il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 102 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 5
Messaggio

Ancora Vogu

01-05-2012 00.00
loredana.bergagna loredana.bergagna
Posto questa informazione visto che può interessare a tutti e proviene da fonte sicura: la sez. Cai di Cividale. La tracciatura GPS del sent.735 sulla nuova carta tabacco 041 è quella rilevata da chi si sta occupando della manutenzione, sono effettivamente in corso opere di pulizia ed esbosco e a breve saranno ricollocati e segnavia.
Loredana
Messaggio
02-05-2012 00.00
marco.raibl marco.raibl
Ciao, sono salito al monte(?) Vogu circa un anno e mezzo fa, seguendo l'itinerario più semplice pubblicato su SN1. Ho avuto qualche difficoltà a trovare la traccia subito dopo l'inizio, a circa un quarto d'ora da Montefosca. Ho lasciato continui segni sul terreno poiché i segnavia erano ormai stati fagocitati dalla vegetazione e avevo paura di perdermi. Dopo un po' li ho ritrovati e da quel momento ho viaggiato tranquillo per un po' nel bellissimo bosco di faggio. Sono poi iniziati nuovamente i problemi,in quanto i boscaioli ci avevano dato dentro alla grande e non ho più trovato corrispondenza con la relazione di SN. In definitiva uno strazio. E poi,di che vetta possiamo parlare? Una radura senza panorama. Meglio investire in patrimoni più redditizi, se proprio devo dare un consiglio. Buone escursioni
Messaggio
02-05-2012 00.00
ivo.sentierinatura ivo.sentierinatura
Quello che dici è per gran parte condivisibile ma non ridurrei tutto al solo panorama. Se si sale al Vogu cercando belle visuali si è sbagliato in partenza. La faggeta rocciosa che si sviluppa nei pressi della vetta (simile a quella del Ciaurlec o del Mia per intenderci) può dare invece qualche soddisfazione agli appassionati del genere.
Non vedrei neanche tanto negativamente il concetto del "perdersi", inteso come difficoltà a trovare/seguire un segnavia. "Perdersi" sui monti in questo modo è una evenienza cha va sempre messa in preventivo viste le vicissitudini che può avere un sentiero poco frequentato. Nel mio caso, ma parlo a titolo molto personale, non trovare il sentiero è solo lo stimolo a riprovare per capire dove si è sbagliato e per conoscere meglio certe zone. A parte pochi casi conservo quasi sempre un buon ricordo anche di quelle escursioni che per vari motivi hanno portato all'insuccesso o a fare ulteriori e non programmate fatiche per venirne a capo.
Non fraintendetemi, però. Altra cosa è affrontare in modo insensato, privi di preparazione ed equipaggiamento, difficoltà superiori alle nostre capacità mettendo a repentaglio la vita nostra e di altri.

Messaggio
02-05-2012 00.00
marco.raibl marco.raibl
Caro Ivo, hai ovviamente ragione, ma il mio giudizio negativo era dovuto al fatto che quella escursione aveva avuto più "contra" che "pro". La paura, come dici te, di perdersi non era così negativa, all'inizio. Lo è diventata alla fine quando, vista la devastazione del bosco compiuta dalle motoseghe, anche il piacere di sbagliare strada (nel senso pioneristico del termine) e l'indubbia bellezza della faggeta, non sono riusciti a lasciarmi un ricordo piacevole. In una gita così breve, l'elemento negativo è stato nettamente preponderante, a mio parere. Da qui il mio giudizio/consiglio. Ciao
Messaggio
02-05-2012 00.00
ivo.sentierinatura ivo.sentierinatura
In effetti, quando entrano in azione le piste di esbosco e le motoseghe, l'affare si complica non poco...
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva