il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 64 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 7
Messaggio

Cuar dal Bec ( 2089 m ) dalla Valcalda

12-11-2012 11.25
claudio.65 claudio.65
Cima panoramica quasi sconosciuta come toponimo, essendo praticamente ignorata dalla cartografia escursionistica.
Allegato: Cuar dal Bec.JPG
Cuar dal Bec ( 2089 m ) dalla Valcalda
Messaggio
12-11-2012 11.42
claudio.65 claudio.65
Descrizione: Approfittando della bella giornata di sole, lasciamo l'auto a Ravascletto e,percorse alcune stradine, imbocchiamo il CAI 152 nei pressi del Rio Margò.
Seguendo i segnavia CAI ai vari bivi incontrati, sbucando un paio di volte sulla strada asfaltata, raggiungiamo la caratteristica Maina di Mont, con l'annessa area festeggiamenti dell' ANA locale.
Proseguendo sempre lungo il CAI 152, con un tratto su strada asfaltata ed un esile sentierino finale, raggiungiamo la casera Glaretz, ricovero dei cacciatori, ma sempre aperta ed accogliente al passaggio degli escursionisti!
Allegato: casera Glaretz.JPG
Descrizione: Approfittando della bella giornata di sole, lasciamo l'auto a Ravascletto e,percorse alcune stradine, imbocchiamo il CAI 152 nei pressi del Rio Margò.<br />Seguendo i segnavia CAI ai vari bivi incontrati, sbucando un paio di volte sulla strad
Messaggio
12-11-2012 11.52
claudio.65 claudio.65
Dopo la meritata sosta, seguendo sempre il CAI 152, raggiungiamo la poco marcata forcella sulla cresta erbosa sud orientale del M. Valsecca.
Da qui in pochi passi possiamo salire a destra al vicino M. Runch, oppure per tracce alla panoramica vetta del M. Valsecca, dove troviamo i resti di un cippo.
Allegato: panorama.JPG
Dopo la meritata sosta, seguendo sempre il CAI 152, raggiungiamo la poco marcata forcella sulla cresta erbosa sud orientale del M. Valsecca.<br />Da qui in pochi passi possiamo salire a destra al vicino M. Runch, oppure per tracce alla panoramica vetta de
Messaggio
12-11-2012 12.03
claudio.65 claudio.65
Scendiamo lungo l'erbosa cresta sud occidentale alla carrareccia innevata e dopo un tratto praticamente in piano, raggiungiamo il quadrivio di quota 1865.
Lasciando a sinistra la via di accesso alla casera Tarondon Alta, imbocchiamo a sinistra la ripida traccia innevata che, percorsa con un pò d'attenzione, ci porta alla forcella Piz di Mede a quota 2003.
La salita all'omonima cima sembra semplice, ma la presenza di neve ghiacciata in cresta, specialmente nel tratto finale, nè sconsiglia l'ascesa senza gli indispensabili ramponi!
Dalla forcella continuiamo così verso destra lungo il CAI 154, scendendo verso la conca del laghetto di Casulina, ovviamente ghiacciato!
Allegato: lago crasulna.JPG
Scendiamo lungo l'erbosa cresta sud occidentale alla carrareccia innevata e dopo un tratto praticamente in piano, raggiungiamo il quadrivio di quota 1865.<br />Lasciando a sinistra la via di accesso alla casera Tarondon Alta, imbocchiamo a sinistra la rip
Messaggio
12-11-2012 12.12
claudio.65 claudio.65
Scendendo notiamo a sinistra un ripido sentierino innevato, che porta ad una forcella fra le quote 2054 e 2089.
Con qualche cautela la raggiungiamo e proseguendo verso destra per tracce lungo la dorsale meridionale arriviamo finalmente alla nostra meta, da dove godiamo di un panorama veramente notevole!
Allegato: Coglians - Chianevate.JPG
Scendendo notiamo a sinistra un ripido sentierino innevato, che porta ad una forcella fra le quote 2054 e 2089.<br />Con qualche cautela la raggiungiamo e proseguendo verso destra per tracce lungo la dorsale meridionale arriviamo finalmente alla nostra me
Messaggio
12-11-2012 12.18
claudio.65 claudio.65
Sulla vetta un piccolo ometto, un cartello di Proprietà Regionale ed i resti di alcune cannoniere della Grande Guerra!
Allegato: Cannoniere e Piz di Mede.JPG
Sulla vetta un piccolo ometto, un cartello di Proprietà Regionale ed i resti di alcune cannoniere della Grande Guerra!
Messaggio
12-11-2012 12.26
claudio.65 claudio.65
Dopo uno sguardo al M. Crostis, oggi purtroppo irraggiungibile, scendiamo per tracce e sentiero, costeggiando il laghetto di Tarond, alla carrareccia e, tornati al quadrivio di quota 1865, ripercorriamo la via dell'andata.
Allegato: Pezzacul e Crostis.JPG
Dopo uno sguardo al M. Crostis, oggi purtroppo irraggiungibile, scendiamo per tracce e sentiero, costeggiando il laghetto di Tarond, alla carrareccia e, tornati al quadrivio di quota 1865, ripercorriamo la via dell'andata.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva