il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 154 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 12
Messaggio

Crete di Chiampizzulon dai Piani di Vas

14-11-2012 11.01
claudio.65 claudio.65
Panorami mozzafiato da una dorsale a cavallo fra le valli Degano e Pesarina, scarsamente frequentata.
Allegato: Crete di Chiampizzulon.JPG
Crete di Chiampizzulon dai Piani di Vas
Messaggio
14-11-2012 11.05
claudio.65 claudio.65
Accesso: Dal centro di Rigolato imbocchiamo a sinistra la stretta e ripida strada per la sovrastante frazione di Ludaria. Dal piccolo borgo proseguiamo ancora a destra fino al parcheggio a poca distanza dai Piani di Vas.

Descrizione: Lasciata l'auto, c'incamminiamo lungo la carrareccia CAI 227 che attraversando gli ampi prati giunge al bivio con il CAI 228 A, dove si
trova un grande cartello con i percorsi escursionistici della zona.
Seguendo a sinistra il CAI 228 A ed al primo bivio a destra la ripida trattorabile raggiungiamo il rifugio Chiampizzulon, aperto da maggio ad ottobre con servizio d'alberghetto.
Allegato: rifugio Chiampizzulon.jpg
Accesso: Dal centro di Rigolato imbocchiamo a sinistra la stretta e ripida strada per la sovrastante frazione di Ludaria. Dal piccolo borgo proseguiamo ancora a destra fino al parcheggio a poca distanza dai Piani di Vas.<br /><br />Descrizione:  Lasciata
Messaggio
14-11-2012 11.12
claudio.65 claudio.65
Dopo una sosta ristoratrice saliamo a sinistra lungo un sentiero che con ampio arco ci porta all'innesto con il CAI 228, proveniente dalla lontana sella di Talm. Seguendolo verso destra in leggera salita arriviamo ad una valletta ingombra di massi. Con un pò d'attenzione, nei pressi del masso più grande, notiamo sulla sinistra su una pietra delle indicazioni in rosso per il M. Pleros.
Allegato: salendo al bivio lungo il CAI 228.JPG
Dopo una sosta ristoratrice saliamo a sinistra lungo un sentiero che con ampio arco ci porta all'innesto con il CAI 228, proveniente dalla lontana sella di Talm. Seguendolo  verso destra in leggera salita arriviamo ad una valletta ingombra di massi. Con u
Messaggio
14-11-2012 11.23
claudio.65 claudio.65
Seguendo le tracce ed alcuni sbiaditi bolli rossi, con andamento a tratti tortuoso, rimontiamo un ripido pendio deviando quindi lungamente a destra, con modesta pendenza, fino a raggiungere una piccola fascia rocciosa.
Un facile canalino ci permette di superarla ed alla sua uscita, proseguendo ripidamente verso l'alto seguendo alcuni paletti, i soliti bolli e qualche segnavia,raggiungiamo una forcelletta sullo spallone erboso, sovrastante la sella di Chiampizzulon.
Con una piccola deviazione verso destra lungo lo spallone raggiungiamo una piccola croce a quota 2035.
Allegato: croce quota 2035.JPG
Seguendo le tracce ed alcuni sbiaditi bolli rossi, con andamento a tratti tortuoso, rimontiamo un ripido pendio deviando quindi lungamente a destra, con modesta pendenza, fino a raggiungere una piccola fascia rocciosa.<br />Un facile canalino ci permette
Messaggio
14-11-2012 11.29
claudio.65 claudio.65
Ritornati alla forcelletta , tralasciamo la discesa verso la sella di Chiampizzulon e la prosecuzione verso il M. Pleros, riservata ad escursionisti più che esperti, e su tracce verso sinistra rasentiamo le pareti della quota 2069 fino a giungere ad una fascia rocciosa.
Allegato: T. Alice e quota 2085.JPG
Ritornati alla forcelletta , tralasciamo la discesa verso la sella di Chiampizzulon e la prosecuzione verso il M. Pleros, riservata ad escursionisti più che esperti, e su tracce verso sinistra rasentiamo le pareti della quota 2069 fino a giungere ad una f
Messaggio
14-11-2012 11.41
claudio.65 claudio.65
Un piccolo pendio erboso verso destra ci porta in cresta a poca distanza dalla quota 2069. Proseguendo verso sinistra lungo tracce di passaggio ed un tratto finale su roccette, arriviamo finalmente sul punto più alto delle Crete di Chiampizzulon a quota 2085, dove troviamo i resti di un misero ometto!
Poco più in basso separata da una profonda forcella l'apparentemente inaccessibile Torre Alice ( 2070 ) dotata di una bella croce di vetta!
Allegato: panorama dalla quota 2085.JPG
Un piccolo pendio erboso verso destra ci porta in cresta a poca distanza dalla quota 2069. Proseguendo verso sinistra lungo tracce di passaggio ed un tratto finale su roccette, arriviamo finalmente sul punto più alto delle Crete di Chiampizzulon a quota 2
Messaggio
14-11-2012 11.47
claudio.65 claudio.65
Rientriamo quindi al rifugio seguendo lo stesso percorso, dando un'occhiata all'imponente parete del M. Pleros, una futura meta?
Allegato: M.Pleros.JPG
Rientriamo quindi al rifugio seguendo lo stesso percorso, dando un'occhiata all'imponente parete del M. Pleros, una futura meta?
Messaggio
14-11-2012 11.56
claudio.65 claudio.65
...ed alle Crete di Chiampizzulon appena salite!
Allegato: T. Alice e Crete di Chiampizzulon.JPG
...ed alle Crete di Chiampizzulon appena salite!
Messaggio
14-11-2012 19.22
marco.d marco.d
Ciao, grazie delle indicazioni, è da tempo che medito di andare sulla crete di Chiampizzulon, e in rete non ho mai trovato informazioni precise. Una curiosità: la traccia da prendere nei pressi della sella di chiampizzulon, dove si abbandona il sentiero per il pleros, è evidente e/o segnata? Sono salito più volte sul pleros da quel versante, ma non l'ho mai notata.
Inoltre, credo che si possa arrivare a quella che hai chiamato Torre Alice, salendo la cresta est da sella di talm, sempre con modeste difficoltà alpinistiche. Hai per caso informazioni in merito?
Grazie ancora, saluti
Marco
Messaggio
14-11-2012 23.49
claudio.65 claudio.65
Per non incorrere in malintesi, invio una foto della forcelletta, dove si nota in basso la prosecuzione del sentiero per il M. Pleros.
Noi invece abbiamo preso la traccia a sinistra (non visibile purtroppo nell'istantanea), che risultava alquanto labile e priva di segnavia!

Il toponimo della Torre Alice è menzionato nella cartina di pag.116 di "Alpi Carniche" scritto da E. Tomasi, ma purtroppo l'autore non dà notizie in merito alla sua salita ed al grado di difficoltà relativo!
Allegato: forcelletta.JPG
Per non incorrere in malintesi, invio una foto della forcelletta, dove si nota in basso la prosecuzione del sentiero per il M. Pleros.<br />Noi invece abbiamo preso la traccia a sinistra (non visibile purtroppo nell'istantanea), che risultava alquanto lab
Messaggio
14-11-2012 23.53
claudio.65 claudio.65
Ovviamente la traccia da prendere a sinistra è sempre sul lato orientale della dorsale, cioè quello rivolto alla Val Degano e non sul versante ovest rivolto alla Val Pesarina!
Messaggio
15-11-2012 21.58
marco.d marco.d
Grazie mille, sei stato molto chiaro.
Saluti
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva