il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 110 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum GPS   Precedente Successivo
N. record trovati: 4
Messaggio

forca puartate

26-06-2012 11.51
paulflower paulflower
Dopo la salita allo stavolo Sbrici dal sentiero 621, inserisco qui anche il tracciato (un po' "ripulito" da punti errati) dallo stavolo alla forca della Puartate. Chiedo di considerare la traccia come un suggerimento, essendo la prima volta che percorrevo l'itinerario e avendo più volte vagato alla ricerca della linea giusta. Ho cercato di seguire dei bolli (in tutto 8-9) azzurri tracciati alcuni anni fa da escursionisti sloveni (così sembra), peraltro molto utili.
N.B. Si tratta di un percorso per esperti, caratterizzato dall'attraversamento di pendii erbosi ripidissimi; non esiste salvo poche decine di metri alcuna traccia di sentiero.
Traccia GPX: da sbrici a puartate.gpx
Visualizza la mappa dettagliata
Messaggio
29-06-2012 12.54
StefanoC StefanoC
un tracciato gps su di un prato? a che serve?
Messaggio
29-06-2012 14.28
Pietro_Casarsa Pietro_Casarsa
Non è un semplice prato, ci sono molti salti nascosti e di difficile visione. L'ho fatto ed è una bella esperienza.
Messaggio
30-06-2012 09.58
paulflower paulflower
Confermo il post precedente; a conferma che non si tratta di un "prato" il fatto che dal 1987 ad oggi solo 198 persone (rif. libro di vetta) si sono avventurate alla Forca della Puartate. Di queste una parte dallo stavolo Sbrici, un po' (ma di meno) per la Semide dei Agnei, una ristretta ma degna di nota minoranza da Chiout Cali (passando poi per lo Sbrici), pochi temerari per percorsi alpinistici, e pochissimi (da contarsi sulle dita di una mano) in traversata dai Piani del Montasio.
Aggiungo, per i non avvezzi all'uso del GPS, che esso si rivela utile proprio sui terreni aperti; al contrario, lo strumento dimostra una certa inefficacia in quegli spazi (ad es. i canaloni) dove esso non "vede" i satelliti.
Spezzo un'ulteriore lancia a favore del ricevitore satellitare; l'altro ieri, sul Dosaip, senza il fondamentale aiuto dato dalla traccia postata dal nostro Ivo, io e la mia compagna di escursione, partiti con tempo strasicuro, saremmo ancora là a vagare nelle nebbie (visibilità: 10 metri).
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva