedì scorso, in attesa del passaggio del Giro d'Italia,diretto al Cason di Lanza, abbiamo colto l'occasione per visitare alcuni complessi malghivi, ormai lontani dalle produzioni casearie di un tempo, alle pendici meridionali del M.Zermula ricadenti nel comune di Paularo.
Allegato: Panorama.JPG
Le malghe dimenticate del Monte Zermula
Messaggio
16-05-2013 18.11
pitusso2012 pitusso2012
ACCESSO:Da Tolmezzo lungo la rotabile 52 bis raggiungiamo Cedarchis, dove svoltando a destra e percorrendo la rotabile della Val d'Incaroio, giungiamo all'ameno comune di Paularo.
Passato il ponte sul torrente Chiarsò, seguiamo a destra le indicazioni per le borgate di Misincinis e Ravinis.

DESCRIZIONE:Lasciata l'auto nel piccolo parcheggio di quest'ultima frazione, seguiamo in salita la ripida rotabile asfaltata che con numerosi tornanti ci porta ad uscire dal caratteristico borgo, raggiungendo un'ampia radura con vari stavoli recentemente ristrutturati.
Dopo un paio di ulteriori ampi tornanti, la rotabile diventa finalmente sterrata, giungendo infine ad un bivio dove, tralasciando la prosecuzione verso la casera Pizzul, imbocchiamo la pista forestale a sinistra, seguendo le indicazioni di un percorso per mountain bike.
Allegato: Pista.JPG
ACCESSO:Da Tolmezzo lungo la rotabile 52 bis raggiungiamo Cedarchis, dove svoltando a destra e percorrendo la rotabile della Val d'Incaroio, giungiamo all'ameno comune di Paularo.<br />Passato il ponte sul torrente Chiarsò, seguiamo a destra le indicazion
Messaggio
16-05-2013 18.16
pitusso2012 pitusso2012
Alcuni tornanti ci fanno guadagnare subito quota e dopo un lungo tratto in lieve pendenza ed alcune curve arriviamo in vista della nostra prima meta.
Per raggiungere però la casera Tamai, dobbiamo ancora raggiungere il bivio successivo, dove prendiamo a destra l'inerbita pista di accesso.
L'edificio, non più utilizzato per la produzione casearia, è stato adesso trasformato in ricovero, con alcune panche in legno poste all'esterno.
Allegato: Casera Tamai.JPG
Alcuni tornanti ci fanno guadagnare subito quota e dopo un lungo tratto in lieve pendenza ed alcune curve arriviamo in vista della nostra prima meta.<br />Per raggiungere però la casera Tamai, dobbiamo ancora raggiungere il bivio successivo, dove prendiam
Messaggio
16-05-2013 18.23
pitusso2012 pitusso2012
Ritornati sulla pista, proseguiamo verso destra raggiungendo in breve un altro bivio dove, tralasciando la prosecuzione in salita verso destra, svoltiamo a sinistra e seguendo la pista raggiungiamo l'ampio impluvio del rio Daus Tamai. dove una slavina sembra precluderci il passaggio!
Allegato: Slavina .JPG
Ritornati sulla pista, proseguiamo verso destra raggiungendo in breve un altro bivio dove, tralasciando la prosecuzione in salita verso destra,  svoltiamo a sinistra e seguendo la pista raggiungiamo l'ampio impluvio del rio Daus Tamai. dove una slavina se
Messaggio
16-05-2013 18.34
pitusso2012 pitusso2012
Valicato con qualche attenzione l'ostacolo proseguiamo lungo la carrareccia, superando alcuni smottamenti e frane di lieve entità, fino a raggiungere la zona dell'inizio del presunto sentiero verso i ruderi della casera Noiareit.
Dopo varie ricerche non riuscendo però a reperire una traccia attendibile a malincuore desistevamo e continuavamo l'escursione nel bosco Daur Tamai.
Allegato: Bosco Daur Tamai.JPG
Valicato con qualche attenzione l'ostacolo proseguiamo lungo la carrareccia, superando alcuni smottamenti e frane di lieve entità, fino a raggiungere la zona dell'inizio del presunto sentiero verso i ruderi della casera Noiareit.<br />Dopo varie ricerche
Messaggio
16-05-2013 18.40
pitusso2012 pitusso2012
In breve arriviamo al bivio con la carrareccia marcata dal segnavia CAI 442, poco sopra l'agriturismo casera di Zermula, aperto per l'occasione e monticata da giugno a settembre con vendita di ottimi prodotti caseari e la possibilità
di pernottamento.
Allegato: Casera Zermula.JPG
In breve arriviamo al bivio con la carrareccia marcata dal segnavia CAI 442, poco sopra l'agriturismo casera di Zermula, aperto per l'occasione e monticata da giugno a settembre con vendita di ottimi prodotti caseari e la possibilità<br />di pernottamento
Messaggio
16-05-2013 18.51
pitusso2012 pitusso2012
Tralasciando per il momento di scendere alla malga, continuiamo in salita lungo l'inerbita ed a tratti sconnessa pista, sempre con il segnavia CAI442, che ricalcando il tracciato della mulattiera della grande Guerra, sale verso le postazioni italiane del Cul di Creta e del M.Zermula.
La seguiamo fino al bivio di quota 1460, dove l'abbandoniamo e scendiamo a sinistra, raggiungendo in breve la conca pascoliva di Valute.
La malga, nonostante il buono stato esteriore dei fabbricati, risulta in abbandono, con la casera devastata e piena di escrementi di ovini!!
Il rientro ricalca lo stesso percorso seguito all'andata.
Allegato: Casera Valute .JPG
Tralasciando per il momento di scendere alla malga, continuiamo in salita lungo l'inerbita ed a tratti sconnessa pista, sempre con il segnavia CAI442, che ricalcando il tracciato della mulattiera della grande Guerra, sale verso le postazioni italiane del
Messaggio
16-05-2013 19.03
pitusso2012 pitusso2012
NOTA TECNICA:

Quota di partenza: Ravinis 849 metri
Quota di arrivo: Casera Valute 1455 metri
Quota più alta: Bivio 1460 metri
Dislivello: 611 metri
Dislivello reale: 946 metri considerando i vari saliscendi
Tempo andata: 3 ore
Tempo ritorno: 2 ore
Cartografia consigliata: Tabacco 9 e 18
Allegato: Carrareccia .JPG
NOTA TECNICA:<br /><br />Quota di partenza: Ravinis 849 metri<br />Quota di arrivo: Casera Valute 1455 metri<br />Quota più alta: Bivio 1460 metri<br />Dislivello: 611 metri<br />Dislivello reale: 946 metri considerando i vari saliscendi<br />Tempo andata
Messaggio
29-05-2013 10.48
podiego podiego
Dal sito del comune di Paularo
http://www.comune.paularo.ud.it/contenuti/sotto_uffici/4.2%20Zoniz.%20generale%20porz%20Nord%20ok%20v2008_70.pdf

l'attacco della breve deviazione per casera Noiareit dovrebbe essere a queste coordinate
N 46.561496 E 13.130677

Dalle foto satellitari si intravedono solo due brevissimi tratti.
Messaggio
29-05-2013 15.57
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
grande lavoro ;)
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva