il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 68 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 3
Messaggio

Monte Capolago - via alpinistica per passo Madeo

13-06-2012 16.17
luca_di_collina luca_di_collina
Dal rifugio Tolazzi si procede per strada forestale e al primo bivio si prende a sinistra seguendo le indicazioni per il rifugio Lambertenghi (segnavia CAI 144); dopo alcuni tornanti si abbandona la strada seguendo i segnavia del sentiero che, attraversando un bosco di larici, porta a ricollegarsi alla mulattiera del primo conflitto mondiale. Arrivati in località Pecol di Sopra ormai in vista del rifugio si perviene a delle prese d’acqua presso le quali si abbandona il sentiero segnato per prendere una traccia che porta sull’altro versante del catino congiungendosi ad un sentierino segnato con bolli proveniente dal rifugio Lambertenghi-Romanin. Per ghiaie si giunge all’attacco presso un colatoio di roccia marcia e dal fondo instabile (I grado) oltre il quale ci si alza su ripidissimi pendii verdi, terminati i quali con due traversi in leggera discesa intervallati da un canalino si perviene al tratto tecnicamente più difficile dell’ascesa: un colatoio da attraversare più volte con passaggi di II grado, terminato il quale per detriti e roccette si perviene al Passo di Madeo dal quale si possono osservare il monte Canale e, con un po’ di fortuna, i camosci del canalone tra le due montagne. Per cresta o comunque nelle immediate vicinanze, con passaggi esposti e talvolta aerei di II grado, si perviene ad una paretina dotata di cavo (utile soprattutto in discesa) stavolta su roccia decisamente migliore. Con passaggi sempre esposti e sulla cresta o nelle immediate vicinanze si perviene ad un salto da compiersi in discesa (II grado) oltre il quale in breve si giunge alla vetta.

Commenti: via alpinistica di secondo grado su terreno costantemente esposto ed estremamente friabile, i bolli recentemente realizzati evitano qualunque problema di orientamento, consigliato il casco. Da evitarsi assolutamente in caso di meteo incerto dal momento che il colatoio diventerebbe impraticabile in caso di pioggia.
Allegato: 4 Arrampicando.JPG
Monte Capolago - via alpinistica per passo Madeo
Messaggio
20-06-2012 15.25
luca_di_collina luca_di_collina
Il colatoio da attraversare più volte (II grado)
Allegato: 3 Colatoio levigato.JPG
Il colatoio da attraversare più volte (II grado)
Messaggio
20-06-2012 15.29
luca_di_collina luca_di_collina
Il salto in cresta poco prima della cima.
Allegato: 5 Salto prima della vetta.JPG
Il salto in cresta poco prima della cima.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva